Bucchino e Fedi (Pd): «Distrazioni italiane verso i pensionati all’estero»

Pubblicato il 18 aprile 2012 da redazione

ROMA – “Due “distrazioni” tutte italiane umiliano e penalizzano migliaia di pensionati residenti all’estero, nell’indifferenza di coloro che a livello di Governo, di Parlamento e di forze sociali dovrebbero provvedere”. Questa la denuncia di Gino Bucchino e Marco Fedi, deputati Pd eletti rispettivamente in Nord America e in Australia.
“La prima – chiariscono – è la prestazione dell’importo aggiuntivo che spetta per legge e che invece non viene pagata da oltre dieci anni a oltre 8.000 pensionati italiani residenti all’estero, in gran parte in America Latina. Sull’importo aggiuntivo di 154 euro sulla tredicesima mensilità negato dal 2001, abbiamo già fatto e detto tutto, compreso un esposto alla procura della Repubblica. Tutto inutile. La seconda è la richiesta da parte dell’Inps a migliaia di pensionati italiani residenti all’estero di restituire somme, spesso anche molto elevate, che essi hanno riscosso senza aver commesso alcun dolo e nella stragrande maggioranza dei casi in totale buona fede”.
“Al grave errore dell’Inps – denunciano i due parlamentari – non si è voluto porre rimedio. Sarebbero bastati un po’ di ricorsi e alla fine la giustizia avrebbe dato ragione ai pensionati. E non ci risulta che gli enti preposti si siano mossi in questo senso. Saremmo felici, naturalmente, di essere smentiti. Sulla sanatoria degli indebiti pensionistici si è sviluppata la solita commedia all’italiana: tutti d’accordo – Governo, partiti, patronati, Inps – ma il Parlamento non ha potuto, o voluto, adottare una legge risolutiva. Alla faccia di 50.000 e più emigrati disagiati che stanno restituendo somme percepite solo per gli errori e i ritardi dell’Inps. Migliaia di pensionati italiani emigrati defraudati di un loro diritto e colpiti per l’inefficienza o gli errori delle istituzioni. Tutto questo perché sono mancati il coraggio e la determinazione anche da parte di chi si è riempito la bocca per anni, anzi per interi decenni, di parole a difesa degli italiani all’estero”.
“È questa – sottolineano – la ragione per cui le nostre iniziative (proposte di legge, emendamenti, interrogazioni), volte a ripristinare legalità e giustizia finora non hanno sortito effetto. Evidentemente, i gruppi parlamentari di maggior peso, compreso quello al quale apparteniamo, non le ritengono meritevoli di impegno. Sulla stessa linea possono essere collocate le blande e a volte evanescenti prese di posizione da parte degli enti e delle organizzazioni di rappresentanza dei lavoratori e pensionati italiani emigrati. Essi, infatti, non solo si sono dimostrati inefficaci ma dimostrano altresì scarsa consapevolezza della rilevanza sociale dei problemi di cui parliamo e distacco da tutto ciò che riguarda realtà lontane e politicamente poco rilevanti. Eludendo i diritti e gli impegni più importanti verso i nostri cittadini, si colpisce anche la Circoscrizione estero che non ha potuto realizzare l’auspicato salto di qualità del potere contrattuale degli italiani nel mondo, svigoriti dalle distanze, dalla loro tormentata storia ma anche dalle politiche nei loro confronti e dalla natura meramente consultiva degli organismi di rappresentanza”.
“Sul riconoscimento dei diritti degli italiani nel mondo – argomentano i due deputati – sappiamo quanto abbiano pesato lo stato attuale dell’economia, la situazione politica e i processi di involuzione civile e culturale di questi ultimi 20 anni. Tuttavia, l’impressione più amara è che per le classi dirigenti e per la stessa opinione pubblica l’emigrazione, più che una risorsa, come non si stancano di ripetere i nostri leader ogni volta che vanno all’estero, in realtà è una presenza secondaria e residuale, nonostante la ripresa dei flussi e l’alto livello di mobilità dei nostri giovani. Eppure – concludono – un segnale a questa altra Italia si potrebbe e si dovrebbe dare intervenendo sui problemi concreti, che non sono quelli dei professionisti dell’emigrazione, ma quelli che toccano interessi diretti, come le pensioni, l’assistenza, le tasse, la lingua e la cultura italiane, la sanità, i servizi consolari”.

Ultima ora

15:52Champions: Malagò, poteva andare peggio

(ANSA) - ROMA, 11 DIC - "I sorteggi di Champions? Ora gli allenatori (Allegri e Di Francesco, ndr) diranno, come è giusto che sia, che serve la massima cautela, ma mi sembra che poteva andare peggio. Non ci si può lamentare". Lo dice il presidente del Coni, Giovanni Malagò, a margine della presentazione della partnership di Coni e Comitato Paralimpico con la Toyota avvenuta a Roma, commentando i sorteggi degli ottavi di finale di Champions League, che vedono la Juventus affrontare gli inglesi del Tottenham e la Roma gli ucraini dello Shakhtar Donetsk.

