Borges: “In Italia si è perfettamente italiani, in Venezuela si è perfettamente venezuelani”

Pubblicato il 17 aprile 2012 da redazione

NAPOLI – Il consolato Generale delle Repubblica Bolivariana del Venezuela a Napoli è situato in una delle vie più belle della città partenopea. Via De Pretis unisce infatti l’affollatissimo e popolato Corso Umberto allo storico Maschio Angioino, passato e modernità che confluiscono in un connubio di sobrietà all’interno degli uffici del Consolato. Stile antico e moderno si fondono creando un’atmosfera gradevole. Il personale, gentile e professionale ti fa sentire come a casa tua ed è in questo contesto che ci accoglie Bernardo Borges, ormai da quattro anni Console della Repubblica Bolivariana del Venezuela qui a Napoli.
Persona a modo, distinta e disponibile parla dell’importanza dell’emigrazione in Venezuela nel secolo scorso:
“Indubbiamente la migrazione del secolo scorso è stata importantissima per la società venezuelana. Soprattutto nel dopoguerra i flussi migratori hanno determinato la creazione di un nuovo Venezuela. Gli italiani hanno influito tantissimo nello sviluppo economico del paese, specializzati nello sviluppo edile hanno generato molta ricchezza nel paese. Ma è dal punto di vista sociale che gli italiani hanno lasciato un marchio indelebile nella società venezuelana: la visione della famiglia come struttura base della società”
La famiglia come valore è una risposta che fa intendere la qualità umane ed i valori sociali del Console Borges che riesce a trovare una geniale sfumatura della comunità italovenezuelana
“In Italia si è perfettamente italiani, in Venezuela si è perfettamente venezuelani. Questo è possibile grazie alle tantissime similitudini ed analogie tra i due paesi”.
Vien da pensare che un venezuelano in Italia si trova bene
“I cambiamenti sono davvero piccoli, rispetto al Venezuela l’adattamento in Italia è immediato. La comunità italo venezuelana ha sicuramente portato benessere in Venezuela, ma la ricchezza prodotta in Venezuela è visibile qui, soprattutto nel sud Italia radicandosi bene tanto da avere numerose comunità italo venezuelane tra cui a Corato, Marina di Camerota, Molfetta, Muoio della Civitella, Vallo di Diano e in provincia di Trapani.”
L’intreccio di storia e cultura tra i due paesi è evidente ed è chiaro che molti rappresentanti della comunità italo venezuelana hanno come obiettivo trascorrere una parte della propria vita in Italia
“Il flusso migratorio in Italia è sicuramente formato da una fascia di persone che ritornano per trascorrere una parte della propria vita nel luogo natio e di italo-venezuelani che tornano in Italia con la speranza di costruire qualcosa qui in Italia ed allontanarsi dal Venezuela.”
Ma i dati degli ultimi mesi sono eloquenti, si assiste ad un controesodo
“Puntualmente in molti ritornano. Il ritorno in Venezuela è dovuto a problemi economici. La situazione italiana è critica, la crisi ancora non si sta vivendo, si sta solo annunciando e la situazione sarà drammatica. Molti vanno via perché temono di perdere il loro status sociale.
L’esempio lampante di ciò che le sto raccontando viene dalla Signora Anna Miletti: ha liquidato un negozio di strumenti musicali in Via San Sebastiano dopo 70 anni di storia divisi in tre generazioni per trasferirsi a Santa Cruz de Aragua. Lì il marito è il proprietario della Inalcenca industria conserviera che produce un milione di lattine di pomodoro al giorno. Era triste. Ci disse che andava via perché ormai negli ultimi tre anni era arrivata a 200.000 Euro di perdite. Davvero un peccato era un negozio storico per Napoli.”
Napoli ed i napoletani, città e popolo sempre sotto pressione e bersagliato da facili giudizi qui in Italia, ma lei che idea ha in merito?
“Il meridione italiano è simile al Venezuela, le persone sono solari, hanno un gran cuore, paragonerei il napoletano al maracucho: popolo che vive di forti emozioni, disponibile, pronto a risollevarsi nei momenti difficili, di grande animo e cordialità. Napoli è una bella città, ci sono persone per bene e ho grandi amicizie, anche se è difficile adattarsi alla qualità della vita”.

