MY WAY: Social network e capelloni

Pubblicato il 18 aprile 2012 da redazione

Credo sia difficile che il nome Instagram possa dire qualcosa a molti di voi: probabilmente, il nome non vi dice assolutamente nulla. Qualcuno tra i più creativi potrá pensare, ad esempio, che il termine sia la traduzione inglese della parola italiana ‘istogramma’, che pur non sapendo, magari, cosa vuol dire, ci fa associare il tutto ad una rappresentazione grafica di un’analisi di tipo matematico o qualcosa del genere. Prima di svelare l’arcano vi posso dire che Instagram vale ben mille milioni di dollari: non male per un qualcosa dal nome cosí insulso all’apparenza. In realtá Instagram è una societá privata americana, con appena tredici impiegati, che è stata recentemente aquisita dal giovane colosso dei social network Facebook (questo sì lo conosciamo tutti!), per la cifra sopra menzionata. Per i più curiosi, prima che l’altrettanto famoso Google ci indirizzi verso la risposta corretta, si tratta di una societá che ha creato un’applicazione software per gestire le fotografie scattate con l’iphone, il telefonino intelligente tuttofare.
L’aspetto interessante, al di lá di quello commerciale, è rappresentato dalla grandissima importanze che hanno oggigiorno i social networks capaci, non a caso e in pochi anni, di creare aziende multimilionarie. Questo perché tutti hanno capito quanto sia importante creare piattaforme che permettano di interagire, comunicare e trasmettere messaggi attraverso i social networks. Il modo di comunicare e di relazionarsi tra gli individui è profondamente cambiato da circa dieci anni a questa parte. Ciò fa sì che un social network sia un luogo di ritrovo più importante di una qualsiasi piazza mondiale, sia essa piazza di Spagna a Roma o Times Square a New York. L’utente di Facebook, la ‘rete sociale’ per antonomasia, non vi accede per cercare informazioni specifiche ma con la stessa attitudine con la quale una persona di un qualunque paesino italiano si reca in piazza per dare un’occhiata in giro e ‘vedere un pò cosa si dice’. A livello psicologico il processo è esattamente lo stesso, con la differenza che la piattaforma virtuale del social network ci permette di interagire con un numero infinitamente più elevato di persone, senza limiti di tempo e, contemporaneamente, da spettatore indiscreto o da persona direttamente coinvolta in un breve scambio di battute. Questo le aziende tecnologiche lo hanno capito molto bene, per cui qualsiasi cosa (tecnicamente ‘applicazione’) che sia volta a rendere la piazza virtuale più bella, attraente per gli utenti, conferisce all’azienda che la produce un enorme valore di mercato. Chi non lo capisce è fuori, anche se si tratta di colossi come Yahoo o Sony, non a caso in forte declino: la prima licenzierá duemila impiegati di un sol colpo (pari al 14% del totale), la seconda ha annunciato perdite per cinquemila milioni di dollari ed un piano di rilancio che prevede il licenziamento di diecimila posti di lavoro (il 6% del totale). Al contrario, Twitter, non a caso un altro social network, è in forte crescita e sta aprendo filiali in Gran Bretagna e negli Stati Uniti.
L’impatto socialmente rivoluzionario paragonabile, a mio avviso, addirittura al fenomeno dei Beatles, cambia anche l’idea di ricchezza e di status simbol nell’immaginario collettivo. Come i capelloni ed i pantaloni a zampa d’elefante diffondevano una nuova cultura ed un nuovo stile di vita negli anni ´70, così oggi l’idea del manager di successo è rappresentata da giovani trentenni con maglietta e scarpe da ginnastica, che probabilmente hanno indossato la cravatta soltanto in occasione di qualche festa goliardica universitaria. Insomma, il nuovo avanza ed è giusto che sia così. Speriamo, però, che il vecchio si faccia da parte e abbia la volontá e la lungimiranza di abdicare: sarebbe un bene per tutti, nessuno escluso.

Andrea De Vizio

andreadevizio@hotmail.com
Twitter: @andreadevizio

  • pietro

    In verità non conoscevo il termine Instagram che ho appreso solo adesso.Mi meraviglio che Yahoo o Sony non abbiano compreso il valore dei social-network dal momento che tali colossi badano prima di ogni cosa ai profitti.Questi loro errori di mercato portano al licenziamento di centinaia di operai e questa è la cosa più triste. Condivido l’analisi e il raffronto con la rivoluzione sociale e culturale che a suo tempo ci fu con il fenomeno Beatles.Penso che il vecchio non debba abdicare ma che debba prendere coscienza che il mondo è in continua evoluzione e che vecchio e nuovo interagiscano e si integrino perchè non tutto il vecchio è da buttare così come non tutto ciò che è nuovo è perfetto.

