La corsa per i due candidati all’Eliseo è ormai in dirittura d’arrivo

Pubblicato il 19 aprile 2012 da redazione

Nicolas Sarkozy e François Hollande. La corsa per i due candidati all’Eliseo è ormai in dirittura d’arrivo. I francesi saranno chiamati a scegliere il loro prossimo Presidente sulla base di due diverse tornate elettorali, così come previsto dalla costituzione. Domenica prossima, i “cugini d’oltralpe” si recheranno a votare per il primo turno. Due settimane dopo, il 6 maggio, torneranno alle urne per il secondo e decisivo appuntamento, da cui verrà fuori il nome del leader che per i prossimi cinque anni avrà il compito di guidare il Paese lungo un percorso che si preannuncia non privo di ostacoli.
Una campagna che molti osservatori, e molti francesi, hanno più volte definito deludente, fredda, povera di temi e di idee. Proprio ad un passo dal traguardo però, cresce la suspense intorno al terzo gradino del podio: la frontista di estrema destra Marine Le Pen, figlia di Jean-Marie (Ex-Presidente del partito “Fronte Nazionale” e più volte candidato all’Eliseo), che auspica la chiusura delle frontiere e l’uscita dall’euro, o il populista di sinistra Jean-Luc Mélenchon, il tribuno che arringa le folle invitando all’insurrezione contro il capitalismo e la mondializzazione?
Gli elettori avranno comunque modo di scegliere tra due personaggi molto diversi, ben caratterizzati e realmente contrapposti. I due programmi appaiono infatti fortemente ancorati alle anime tradizionali del bipolarismo francese.
I propositi di Sarkozy ruotano essenzialmente attorno all’asse centrale della disciplina di bilancio, riprendendo gli argomenti classici della destra. Difesa della sovranità nazionale ed attacco all’Europa debole. Minaccia di congelare l’accordo di Schengen e di recuperare autonomia decisionale sul fronte degli scambi commerciali. Promesse sul dimezzamento dell’immigrazione (legale) e nuovi paletti sui ricongiungimenti familiari. Riproposizione del nucleare, a garanzia della (parziale) indipendenza energetica del Paese. Lotta all’assistenzialismo, con l’obbligo di sette ore alla settimana di lavori socialmente utili per chi riceve l’indennità di disoccupazione ed il divieto, per chi è senza lavoro, di rifiutare un impiego al termine della formazione. Presente addirittura il ritorno all’utilizzo del referendum popolare di memoria gaullista.
Il candidato socialista all’Eliseo, François Hollande, ha a sua volta annunciato il dettaglio delle misure che, qualora eletto, adotterà nel corso dei primi mesi di governo. Un vero e proprio piano d’azione che ha fatto recapitare presso le redazioni delle più note testate giornalistiche e che ha personalmente illustrato in un meeting a Rennes, fianco a fianco con la sua ex-compagna, ed ex-candidata alle presidenziali, Ségolène Royal.
Il primo pacchetto di provvedimenti è previsto tra l’insediamento (10 o 11 maggio) e la fine della sessione ordinaria del Parlamento (29 giugno) e sembra essere costituito soprattutto da decisioni simboliche e popolari, evidentemente poco rilevanti, ma al tempo stesso perfette dal punto di vista del “marketing politico”. Riduzione del 30% dei compensi del Capo dello Stato e dei Membri del Governo. Aumento del 25% dell’indennità scolastica (il contributo pubblico alle famiglie meno abbienti). Blocco per tre mesi del prezzo della benzina. Raddoppio del tetto dei libretti di risparmio (ad oggi gli unici remunerati al 2,5%; i conti correnti attualmente non lo sono). Invio ai Partner europei di un memorandum con le richieste di modifica del “Fiscal Compact”, in vista del summit di Bruxelles del 28 e 29 giugno, affinché sia più «orientato al sostegno della crescita». Annuncio agli alleati (in occasione del G8 previsto a Camp David il 18 e 19 maggio e del vertice Nato di Chicago del 20 e 21 maggio) del ritiro anticipato, entro la fine 2012, delle truppe francesi dall’Afghanistan. Divario massimo di uno a venti per retribuzioni e compensi nelle aziende pubbliche.
Spazio anche a due misure piuttosto impegnative: il decreto che ristabilisce il diritto ad andare in pensione a 60 anni (per chi ha cominciato a lavorare prima dei vent’anni e ha almeno 41 anni di contribuzione) e la cancellazione della legge che da ormai cinque anni limita al 50% il turnover nella pubblica amministrazione (un dipendente in uscita ogni due non viene sostituito).
Nel medio e lungo periodo, invece, l’accento è stato posto sulla presentazione di una legge di bilancio pluriennale che traccia il percorso per arrivare all’equilibrio nel 2017. La soppressione della cosiddetta “Iva sociale”, che prevede il trasferimento alla tassazione indiretta di una parte dei contributi a carico delle imprese, finalizzata alla riduzione del costo del lavoro. Assunzione di una prima tranche dei 60.000 nuovi dipendenti nel settore scolastico, previsti nel corso dei cinque anni di mandato. Infine, il pacchetto fiscale: abolizione e limitazione delle centinaia di agevolazioni oggi possibili; modulazione del prelievo sulle aziende, finalizzata a favorire le piccole e medie imprese; sovrattassa sulle banche e sulle società petrolifere; cancellazione dell’esenzione d’imposta sulle successioni per patrimoni ingenti; ripristino integrale della patrimoniale (alleggerita nel corso del suo primo mandato da Sarkozy); creazione di un’aliquota del 75% sui redditi più alti per la parte superiore al milione. Di nuove tasse, che presumibilmente ci saranno, neppure l’ombra. Non è il momento.
L’uomo della serietà e della verità, che si contrappone ai venditori di fumo, agli affabulatori dalle promesse insostenibili. L’uomo del rigore rispetto al «festival della spesa» proposto dai socialisti. Questa è l’immagine sulla quale l’attuale Presidente ha costruito la sua campagna. Così, proprio nel giorno in cui la Francia vede risalire, sia pure lievemente, lo spread dei suoi titoli di Stato (OAT) sui bund tedeschi, Nicolas Sarkozy lancia un avvertimento al suo popolo in un periodo delicatissimo per le sorti dell’Eurozona: guardate cos’è successo in Grecia o in Spagna, dopo sette anni di socialismo. «Chi pagherà i costi delle misure annunciate» da Hollande, che saranno inevitabilmente ed ulteriormente appesantiti dalle trattative che dovrà aprire in vista del secondo turno con il populista di sinistra Jean-Luc Mélenchon?
Continuano nel frattempo le montagne russe dei sondaggi. A poche ore dal voto, le ultime rilevazioni lanciano il leader socialista intorno al 29.5%, contro i 27 punti percentuali del Presidente uscente. Si registra altresì una rimonta di Marine Le Pen, le cui preferenze oscillerebbero tra il 14 ed il 17%.
Analisti ed esperti raccomandano tuttavia una necessaria prudenza. Il malcontento generale, unito ad un clima di diffuso pessimismo, potrebbe tradursi in un astensionismo elevato, quantificabile addirittura attorno al 30%. Gli indecisi sono in aumento ed esiste una forte “volatilità” dell’elettorato tra i candidati degli stessi schieramenti. Alcuni elettori, dicono i politologi, possono cambiare idea fino al giorno prima del voto, persino al momento di entrare nel seggio. Un primo scrutinio imponderabile, dunque, che serve spesso ad esprimere un voto di opinione.
A dispetto dei sondaggi, la campagna va avanti come se tutto fosse ancora possibile. «Mi batterò fino alla fine» ha annunciato Sarkozy. Il suo ultimo comizio, prima di domenica, sarà a Nizza, feudo del “Fronte Nazionale”. Un elettorato che lo aveva sostenuto nel 2007 e che adesso potrebbe pregiudicare definitivamente il suo destino politico. «Se perdo, sarò il solo responsabile» ha affermato. Una battuta che lascia filtrare il dubbio della sconfitta.

