Morisini l’ultimo saluto al campione, il dolore sulle note di Ligabue

Pubblicato il 19 aprile 2012 da redazione

BERGAMO – Una giornata fredda, invernale, scura: Piermario Morosini riceve l’ultimo saluto a Bergamo in una mattina senza sole, nera come il sentimento della sua città serrata in una tristezza palpabile. La rabbia per la morte di un ex ragazzo dell’oratorio che era andato lontano per diventare un vero giocatore è trattenuta a stento.
Il viaggio e il sogno di Morosini sono finiti a venticinque anni su un campo di calcio. Bergamo è tappezzata dalle foto che ritraggono Piermario sorridente e felice. Per le strade bandiere e striscioni: già nella notte tifosi, amici, conoscenti si sono riversati nella città natale di Morosini per partecipare alle esequie. Molto prima delle undici – l’ora fissata per il funerale nella chiesa di San Gregorio Barbarigo – il sagrato è gremito. Imponente la partecipazione popolare, oltre seimila persone riempiono il quartiere di Monterosso.
La fidanzata Anna, gli zii e i familiari prendono posto in chiesa con largo anticipo. Loro preferiscono che telecamere e giornalisti rimangano un passo indietro. I tifosi insistono inutilmente per entrare e toccare il feretro di legno chiaro ricoperto di rose bianche e gialle. Sopra viene posata la maglietta numero venticinque del giocatore del Livorno e – in seguito – anche quella numero otto con i colori dell’Atalanta.
La chiesa contiene cinquecento persone: arrivano i compagni del Livorno e dell’Udinese, una rappresentanza della Sampdoria e del Padova. Tanti i volti noti: Prandelli, Abete, Ferrara, Albertini e Tommasi, un rappresentante della Fifa, il presidente della Reggina Lillo Foti (squadra dove Morosini aveva giocato), Casiraghi, Paolillo, Braida, Marotta, Novellino.
Il mondo del calcio è presente in modo massiccio. Ci sono i ragazzi della Primavera dell’Inter e del Milan. Arrivano gli ex compagni tra cui Muntari – scosso dai singhiozzi – Giovinco e Volpi. La scena è straziante, il pianto è collettivo per la morte di un ragazzo che aveva sofferto molto, precocemente orfano, il fratello suicida, la sorella con un grave handicap che le impedisce di essere in chiesa. Eppure Piermario aveva sempre un sorriso per tutti, mostrava serenità e grazia nei suoi rapporti, compostezza e forza nel sopportare dolori così grandi. Ma il campo di calcio, da luogo del riscatto, è diventato teatro del suo cedimento.
Un maxischermo permette a tutti di partecipare alla cerimonia funebre. Attorno al feretro sono allineate le sciarpe dei tifosi, ai piedi della bara cestini di rose rosse. I familiari si tengono per mano stringendo le foto del ragazzo, cercando di farsi reciprocamente coraggio. Il pianto è incontenibile e la voce del curato dell’oratorio don Luciano Manenti – al quale è affidato il compito di officiare – è incrinata dalla commozione. Morosini lo ha visto crescere sul campetto di Monterosso, affianco alla chiesa.
“Davvero Mario è nei nostri cuori. Io non ho paura e siamo qui non solo per Mario ma con Mario. Dolce amico mio, timido compagno mio, ripartiamo da te”: sono le parole di Don Luciano.
“A Morosini – dice – bisogna solo dire grazie ma sarebbe lui il primo a dirci che questo grazie va girato alla gente che lo ha cresciuto e quindi alla mamma e al papà”. “Senza di loro – sono le parole di don Luciano rivolte direttamente a Piermario – tu non saresti tu e noi non saremmo noi”.
Don Luciano chiude la sua omelia con un ultimo ringraziamento: “Ti ringrazio perché in questi giorni mi hai insegnato a essere papà e ho capito di più cosa vuol dire che Dio è il nostro papà”.
Parte un lungo applauso, mentre don Luciano scende dal pulpito per andare ad abbracciare i parenti. Lo zio si raccoglie in preghiera davanti alla bara. Toccante il saluto della mamma di Anna, Mariella Vavassori: “Abbiamo perso un figlio e un fratello, il dolore è grande ma sappiamo che non ci vuoi tristi ma con il sorriso, quel sorriso che illuminava sempre tuo viso. Ciao Mario, ti ringraziamo della presenza nella nostra vita ci hai insegnato tanto, hai reso i nostri cuori più veri e leali, liberi come eri tu. Ti ringraziamo per aver donato tanto tanto amore alla nostra Anna ti chiedo solo un favore, chiamami Mariella e non più signora, almeno quando mi chiamerai dal cielo”.
Il passo del vangelo scelto è quello della Pasqua di Resurrezione. Al momento dell’Eucarestia i ragazzi dell’oratorio intonano le canzoni di Ligabue che Morosini amava tanto. Il suono di tre chitarre e il canto dei suoi amici per ‘Il giorno del dolore che uno ha’ e ‘Non e’ tempo per noì.
La cerimonia termina con un altro lunghissimo applauso che unisce tutti, chi é all’interno della chiesa e chi invece è rimasto sul sagrato. I tifosi accendono fumogeni e salutano Morosini con cori da stadio, come merita un giocatore. Il ‘Moro’ parte per l’ultimo viaggio al cimitero monumentale di Bergamo, gli interrogativi e i dubbi restano.

