Borges: “In Italia si è perfettamente italiani, in Venezuela si è perfettamente venezuelani”

Pubblicato il 17 aprile 2012 da redazione

NAPOLI – Il consolato Generale delle Repubblica Bolivariana del Venezuela a Napoli è situato in una delle vie più belle della città partenopea. Via De Pretis unisce infatti l’affollatissimo e popolato Corso Umberto allo storico Maschio Angioino, passato e modernità che confluiscono in un connubio di sobrietà all’interno degli uffici del Consolato. Stile antico e moderno si fondono creando un’atmosfera gradevole. Il personale, gentile e professionale ti fa sentire come a casa tua ed è in questo contesto che ci accoglie Bernardo Borges, ormai da quattro anni Console della Repubblica Bolivariana del Venezuela qui a Napoli.
Persona a modo, distinta e disponibile parla dell’importanza dell’emigrazione in Venezuela nel secolo scorso:
“Indubbiamente la migrazione del secolo scorso è stata importantissima per la società venezuelana. Soprattutto nel dopoguerra i flussi migratori hanno determinato la creazione di un nuovo Venezuela. Gli italiani hanno influito tantissimo nello sviluppo economico del paese, specializzati nello sviluppo edile hanno generato molta ricchezza nel paese. Ma è dal punto di vista sociale che gli italiani hanno lasciato un marchio indelebile nella società venezuelana: la visione della famiglia come struttura base della società”
La famiglia come valore è una risposta che fa intendere la qualità umane ed i valori sociali del Console Borges che riesce a trovare una geniale sfumatura della comunità italovenezuelana
“In Italia si è perfettamente italiani, in Venezuela si è perfettamente venezuelani. Questo è possibile grazie alle tantissime similitudini ed analogie tra i due paesi”.
Vien da pensare che un venezuelano in Italia si trova bene
“I cambiamenti sono davvero piccoli, rispetto al Venezuela l’adattamento in Italia è immediato. La comunità italo venezuelana ha sicuramente portato benessere in Venezuela, ma la ricchezza prodotta in Venezuela è visibile qui, soprattutto nel sud Italia radicandosi bene tanto da avere numerose comunità italo venezuelane tra cui a Corato, Marina di Camerota, Molfetta, Muoio della Civitella, Vallo di Diano e in provincia di Trapani.”
L’intreccio di storia e cultura tra i due paesi è evidente ed è chiaro che molti rappresentanti della comunità italo venezuelana hanno come obiettivo trascorrere una parte della propria vita in Italia
“Il flusso migratorio in Italia è sicuramente formato da una fascia di persone che ritornano per trascorrere una parte della propria vita nel luogo natio e di italo-venezuelani che tornano in Italia con la speranza di costruire qualcosa qui in Italia ed allontanarsi dal Venezuela.”
Ma i dati degli ultimi mesi sono eloquenti, si assiste ad un controesodo
“Puntualmente in molti ritornano. Il ritorno in Venezuela è dovuto a problemi economici. La situazione italiana è critica, la crisi ancora non si sta vivendo, si sta solo annunciando e la situazione sarà drammatica. Molti vanno via perché temono di perdere il loro status sociale.
L’esempio lampante di ciò che le sto raccontando viene dalla Signora Anna Miletti: ha liquidato un negozio di strumenti musicali in Via San Sebastiano dopo 70 anni di storia divisi in tre generazioni per trasferirsi a Santa Cruz de Aragua. Lì il marito è il proprietario della Inalcenca industria conserviera che produce un milione di lattine di pomodoro al giorno. Era triste. Ci disse che andava via perché ormai negli ultimi tre anni era arrivata a 200.000 Euro di perdite. Davvero un peccato era un negozio storico per Napoli.”
Napoli ed i napoletani, città e popolo sempre sotto pressione e bersagliato da facili giudizi qui in Italia, ma lei che idea ha in merito?
“Il meridione italiano è simile al Venezuela, le persone sono solari, hanno un gran cuore, paragonerei il napoletano al maracucho: popolo che vive di forti emozioni, disponibile, pronto a risollevarsi nei momenti difficili, di grande animo e cordialità. Napoli è una bella città, ci sono persone per bene e ho grandi amicizie, anche se è difficile adattarsi alla qualità della vita”.