Luca Marfé
lucamarfe@yahoo.it

Ultima ora

20:19Calcio: Kakà, la mia carriera di giocatore finisce oggi

(ANSA) - SAN PAOLO, 17 DIC - "Questo è il punto finale: la mia carriera di giocatore finisce qui". L'annuncio è di un Kakà emozionato, e arriva dai microfoni di Rete Globo. L'ex milanista era tentato da un'offerta del San Paolo, che avrebbe voluto fargli chiudere la carriera nel club dove l'aveva cominciata, "ma la mia ultima maglia - ha detto Kakà - è stata quella dell'Orlando City". "Avevo bisogno di un po' di tempo per prendere una decisione in tranquillità - ha aggiunto -, poi ho chiesto ai miei genitori, mio fratello, la mia ragazza e mia cognata, un periodo di preghiera. Sono andato in Europa per sentire l'emozione delle partite lì dove il calcio ha raggiunto il pieno potenziale. E in maniera consapevole sono giunto alla conclusione che è arrivata l'ora di ritirarmi. Cosa farò? Mi preparerò per continuare nel calcio con un altro ruolo, ma non è detto che chi è stato un grande calciatore sia bravo anche da dirigente. Mi piacerebbe lavorare per uno dei club in cui ho giocato. Il Milan mi ha fatto una proposta, vedremo...".

20:11Nuoto: Europei 25 m, Orsi oro nei 100 misti

(ANSA) - ROMA, 17 DIC - Dopo Luca Dotto, oro nei 100 sl, tocca a Marco Orsi rimpinguare il medagliere dell'Italia agli Europei in vasca corta in corso a Copenhagen. L'azzurro delle Fiamme Oro Roma lo fa nel modo migliore, vincendo, in 51"76, nei 100 misti. Batte in rimonta, nella frazione a libero, il russo Fesikov che cede allo sprint con 51"94. Con quest'oro, mai vinto dall'Italia, sale a ben 19 medaglie (8 individuali) il bottino azzurro agli Europei.

