Ancora polemiche sui soccorsi a Morosini

Pubblicato il 16 aprile 2012 da redazione

PESCARA – Non si placano le polemiche sulla vicenda dell’automobile della Polizia municipale di Pescara che, parcheggiata in divieto di sosta, ha ostacolato, per alcuni minuti, l’accesso dell’ambulanza allo stadio, durante i soccorsi a Piermario Morosini. Se, da un lato, l’agente che era alla guida del mezzo, “distrutto” per quanto accaduto, ammette ogni responsabilità e si autosospende dal servizio, dall’altro il sindaco Luigi Albore Mascia annuncia il pugno duro.
Il Collegio disciplinare del Comune, infatti, ha attivato contro il vigile urbano un procedimento disciplinare amministrativo per la violazione dell’articolo che definisce le modalità di comportamento dei dipendenti dell’Ente. Sono previsti un contraddittorio, con processo interno, e una sanzione disciplinare, che va da una sospensione minima di 11 giorni fino ad un massimo di sei mesi.
La decisione verrà presa il 7 maggio, quandola Commissionedisciplinare si riunirà appositamente. Il primo cittadino ci tiene anche a sottolineare che “se nel corso dell’attività giudiziaria dovessero emergere profili diversi, con un nesso tra il ritardo dell’ambulanza e il decesso dello sfortunato giocatore, l’agente rischierebbe addirittura il licenziamento”. Mascia, però, visto il clamore di questi giorni, invita alla calma: “se i soccorsi sono stati tempestivi, come io ritengo siano stati – afferma -, nonostante la vicenda dell’ambulanza sia riprovevole, è sbagliato mettere in stretto contatto le responsabilità del vigile con la morte di Morosini”.
Condannando fermamente quello che definisce un “atto di superficialità imperdonabile, grave e censurabile”, Mascia tenta di abbassare i toni della polemica ed afferma che l’agente in questione è “una persona giovane, con due figli piccoli, che indossa la divisa con dignità e che vive questa situazione in modo dramático”. E’ nella relazione consegnata ieri al sindaco dal comandante della Polizia municipale, Carlo Maggitti, che il vigile urbano ricostruisce quanto accaduto in quei minuti: “se l’agente non ha percepito immediatamente quello che stava succedendo – spiega, carte alla mano, il primo cittadino -, è perché stava lavorando all’interno del Gos (Gestione osservatorio sicurezza) per le attività relative alla partita”. “L’area in cui la macchina era parcheggiata – afferma ancora il sindaco citando il contenuto della relazione – era occupata da molte altre auto di servizio. Tutta l’organizzazione del piazzale ha risentito della presenza di queste automobili. In ogni caso – ribadisce – le responsabilità sono evidenti ed è giusto che chi sbaglia paghi”.

AUTOPSIA
C’è l’ipotesi di una malattia genetica
PESCARA – Non sono stati né un infarto né un aneurisma cerebrale. L’autopsia a cui è stato sottoposto Piermario Morosini a Pescara ha escluso “situazioni macroscopiche evidente”, che “permettano di determinare la morte del calciatore”. Lo ha confermato il medico legale Cristian D’Ovidio che ha effettuato l’esame, durato oltre 5 ore. Con lui ha assistito all’autopsia anche il perito tossicologico Simona Martello della Cattolica di Roma, nominata come D’Ovidio dal pm titolare delle indagini, Valentina D’Agostino.
La presenza della tossicologa è stata spiegata chiaramente dal procuratore aggiunto di Pescara Cristina Todeschini: “Il tossicologo ci deve essere perché siamo nello sport…”. “Ora sono necessari ulteriori approfondimenti anche di carattere tossicologico”, ha successivamente confermato D’Ovidio. In parole povere sulle cause della morte del centrocampista del Livorno l’attenzione dei medici sarebbe concentrata sull’accertamento di difetti cardiaci come alterazioni strutturali dell’organo e su difetti genetici che coinvolgono la conduzione elettrica del cuore. In particolare, secondo quanto si è appreso da fonti mediche interne all’Ospedale di Pescara, per approfondire le ipotesi sul difetto genetico di conduzione elettrica del battito del cuore i medici dovranno effettuare test specifici, comprese analisi del Dna.
L’ipotesi principale è quella che sia insorta una fibrillazione ventricolare del cuore che avrebbe di fatto impedito la normale la funzione di pompa per poi arrivare all’arresto cardiaco. Tale aritmia potrebbe essere stata determinata appunto da un’anomalia di origine genetica. Tra l’altro, non sfugge all’attenzione dei medici una storia di familiarità per le malattie di cuore: il padre del giocatore sarebbe morto per una malattia cardiaca.
Secondo gli esperti sono molte le malattie che riguardano la conduzione cardiaca alcune delle quali legate a difetti genetici (gli esperti le chiamano canalopatie, sindrome del Qt lungo e breve, Wolf Parkinson White, sindrome di Brugada). I successivi esami del Dna che dovrebbero essere effettuati all’università Cattolica di Roma, potrebbero mettere inoltre in evidenza se l’arresto cardiaco era o non era riattivabile. Non é escluso che le successive indagini si interroghino ancora sulla tempestività dei soccorsi e sull’uso del defibrillatore.
La salma di Morosini intanto riceverà il nullaosta da parte della Procura di Pescara per essere riconsegnata alla famiglia. Poi partirà alla volta di Livorno dove verrà salutata dai tifosi amaranto con un giro di campo allo stadio Picchi e una sosta sotto la curva nord, e successivamente proseguirà il suo cammino per Bergamo: i funerali sono previsti per giovedì mattina.

