InfoCamere, le imprese degli over 70 hanno reagito meglio alla crisi

Pubblicato il 15 aprile 2012 da redazione

ROMA – Negli ultimi 5 anni, dal dicembre 2006 al dicembre 2011, le imprese italiane individuali gestite dagli ultra settantenni hanno retto meglio alle due crisi economiche che hanno colpito il mercato globale proprio a partire dal 2007. Di contro, la tempesta dei sub prime prima, e quella dei debiti sovrani dopo, hanno tagliato dal mercato una fetta consistente delle imprese degli under trenta e ridotto in modo sensibile le imprese dei 30-49enni, sono rimaste stabili quelle intestate agli ultra cinquantenni. E’ quanto risulta dai dati elaborati da InfoCamere sulla base degli iscritti delle Camere di Commercio. Negli ultimi 5 anni le imprese con titolare ‘’over 70’’ sono 2 mila in più (+0,7%) mentre quelle con un titolare ‘’under 30’’ sono ben 38.000 in meno, in percentuale un 14,0% in meno, tenuto conto che il peso delle imprese condotte da giovani nel 2006 rappresentava il 7,7% del totale delle imprese e nel 2011 la percentuale era scesa a 6,8%. In numeri assoluti l’emorragia più pesante l’hanno subita le imprese il cui titolare ha fra i 30 e i 49 anni passate da 1.745.715 al dicembre 2006 a 1.657.286 al dicembre 2011 con una perdita di 88.429 imprese (-5,1%). Stabile l’andamento delle imprese degli over 50 che nel periodo in considerazione sono calate di 1.587 unità (-0,1%).
I dati diffusi da InfoCamere dimostrano che l’esperienza, unita alla tradizione dell’impresa, è stata la variabile che ha permesso agli over settantenni, ma anche agli over cinquantenni di reggere meglio a ben due crisi economiche considerate per certi versi simili alla devastante crisi del 1929. Mentre le imprese giovani si sono rivelati i più fragili di fronte alla tempesta.
La moria delle start up è confermata anche dai dati diffusi ieri della Cgia di Mestre secondo cui un’ impresa su due chiude i battenti entro i primi 5 anni di vita ‘’specie quelle guidate da neo imprenditori’’. La causa sarebbe in primis ‘’la mancanza di liquidità’’ unita a tasse e burocrazia. Comunque, secondo Giuseppe Bortolussi, segretario Cgia i giovani sarebbero ‘’i primi a buttare la spugna’’. Inoltre: ‘’molte persone, soprattutto giovani, tentano la via dell’autoimpresa senza avere il know how necessario’’.
Dal punto di vista territoriale, gli imprenditori under 30 più resistenti si registrano nelle regioni meridionali e, più precisamente, in Calabria (9,2% sul complesso delle imprese), Campania (9%) e Sicilia (8,5%). Mentre al Trentino-Alto Adige spetta il primato della regione con la presenza più bassa di imprenditori under 30 (solo il 4,8% del totale) seguito dal Friuli Venezia-Giulia (il 4,9%) e da Veneto ed Emilia Romagna (5,4%).

Ultima ora

11:01Terremoto: nelle Marche rimozione macerie anche di notte

(ANSA) - ANCONA, 24 GIU - A partire da lunedì si lavorerà anche di notte per rimuovere le macerie nei comuni delle Marche colpiti dai terremoti dei mesi scorsi. La Regione ha deciso di attivare i due siti di deposito temporaneo di Monteprandone e di Tolentino con turni di lavorazione h24. "Portare via le macerie è la priorità. Stiamo lavorando a ritmi serrati ma non basta - spiega il presidente Luca Ceriscioli -. Con la definizione del piano regionale delle macerie abbiamo deciso di implementare la rimozione a partire dai comuni più colpiti dal sisma''. Con questa accelerazione, la capacità produttiva sarà di 700 tonnellate al giorno per Tolentino, 1.500 tonnellate per il sito di Monteprandone, e 300 per il sito Unimer, per una potenzialità complessiva di 2.500 tonnellate di macerie al giorno. In attesa del completamento dell'area 2 di Tolentino, si sta individuando una soluzione provvisoria (1 o 2 siti) per depositare temporaneamente le macerie rimosse che non sono immediatamente lavorabili.