20:09Calcio: Allegri, scudetto ci crediamo ma attenti alla Roma

(ANSA) - ROMA, 17 DIC - "Se spero più nel settimo scudetto o nella Champions? Credo che la Juve possa andare in fondo agli obiettivi. In Italia il campionato è più equilibrato rispetto agli anni scorsi, e cercheremo di arrivare in fondo e di dare la zampata vincente". Al termine di Bologna-Juventus, Massimiliano Allegri sottolinea che la sua squadra punta, come sempre, a vincere tutto. La Juve sembra essersi ritrovata: per Allegri "i ragazzi stanno facendo delle buone prestazioni, stiamo crescendo fisicamente e come compattezza. Abbiamo creato molto e concesso niente". "Finora i numeri del campionato sono importanti - dice ancora -, poi Napoli e Inter stanno facendo numeri altrettanto importanti e per stare in alto non potevamo fare meno di loro". Ma di chi è il merito della compattezza ritrovata? "Di chi gioca e di chi sta in panchina - risponde Allegri -. C'è grande disponibilità e i meriti sono dei ragazzi. Chi temo di più per lo scudetto? Della Roma si parla poco, ma è migliorata: ha giocatori di spessore e subisce pochissimo".

20:03Calcio: Pioli “Fiorentina meritava vittoria ai punti”

(ANSA) - FIRENZE, 17 DIC - Contro il Genoa, grazie anche alle sconfitte di Milan, Sampdoria e Torino, la Fiorentina aveva la possibilità di far un balzo in classifica e invece è arrivato un pareggio a reti bianche: "Sicuramente dispiace non essere riusciti a vincere - dice il tecnico Stefano Pioli -. Non siamo riusciti ad essere continui nella manovra nel primo tempo, nella ripresa un po' meglio, abbiamo concluso 20 volte contro un avversario chiuso. È stata una prova di maturità dei miei, siamo stati attenti, concentrati e non abbiamo rischiato, ci voleva un pizzico di fortuna anche su qualche occasione, magari sulle palle inattive. Per mole di gioco avremmo meritato la vittoria". Poi, ancora sulla gara e i risultati delle altre squadre: "Ci è mancato qualcosa dentro l'area, ci vuole anche più precisione perché su oltre 20 tiri fatti solo 4-5 sono finiti in porta. Gli avversari hanno concesso pochi spazi, dovevamo sicuramente fare qualcosa in più. Abbiamo avuto 7-8 occasioni in area, purtroppo non siamo riusciti a concretizzare".

19:54Bbc, diplomatica Gb trovata assassinata in Libano

(ANSA) - ROMA, 17 DIC - Una diplomatica britannica, Rebecca Dykes, che lavorava all'ambasciata del Regno Unito a Beirut, è stata trovata assassinata. Lo riferisce la polizia, citata dalla Bbc online. Rebecca Dykes, è stata "violentata e strangolata". Il suo corpo è stato trovato ieri sul ciglio di un'autostrada.

19:38Chiesa: comunità Assisi “si ferma” e prega per la pace

(ANSA) - ASSISI (PERUGIA), 17 DIC - In una domenica di shopping pre-natalizio la comunità religiosa di Assisi si è fermata per pregare per la pace in Terra Santa, portando fiammelle di pace fino alla Tomba di San Francesco. In tanti infatti si sono ritrovati al Santuario della Spogliazione per lanciare un messaggio di speranza "per Gerusalemme e per tutti i Paesi colpiti dalle avversità e dalla guerra". È stata una preghiera "intensa, ardente e fiduciosa" come l'ha definita il vescovo monsignor Domenico Sorrentino. "Una preghiera speciale - ha aggiunto - in un periodo in cui sentiamo solo espressioni di guerra, odio e violenza. Abbiamo ascoltato eventi che ci preoccupano molto; ad essi dobbiamo dare risposte che hanno il carattere della saggezza. Abbiamo un anno speciale che riteniamo particolarmente importante, l'anno della preghiera". Di fronte alla Tomba del Poverello il vescovo ha quindi letto una preghiera da lui scritta in cui si invoca la pace. Ha poi ricordato il Papa nel giorno del suo compleanno. (ANSA).

19:28Nuoto: oro Dotto a Europei 25 m, è campione dei 100 sl

(ANSA) - ROMA, 17 DIC - Luca Dotto conquista la medaglia d'oro nei 100 stile libero agli europei in vasca corta in corso a Copenaghen. Il velocista azzurro, campione europeo in vasca lunga a Londra 2016, ha dominato la gara regina chiudendo in 46"11 davanti al belga Pieter Timmers secondo in 46"54 e all'inglese Duncan Svott terzo in 46"64.

Archivio Ultima ora