Borges: “In Italia si è perfettamente italiani, in Venezuela si è perfettamente venezuelani”

Pubblicato il 17 aprile 2012 da redazione

NAPOLI – Il consolato Generale delle Repubblica Bolivariana del Venezuela a Napoli è situato in una delle vie più belle della città partenopea. Via De Pretis unisce infatti l’affollatissimo e popolato Corso Umberto allo storico Maschio Angioino, passato e modernità che confluiscono in un connubio di sobrietà all’interno degli uffici del Consolato. Stile antico e moderno si fondono creando un’atmosfera gradevole. Il personale, gentile e professionale ti fa sentire come a casa tua ed è in questo contesto che ci accoglie Bernardo Borges, ormai da quattro anni Console della Repubblica Bolivariana del Venezuela qui a Napoli.
Persona a modo, distinta e disponibile parla dell’importanza dell’emigrazione in Venezuela nel secolo scorso:
“Indubbiamente la migrazione del secolo scorso è stata importantissima per la società venezuelana. Soprattutto nel dopoguerra i flussi migratori hanno determinato la creazione di un nuovo Venezuela. Gli italiani hanno influito tantissimo nello sviluppo economico del paese, specializzati nello sviluppo edile hanno generato molta ricchezza nel paese. Ma è dal punto di vista sociale che gli italiani hanno lasciato un marchio indelebile nella società venezuelana: la visione della famiglia come struttura base della società”
La famiglia come valore è una risposta che fa intendere la qualità umane ed i valori sociali del Console Borges che riesce a trovare una geniale sfumatura della comunità italovenezuelana
“In Italia si è perfettamente italiani, in Venezuela si è perfettamente venezuelani. Questo è possibile grazie alle tantissime similitudini ed analogie tra i due paesi”.
Vien da pensare che un venezuelano in Italia si trova bene
“I cambiamenti sono davvero piccoli, rispetto al Venezuela l’adattamento in Italia è immediato. La comunità italo venezuelana ha sicuramente portato benessere in Venezuela, ma la ricchezza prodotta in Venezuela è visibile qui, soprattutto nel sud Italia radicandosi bene tanto da avere numerose comunità italo venezuelane tra cui a Corato, Marina di Camerota, Molfetta, Muoio della Civitella, Vallo di Diano e in provincia di Trapani.”
L’intreccio di storia e cultura tra i due paesi è evidente ed è chiaro che molti rappresentanti della comunità italo venezuelana hanno come obiettivo trascorrere una parte della propria vita in Italia
“Il flusso migratorio in Italia è sicuramente formato da una fascia di persone che ritornano per trascorrere una parte della propria vita nel luogo natio e di italo-venezuelani che tornano in Italia con la speranza di costruire qualcosa qui in Italia ed allontanarsi dal Venezuela.”
Ma i dati degli ultimi mesi sono eloquenti, si assiste ad un controesodo
“Puntualmente in molti ritornano. Il ritorno in Venezuela è dovuto a problemi economici. La situazione italiana è critica, la crisi ancora non si sta vivendo, si sta solo annunciando e la situazione sarà drammatica. Molti vanno via perché temono di perdere il loro status sociale.
L’esempio lampante di ciò che le sto raccontando viene dalla Signora Anna Miletti: ha liquidato un negozio di strumenti musicali in Via San Sebastiano dopo 70 anni di storia divisi in tre generazioni per trasferirsi a Santa Cruz de Aragua. Lì il marito è il proprietario della Inalcenca industria conserviera che produce un milione di lattine di pomodoro al giorno. Era triste. Ci disse che andava via perché ormai negli ultimi tre anni era arrivata a 200.000 Euro di perdite. Davvero un peccato era un negozio storico per Napoli.”
Napoli ed i napoletani, città e popolo sempre sotto pressione e bersagliato da facili giudizi qui in Italia, ma lei che idea ha in merito?
“Il meridione italiano è simile al Venezuela, le persone sono solari, hanno un gran cuore, paragonerei il napoletano al maracucho: popolo che vive di forti emozioni, disponibile, pronto a risollevarsi nei momenti difficili, di grande animo e cordialità. Napoli è una bella città, ci sono persone per bene e ho grandi amicizie, anche se è difficile adattarsi alla qualità della vita”.

