Un epico Chelsea arriva in finale

Pubblicato il 24 aprile 2012 da redazione

ROMA – E’ finito un ciclo? Sarà l’interrogativo che, mentre il Chelsea esulta per la sua impresa e si vendica della semifinale del 2009 segnando a tempo scaduto come tre anni fa aveva fatto Iniesta, verrà proposto in tutto il mondo a proposito del Barcellona.

La squadra di tutti fenomeni, che fino a poche settimane fa entusiasmava, adesso sembrala Grande Interche nel 1967, nel giro di pochi giorni persela Coppadei Campioni contro il Celtic e regalò lo scudetto alla Juventus perdendo con il Mantova. Quel giorno un ciclo, quello di Moratti padre, finì davvero.
Stavolta il Barcellona ha ancora la possibilità di non concludere la stagione a ‘zero tituli’ (c’é la finale di Coppa del Re contro l’Athletic Bilbao) ma gli interrogativi sul futuro, compreso quello di Guardiola, rimangono. Di sicuro la squadra campione del mondo è apparsa stanca, e dopo aver perso al Camp Nou il ‘Clasico’ di campionato sabato scorso contro il Real, ha fatto cilecca anche in Champions contro il Chelsea, qualificatosi per la finale di Monaco in cui, grazie a Roberto Di Matteo, ci sarà anche un pizzico d’Italia. Addio titolo d’Europa per il Barcellona, il Chelsea ce l’ha fatta ricordando molto da vicino l’Inter di Mourinho del 2010: anche allora ci fu una squadra in maglia bianca (come il Chelsea oggi) ritrovatasi in dieci (tre anni fa espulso Thiago Motta, ora John Terry per una folle ginocchiata a Sanchez) e poi dedita soprattutto a difendere, con Drogba andato a fare perfino il terzino.

Con nove uomini dietro la palla intenti ad erigere un autentico muro, il Barcellona è andato ad infrangersi contro un Chelsea che non concedeva varchi per le ‘imbucate’ dei catalani. Sono risultate inutili tutte le mosse di Guardiola, che perso da mesi David Villa non è mai riuscito a trovare un vero partner di Messi. In più l’argentino ci ha messo del suo anche ieri, però in senso negativo, visto che il Barça è andato a sbattere sui pali del suo n. 10, con la traversa colpita dal dischetto (rigore concesso per fallo di Drogba su Fabregas) e con il tiro secco di sinistro con cui ha centrato il palo a7’dalla fine.

Al90’ci ha provato anche Mascherano, ma Cech si è opposto bene, e a tempo scaduto è arrivata la beffa del 2-2. con un contropiede fulmineo finalizzato al meglio da Torres. In precedenza la partita l’aveva fatta sempre il Barcellona, con la sua manovra avvolgente ma stavolta poco efficace anche per la fisicità del Chelsea di un Di Matteo che ha rigenerato la sua squadra dopo la cacciata del presunto mago Villas Boas, e nella circostanza ha bloccato le fonti del gioco avversario. Unica, ma non secondaria, nota negativa della serata dei ‘Blues’ sono stati i cartellini rossi e gialli che impediranno a Terry, Ivanovic, Ramires e Raul Meireles di giocare la finale di Monaco, in cui il team di Abramovich, chiunque sia l’avversario, non partirà certo favorito.

Il Barcellona ha perso quasi subito Piqué (per lui una leggera commozione cerebrale) ma ha reagito segnando al35’con Busquets, che ha concluso su cross dalla sinistra si Fabregas innescato da Dani Alves. Poi c’é stata l’espulsione di Terry, quindi, al 43′, il raddoppio ‘blaugrana’ con una classica azione della squadra di Guardiola, con pallone sempre tra i piedi per una ‘girandola’ tra Sanchez e Messi con perfetto assist dell’argentino per la conclusione di Iniesta. Sembrava fatta e invece al46’Ramires ha gelato il Camp Nou con un bellissimo tocco in pallonetto degno di un nazionale brasiliano come lui, dopo un passaggio altrettanto bello di Lampard. E alla fine ha avuto ragione Torres, proprio l’uomo del 2-2, che ieri aveva detto che “il Barcellona è un passo avanti a tutti, ma nel calcio non sempre vincono i migliori”.

IL PIZZICO D’ITALIA
Di Matteo: Chelsea all’italiana?
Conta la finale di Monaco
ROMA – Roberto Di Matteo è uno dei trionfatori del Camp Nou. Da quando ha preso in mano il Chelsea subentrando al presunto mago Villas Boas, i Blues hanno perso soltanto una volta ed ora hanno compiuto l’impresa dell’anno eliminando dalla Champions il Barcellona, ovvero i campioni in carica e probabilmente il top del mondo, anche se adesso Messi e soci hanno le pile scariche.

Con un sano calcio all’italiana più che inglese, il Chelsea ha raggiunto la finale di Monaco ed ora attende di sapere se dovrà affrontare il Real Madrid o il Bayern.

“Quando giochi con il Barcellona – dice Di Matteo ai microfoni di Sky – ti devi difendere bene, perché loro occasioni ne creano comunque. Prima delle due partite erano favoriti loro perché sono i campioni in carica ed una squadra di campioni straordinari. Ma la nostra prestazione, specie nel secondo tempo, è stata di grande carattere, con tanta voglia di arrivare a Monaco”.

“Un Chelsea all’Italiana? L’importante per noi è essere in finale – sottolinea il tecnico dei ‘Blues’ -. Il mio è un gruppo straordinario, che in queste partite dimostra di avere qualità e motivazioni. Sono felice per i miei, che si meritano questa finale”.

