Governo lancia piano per lo sviluppo. Monti: «Si crescerà dal 2013»

Pubblicato il 18 aprile 2012 da redazione

ROMA – La parola d’ordine per il governo ora è ‘crescita’.
– E’ il tema – dice Mario Monti – che preoccupa di più i cittadini e che ormai viene ripetuto ossessivamente nei consessi internazionali come il G20. Anche perchè proprio alla crescita è legata la sostenibilità del percorso di risanamento dei conti pubblici. Un percorso ancora non terminato e partito da una situazione di altissimo allarme. E’ stato evitato – dice il premier – uno shock distruttivo.
Le linee di intervento (quelle già avviate e quelle ancora da attivare) sono scritte nero su bianco nel documento di economia e finanza varato ieri dal Cdm insieme appunto al Pnr, cioè il programma nazionale delle riforme che sarà inviato a Bruxelles. Le misure già adottate porteranno un aumento del pil del 2,4% entro il 2020, e dello 0,9% già entro il 2015. Ma – se si pigiasse sull’acceleratore di riforme ‘’ad elevato grado di intensità’’ il risultato potrebbe essere quello di raggiungere ulteriori 5 punti di crescita entro il 2020, almeno a guardare uno studio che ipotizza una riduzione del 23% degli oneri amministrativi, un abbattimento del 35% delle barriere per avvio di un’impresa e un calo di 4,3 punti del rapporto tra costi e valore beni prodotti. Il governo cercherà di agire su tutti e tre questi fronti. I campi di intervento individuati sono praticamente tutti: dall’agroalimentare alla tracciabilità.
– Non dobbiamo scoprire la ruota – dice il ministro dello Sviluppo, Corrado Passera, che indica i punti ‘salienti’ e spiega che si farà tesoro delle esperienze – e degli errori – realizzate da altri Paesi.
Per crescere bisogna però avere i conti a posto. Così, quello che soprattutto preme a tutti durante la conferenza stampa a Palazzo Chigi è dimostrare che il risanamento dei conti c’è, e non è certo ‘’episodico ma strutturale’’ come dice il viceministro all’Economia, Vittorio Grilli.
L’impegno è noto: deficit zero nel 2013, cioè il pareggio entrate uscite. Ma sulle agenzie internazionali rimbalza intanto la notizia che l’Italia non ce la farà: il deficit nel 2013 sarà dello 0,5%. Immediato arriva il chiarimento.
– Il trattato del fiscal compact – spiega Monti – impone ai singoli Stati membri che ci sia in ogni Paese un disavanzo del settore pubblico al netto della componente ciclica non superiore allo 0,5% del Pil. Il cdm nell’adottare i documenti fondamentali ha dato la prima applicazione a quel principio. Non solo: prevediamo per il 2013, al netto del ciclo, un avanzo strutturale dello 0,6%. La crescita ci sarà. Ma – dice Monti – dal 2013.
E le tabelle indicano per il 2013 un +0,5% dopo che quest’anno l’Italia sprofonderà in una recessione del -1,2%, comunque decisamente meno forte del -1,9% previsto dal Fmi. Ma certo per raggiungere questa ‘’meta ambiziosa’’ ci vorranno dei sacrifici. E il debito?
– E’ stato posto – dice il premier – su un sentiero di riduzione progressiva e durevole. Né sono preoccupanti le stime non proprio rosee del Fmi: mi conforta di più che il ministro Schaeuble Lagarde, che qualcuno dagli Usa abbiamo detto che l’Italia sta facendo le riforme che sono necessarie e porteranno alla crescita.
Insomma il percorso dei conti, anche se ‘duro’, è ormai segnato. E qui parte la fase due, la crescita appunto.
– La crescita – spiega Monti – è la maggior preoccupazione dei cittadini, la parola più invocata dai responsabili di politica economica in Italia ed Europa, ma anche nel G-20. Ma – sottolinea – questa crisi sta imponendo un prezzo altissimo alle famiglie, ai giovani, ai lavoratori, alle imprese, e qualche volta ci sono esperienze che si chiudono nella disperazione.
Quindi occorre agire in fretta. Come?
– Contrastare corruzione, lavoro nero ed evasione fiscale: siamo molto impegnati su questi fronti. Ma per dare fiducia serve anche una riforma della politica.
La parola passa al ministro Passera che detta l’agenda di alcuni (non tutti) gli interventi. In tutto cinque e tra questi ‘’primo tema è accelerare l’apertura dei cantieri, mettere in moto attività e far sì che i soldi girino per progetti rilevanti per il Paese’’.
– E inoltre – prosegue – siccome siamo annoiati di annunci per dare senso concreto i progetti avranno un nome e un cognome: a giorni arriverà un sito affinchè gli italiani possano seguire i singoli progetti. C’è poi il tema del caro-energia e in particolare dei prezzi record della benzina: il Governo – spiega – è eventualmente pronto a tornare indietro sulle accise (quando arriveranno i fondi dall’evasione) e si aspetta che ad un calo del prezzo del greggio corrisponda un abbassamento dei prezzi alla pompa. Insomma dobbiamo fare di tutto perchè la bolletta (energetica) smetta di crescere e vada a scendere.
Poi, tra le iniziative, annuncia l’avvio di una task force e di misure entro l’estate per favorire le ‘start-up’ di imprese innovative. E contro il ‘credit-crunch’ e i debiti incagliati della P.A. arriverebbero a breve fondi per 20-30 miliardi dalle banche. Infine Grilli, al quale il premier dice ‘’vorrei chiamarla ministro’’, rassicura: il pareggio ‘’è strutturale, non episodico’’.