Le differenze in questo senso si notano
“Quando le noti ti viene nostalgia del Venezuela. Per un venezuelano non c’è qualcosa nello specifico che manca, ciò che manca è proprio il Venezuela , le emozioni, il sentimento, il colore, insomma la patria.”
Dalle parole ai fatti, in questi anni il lavoro del consolato venezuelano è stato fondamentale per la comunità italovenezuelana a Napoli e nel Sud Italia. Da ricordare l’evento musicale del 28 novembre scorso. Il San Carlo di Napoli ha ospitato l’Orchestra Sinfonica del Venezuela Simon Bolivar, diretta dal maestro Matheuz e composto da 200 elementi punta dell’iceberg di una realtà che coinvolge più di 350.000 bambini e giovani in tutto il Venezuela. Dal 2007 nel Parco Virgiliano di Napoli è presente un busto di Simon Bolivar.
Centocinquantasei anni di storia per il Consolato Generale della Repubblica del Venezuela a Napoli, la statua concretizza il desiderio di molti venezuelani di poter ammirare attraverso la statua del Libertador l’energia, lo spirito di lotta per la giustizia, la morale e la speranza del nobile popolo napoletano.
L’Italia e il Venezuela si abbracciano tra storia e cultura, l’interscambio culturale e sociale è vivo ed intenso e si respira nel Consolato, in Via De Pretis, la strada che unisce la storia con la modernità.

Gennaro Buonocore

  • pietro

    E’ vero! L’italiano del sud è molto vicino al venezuelano sia per l’allegeria che per la musica. Mi chiedo come mai il titolo di studio conseguito in Venezuela non sia riconosciuto in Italia visto gli ottimi rapporti tra questi due stati.

Ultima ora

14:49Investì e uccise uomo, ma non era positivo a test droga

(ANSA) - MANFREDONIA (FOGGIA), 28 FEB - Investì con l'auto un uomo che camminava sul ciglio della strada, il quale morì sul colpo, ma non era sotto l'effetto di sostanze stupefacenti. Inoltre nel causare l'investimento ci fu un concorso di colpa perché la vittima camminava al buio sul ciglio della strada nello stesso senso di marcia dell'autovettura che la investì e non, come dice la legge, nel senso opposto, qualora non vi siano banchine o marciapiedi. L'investitore procedeva invece a velocità superiore ai 50 chilometri orari previsti dalla legge. E' quanto ha stabilito il gup del tribunale di Foggia Elena Carusillo, in relazione ad un investimento mortale che si è verificato il 24 giugno 2016, lungo la sp 141 che collega Zapponeta a Manfredonia, nel Foggiano. La sentenza, riferisce il difensore dell'automobilista, l'avvocato Michele Cianci, chiarisce che l'investitore, Pasquale Vurro, non era sotto l'effetto di stupefacenti. Il gup lo ha condannato ad otto mesi per omicidio colposo con sospensione della pena.

14:48Camorra: esponente clan Bidognetti voleva uccidere pm

(ANSA) - CASERTA, 28 FEB - Avrebbe manifestato il chiaro intento di uccidere il sostituto procuratore della Dda Cesare Sirignano (oggi in forza alla Direzione Nazionale Antimafia, ndr) il 34enne Nicola Russo, ritenuto esponente del clan dei Casalesi, arrestato oggi dalla Squadra Mobile di Caserta nell' ambito di un'indagine della Dda di Napoli che ha coinvolto in totale nove persone, accusate di far parte di un gruppo legato alla famiglia Bidognetti. Famiglia nel cui interesse Russo - secondo l'accusa della Dda di Napoli - avrebbe gestito tra agosto e novembre 2015 gli affari illeciti nel comune di Castel Volturno. L'intenzione emerge da un'intercettazione ambientale captata durante le indagini in cui Russo farebbe un chiaro riferimento al pm che allora indagava proprio sugli affari del clan sul litorale tra Castel Volturno e Mondragone; tra l'altro la Mobile ha sequestrato a Russo anche una mitraglietta.

