Borges: “In Italia si è perfettamente italiani, in Venezuela si è perfettamente venezuelani”

Pubblicato il 17 aprile 2012 da redazione

NAPOLI – Il consolato Generale delle Repubblica Bolivariana del Venezuela a Napoli è situato in una delle vie più belle della città partenopea. Via De Pretis unisce infatti l’affollatissimo e popolato Corso Umberto allo storico Maschio Angioino, passato e modernità che confluiscono in un connubio di sobrietà all’interno degli uffici del Consolato. Stile antico e moderno si fondono creando un’atmosfera gradevole. Il personale, gentile e professionale ti fa sentire come a casa tua ed è in questo contesto che ci accoglie Bernardo Borges, ormai da quattro anni Console della Repubblica Bolivariana del Venezuela qui a Napoli.
Persona a modo, distinta e disponibile parla dell’importanza dell’emigrazione in Venezuela nel secolo scorso:
“Indubbiamente la migrazione del secolo scorso è stata importantissima per la società venezuelana. Soprattutto nel dopoguerra i flussi migratori hanno determinato la creazione di un nuovo Venezuela. Gli italiani hanno influito tantissimo nello sviluppo economico del paese, specializzati nello sviluppo edile hanno generato molta ricchezza nel paese. Ma è dal punto di vista sociale che gli italiani hanno lasciato un marchio indelebile nella società venezuelana: la visione della famiglia come struttura base della società”
La famiglia come valore è una risposta che fa intendere la qualità umane ed i valori sociali del Console Borges che riesce a trovare una geniale sfumatura della comunità italovenezuelana
“In Italia si è perfettamente italiani, in Venezuela si è perfettamente venezuelani. Questo è possibile grazie alle tantissime similitudini ed analogie tra i due paesi”.
Vien da pensare che un venezuelano in Italia si trova bene
“I cambiamenti sono davvero piccoli, rispetto al Venezuela l’adattamento in Italia è immediato. La comunità italo venezuelana ha sicuramente portato benessere in Venezuela, ma la ricchezza prodotta in Venezuela è visibile qui, soprattutto nel sud Italia radicandosi bene tanto da avere numerose comunità italo venezuelane tra cui a Corato, Marina di Camerota, Molfetta, Muoio della Civitella, Vallo di Diano e in provincia di Trapani.”
L’intreccio di storia e cultura tra i due paesi è evidente ed è chiaro che molti rappresentanti della comunità italo venezuelana hanno come obiettivo trascorrere una parte della propria vita in Italia
“Il flusso migratorio in Italia è sicuramente formato da una fascia di persone che ritornano per trascorrere una parte della propria vita nel luogo natio e di italo-venezuelani che tornano in Italia con la speranza di costruire qualcosa qui in Italia ed allontanarsi dal Venezuela.”
Ma i dati degli ultimi mesi sono eloquenti, si assiste ad un controesodo
“Puntualmente in molti ritornano. Il ritorno in Venezuela è dovuto a problemi economici. La situazione italiana è critica, la crisi ancora non si sta vivendo, si sta solo annunciando e la situazione sarà drammatica. Molti vanno via perché temono di perdere il loro status sociale.
L’esempio lampante di ciò che le sto raccontando viene dalla Signora Anna Miletti: ha liquidato un negozio di strumenti musicali in Via San Sebastiano dopo 70 anni di storia divisi in tre generazioni per trasferirsi a Santa Cruz de Aragua. Lì il marito è il proprietario della Inalcenca industria conserviera che produce un milione di lattine di pomodoro al giorno. Era triste. Ci disse che andava via perché ormai negli ultimi tre anni era arrivata a 200.000 Euro di perdite. Davvero un peccato era un negozio storico per Napoli.”
Napoli ed i napoletani, città e popolo sempre sotto pressione e bersagliato da facili giudizi qui in Italia, ma lei che idea ha in merito?
“Il meridione italiano è simile al Venezuela, le persone sono solari, hanno un gran cuore, paragonerei il napoletano al maracucho: popolo che vive di forti emozioni, disponibile, pronto a risollevarsi nei momenti difficili, di grande animo e cordialità. Napoli è una bella città, ci sono persone per bene e ho grandi amicizie, anche se è difficile adattarsi alla qualità della vita”.