Le differenze in questo senso si notano
“Quando le noti ti viene nostalgia del Venezuela. Per un venezuelano non c’è qualcosa nello specifico che manca, ciò che manca è proprio il Venezuela , le emozioni, il sentimento, il colore, insomma la patria.”
Dalle parole ai fatti, in questi anni il lavoro del consolato venezuelano è stato fondamentale per la comunità italovenezuelana a Napoli e nel Sud Italia. Da ricordare l’evento musicale del 28 novembre scorso. Il San Carlo di Napoli ha ospitato l’Orchestra Sinfonica del Venezuela Simon Bolivar, diretta dal maestro Matheuz e composto da 200 elementi punta dell’iceberg di una realtà che coinvolge più di 350.000 bambini e giovani in tutto il Venezuela. Dal 2007 nel Parco Virgiliano di Napoli è presente un busto di Simon Bolivar.
Centocinquantasei anni di storia per il Consolato Generale della Repubblica del Venezuela a Napoli, la statua concretizza il desiderio di molti venezuelani di poter ammirare attraverso la statua del Libertador l’energia, lo spirito di lotta per la giustizia, la morale e la speranza del nobile popolo napoletano.
L’Italia e il Venezuela si abbracciano tra storia e cultura, l’interscambio culturale e sociale è vivo ed intenso e si respira nel Consolato, in Via De Pretis, la strada che unisce la storia con la modernità.

Gennaro Buonocore

  • pietro

    E’ vero! L’italiano del sud è molto vicino al venezuelano sia per l’allegeria che per la musica. Mi chiedo come mai il titolo di studio conseguito in Venezuela non sia riconosciuto in Italia visto gli ottimi rapporti tra questi due stati.

Ultima ora

00:45Calcio: Europa League, l’Inter chiude con un 2-1 allo Sparta

(ANSA) - ROMA, 8 DIC - L'Inter saluta l'Europa con una vittoria, in un San Siro semivuoto per la protesta dei tifosi. Finisce 2-1 con lo Sparta Praga, che si qualifica ai sedicesimi con gli inglesi del Southampton (1-1 con il Beer Sheeva). Ma anche stasera, con una squadra con diversi giovani, la formazione di Pioli ha sofferto. In gol con Eder, su una bella azione costruita dal baby Pinamonti, i nerazzurri sono raggiunti a inizio ripresa da un colpo di testa di Marecek. Lo Sparta spreca l'occasione di andare in vantaggio su rigore, Carrizo netraulizza il tiro di Dockal. Nel finale, al 90', il gol vittoria ancora di Eder. Negli altri gironi, lo Standard Liegi non va oltre l'1-1 con l'Ajax, ai sedicesimi con gli olandesi passa il Celta Vigo (2-0 in casa del Panathinaikos).

00:43Grecia: annuncio Tsipras, una tantum per pensionati poveri

(ANSA) - ROMA, 8 DIC - Il premier greco Alexis Tsipras ha annunciato in tv che il governo spenderà 617 milioni di euro in 'una tantum' da versare ai pensionati con i redditi più bassi. Lo riferiscono i media ellenici. Tsipras ha ricordato che la decisione avviene dopo che la Grecia ha superato gli obiettivi di surplus primario per il 2016, "fedeli al nostro impegno a sostenere i più deboli". L'assegno interesserà 1,6 milioni di pensionati che guadagnano meno di 850 euro al mese. Il premier ha anche detto che non scatterà l'aumento dell'Iva per le isole del nord Egeo più colpite dalla crisi dei migranti. Il surplus primario greco nel 2016 ha raggiunto l'1,1% del Pil, contro lo 0,5% previsto dal piano di salvataggio. Tsipras ha salutato il via libera dato dall'Eurogruppo alle misure a breve termine sull'alleggerimento del debito ellenico, allo scopo di far riguadagnare al Paese l'accesso al mercato. Tra queste c'è una rimodulazione delle scadenze del debito con i fondi salva-Stati Efsf e Esm, e una riduzione degli interessi.

23:28Usa: è morto l’astronauta John Glenn

(ANSA) - WASHINGTON, 8 DIC - E' morto John Glenn, il primo astronauta americano ad andare in orbita intorno alla Terra. Per 24 anni ha poi rappresentato l'Ohio al Senato degli Stati Uniti. Aveva 95 anni.