 

Ultima ora

11:46Artigiano ucciso: moglie arrestata chiede revoca misura

(ANSA) - SESTRI LEVANTE (GENOVA), 16 DIC - L'avvocato di Gesonita Barbosa, la brasiliana 35enne in carcere con l'accusa di essere la mandante dell'omicidio del marito Antonio Oliveri, ha presentato al gip istanza di revoca della misura cautelare ed in subordine gli arresti domiciliari. "Agli atti non esistono prove concrete che colleghino la mia assistita all'omicidio del marito - spiega l'avvocato Nicoletta Peri -. Dopo aver consultato la signora Barbosa (che si dichiara completamente estranea al delitto. ndr) in carcere a Genova Pontedecimo abbiamo deciso di presentare la richiesta di scarcerazione proprio per l'inconsistenza di prove di colpevolezza. Inoltre continua una gogna mediatica per fare apparire la Barbosa quale omicida seriale". La richiesta di revoca degli arresti arriva mentre si indaga su una seconda morte avvenuta un anno fa, quella del vicino di casa della donna, Aldo Bacigalupo di 81 anni, deceduto ufficialmente per cause naturali. (ANSA).

11:44In fiamme auto ex assessore comunale di Catanzaro, indagini

(ANSA) - CATANZARO, 16 DIC - Un incendio, sulla cui natura sono in corso accertamenti, ha danneggiato nella notte l'auto dell'ex assessore comunale all'ambiente di Catanzaro, Giampaolo Mungo. La vettura, una Fiat 600, era parcheggiata nei pressi dell'abitazione nel quartiere Piterà del capoluogo. Le fiamme, che sono state spente dai vigili del fuoco del comando provinciale di Catanzaro, hanno completamente distrutto il vano motore dell'utilitaria. L'episodio è stato denunciato dallo stesso Mungo ai carabinieri della Compagnia di Catanzaro che hanno avviato le indagini. Nessuna ipotesi è al momento esclusa. Mungo, esponente del movimento Officine del Sud, si era dimesso dalla carica di assessore comunale lo scorso 24 novembre.

11:43Macron festeggia i 40 anni in castello Loira, polemiche

(ANSA) - ROMA, 16 DIC - Il presidente francese François Macron, che compirà 40 anni il 21 dicembre, sta festeggiando il compleanno con amici e famiglia questo fine settimana al Castello di Chambord, il più imponente dei castelli della Loira, costruito da Francesco I di Francia nella prima metà del Cinquecento per poter organizzare grandi battute di caccia nel centro del paese. Secondo Le Monde online Macron e la moglie Brigitte sono giunti al castello ieri sera, insieme con i figli e i nipoti della première dame. Alloggiano nella Maison des réfractaires, una foresteria trasformata in albergo di lusso. L'Eliseo, confermando le informazioni, ha parlato di "weekend privato", di un costo "inferiore ai mille euro", interamente pagati dal presidente. Venerdì sera Macron ha incontrato un gruppo di cacciatori che in giornata aveva partecipato ad una battuta. Questa sera il presidente festeggerà il compleanno con qualche giorno di anticipo in uno dei saloni di questo capolavoro del Rinascimento francese.