Le differenze in questo senso si notano
“Quando le noti ti viene nostalgia del Venezuela. Per un venezuelano non c’è qualcosa nello specifico che manca, ciò che manca è proprio il Venezuela , le emozioni, il sentimento, il colore, insomma la patria.”
Dalle parole ai fatti, in questi anni il lavoro del consolato venezuelano è stato fondamentale per la comunità italovenezuelana a Napoli e nel Sud Italia. Da ricordare l’evento musicale del 28 novembre scorso. Il San Carlo di Napoli ha ospitato l’Orchestra Sinfonica del Venezuela Simon Bolivar, diretta dal maestro Matheuz e composto da 200 elementi punta dell’iceberg di una realtà che coinvolge più di 350.000 bambini e giovani in tutto il Venezuela. Dal 2007 nel Parco Virgiliano di Napoli è presente un busto di Simon Bolivar.
Centocinquantasei anni di storia per il Consolato Generale della Repubblica del Venezuela a Napoli, la statua concretizza il desiderio di molti venezuelani di poter ammirare attraverso la statua del Libertador l’energia, lo spirito di lotta per la giustizia, la morale e la speranza del nobile popolo napoletano.
L’Italia e il Venezuela si abbracciano tra storia e cultura, l’interscambio culturale e sociale è vivo ed intenso e si respira nel Consolato, in Via De Pretis, la strada che unisce la storia con la modernità.

Gennaro Buonocore

  • pietro

    E’ vero! L’italiano del sud è molto vicino al venezuelano sia per l’allegeria che per la musica. Mi chiedo come mai il titolo di studio conseguito in Venezuela non sia riconosciuto in Italia visto gli ottimi rapporti tra questi due stati.

Ultima ora

20:43Confederations: Camerun-Australia 1-1

(ANSA) - ROMA, 22 GIU - Camerun e Australia hanno pareggiato 1-1 (1-0) in una partita del gruppo B della Confederations Cup giocata a San Pietroburgo. Reti di Anguissa al 46' pt e Milligan su rigore al 15' st.

20:35Calcio: Spalletti, Borja Valero? Giocatore forte ed esperto

(ANSA) - MILANO, 22 GIU - "Borja Valero è forte ed esperto. A centrocampo siamo a posto, se le cose restano così non andiamo a prendere nessuno. Se va via qualcuno gli metteremo gli occhi addosso. E’ un giocatore di sicuro affidamento": lo dice l'allenatore dell'Inter Luciano Spalletti, intervistato da Premium Sport, a Catanzaro dove sarà premiato con il 'Premio Ceravolo'. "Rudiger? In difesa faremo sicuramente qualcosa -aggiunge l'allenatore - lui è un grandissimo come Manolas, ha fatto vedere quanto vale ma dire il nome di chi andremo a prendere mi sembra prematuro e scorretto". Spalletti conferma che l'Inter dovrà prima cedere qualche giocatore "perchè c'è un regolamento", solo in seguito il club nerazzurro interverrà per "migliorare la rosa e sostituire chi partirà".

20:35Delitto Noventa: 30 anni carcere a fratelli Sorgato

(ANSA) - PADOVA, 22 GIU - Condanna a 30 anni di carcere per Freddy Sorgato e per la sorella Debora, 16 anni e 10 mesi per la loro amica Manuela Cacco. Sono le pene inflitte poco fa dal Tribunale di Padova, con rito abbreviato, nei confronti dei tre imputati - l'uomo era l'ex fidanzato della vittima - dell'omicidio premeditato e l'occultamento di cadavere di Isabella Noventa, l'impiegata 55enne padovana scomparsa la notte tra il 15 e il 16 gennaio 2016, il cui corpo non è mai stato trovato.