Ultima ora

09:51Usa: California, brucia ancora zona a ovest di Los Angeles

(ANSA) - SANTA BARBARA, 16 DIC - Brucia ancora la zona a ovest di Los Angeles, in California, dove le fiamme - alimentate da forti venti - minacciano ora migliaia di case, mentre migliora la situazione a nordovest della città. L'incendio, soprannominato Thomas Fire, e' il quarto più grande che ha mai colpito la California: i vigili del fuoco sono riusciti finora a domarlo per circa il 35% rispetto al totale dell'area colpita dal 4 dicembre scorso di circa 1.036 chilometri quadrati tra le contee di Ventura e Santa Barbara. Finora l'incendio ha distrutti oltre 1.000 edifici e oltre 700 case e secondo le autorità potrebbe colpire altre 18.000 strutture. Giovedì, come e' noto, l'incendio e' costato la vita a un vigile del fuoco.

09:48India: Rahul Gandhi è presidente del partito del Congresso

(ANSA) - NEW DELHI, 16 DIC - Rahul Gandhi ha assunto oggi formalmente a New Delhi l'incarico di presidente dello storico partito del Congresso indiano, succedendo alla madre, l'italo-indiana Sonia Gandhi, che lo ha conservato per 19 anni. La transizione alla guida del più antico partito indiano è divenuta ufficiale quando il presidente dell'Authority elettorale centrale, Mullapally Ramachandran, ha consegnato a Gandhi, 47 anni, il 'Certificato di promozione', risultato delle indicazioni unanimi pervenute da tutte le sedi regionali del partito. All'annuncio dell'insediamento, riferisce l'agenzia di stampa Ians, all'esterno del quartier generale del partito al 24 della Akbar Road, centinaia di militanti del Congresso hanno danzato, lanciato fuochi artificiali e distribuito dolci ai presenti.

09:05Molestie: a Hollywood una commissione per combatterle

(ANSA) - LOS ANGELES, 16 DIC - Le più autorevoli rappresentanti dell'industria cinematografica di Hollywood e dei principali media statunitensi hanno deciso di istituire una commissione antimolestie e per la parità nei luoghi di lavoro. La presiederà Anita Hill, che nel '99 denunciò un giudice. L'iniziativa è nata dalla produttrice di Star Wars Kathleen Kennedy e da altre donne dirigenti del settore al termine di un incontro in cui erano rappresentati quasi tutti i principali studi di Hollywood, le emittenti tv e le etichette discografiche.

