Borges: “In Italia si è perfettamente italiani, in Venezuela si è perfettamente venezuelani”

Pubblicato il 17 aprile 2012 da redazione

NAPOLI – Il consolato Generale delle Repubblica Bolivariana del Venezuela a Napoli è situato in una delle vie più belle della città partenopea. Via De Pretis unisce infatti l’affollatissimo e popolato Corso Umberto allo storico Maschio Angioino, passato e modernità che confluiscono in un connubio di sobrietà all’interno degli uffici del Consolato. Stile antico e moderno si fondono creando un’atmosfera gradevole. Il personale, gentile e professionale ti fa sentire come a casa tua ed è in questo contesto che ci accoglie Bernardo Borges, ormai da quattro anni Console della Repubblica Bolivariana del Venezuela qui a Napoli.
Persona a modo, distinta e disponibile parla dell’importanza dell’emigrazione in Venezuela nel secolo scorso:
“Indubbiamente la migrazione del secolo scorso è stata importantissima per la società venezuelana. Soprattutto nel dopoguerra i flussi migratori hanno determinato la creazione di un nuovo Venezuela. Gli italiani hanno influito tantissimo nello sviluppo economico del paese, specializzati nello sviluppo edile hanno generato molta ricchezza nel paese. Ma è dal punto di vista sociale che gli italiani hanno lasciato un marchio indelebile nella società venezuelana: la visione della famiglia come struttura base della società”
La famiglia come valore è una risposta che fa intendere la qualità umane ed i valori sociali del Console Borges che riesce a trovare una geniale sfumatura della comunità italovenezuelana
“In Italia si è perfettamente italiani, in Venezuela si è perfettamente venezuelani. Questo è possibile grazie alle tantissime similitudini ed analogie tra i due paesi”.
Vien da pensare che un venezuelano in Italia si trova bene
“I cambiamenti sono davvero piccoli, rispetto al Venezuela l’adattamento in Italia è immediato. La comunità italo venezuelana ha sicuramente portato benessere in Venezuela, ma la ricchezza prodotta in Venezuela è visibile qui, soprattutto nel sud Italia radicandosi bene tanto da avere numerose comunità italo venezuelane tra cui a Corato, Marina di Camerota, Molfetta, Muoio della Civitella, Vallo di Diano e in provincia di Trapani.”
L’intreccio di storia e cultura tra i due paesi è evidente ed è chiaro che molti rappresentanti della comunità italo venezuelana hanno come obiettivo trascorrere una parte della propria vita in Italia
“Il flusso migratorio in Italia è sicuramente formato da una fascia di persone che ritornano per trascorrere una parte della propria vita nel luogo natio e di italo-venezuelani che tornano in Italia con la speranza di costruire qualcosa qui in Italia ed allontanarsi dal Venezuela.”
Ma i dati degli ultimi mesi sono eloquenti, si assiste ad un controesodo
“Puntualmente in molti ritornano. Il ritorno in Venezuela è dovuto a problemi economici. La situazione italiana è critica, la crisi ancora non si sta vivendo, si sta solo annunciando e la situazione sarà drammatica. Molti vanno via perché temono di perdere il loro status sociale.
L’esempio lampante di ciò che le sto raccontando viene dalla Signora Anna Miletti: ha liquidato un negozio di strumenti musicali in Via San Sebastiano dopo 70 anni di storia divisi in tre generazioni per trasferirsi a Santa Cruz de Aragua. Lì il marito è il proprietario della Inalcenca industria conserviera che produce un milione di lattine di pomodoro al giorno. Era triste. Ci disse che andava via perché ormai negli ultimi tre anni era arrivata a 200.000 Euro di perdite. Davvero un peccato era un negozio storico per Napoli.”
Napoli ed i napoletani, città e popolo sempre sotto pressione e bersagliato da facili giudizi qui in Italia, ma lei che idea ha in merito?
“Il meridione italiano è simile al Venezuela, le persone sono solari, hanno un gran cuore, paragonerei il napoletano al maracucho: popolo che vive di forti emozioni, disponibile, pronto a risollevarsi nei momenti difficili, di grande animo e cordialità. Napoli è una bella città, ci sono persone per bene e ho grandi amicizie, anche se è difficile adattarsi alla qualità della vita”.

Le differenze in questo senso si notano
“Quando le noti ti viene nostalgia del Venezuela. Per un venezuelano non c’è qualcosa nello specifico che manca, ciò che manca è proprio il Venezuela , le emozioni, il sentimento, il colore, insomma la patria.”
Dalle parole ai fatti, in questi anni il lavoro del consolato venezuelano è stato fondamentale per la comunità italovenezuelana a Napoli e nel Sud Italia. Da ricordare l’evento musicale del 28 novembre scorso. Il San Carlo di Napoli ha ospitato l’Orchestra Sinfonica del Venezuela Simon Bolivar, diretta dal maestro Matheuz e composto da 200 elementi punta dell’iceberg di una realtà che coinvolge più di 350.000 bambini e giovani in tutto il Venezuela. Dal 2007 nel Parco Virgiliano di Napoli è presente un busto di Simon Bolivar.
Centocinquantasei anni di storia per il Consolato Generale della Repubblica del Venezuela a Napoli, la statua concretizza il desiderio di molti venezuelani di poter ammirare attraverso la statua del Libertador l’energia, lo spirito di lotta per la giustizia, la morale e la speranza del nobile popolo napoletano.
L’Italia e il Venezuela si abbracciano tra storia e cultura, l’interscambio culturale e sociale è vivo ed intenso e si respira nel Consolato, in Via De Pretis, la strada che unisce la storia con la modernità.

