InfoCamere, le imprese degli over 70 hanno reagito meglio alla crisi

Pubblicato il 15 aprile 2012 da redazione

ROMA – Negli ultimi 5 anni, dal dicembre 2006 al dicembre 2011, le imprese italiane individuali gestite dagli ultra settantenni hanno retto meglio alle due crisi economiche che hanno colpito il mercato globale proprio a partire dal 2007. Di contro, la tempesta dei sub prime prima, e quella dei debiti sovrani dopo, hanno tagliato dal mercato una fetta consistente delle imprese degli under trenta e ridotto in modo sensibile le imprese dei 30-49enni, sono rimaste stabili quelle intestate agli ultra cinquantenni. E’ quanto risulta dai dati elaborati da InfoCamere sulla base degli iscritti delle Camere di Commercio. Negli ultimi 5 anni le imprese con titolare ‘’over 70’’ sono 2 mila in più (+0,7%) mentre quelle con un titolare ‘’under 30’’ sono ben 38.000 in meno, in percentuale un 14,0% in meno, tenuto conto che il peso delle imprese condotte da giovani nel 2006 rappresentava il 7,7% del totale delle imprese e nel 2011 la percentuale era scesa a 6,8%. In numeri assoluti l’emorragia più pesante l’hanno subita le imprese il cui titolare ha fra i 30 e i 49 anni passate da 1.745.715 al dicembre 2006 a 1.657.286 al dicembre 2011 con una perdita di 88.429 imprese (-5,1%). Stabile l’andamento delle imprese degli over 50 che nel periodo in considerazione sono calate di 1.587 unità (-0,1%).
I dati diffusi da InfoCamere dimostrano che l’esperienza, unita alla tradizione dell’impresa, è stata la variabile che ha permesso agli over settantenni, ma anche agli over cinquantenni di reggere meglio a ben due crisi economiche considerate per certi versi simili alla devastante crisi del 1929. Mentre le imprese giovani si sono rivelati i più fragili di fronte alla tempesta.
La moria delle start up è confermata anche dai dati diffusi ieri della Cgia di Mestre secondo cui un’ impresa su due chiude i battenti entro i primi 5 anni di vita ‘’specie quelle guidate da neo imprenditori’’. La causa sarebbe in primis ‘’la mancanza di liquidità’’ unita a tasse e burocrazia. Comunque, secondo Giuseppe Bortolussi, segretario Cgia i giovani sarebbero ‘’i primi a buttare la spugna’’. Inoltre: ‘’molte persone, soprattutto giovani, tentano la via dell’autoimpresa senza avere il know how necessario’’.
Dal punto di vista territoriale, gli imprenditori under 30 più resistenti si registrano nelle regioni meridionali e, più precisamente, in Calabria (9,2% sul complesso delle imprese), Campania (9%) e Sicilia (8,5%). Mentre al Trentino-Alto Adige spetta il primato della regione con la presenza più bassa di imprenditori under 30 (solo il 4,8% del totale) seguito dal Friuli Venezia-Giulia (il 4,9%) e da Veneto ed Emilia Romagna (5,4%).

Ultima ora

16:47Calcio: Cellino, col Genoa non me la sono sentita

(ANSA) - BRESCIA, 18 AGO - "Certo che voglio andare Serie A, ma bisogna avere pazienza" ha detto Massimo Cellino nel corso della presentazione come nuovo patron del Brescia calcio. "Non mettetemi fretta perché conosco il calcio" ha aggiunto Cellino. "Faccio calcio da professionista e non per hobby perché sarebbe troppo caro per me. Ho parlato con Preziosi per il Genoa e con lui mi lega una profonda amicizia, ma ho valutato e non me la sono sentita perché sarebbe stato un impegno economico troppo importante".

16:47Uno bianca: permesso premio. Familiari, ma che giustizia è?