Le differenze in questo senso si notano
“Quando le noti ti viene nostalgia del Venezuela. Per un venezuelano non c’è qualcosa nello specifico che manca, ciò che manca è proprio il Venezuela , le emozioni, il sentimento, il colore, insomma la patria.”
Dalle parole ai fatti, in questi anni il lavoro del consolato venezuelano è stato fondamentale per la comunità italovenezuelana a Napoli e nel Sud Italia. Da ricordare l’evento musicale del 28 novembre scorso. Il San Carlo di Napoli ha ospitato l’Orchestra Sinfonica del Venezuela Simon Bolivar, diretta dal maestro Matheuz e composto da 200 elementi punta dell’iceberg di una realtà che coinvolge più di 350.000 bambini e giovani in tutto il Venezuela. Dal 2007 nel Parco Virgiliano di Napoli è presente un busto di Simon Bolivar.
Centocinquantasei anni di storia per il Consolato Generale della Repubblica del Venezuela a Napoli, la statua concretizza il desiderio di molti venezuelani di poter ammirare attraverso la statua del Libertador l’energia, lo spirito di lotta per la giustizia, la morale e la speranza del nobile popolo napoletano.
L’Italia e il Venezuela si abbracciano tra storia e cultura, l’interscambio culturale e sociale è vivo ed intenso e si respira nel Consolato, in Via De Pretis, la strada che unisce la storia con la modernità.

Gennaro Buonocore

  • pietro

    E’ vero! L’italiano del sud è molto vicino al venezuelano sia per l’allegeria che per la musica. Mi chiedo come mai il titolo di studio conseguito in Venezuela non sia riconosciuto in Italia visto gli ottimi rapporti tra questi due stati.

Ultima ora

15:24Calcio Gasperini, Spinazzola? Ora non gioca con noi

(ANSA) - ZINGONIA 8BERGAMO), 19 AGO - "Spinazzola in questo momento non gioca con la squadra: fosse per me sarebbe sempre convocato, se poi non viene è un altro discorso". Gian Piero Gasperini dice la sua sul caso dell'esterno in prestito che spinge per rientrare anticipatamente alla Juventus, separato in casa dopo aver rifiutato di partire per il test di Valencia l'11 agosto scorso: "Il Dio denaro esiste per tutti, anche per i procuratori. I giovani crescono con i valori che vengono loro trasmessi - osserva il tecnico dell'Atalanta - I casi di Conti e Spinazzola non erano prevedibili, per il resto la squadra era praticamente fatta già in primavera, dopo la fine dello scorso campionato. Ora dobbiamo inserire altri giocatori". Per la Roma probabile utilizzo di Gosens: "Non è l'unico giocatore pronto in rosa, lo sono tutti. Magari gli altri esterni sono più abituati a giocare a quattro e dovremo rivedere qualcosa".

15:16Calcio: Zidane, ora comincia grande impegno

(ANSA) - ROMA, 19 AGO - "Stiamo attraversando un momento molto buono e dobbiamo approfittarne ma il campionato è molto lungo e ricordo che l'anno scorso l'abbiamo vinto all'ultima giornata. Di sicuro, dobbiamo cominciare bene e visto che contro di noi tutti vogliono fare bella figura sarà un grande impegno". Dopo le vittoria in Supercoppa europea e Supercoppa di Spagna, Zinedine Zidane parla così alla vigilia dell'esordio in Liga, che vedrà il suo Real Madrid affrontare il Deportivo a La Coruna Domani, e per altre tre partite, Cristiano Ronaldo non sarà in campo per la squalifica di 5 giornate inflittagli per aver spintonato l'arbitro al Camp Nou dopo il doppio giallo, sanzione che il tecnico non ha ancora digerito. "Ho già detto quello che pensavo sulla questione. Non mi lamento e non lo farò, ma la sanzione è stata troppo severa". Intanto Zidane inccensa Marco Asensio a cui, rileva Marca, sarà proposto un rinnovo del contratto, a un anno dall'ultimo ritocco, portando la clausola rescissoria a 500 milioni di euro.