Gennaro Buonocore

  • pietro

    E’ vero! L’italiano del sud è molto vicino al venezuelano sia per l’allegeria che per la musica. Mi chiedo come mai il titolo di studio conseguito in Venezuela non sia riconosciuto in Italia visto gli ottimi rapporti tra questi due stati.

Ultima ora

10:07Abbigliamento contraffatto venduto sul web, otto denunce

(ANSA) - TORINO, 24 OTT - La guardia di finanza di Ivrea ha denunciato otto persone, residenti in Canavese, per contraffazione, alterazione o uso di marchi o segni distintivi. Gli investigatori, coordinati dalla procura eporediese, hanno individuato una serie di soggetti che acquistavano e rivendevano capi di abbigliamento ed accessori appartenenti a note griffe della moda contraffatti, attraverso un noto social network. I canali di approvvigionamento della merce erano dislocati in varie regioni d'Italia. Otto le perquisizioni eseguite nelle case di altrettanti venditori di nazionalità italiana e oltre 600 i capi di abbigliamento e gli accessori contraffatti sequestrati, per un valore di mercato di oltre 30mila euro. Veri e propri appartamenti-magazzino nei quali erano stoccate le merci ordinate, in attesa di essere piazzate ai clienti.(ANSA).

10:06Sicurezza: cominciato vertice bis Balcani a Trieste

(ANSA) - TRIESTE, 24 OTT - Lotta alla criminalità organizzata, al traffico di droga, di esseri umani e terrorismo sono gli argomenti che verranno trattati nel corso di incontri bilaterali prima e di una sessione plenaria dopo, della conferenza conclusiva del progetto IPA Balcani 2013, sulla sicurezza, cominciata in Prefettura poco prima delle nove. Al vertice partecipa il ministro dell'Interno Marco Minniti e gli omologhi ministri di sei Paesi balcanici non facenti parte dell'Ue (Albania, Bosnia Erzegovina, Kosovo, Macedonia, Montenegro, Serbia), vertici delle polizie, rappresentanti delle istituzioni europee, diplomatici. L'incontro segue un analogo vertice tenutosi sempre a Trieste in luglio, cui parteciparono anche primi ministri di vari Paesi.

10:02Violenza sessuale: Cc,arrestato sanitario ospedale Cattolica

(ANSA) - BOLOGNA, 24 OTT - La scorsa notte i Carabinieri della Compagnia di Riccione, a compimento di un'indagine condotta sotto la direzione della Procura della Repubblica di Rimini, hanno notificato un'ordinanza di custodia cautelare a un operatore socio-sanitario 66enne servizio all'ospedale di Cattolica, nel Riminese, "ritenuto responsabile di un episodio di violenza sessuale avvenuto all'interno della struttura sanitaria ai danno di una giovane paziente". E' quanto si legge in una nota dell'Arma. Ulteriori particolari saranno illustrati alle 11 in una conferenza stampa presso la sede del Comando Provinciale Carabinieri di Rimini.(ANSA).

09:09Cina: Xi Jinping nella Costituzione del Pcc

(ANSA) - PECHINO, 24 OTT - Le teorie e il nome di di Xi Jinping, segretario generale del Partito comunista cinese, sono state iscritte nella costituzione del Pcc insieme al suo nome. In questo modo, Xi raggiunge i "padri nobili" Mao Zedong e Deng Xiaoping. Lo ha deciso il 19/mo congresso del Pcc, che si è appena chiuso.

09:07Siria: tv Stato, raid aereo su Dayr Zor, almeno 14 morti

(ANSAmed) - BEIRUT, 24 OTT - E' di almeno 14 uccisi e oltre 30 feriti il bilancio di raid aerei effettuati nella notte sulla città siriana di Dayr az Zor, in parte ancora controllata dallo 'Stato islamico'. Lo riferisce la tv di Stato siriana attribuendo i bombardamenti alla Coalizione anti-Isis, che tuttavia smentisce parlando di "falsità". L'emittente afferma che i raid hanno colpito il quartiere di Qusur, nella parte controllata dalle forze governative siriane.

08:39Cina: Xi, futuro radioso e senso responsabilità

(ANSA) - PECHINO, 24 OTT - Il popolo e la nazione cinesi "hanno un luminoso futuro davanti. In questo grande momento, ci sentiamo più fiduciosi e orgogliosi e,allo stesso tempo, avvertiamo un forte senso di responsabilità". Lo ha detto Xi Jinping, segretario generale del Partito comunista cinese e presidente della Repubblica popolare, chiudendo i lavori del 19/mo congresso del Pcc. Tra gli applausi, i leader si sono scambiati le prime strette di mano.

00:04Calcio: Cristiano Ronaldo premiato come miglior giocatore

(ANSA) - ROMA, 23 OTT - Cristiano Ronaldo ha ricevuto il Best Fifa Awards come miglior giocatore della scorsa stagione, nel corso della cerimonia di premiazione svoltasi a Londra. La stella del Real Madrid e della nazionale portoghese, vincitore dell'ultima edizione della Champions League, ha battuto la concorrenza di altri due 'marziani' del calcio come Neymar (da questa stagione al Psg) e Messi (Barcellona). Il premio come miglior allenatore è andato al tecnico del Real Madrid, Zinedine Zidane, che ha superato due tecnici italiani: Massimiliano Allegri ed Antonio Conte, vincitori rispettivamente del campionato italiano con la Juventus e della Premier inglese con il Chelsea.

Archivio Ultima ora