11:40Moto: Sky Racing Team Vr46 corre a X-Factor

(ANSA) - ROMA, 16 DIC - Dalla pista al palcoscenico di X Factor. Come da tradizione, anche quest'anno i piloti dello Sky Racing Team VR46 hanno preso parte alla serata della finale del talent show musicale. Per l'occasione, Francesco Bagnaia, Luca Marini, Nicolò Bulega e Dennis Foggia hanno svelato in diretta su Sky Uno HD le livree della stagione 2018 di Moto2 e Moto3. Il Team, nato nel 2014 dal progetto condiviso tra Sky e la VR46 di Valentino Rossi per sostenere la crescita dei giovani talenti italiani del motociclismo, si proietta verso la stagione 2018 tra novità e conferme, con quattro piloti in due categorie: in Moto2 Luca Marini affiancherà Francesco Bagnaia su Kalex mentre, in Moto3, Dennis Foggia correrà con Nicolò Bulega su KTM. Bagnaia, Rookie dell'anno in Moto2 dividerà il box con il 20enne Luca Marini, talento coltivato nell'orbita della VR46 Riders Academy e protagonista di una crescita costante e significativa. Bulega, in Moto3 con l'obiettivo di essere sempre più competitivo

11:23‘Our Le Mans’: ecco il docufilm di Cetilar Villorba Corse

(ANSA) - ROMA, 16 DIC - Sarà distribuito via web lunedì 18 dicembre Our Le Mans ("La nostra Le Mans"), il docufilm che racconta l'esordio del team Cetilar Villorba Corse alla 24 Ore di Le Mans 2017. Diretto da Nico Fulciniti di JOBDV/Studio, il film sarà visibile collegandosi alla pagina www.cetilarvillorbacorse.com/film all'interno del portale ufficiale del team tutto italiano diretto da Raimondo Amadio che con la Dallara P217 condotta da Roberto Lacorte, Giorgio Sernagiotto e Andrea Belicchi si è classificato nono assoluto e settimo di classe LMP2. Totalmente incentrata sul racconto/resoconto di questo straordinario debutto nella leggendaria ed estenuante gara automobilistica francese, la pellicola è il sequel del precedente "Road to Le Mans", presentato nell'aprile scorso e che raccontava l'evoluzione del progetto Cetilar Villorba Corse dalla nascita fino alla conferma della prima partecipazione avvenuta nel segno del motto distintivo "Italian Spirit of Le Mans" nel giugno scorso.

11:13Moto: varati calendari 2018 minimoto e Civ Junior

(ANSA) - ROMA, 16 DIC - Scatteranno nel fine settimana del 22 aprile il Campionato Italiano Minimoto e il CIV Junior 2018. A poco più quattro mesi dall'inizio dei tricolori dedicati ai giovanissimi della velocità nazionale, sono stati pubblicati i calendari di entrambe le competizioni a ruote basse. Sia nel Campionato Italiano Minimoto che nel CIV Junior si disputeranno due round per ogni weekend, per un totale di 5 tappe e 10 gare a Campionato. Campionato Italiano Minimoto: la prima partenza avverrà nel nuovo impianto di Cervesina (PV), poi si correrà una volta al mese (ad eccezione di agosto mese dedicato al campionato europeo) fino a settembre. Dopo il semaforo verde del 21 e 22 aprile, il secondo appuntamento si svolgerà il 12 e 13 maggio a Castrezzato (BS). Gli impianti di San Mauro Mare (FC) e Contigliano (RI) ospiteranno, rispettivamente il 9-10 giugno e il 14-15 luglio, gare che potranno essere determinanti. Gran finale il 15 e 16 settembre a Jesolo (VE).

11:05Basket: Nba, tonfo inatteso di Boston, corre Houston

(ANSA) - ROMA, 16 DIC - L'inatteso tonfo casalingo di Boston e la dodicesima vittoria consecutiva di Houston sono i dati salienti della notte Nba, nella quale si sono giocate undici partite. I Celtics hanno dovuto cedere le armi agli Utah Jazz con il punteggio di 107-95. Sonante la vittoria dei Rockets sui San Antonio Spurs, 124-109 (Chris Paul a segno con 28 punti). Vittoria di misura 96-94 dei Memphis Grizzlies sugli Atlanta Hawks di Marco Belinelli, autore di una buona prestazione, segnando 14 punti in soli 21 minuti. Prestazione magnifica invece per Russell Westbrook, ormai tornato quello dei tempi migliori, che ha messo a segno una tripla doppia (27 punti, 17 rimbalzi e 15 assist) trascinando alla vittoria Oklahoma su Philadelphia per 119-117 in una partita allungata fino a 3 overtime. Da segnalare infine la sconfitta dei Clippers con i Washington Wizards per 100-91 e la vittoria di Denver su New Orleans per 117-111.

Archivio Ultima ora