22:38Calcio: la Roma fa 0-0 in casa Astra, Sassuolo-Genk rinviata

(ANSA) - ROMA, 8 DIC - La Roma chiude il girone di Europa League con uno 0-0 a Bucarest, in casa dell'Astra Giurgiu, che comunque festeggia: assicurato il primo posto per il giallorossi, il secondo va proprio alla squadra romena, in forza della sorprendente vittoria del Plzen che in casa rimonta due gol di svantaggio e batte 3-2 l'Austria Vienna. Sassuolo-Genk, l'altra partita di un'italiana, e' rinviata a domani per la nebbia fitta sullo stadio di Reggio Emilia. Va ai sedicesimi anche il Manchester United, grazie allo 0-2 firmato Mkhitaryan-Ibrahmovic in casa dello Zorya, ma secondo dietro il Fenerbahce. L'Anderlecht perde in casa 3-2 col St.Etienne che lo sorpassa al primo posto del girone, ma si consola con la qualificazione da seconda. Nel gruppo D, avanti Zenit e Az Alkmaar: lo scontro diretto va agli olandesi (3-2), e' la prima sconfitta dei russi che pero' conservano il primo posto

22:08Natale: acceso il presepe di Manarola, 200 figure di luce

(ANSA) - MANAROLA, 8 DIC - Compie 40 anni il presepe di Manarola che oggi si è acceso con le sue oltre 200 figure luminose sulla collina a picco sul mare più famosa delle Cinque Terre. La natività più grande del mondo ha attirato migliaia di persone per ammirare l'accensione e lo spettacolo pirotecnico. Ad accendere il presepe Mario Andreoli, 89 anni, ideatore della rappresentazione e che anche quest'anno ha partecipato personalmente sistemando gli angeli sopra la capanna. Alla cerimonia hanno preso parte anche la sindaco di Riomaggiore (Manarola è una frazione) Fabrizia Pecuani e il presidente del parco delle Cinque terre Vittorio Alessandro che hanno sottolineato come "il presepe di Mario racconti la storia del territorio e deve essere valorizzato anche in futuro". Presenti il presidente della Regione Giovanni Toti e gli assessori Ilaria Cavo e Giacomo Giamperdrone. Toti ha detto che "l'accensione del presepe è il primo avvenimento di Lamialiguria inverno. Sarà un Natale importante compatibilmente col momento difficile del paese con la crisi che non si risolve. Abbiamo stanziato risorse importanti per eventi che arrivano sino a gennaio", ha detto Toti. (ANSA).

22:07Cacciati da San Basilio, Raggi: nuova casa

(ANSA) - ROMA, 8 DIC - Per la famiglia di origine marocchina cacciata due giorni fa dalla casa assegnatagli a San Basilio è in arrivo un nuovo alloggio. Ad annunciarlo è la sindaca di Roma, Virginia Raggi, che oggi ha incontrato in Campidoglio Mourad, Fatia e i loro bambini. "L'accoglienza e il senso di comunità sono valori condivisi da tutti i romani - le parole della prima cittadina -. Sarà assegnata loro una nuova casa". Buone notizie dunque, dopo il "vergognoso episodio" - come l'ha definito la stessa sindaca - di due giorni fa nei palazzi popolari del quartiere alla periferia orientale della Capitale. Una protesta che ha costretto la famiglia a lasciare l'abitazione che gli sarebbe spettata di diritto. Abitazione che - come ha rivelato oggi l'assessore alle Politiche Sociali, Laura Baldassarre - sarebbe stata di nuovo occupata.

22:02Football Leaks: Ronaldo “Preoccupato? Chi non deve,non teme”

(ANSA) - ROMA, 8 DIC - "Ti sembro preoccupato? Chi non deve non teme". Così Cristiano Ronaldo ha risposto a un cronista di Rtp che gli ha chiesto lumi sulla vicenda 'Football Leaks' che lo vedrebbe coinvolto. La battuta, riportata dal quotidiano Marca, è arrivata nella zona mista del Bernabeu, dopo il match di Champions contro il Borussia Dortmund. Cristiano Ronaldo ha detto di non essere preoccupato dal dossier che lo accuserebbe di avere evaso 150 milioni di tasse, rispondendo con un sorriso: "Me ves preocupado? Quien no debe, no teme". L'asso portoghese, stando al dossier, sarebbe accusato di avere 'deviato' verso le Isole Vergini Britanniche, un paradiso fiscale nei Caraibi, proventi per 150 milioni relativi ai suoi diritti di immagine e che sarebbe sotto inchiesta per gli anni 2011/13.

Archivio Ultima ora