15:12Finlandia: polizia, assalitore puntava alle donne

(ANSA) - ROMA, 19 AGO - L'assalitore marocchino responsabile dell'attacco avvenuto a Turku, in Finlandia, puntava alle donne. E' quanto riferisce la tv finlandese, citando la polizia. Nell'attentato sono morte due donne mentre altre 8 persone sono rimaste ferite, tra cui l'italiana Luisa Biancucci. Intanto la polizia ha riferito che le quattro persone arrestate durante un blitz sono cittadini marocchini.

15:03Calcio: Di Francesco, voglio partire forte

(ANSA) - ROMA, 19 AGO - "L'obiettivo è partire forte, cercando di fare un'ottima prestazione a Bergamo dopo la tournee in Spagna dove i risultati sono venuti meno. Sono convinto che entreremo in campo con grande determinazione e voglia di fare bene". Così il tecnico della Roma, Eusebio Di Francesco, in vista della prima di campionato che i giallorossi giocheranno domani in trasferta con l'Atalanta. "Le favorite per il titolo? Griglie di partenza non ne faccio, non è il mio lavoro, ma tante squadre si sono rinforzate e sarà un campionato più competitivo rispetto al passato, con distacchi ridotti", assicura l'allenatore giallorosso.

15:01Iran:Amnesty,non cali attenzione su casi Karroubi e Moussavi

(ANSA) - ROMA, 19 AGO - Tenere alta l'attenzione sui casi di Mehdi Karrubi, Mir Hossein Mousavi e la moglie di quest'ultimo Zhara Rahnavard, da oltre sei anni agli arresti domiciliari senza accuse e processi formali, e nomi fra i piu' noti dei tanti attivisti per i diritti umani, giornalisti e oppositori perseguitati e in carcere in Iran. Lo chiede Amnesty International, poco dopo la decisione di Karrubi, come Mousavi anziano ex candidato alle presidenziali del 2009, di sospendere lo sciopero della fame che lo aveva portato in ospedale. A lui, visitato l'altro ieri dal ministro della Salute, sarebbe stato assicurato di non avere più agenti dell'intelligence a sorvegliarlo in casa, ma resta aperto l'interrogativo sulla seconda richiesta, quella di un processo pubblico.

14:57Terremoto: Laura Boldrini ad Arquata il 24 agosto

(ANSA) - ARQUATA DEL TRONTO (ASCOLI PICENO), 19 AGO - La presidente della Camera Laura Boldrini parteciperà il 24 agosto ad Arquata del Tronto alla messa in ricordo delle vittime del terremoto di un anno fa. La celebrazione, presieduta dal vescovo di Ascoli Piceno mons. Giovanni D'Ercole, si terrà alle 16:30 nella nuova chiesa di Pescara del Tronto e verrà trasmessa in diretta su Radio Maria. Sarà poi seguita da una visita nei cimiteri di Capodacqua, Pescara del Tronto e Borgo, dove sono sepolte le vittime del terremoto. Arquata ricorderà i propri morti con una lunga veglia (''E guarderemo ancora le stelle brillare in una notte di agosto'') che comincerà alle 23 del 23 agosto. Una fiaccolata silenziosa partirà da Trisungo verso Pescara del Tronto, la frazione rasa al suolo dal sisma, dove ci si raccoglierà in preghiera fino alle ore 3:36 del 24 agosto, l'ora della scossa che ha sconvolto l'Italia centrale. Alle 19 un concerto di Filiberto Caponi nella chiesa di Pescara concluderà la giornata.

14:47Terremoto: sindaco San Ginesio, con Errani ottimo rapporto

(ANSA) - SAN GINESIO (MACERATA), 19 AGO - "Un ottimo rapporto sotto il profili umano e tecnico" con il commissario alla ricostruzione Errani per il sindaco di San Ginesio Mario Scagnetti, che non vuole fare troppi commenti alle voci che Errani sta oper lasciare l'incarico, in scadenza a settembre. "Certo - osserva - siamo tutti legati al filo della burocrazia, ma le cose di cui abbiamo parlato con lui sono realizzate o in fase di realizzazione". Quanto all'ipotesi che le Regioni abbino più responsabilità, "il ritorno ad una modello simile a quello terremoto del 1997, più vicino ai territori, può essere una cosa positiva, ma - ammonisce- bisogna vedere come si muoveranno le Regioni, se cammineranno insieme o se vorranno essere libera di seguire ognuna la propria strada".(ANSA).

Archivio Ultima ora