(ANSA) - BOLOGNA, 18 AGO - "Rimango allibita. Non mi aspettavo una cosa di questo genere. Non è giusto, che giustizia è?". Così all'ANSA Rosanna Zecchi, presidente Associazione familiari vittime della Uno bianca, commentando il permesso a Marino Occhipinti, condannato all'ergastolo per uno degli omicidi della banda, di trascorrere una settimana in un albergo in Valle d'Aosta. Proprio dei permessi ai killer della uno bianca, Zecchi - che ha spiegato come quello in corso non sarebbe il primo di questo tipo per Occhipinti - ha detto di averne parlato anche al ministro della Giustizia Andrea Orlando, ospite, due mesi fa a una Festa dell'Unità a Bologna: "Era alla Festa del'Unità delle Due Madonne e sono andata a parlarci. Lui ci ha detto di stare calmi perché dopo 20 anni possono avere permessi. Ma un permesso come questo di una settimana mi sembra eccessivo... Occhipinti Sarà cambiato? Io spero solo che non faccia altri atti violenti. Tutelare la società civile non interessa a nessuno".

16:44Calcio: Cellino, il Brescia mi dà garanzie

(ANSA) - BRESCIA, 18 AGO - "So che ci sono grandi aspettative su di me. Brescia è una cittá meravigliosa": sono le prime parole di Massimo Cellino nel corso della sua presentazione come nuovo proprietario del Brescia. "Ci tengo tanto a far bene e se ho comprato il Brescia é perche il club mi da garanzie perché é pulito e non ci sono erbacce e questo é un vantaggio immenso", ha detto Cellino che prima della conferenza stampa aveva visitato la sede societaria.

16:32Donna fatta a pezzi: convalidato il fermo per il fratello

(ANSA) - ROMA, 18 AGO - Il Gip di Roma ha convalidato il fermo e contestualmente emesso un'ordinanza di custodia in carcere per Maurizio Diotallevi, l'uomo che ha ucciso e fatto a pezzi la sorella Nicoletta il 14 agosto scorso. E' quanto disposto dal giudice Anna Maria Fattori al termine dell' interrogatorio di convalida svolto nel carcere di Regina Coeli. L'arrestato, difeso dall'avvocato Gaetano Scalise, è accusato di omicidio volontario aggravato dalla parentela con la vittima e occultamento di cadavere.

16:20Barcellona: fidanzata Russo, frattura piede e gomito

(ANSA) - BASSANO DEL GRAPPA (VICENZA), 18 AGO - Marta Scomazzon, la fidanzata bassanese di Luca Russo, la seconda vittima italiana dell'attentato di Barcellona, si trova in un ospedale della città spagnola con un piede e un gomito fratturati. Lo riferiscono fonti vicine alla famiglia. I genitori di Marta sono già partiti stamane per Barcellona. Luca Russo viene descritto come un giovane bello, molto semplice, che aveva conseguito la laurea triennale in ingegneria, ed aveva trovato subito impiego in un'azienda di refrigerazione del padovano.

16:07Calcio: Roma, Iturbe ceduto al Club Tijuana

(ANSA) - ROMA, 18 AGO - Juan Manuel Iturbe si trasferisce in Messico. L'attaccante della Roma, reduce dalla parentesi al Torino nella scorsa stagione, è stato ceduto in prestito con obbligo di riscatto (legato alle presenze) a 5 milioni di euro al Club Tijuana, formazione che milita nella Primera Division messicana. Iturbe firmerà un contratto quadriennale con gli 'Xolos' ed è atteso domani in Messico per sottoporsi alle visite mediche.

16:03Barcellona: Rajoy, terrorismo primo problema Europa

(ANSA) - MADRID, 18 AGO - La lotta contro il terrorismo "è il primo problema dell'Europa", ha detto il premier spagnolo Mariano Rajoy dopo un vertice di crisi a Barcellona con il presidente catalano Carles Puigdemont, all'indomani della strage della Rambla.

Archivio Ultima ora