Ultima ora

10:48Auto: Profeta va all’assalto della Ronde di Sperlonga

(ANSA) - ROMA, 14 DIC - Tradizionale impegno di fine anno per il pilota palermitano Alessio Profeta che, nel prossimo week-end, sarà al via della 9/a Ronde di Sperlonga (Lt). Il ventunenne portacolori della scuderia Island motorsport sarà al volante della Peugeot 208 in configurazione R5, coadiuvato dalla conterranea Jessica Miuccio. L'affiatato equipaggio isolano, già sfortunato protagonista nella Ronde di Gioiosa Marea (Me) di pochi giorni addietro (archiviata anzitempo per l'afflosciamento della gomma anteriore sinistra, dovuto a un brusco 'atterraggio' subito dopo un salto quasi a fine tracciato), punterà a un piazzamento di rilievo, pur consapevole di doversi confrontare con alcuni tra i migliori interpreti nazionali della disciplina. Per Profeta si tratterà della seconda partecipazione consecutiva alla gara laziale, dopo un esordio degno di nota all'edizione 2016, contrassegnato dall'11/a piazza assoluta e, in quell'occasione, per la prima volta alla guida della Ford Fiesta R5. La manifestazione si aprirà sabato 16 dicembre.

10:48Calcio: Copa Sudamericana, vincono argentini Independiente

(ANSA) - SAN PAOLO (BRASILE), 14 DIC - Gli argentini dell'Independiente hanno vinto la Copa Sudamericana, secondo trofeo più prestigioso del Sud America (paragonabile a un'Europa League sudamericana). Un pareggio ieri sera per 1-1 con i brasiliani del Flamengo a Rio de Janeiro ha regalato agli argentini una vittoria per 3-2 nel risultato complessivo e il loro secondo titolo nella competizione. Il titolo riporta un certo orgoglio all'Independiente, dopo che la squadra di Buenos Aires è stata retrocessa nel suo campionato nazionale nel 2013.

10:39Sci: Cortina 2021, siglati protocolli antimafia

(ANSA) - BELLUNO, 14 DIC - Una 'lente d'ingrandimento' sulle vicende societarie delle imprese esecutrici e un controllo coordinato dei cantieri: sono gli strumenti principali previsti nelle due intese sottoscritte in Prefettura a Belluno per prevenire le infiltrazioni mafiose nel settore degli appalti legati all'organizzazione dei Mondiali di sci alpino di Cortina nel 2021. Il progetto è articolato su due accordi che consentiranno di rendere più efficace la prevenzione da indebite ingerenze della criminalità organizzata nell'esecuzione delle opere pubbliche. Il primo consentirà di disporre di un quadro informativo completo sulle ditte appaltatrici, il secondo di prevenire tentativi di infiltrazione della criminalità organizzata nelle opere rientranti nel "Piano straordinario per l'accessibilità a Cortina 2021".

10:24Gerusalemme: fonti, rinviata visita Mike Pence

(ANSAmed) - TEL AVIV, 14 DIC - La visita dal 17 al 19 dicembre del vicepresidente Usa Mike Pence in Israele e nella regione è stata rinviata "di qualche giorno". Lo afferma una fonte a Gerusalemme secondo cui la decisione è legata all'esigenza della presenza di Pence al Congresso Usa. La visita - secondo la stessa fonte - è stata riprogrammata per la metà della prossima settimana.

10:01Tunisia: disordini ieri sera nella capitale

(ANSAmed) - TUNISI, 14 DIC - E' tornata la calma nel quartiere popolare del Kram di Tunisi, dopo gli scontri ieri sera tra forze dell'ordine e un gruppo di giovani sceso in strada per protestare contro il trattamento brutale, secondo alcuni testimoni, riservato dalla polizia a un pescivendolo del quartiere. Dopo l'uso di gas lacrimogeni per disperdere i manifestanti la situazione è tornata alla normalità, riferiscono i media locali.

10:00Giappone: indennizzo governo a operaio Fukushima

(ANSA) - TOKYO, 14 DIC - Il ministero del Lavoro giapponese ha certificato il diritto all'indennizzo delle spese mediche per un ex operaio della centrale nucleare di Fukushima, ammalatosi di leucemia dopo un'eccessiva esposizione alle radiazioni. Secondo il canale pubblico Nhk, l'uomo, poco più che quarantenne, ha lavorato 19 anni per la Tokyo Electric Power (Tepco), il gestore dell'impianto che ha subito le maggiori conseguenze dello tsunami e la successiva dispersione delle radiazioni. L'operaio è stato esposto a 99,3 millisieverts di radiazioni; un valore che secondo il ministero della Salute nipponico può causare la leucemia. Si tratta della quarta persona in Giappone a vedere riconosciuti i propri diritti ad un rimborso, dopo aver certificato lo sviluppo della leucemia e il cancro alla tiroide, come conseguenza delle condizioni di lavoro. Dalla catastrofe di Fukushima circa 56.000 persone sono state impiegate per i lavori di smantellamento dell'impianto fino al maggio di quest'anno.

09:59Somalia: kamikaze contro polizia, almeno 10 morti

(ANSA) - MOGADISCIO, 14 DIC - E' di almeno 10 morti il bilancio di un attacco contro una accademia di polizia a Mogadiscio. Un attentatore suicida si è infiltrato tra gli agenti, facendosi esplodere durante l'addestramento del mattino.

Archivio Ultima ora