20:15Boldrini, dico sì ad Europa, ma a condizione che cambi

(ANSA) - VENEZIA, 22 GIU - "All'Europa dico sì, ma a una condizione: che ci sia un reale cambiamento". Lo ha detto la presidente della Camera, Laura Boldrini, in occasione della presentazione del suo libro a Venezia. "Credo - ha spiegato - che ci sia oggi bisogno che l'Europa sia percepita come un'istituzione benigna, che protegge i cittadini e dà loro delle chance. Bisogna quindi lavorare sull'aspetto sociale dell'Europa, che deve essere più capace di mettere i cittadini al centro della propria azione". "Penso infatti - ha proseguito la presidente della Camera - che debba fare qualcosa che vada a vantaggio dei più bisognosi: ad esempio, immagino come un sussidio di disoccupazione europeo cambierebbe la percezione dell'Europa e porterebbe a dire che l'Europa dei diritti, affermando i principi che sono alla base del progetto europeo, non lascia indietro nessuno. Credo che ci siano buone speranze per portare avanti questo progetto europeo".

20:07Classifica ribaltata all’Audi sailing week-52 super series

(ANSA) - ROMA, 22 GIU - La 52 Super Series questa mattina si è ritrovata sulla linea di partenza alle 12.00 per disputare due regate a bastone - con un vento che ha oscillato tra i 10 - 12 nodi dai quadranti sud-orientali - previste per la seconda giornata dell'Audi Sailing Week - 52 Super Series, organizzata dello Yacht Club Costa Smeralda in collaborazione con il Title Sponsor Audi. Si porta al comando della classifica provvisoria Rán Racing, seguito a tre punti di distacco dal secondo classificato Bronenosec e Sled dietro di un solo punto. Con alle spalle una giornata difficile conclusa ai piani bassi, Quantum Racing, alla tattica il velista di America's Cup Terry Hutchinson, ha scalato oggi la classifica e, con un primo ed un terzo posto di giornata, si è posizionato sesto. Nella prima prova è partito lanciatissimo sul pin e ha dominato tutta la gara allungando costantemente le distanze sugli avversari mentre nella seconda prova ha avuto la meglio Rán Racing, con il tattico Adrian Sted, che ha così conquistato il vertice

20:04Terrorismo: espulso tunisino, apologia Isis su Facebook

(ANSA) - ROMA, 22 GIU - Con un provvedimento firmato dal ministro dell'Interno, Marco Minniti, è stata eseguita oggi l'espulsione di un 25enne tunisino, per motivi di sicurezza dello Stato. Il giovane, residente a Scicli (Rg), fa sapere il Viminale, è emerso all'attenzione delle forze di polizia nell'ambito dell'attività di ricerca informativa in relazione a due suoi connazionali, già espulsi il 14 aprile scorso, entrambi con decreto del ministro. Il tunisino frequentava la moschea di Donnalucata (Rg) e sul suo profilo Facebook presentava la sua immagine con la frase "io sto andando, è sicuro che non torno, quindi addio". Aveva, inoltre ripetutamente postato contenuti di propaganda jihadista ed immagini con riferimenti apologetici dello Stato Islamico. Con il rimpatrio di oggi, il 55/o del 2017, sono 187 i soggetti gravitanti in ambienti dell'estremismo religioso espulsi con accompagnamento nel proprio Paese dal 2015.

19:58Calcio: da giocatore a imprenditore,ecco convenzione Ics-Aic

(ANSA) - ROMA, 22 GIU - Una partnership consolidata quella tra l'Istituto per il Credito Sportivo e l'Associazione Italiana Calciatori che si rafforza maggiormente grazie a due importanti iniziative. Siglata infatti oggi da Damiano Tommasi, Presidente di Aic e Paolo D'Alessio, Commissario Straordinario dell'Istituto per il Credito Sportivo, la nuova convenzione triennale che consentirà ai calciatori che vogliono investire nell'impiantistica sportiva di usufruire di vantaggi e agevolazioni grazie ai Fondi Speciali gestiti dall'ICS: 5 milioni a tasso zero per mutui fino a 200.000 euro in 10 anni, su un plafond complessivo di 25 milioni di euro stanziato dal Credito Sportivo per dare un impulso importante all'imprenditorialità di settore. L'agevolazione è volta a favorire soprattutto gli ex atleti o atleti a fine carriera con massimo 45 anni di età, che abbiano disputato le principali competizioni internazionali o giocato nei maggiori campionati nazionali organizzati dalle rispettive Leghe

Archivio Ultima ora