15:49Champions: la carica di Di Francesco

(ANSA) - ROMA, 11 DIC - "Lo Shakhtar Donetsk è una squadra forte, che ha saputo qualificarsi attraverso un girone molto difficile. Noi abbiamo lottato per guadagnarci questi ottavi, ce la metteremo tutta per continuare il nostro cammino. Forza Roma!". Questo il commento, via Twitter, del tecnico Eusebio Di Francesco dopo l'accoppiamento negli ottavi di Champions League tra la Roma e la formazione ucraina. La Roma in passato ha incrociato già lo Shakhtar nella massima competizione europea. Nel 2006 le due squadre si affrontarono nella fase a gironi (vittoria dei giallorossi per 4-0 all'Olimpico e sconfitta per 1-0 a Donetsk), mentre nel 2011 si sfidarono negli ottavi con due sconfitte per la Roma (2-3 e 3-0) e conseguente eliminazione.

15:44++ New York, esplosione a stazione bus Manhattan ++

(ANSA) - ROMA, 11 DIC - Un'esplosione è avvenuta a Port Authority, la stazione centrale dei bus a New York. La polizia e i vigili del fuoco sono sul posto, secondo i media americani, che riferiscono di scene di panico.

15:43Europa League: il quadro dei 16/i di finale

(ANSA) - ROMA, 11 DIC - Il quadro dei sedicesimi di finale di Europa League dopo il sorteggio di Nyon (andata 15 febbraio 2018, ritorno 22 febbraio): Borussia Dortmund-Atalanta; Nizza-Lokomotiv Mosca; Copenaghen-Atletico Madrid; Spartak Mosca-Athletic Bilbao; Aek Atene-Dinamo Kiev; Celtic-Zenit San Pietroburgo; Napoli-Lipsia; Stella Rossa-Cska Mosca; Lione-Villarreal; Real Sociedad-Salisburgo; Partizan-Viktoria Plzen; Steaua Bucarest-Lazio; Ludogorets-Milan; Astana-Sporting Lisbona; Ostersunds-Arsenal; Sporting Braga-Marsiglia.

15:42Avvelenati tallio: killer ha usato acqua minerale

(ANSA)- MONZA, 11 DIC - Avrebbe utilizzato l'acqua minerale per avvelenare i suoi familiari Mattia Del Zotto, il 27 enne di Nova Milanese (Monza), reo confesso di aver ucciso volontariamente i nonni paterni e una zia e di aver tentato di uccidete i nonni materni, due zii e la badante, perché "soggetti impuri". È quanto emerso stamane dall'interrogatorio di garanzia reso dal giovane al Gip Federica Centonze sabato mattina in carcere a Monza. Le indagini della Procura di Monza si concentrano quindi sulle bottiglie a cui il giovane aveva accesso nella cantina comune della palazzina dove vive tutta la sua famiglia a Nova. Il veleno, senza sapore o odore, potrebbe essere inoltre stato inserito dal giovane anche in alcuni integratori destinati ai nonni materni e ad un infuso alle ortiche.

15:19Violenza sessuale: aggrediva minorenni, va ai domiciliari

(ANSA) - MILANO, 11 DIC - Un uomo di 50 anni, con una vecchia condanna per reati sessuali, è stato arrestato dai carabinieri di Milano con l'accusa di violenza e atti sessuali su minori nei confronti di tre ragazzine di 7, 12 e 13 anni. L'uomo, secondo quanto spiegato, le individuava a caso, per strada, e le seguiva negli androni quando rientravano a casa da scuola. Le avvicinava fulmineamente, le palpeggiava e scappava. I carabinieri lo hanno individuato dopo sei mesi di indagine dal primo caso, avvenuto ad aprile (gli altri due a maggio e ad agosto) e dopo altri sei mesi l'autorità giudiziaria ha emesso un'ordinanza che ha posto l'uomo, impiegato amministrativo, sposato e con figli, ai domiciliari. Al vaglio degli investigatori dell'Arma, però, ci sarebbero in totale una ventina di episodi. A indagare sui casi sono stati i carabinieri della stazione San Cristoforo, che incrociando telecamere e tabulati sono arrivati a uno scooter, guidato dall'uomo poi raggiunto dall'ordinanza mentre si trovava a lavoro.

15:17Maltempo: Umbria, tanti interventi per problemi vento

(ANSA) - PERUGIA, 11 DIC - Sono oltre un centinaio gli interventi nei quali sono impegnati i vigili del fuoco in quasi tutta l'Umbria a causa dei danni provocati dal forte vento. Al momento non vengono comunque segnalati problemi particolari. In provincia di Perugia gli interventi, più di un centinaio, riguardano rami e alberi caduti, danni ai tetti, ai cartelloni pubblicitari divelti dal vento ma anche a pali della luce. I vigili del fuoco del comando provinciale sono impegnati con tutte le squadre disponibili. Situazione analoga in provincia di Terni dove sono decine gli interventi, soprattutto a Terni e in periferia. (ANSA).

Archivio Ultima ora