14:46F1: Marchionne, non so se vinciamo Mondiale

(ANSA) - MODENA, 28 FEB - "Ottimisti? Sì, ma non so se vincerà il campionato". Sergio Marchionne parla così delle aspettative che quest'anno il Cavallino potrebbe realizzare nel mondiale di F1. L'ad e presidente di Ferrari, accompagnato dai vicepresidenti John Elkann e Piero Ferrari, questa mattina a Modena ha inaugurato la mostra 'Driving with the stars' al Museo Enzo Ferrari. "Ma non ci dobbiamo vergognare quest'anno, ed è importante". Infine un commento sugli eventi che quest'anno celebreranno il settantesimo dalla nascita della Ferrari: "Il 2017? Tanti eventi, sì. Ma vorrei festeggiare anche in F1", ha aggiunto Marchionne.

14:43Pm chiede giudizio immediato per Marra e Scarpellini

(ANSA) - ROMA, 28 FEB - Richiesta di giudizio immediato per Raffaele Marra, ex capo del personale del Campidoglio, e per Sergio Scarpellini, immobiliarista, arrestati il 16 dicembre scorso nell'ambito di un'inchiesta della procura di Roma su una presunta corruzione per funzione. A firmare il provvedimento il procuratore aggiunto Paolo Ielo ed il sostituto Barbara Zuin. La vicenda in cui sono coinvolti i due indagati è quello dei 370 mila euro dati da Scarpellini all'ex braccio destro della sindaca Virginia Raggi per l'acquisto di un appartamento nella zona dei Prati Fiscali. Per gli inquirenti quella dazione era finalizzata a far ottenere favori a Scarpellini alla luce della posizione occupata da Marra in Campidoglio. Entrambi gli indagati (Marra è sempre a Regina Coeli, mentre Scarpellini è detenuto presso il domicilio) hanno respinto l'accusa sostenendo che la somma di danaro oggetto di contestazione costituisse un semplice prestito.

14:40Comune Treviso licenzia dipendente ‘assenteista’

(ANSA) - TREVISO, 28 FEB - E' stato licenziato un dipendente comunale a Treviso che era già stato sospeso perché durante l'orario di lavoro in più occasioni si recava in palestra o ritornava a casa. "Siamo andati fino in fondo - ha detto il sindaco Giovanni Manildo, commentando il provvedimento - perché è giusto che chi sbaglia paghi. Soprattutto, torno a ripeterlo, per tutti quei dipendenti del nostro Comune che lavorano con grande passione e spirito di sacrificio". Il dipendente, considerato recidivo perché già sospeso in passato dall'attività lavorativa per sei mesi, è stato seguito dagli agenti della polizia locale per diversi mesi dall'estate del 2016. In otto occasioni su dieci si è potuto accertare come durante l'orario di lavoro si recasse in palestra o a casa. Sospeso dal servizio come previsto dal decreto Madia, insieme alla denuncia per truffa l'uomo è stato denunciato anche alla Corte dei Conti per danno all'immagine. Dopo l'audizione dell'uomo, con il suo legale, l'amministrazione ha deciso il licenziamento.

14:32DJ Fabo: Gentiloni, il confronto parlamentare è doveroso

(ANSA) - MILANO, 28 FEB - "Mi sento colpito dalla vicenda come tutti i nostri concittadini": così a Milano il premier Paolo Gentiloni ha commentato la morte di Dj Fabo. "Il Governo - ha aggiunto - guarda con rispetto al confronto parlamentare che c'è e credo sia doveroso e interpella le coscienze dei singoli parlamentari". "Certo - ha precisato - la legge allo studio riguarda "il testamento biologico, non l'eutanasia".

14:29Ue: Kaczynski, Tusk non avrà l’appoggio della Polonia

(ANSA) - VARSAVIA, 27 FEB - Donald Tusk non può contare sull'appoggio del governo di Varsavia per la sua rielezione alla presidenza del Consiglio Ue. Lo ha detto oggi Jaroslaw Kaczynski, il leader del partito populista Diritto e giustizia (Pis) al governo. Tusk, secondo lui, starebbe "violando le regole fondamentali dell'Ue". In particolare, ha affermato Kaczynski, "quella della neutralità in riferimento ai problemi interni dei Paesi membri". "Perciò Tusk non può assolutamente contare sul nostro appoggio", ha concluso Kaczynski. Il mandato di Tusk scade a maggio.

Archivio Ultima ora