F1, Bahrain, proteste in piazza: un morto

Pubblicato il 21 aprile 2012 da redazione

BEIRUT – Le immagini di cariche della polizia in tenuta anti-sommossa a Manama in Bahrain, contro giovani col volto coperto che lanciano molotov in strade dense di fumogeni si sono alternate oggi alla seconda giornata di prove dela Gran premio di Formula Uno. Grazie alla gara il mondo torna a puntare i riflettori sulla rivolta popolare da più di un anno violentemente repressa dal regime sunnita di Manama sostenuto da Arabia Saudita e dai Paesi occidentali. D’altro canto, proprio a causa dello stesso Gran Premio la rivolta della maggioranza sciita del piccolo regno del Golfo riprende vigore, con gli attivisti che tenteranno fino a domani di sfruttare per la loro causa l’attenzione mediatica.
Un morto, decine di feriti e un centinaio di arresti è il bilancio, finora, della seconda delle tre giornate di proteste e di scontri tra manifestanti e forze governative in località ai margini della capitale e relativamente lontane dal circuito di Sakhir. Qui oggi si è svolto il secondo tradizionale giorno di prove alla vigilia della gara domenicale.
Un anno fa il Gran Premio del Bahrain era stato cancellato a causa delle violenze, costate la vita a 35 persone, per lo più dimostranti ma anche agenti governativi. Quest’anno quaranta milioni di dollari sono stati spesi dalla casa reale dei Khalifa per ospitare l’evento e dimostrare così che la vita nel regno dei Due Mari è tornata normale. Ma le immagini degli scontri hanno però mandato in fumo i piani della casata sunnita, che da più di un anno denuncia – assieme all’alleato saudita – il presunto complotto sciita guidato dal vicino Iran.
– Dobbiamo penalizzare il 90% della popolazione perchè il 10% è contro il Gran Premio? – ha commentato oggi Jean Todt presidente della Fia rispondendo a chi critica la scelta di far disputare il GP nonostante quanto sta avvenendo nelle strade – La mia risposta è no. Purtroppo da parte dei media c’é attenzione, a torto o a ragione, per la minoranza.
Todt è convinto che “lo sport della Formula 1 non subirà danni d’immagine”. A gettare benzina sul fuoco della tensione ci pensa il caso di Abdul Hadi Khawaja, uno dei 14 attivisti condannati nei mesi scorsi per la rivolta dell’anno scorso e da oltre due mesi in sciopero della fame. Da ieri in sciopero della sete. Khawaja, che è anche cittadino danese, è ricoverato, sotto sorveglianza, in un ospedale governativo. La sua morte potrebbe far saltare definitivamente la pentola a pressione del Bahrain.
Il primo “martire” del secondo round della rivolta si chiama invece Salah Habib e ha 37 anni. Il suo corpo è stato ritrovato senza vita stamani su un tetto di una casa di Sakhura, località epicentro della rivolta dove ieri notte si sono svolti duri scontri tra manifestanti e le forze dell’ordine. Manama ha riferito che è stata aperta un’inchiesta sulla morte di Habib, ma gli attivisti affermano che il loro compagno è stato ucciso o dalle percosse degli agenti o da proiettili di gomma sparati a distanza troppo ravvicinata. I funerali di Habib si svolgeranno domani, in contemporanea con il via della gara automobilistica. Mentre stasera, come annunciato, cortei di protesta convocati dai partiti di opposizione e dai “Ragazzi del 14 febbraio” – gruppo di giovani attivisti protagonisti della rivolta scoppiata nel febbraio 2011 – sono stati respinti dalle forze di sicurezza. Un’avanguardia di circa 150 dimostranti più agguerriti si è scontrata con gli agenti alla rotonda di Diraz, sobborgo sciita di Manama, mentre circa 7.000 manifestanti avevano sfilato nei quartieri occidentali, chiedendo radicali riforme costituzionali e invocando la cancellazione in extremis del Gran Premio, in Bahrain dal 2004.
Nonostante l’area del circuito di Sakhir sia pesantemente circondata da un rigido apparato di sicurezza e da blindati della polizia, membri di alcune scuderie si sono detti scossi dalle scene di violenza i cui echi sono giunti sulle gradinate e sulla pista. Due tecnici del team di Force India avevano ieri abbandonato il circuito e fatto ritorno in Gran Bretagna ma la squadra, dopo aver rinunciato al primo giorno di prove, è tornata in gara oggi. Il Bahrain, che a differenza degli altri Paesi del Golfo, non ha particolari risorse energetiche, è un elemento chiave nello scacchiere filo-occidentale dell’area e ospita la base della Quinta Flotta americana. Soprattutto per questo nel corso di questi 14 mesi le proteste della maggioranza sciita, che si dice discriminata dalla dittatura sunnita dei Khalifa, hanno trovato scarso sostegno diplomatico da parte dell’Occidente e poca attenzione da parte dei grandi media. La rivolta del 2011, ispirata agli altri movimenti di protesta scoppiati nei Paesi arabi dal dicembre 2010 e ancora in corso, era stata repressa grazie al sostegno militare diretto dell’Arabia Saudita e degli Emirati Arabi Uniti.