10:16Mafia: estorsione a imprenditore, arresti a Bari

(ANSA) - BARI, 24 GIU - Agenti della questura di Bari stanno notificando stamani un'ordinanza di custodia cautelare in carcere, emessa dal giudice per le indagini preliminari del Tribunale di Bari su richiesta della locale Direzione distrettuale antimafia, nei confronti di otto persone, per gli inquirenti vicine al clan Strisciuglio. Agli arrestati vengono contestati, a vario titolo, i reati di estorsione aggravata, tentata estorsione e minaccia in concorso, reati tutti aggravati dall'utilizzo del metodo mafioso. Le otto persone si sarebbero rese responsabili di un'estorsione nei confronti di un imprenditore edile nel quartiere Libertà di Bari. Ulteriori dettagli verranno resi noti nel corso di una conferenza stampa alle 11 negli uffici della Questura di Bari.

10:10Manchester: terrorista ha fabbricato bomba grazie a Youtube

(ANSA) - ROMA, 24 GIU - L'attentatore di Manchester aveva fabbricato l'ordigno con cui ha ucciso 22 persone grazie a un video su Youtube. Lo rivela il Times precisando che Salman Abedi ha visionato diversi filmati sulla piattaforma di Google, mentre su altri siti ha scaricato materiale che riguardava il composto chimico contenuto all'interno della bomba fatta esplodere alla Manchester Arena dopo il concerto di Ariana Grande. Un nuovo caso di ordigno fai da te che metterà altra pressione sui giganti di internet per scovare ed eliminare dalla rete contenuti sensibili. Il quotidiano britannico ha constatato che due giorni dopo l'attacco su Facebook e Youtube erano ancora facilmente accessibili diverse manuali su come fabbricare una bomba, tra i quali quello per creare un ordigno con il perossido di acetone, il potente esplosivo utilizzato da Abedi.

10:01Rugby: Australia-Italia 40-27

(ANSA) - ROMA, 24 GIU - Termina con un'altra sconfitta il tour estivo della nazionale italiana di rugby. A Brisbane il XV del ct Conor O'Shea è stato superato 40-27 (21-13) dall'Australia. E' stata comunque una buona prova quella degli azzurri, che si trovavano di fronte la quarta forza del rugby mondiale e che fino a tre minuti dalla fine si trovavano sotto solo di un punto (28-27). L'Italia ha realizzato tre mete, (Campagnaro, Padovani e Benvenuti) tutte trasformate da Allan che ha messo a segno anche due calci piazzati.

09:56Terrorismo: fermata presunta foreign fighter italiana

(ANSA) - TORINO, 24 GIU - Una donna italiana, Lara Bombonati di 26 anni, è stata fermata nelle scorse ore a Tortona, nell'Alessandrino, ed è ora reclusa nel carcere di Torino con l'accusa di terrorismo internazionale in attesa che il Gip convalidi l'arresto. La notizia è riportata da alcuni quotidiani secondo i quali la donna, sposata con un foreign fighters italiano che sarebbe morto in battaglia, fu fermata a gennaio scorso in Turchia, vicino al confine con la Siria, e successivamente espulsa. L'inchiesta è coordinata dal procuratore capo di Torino Armando Spataro e dal sostituto Antonio Rinaudo. Una volta rientrata in Italia, la donna è stata costantemente monitorata dagli uomini della Digos che stanno ricostruendo i contatti avuti con alcuni soggetti maghrebini. Il fermo sarebbe scattato in quanto Bombonati avrebbe manifestato l'intenzione di ripartire per la Siria. Secondo gli investigatori la giovane sarebbe inserita nel gruppo Hayat Tahrir al-Sham, 'Organizzazione per la liberazione del Levante'.

08:47Cina: frana, 141 persone sepolte vive

(ANSA) - ROMA, 24 GIU - Sono 141 le persone rimaste sepolte vive dalla frana che ha travolto oltre 40 case nella provincia di Sichuan, nel sud-ovest della Cina. Lo riporta la Cctv. Intanto due persone sono state tratte in salvo dai soccorritori, mentre è stato recuperato il cadavere di una terza. Una coppia con un bambino di appena un mese è riuscita a scappare proprio mentre la frana stava avanzando contro la propria casa.

07:19Cina: frana investe 40 case, 100 persone travolte

PECHINO - Un centinaio di persone potrebbero essere rimaste sepolte in una frana che investito 40 case nel sud-ovest della Cina. Lo riferisce il governo della citta'-contea di Mao, nella provincia di Sichuan, precisando che la frana e' caduta dalla montagna nel villaggio di Xinmo intorno alle 6 del mattino ora locale. Un responsabile dei soccorsi ha detto alla televisione statale CCTV che dalla montagna e' franata una quantita' di terra e rocce stimata in 3 milioni di metri cubi. Lo smottamento ha anche bloccato un tratto di 2 chilometri di un fiume.

Archivio Ultima ora