09:02Terremoti: Indonesia, due i morti, decine di feriti

(ANSA) - GIACARTA, 16 DIC - E' di due morti e decine di feriti l'ultimo bilancio del terremoto di magnitudo 6.5 avvenuto venerdì a Giacarta. Decine di case vicino all'epicentro sono state danneggiate, come pure alcuni ospedali i cui ricoverati sono stati evacuati. La scossa si è verificata alle 23.47 ora locale (le 17.47 in Italia) ed ha interessato tutta l'isola, dove la gente è fuggita dalle abitazioni riversandosi in strada. Nella capitale Giacarta, a 200 chilometri circa dall'epicentro, gli edifici più alti hanno ondeggiato durante la scossa più forte, che ha insistito per circa 30 secondi. Il timore di uno tsunami ha spinto gli abitanti della costa a riversarsi lungo le strade verso l'interno con ogni mezzo. Oltre mille persone sono state evacuate dalla zona di Subakumi e vi hanno fatto ritorno alle prime ore di oggi, quando le autorità hanno escluso la possibilità di uno tsunami. Due persone hanno perso la vita sotto le macerie degli edifici crollati: si tratta di un uomo di 62 anni e una donna di 80.

07:14Lanciata molotov davanti a commissariato a Roma

(ANSA) - ROMA, 15 DIC - Una bottiglia molotov è stata lanciata nella serata di ieri davanti al commissariato Prati, nel centro di Roma. A tirarla una persona, con il volto coperto da casco, a bordo di uno scooter che arrivando in via Ruffini ha rallentato e, dopo aver tirato la bottiglia incendiaria, è scappato. Centrato un vecchio furgone della polizia parcheggiato nell'area di sosta davanti al commissariato che è rimasto danneggiato nella parte anteriore. Sulla vicenda sono in corso indagini dei poliziotti del commissariato Prati e della Digos per risalire al responsabile. Al vaglio le registrazioni delle telecamere. Al momento non si esclude nessuna ipotesi: dal gesto anarchico a un episodio legato ad ambienti della tifoseria. Il commissariato Prati, infatti, ha un ruolo centrale nell'organizzazione della sicurezza dello stadio Olimpico. L'episodio avviene a pochi giorni di distanza dall'esplosione di un ordigno rudimentale davanti alla stazione dei carabinieri San Giovanni.

01:11Calcio: Foggia-Venezia 2-2

(ANSA) - FOGGIA, 15 DIC - Il Foggia riesce ad acciuffare negli ultimi secondi del recupero il pareggio (2-2) insperato contro un Venezia ben organizzato che aveva mostrato per quasi tutta la partita di poter sovrastare e controllare facilmente gli avversari rossoneri. Una partita che poteva finire tranquillamente con tre o quattro gol di vantaggio per gli uomini di Pippo Inzaghi, ma che e' stata recuperata con la forza della disperazione da un Foggia molto confusionario ma comunque volitivo.

00:34India: Sonia Gandhi lascia presidenza partito Congresso

(ANSA) - NEW DELHI, 15 DIC - Con una cerimonia solenne nella sede del comitato centrale a New Delhi, l'italo-indiana Sonia Gandhi lascerà la presidenza del partito del Congresso trasmettendola al figlio Rahul, designato all'unanimità quale successore. Lo riferisce l'agenzia di stampa Pti. Da tempo la Gandhi aveva avvertito che al compimento del 70/o compleanno avrebbe lasciato le sue responsabilità ai vertici del Congresso ed oggi il portavoce della storica formazione politica, Randeep Surjewala, ha sottolineato che "questo non significa affatto che lei abbandonerà la vita politica attiva". In un tweet Surjewala ha spiegato che "Sonia Gandhi ha abbandonato (dopo 19 anni) la presidenza del partito ma non la politica. La sua benedizione, saggezza e innato impegno nei confronti dell'ideologia del Congresso formeranno sempre la luce che ci orienterà".

Archivio Ultima ora