Ultima ora

00:48Calcio: 4-1 al Cittadella, Lazio nei quarti di Coppa Italia

(ANSA) - ROMA, 14 DIC - La Lazio ha battuto il Cittadella 4-1 negli ottavi di Coppa Italia. Nei quarti i biancocelesti affronteranno la Fiorentina, il 26 dicembre alla stadio Olimpico. Incontro indirizzato a favore dei padroni di casa già nel primo tempo grazie alle reti di Immobile (11'), Felipe Anderson (24', con il brasiliano a segno dopo 221 giorni) e l'autorete di Camigliano (36'). Il Cittadella però non si è rassegnato ed al 41' ha accorciato le distanze con una gran punizione da 25 metri di Bartolomei. Nella ripresa, piuttosto povera di emozioni, ha chiuso i conti ancora Immobile, al 42', superando Paleari con un preciso pallonetto.

23:45Raiola, Mirabelli usa Donnarumma per attaccare me

(ANSA) - MILANO, 14 DIC - "Mirabelli ha un problema personale contro di me e usa Donnarumma per attaccarmi. Gli fanno comodo queste polemiche perché tolgono l'attenzione dal vero problema del Milan: il suo progetto tecnico". Così Mino Raiola in una nota a Gazzetta.it, ricordando che il portiere aveva "offerte che nessuno avrebbe mai rifiutato. Ma Gigio e la sua famiglia hanno fatto una scelta col cuore. E l'ho rispettata. Oggi mi interessa solo che Gigio venga lasciato tranquillo, solo così potrà fare il suo meglio. Dovrebbe essere anche la priorità del ds del Milan".

22:51Donnarumma, mai detto di aver subito violenza morale

(ANSA) - MILANO, 14 DIC - "Non ho mai detto né scritto di aver subito violenza morale quando ho firmato il contratto". E' quanto afferma Gianluigi Donnarumma su Instagram, all'indomani della contestazione subita dai tifosi del Milan a San Siro. "E' stata una brutta serata e non me l'aspettavo! Nonostante tutto guardo avanti e testa alla prossima partita... forza Milan!", ha scritto a corredo di una foto che lo ritrae in mezzo al campo mentre saluta il pubblico, con Rino Gattuso che gli batte una mano sul petto.

22:20Calcio: Bonucci, vincere al Milan è pass per la storia

(ANSA) - MILANO, 14 DIC - "Vincere al Milan ti consegna un pass per la storia. Vi auguro di riuscirci, io sono alle prima armi con questa maglia". Così Leonardo Bonucci si è rivolto ai ragazzi del settore giovanile del Milan durante la festa di Natale: "Perché ho lasciato la Juventus? Sono successe alcune cose che hanno portato sia la società che il sottoscritto a questa decisione. Poi è arrivato il Milan, un'occasione che ho colto al volo. Anche grazie al lavoro di Fassone e Mirabelli. Con la Juventus abbiamo scelto di separarci, nella vita capitano delle discussioni".

22:10Terremoto: procura Macerata apre inchiesta su Sae

(ANSA) - MACERATA, 14 DIC - Il procuratore della Repubblica di Macerata Giovanni Giorgio ha aperto un fascicolo di indagine sui cantieri delle casette del terremoto, e le presunte irregolarità nella gestione della manodopera, denunciate dalla Cgil e dalla Fillea provinciali. Lo reso noto lo stesso Giorgio, sottolineando che "la tutela dei diritti dei lavoratori, rispetto ad ogni forma di sfruttamento e di sopruso costituisce una delle essenziali finalità del mio Ufficio". I cantieri sono appaltati al Consorzio Arcale, che ha vinto una gara bandita dalla Protezione civile nazionale. Il sindacato ha segnalato la presenza di molti lavoratori romeni, in particolare a Ussita, che verrebbero impiegati senza godere delle norme contrattuali italiane, e addirittura rimpatriati in caso di infortunio. Oggi la Cgil maceratese è stata contattata da funzionari del Governo romeno che sta conducendo un monitoraggio in varie regioni italiane proprio sul fenomeno del 'caporalato' e sullo sfruttamento di propri connazionali.

21:55Hayden morto in bici, chiesto rinvio giudizio automobilista

(ANSA) - RIMINI, 14 DIC - Il sostituto procuratore Paolo Gengarelli ha depositato la richiesta di rinvio a giudizio per omicidio stradale a carico dell'automobilista coinvolto nell'incidente a Misano Adriatico che costò la vita, nel maggio scorso, all'ex campione statunitense di motoGp Nicky Hayden, in quel momento in sella a una bici. Il pilota, poi anche di Superbike, morì il 22 maggio a 36 anni all'Ospedale Bufalini di Cesena, cinque giorni dopo essere stato investito da una Peugeot 206. La Procura della Repubblica di Rimini contesta l'omicidio stradale al conducente dell'auto, un trentenne di Morciano di Romagna, perché - come da consulenza del pubblico ministero - "in concorso di cause indipendenti con la condotta colposa del ciclista ne cagionava la morte per colpa consistita in negligenza ed imprudenza". (ANSA).

21:51Francia: scontro treno-scuolabus, ‘almeno 4 bambini morti’

(ANSA) - PARIGI, 14 DIC - "E' di almeno quattro bambini morti" il bilancio delle vittime dello scontro avvenuto nel sud-ovest della Francia tra un treno regionale ed uno scuolabus. Lo riferisce il ministero dell'Interno. Ci sono anche "24 feriti molto gravi, di cui 21 alunni, e altri tre altri che erano a bordo del treno", dice il prefetto.

Archivio Ultima ora