Ultima ora

20:38Migranti: Avramopoulos a Amnesty, non siamo complici

(ANSA) - STRASBURGO, 12 DIC - La maggior parte delle raccomandazioni di Amnesty International "fa già parte delle nostre azioni": è quanto afferma, interpellato dall'ANSA, il commissario europeo alle migrazioni Dimitris Avramopoulos. "Siamo consapevoli delle condizioni disumane e terribili che alcuni affrontano - sostiene - ma non siamo complici". "La situazione in Libia - ha aggiunto Avramopoulos - non è cattiva a causa dell'Unione europea, anzi è leggermente migliore grazie all'Unione europea. E abbiamo ancora molto lavoro da fare per renderlo ancora migliore. L'Unione europea, le sue istituzioni e i suoi Stati membri stanno lavorando per salvare vite umane: puro e semplice. Lo facciamo impedendo alle persone di annegare nel Mediterraneo, evacuandole dalle condizioni disastrose in Libia e offrendo loro percorsi sicuri e legali per venire in Europa".

20:35New York: Trump, stop alla lotteria dei visti

(ANSA) - WASHINGTON, 12 DIC - All'indomani dell'attacco terroristico a Ny, Donald Trump torna a chiedere una riforma delle leggi sull'immigrazione, abolendo sia il sistema della lotteria dei visti sia quello della catena migratoria fondata sui legami di parentela, con i quali sono arrivati in Usa gli autori degli ultimi due attacchi.

20:19Da Parigi 12 progetti per il clima

(ANSA) - PARIGI, 12 DIC - L'ufficio del presidente francese Emmanuel Macron ha annunciato 12 progetti da centinaia di milioni di dollari per combattere il cambiamento climatico, che sono stati presentati al vertice sul clima "One Planet Summit" a Parigi. Tra questi, un programma per lo sviluppo di auto elettriche in otto stati americani, un fondo di investimento per i paesi caraibici colpiti dagli uragani e finanziamenti per fondazione di Bill Gates che sostiene gli agricoltori.

20:10Honduras: Hrw, forti indizi di frode alle presidenziali

(ANSA) - TEGUCIGALPA, 12 DIC - Esistono "forti indizi di frode" nelle elezioni presidenziali in Honduras dello scorso 26 novembre. "Vanno accertati per rispettare la volontà degli elettori": a dirlo è stato José Miguel Vivanco, responsabile per l'America Latina di Human Rights Watch (Hrw). In un comunicato, Hrw sottolinea che "diversi osservatori internazionali hanno informato di irregolarità nel processo elettorale, che hanno sollevato seri dubbi sulla legittimità delle elezioni". "Dopo che sono emersi questi dati sulla manipolazione dei risultati elettorali, sono iniziate le proteste, e le autorità hanno decretato lo stato di emergenza", prosegue la nota. Il Tribunale Supremo Elettorale (Tse) dell'Honduras non ha ancora proclamato il nuovo presidente del paese centroamericano, ma gli ultimi dati diffusi danno per vincitore il presidente uscente, Juan Orlando Hernandez, mentre lo sfidante dell'opposizione, Salvador Nasralla, ha detto di non riconoscere lo scrutinio ufficiale e di considerarsi eletto.

20:01Il Crocifisso affisso in Consiglio comunale a Genova

(ANSA) - GENOVA, 12 DIC - Per la prima volta il crocifisso è entrato ufficialmente nell'aula del Consiglio comunale di Genova a fianco del gonfalone del Comune, delle bandiere dell'Unione Europea, dell'Italia, della città di Genova e dell'Associazione nazionale Comuni italiani. E' stato affisso alle spalle dei banchi della Giunta nella prima seduta utile convocata oggi pomeriggio a Palazzo Tursi dopo che l'assemblea martedì scorso ha approvato una mozione presentata da Lega Nord, prima firmataria, FdI, Vince Genova e Direzione Italia, per l'introduzione del crocifisso nella sala consiliare.

19:58Si apre voragine durante lavori in casa, cadono due operai

(ANSA) - NAPOLI, 12 DIC - Stavano effettuando dei lavori di manutenzione nel piano interrato di una casa quando si è aperta una voragine, di circa 6-7 metri, e due operai sono precipitati dentro. E' accaduto poco a fa a Napoli, in via Villari. Secondo i Vigili del Fuoco i due operai parlano e le loro condizioni non sembrerebbero gravi. In atto le operazioni di recupero; la voragine si è creata sotto uno sgabuzzino. Sul posto anche la Polizia municipale di Napoli.

19:56Calcio: Mondiale club, Zidane “non sarà facile ripetersi”

(ANSA) - ROMA, 12 DIC - "Questo Mondiale per club non è paragonabile all'anno scorso: c'è minore differenza di fuso orario. E poi, ci siamo allenati solo per due giorni, ma siamo ugualmente concentrati sulla partita di domani. Abbiamo studiato gli avversari, ma la cosa più importante è l'atteggiamento in campo". Così Zinedine Zidane, alla vigilia della semifinale del Mondiale per club che domani opporrà il 'suo' Real Madrid ai padroni di casa dell'Al-Jazira Abu Dhabi. Zidane ha dei dubbi di formazione, perché Bale e Varane non sono al top, Kroos e Modric influenzati. Nel Mondiale per club è previsto l'uso della Var che, per Zidane, "non cambierà nulla", nell'attesa che sbarchi nella Liga. "E' normale - dice il francese - che la tecnologia entri a far parte del calcio, è fatta per migliorare le cose". Il Real si presenta da campione del mondo in carica e, anche quest'anno, farà "il massimo per vincere, anche se non sarà facile", fa notare Zidane. "Intanto, però, si deve conquistare la finale", le parole del tecnico.

Archivio Ultima ora