Si è arrabbiato per l’espulsione di John Terry? “Siamo tutti esseri umani, quindi non mi sono arrabbiato – risponde Di Matteo -. Lui è il nostro capitano, ma può capitare a tutti. Questi ragazzi sono sempre sotto pressione, ogni tre giorni giochiamo una partita importante. Ora andremo avanti così”.

Dopo quest’impresa telefonerà al suo predecessore? E l’essere arrivato in finale di Champions gli varrà la riconferma? “André Villas Boas è mio amico e lo rimarrà a vita – sottolinea Di Matteo – visto che tra noi si è creato un rapporto fantastico. Per il resto, la società prenderà a fine stagione la decisione che riterrà più giusta”.

Ultima ora

17:21Calcio: Inzaghi, Lazio si sfoghi con Cittadella

(ANSA) - ROMA, 13 DIC - "I fatti accaduti sono fuori dal mondo, spero che chi di dovere prenda i giusti provvedimenti". Simone Inzaghi torna così sui torti arbitrali subiti in Lazio-Torino. Alla vigilia dell'ottavo di finale di Coppa Italia contro il Cittadella, il tecnico avverte: "Adesso dobbiamo cercare di trasformare questa grande ingiustizia subita in ferocia. Sfogare tutto quello che c'è successo in campo, contro il Cittadella ci saranno delle insidie". Fatti come quelli di Lazio-Torino e un utilizzo del Var che la Lazio lamenta essere stato sempre a sfavore "sono cose che non dovrebbero capitare. Da oggi non parlerò più di cose del genere, poi sono altri che dovrebbero farsi sentire. Io già l'ho fatto dopo le partite con Roma, Fiorentina, Sampdoria e Torino". A Burdisso, che aveva smentito il ds Tare e Parolo sottolineando di non aver mai detto all'arbitro Giacomelli di non essere stato toccato da Immobile, Inzaghi replica: "Sono cose che capitano. Burdisso è un giocatore forte in campo, si è lasciato andare".

17:19Calcio: Pordenone, Colucci “torniamo al nostro mondo”

(ANSA) - ROMA, 13 DIC - "C'erano tanti dei miei che piangevano, ho detto loro di alzare la testa e tornare al mondo che ci appartiene. In questa professione - ne parlo da pseudo allenatore e da ex giocatore - si vive anche di soddisfazioni, come aver messo in difficoltà una squadra come l'Inter con grande umiltà". Si esprime così l'allenatore del Pordenone, Leonardo Colucci, dopo l'eliminazione in Coppa Italia, ai rigori, contro l'Inter. "Oggi un mio amico mi diceva che non capitava da nove anni che l'Inter non segnasse un gol in Coppa Italia in casa. Poi c'è dell'altro, a un certo punto ieri nei tre cambi che ha fatto Spalletti sono entrati 250 milioni di euro in campo, nei miei tre cambi sono entrati 250mila delle vecchie lire. E' lì che c'è poesia e romanticismo nello sport. Sono entrati tre giocatori al livello mondiale e i ragazzi sono stati bravi a portarla fino ai rigori".

17:16Rifiuti: traffico illecito, perquisite 7 aziende

(ANSA) - FIRENZE, 13 DIC - Scoperta dai carabinieri forestali un'organizzazione specializzata nel traffico di rifiuti speciali pericolosi, tra cui rottami ferrosi e rifiuti legati al comparto delle acciaierie. Nell'inchiesta, condotta dalla Dda di Firenze, risultano coinvolte 7 imprese e indagate 13 persone, accusate di associazione per delinquere finalizzata al traffico illecito di rifiuti. Perquisizioni e ispezioni sono state effettuate in Campania, Lombardia, Liguria, Lazio, Puglia, Lazio e Toscana. I rifiuti oggetto dell'inchiesta, si spiega in una nota dei carabinieri forestali, sono "rifiuti ferrosi rottami e rifiuti legati al comparto delle acciaierie (dichiarati illecitamente come materie prime secondarie o come rifiuti non pericolosi) provenienti anche dall'estero". Tra le aziende perquisite anche l'Ilva, ma l'azienda secondo quanto precisato da fonti investigative, non risulta tuttavia al momento indagata.

17:16‘Zuppa con cannabis’, la Procura di Milano apre inchiesta

(ANSA) - MILANO, 13 DIC - La Procura di Milano ha aperto un fascicolo con l'ipotesi di detenzione di sostanze stupefacenti, a carico di ignoti, sulla vicenda di una donna e due bambini di 4 e 6 anni intossicati dal Thc, il principio attivo della cannabis, dopo avere ingerito un minestrone di verdure e carne, sabato scorso a Milano. Il pm Cristian Barilli, titolare dell'inchiesta, ha convalidato per accertamenti il sequestro della 'zuppa' in cui sarebbe stata contenuta la sostanza, responsabile degli effetti psicotropi di hashish e marijuana. La famiglia, originaria dello Sri Lanka, ha iniziato ad avere i primi sintomi (crampi, nausea, vomito) poco dopo il pranzo sabato scorso a Milano. Poco dopo è stata trasportata in ospedale al San Paolo, poi i bambini sono stati trasferiti alla De Marchi. Anche se ora tutti sono stati dimessi dall'ospedale, il procuratore capo Ciro Cascone e il pm Michela Bordieri hanno disposto accertamenti per la tutela dei minori.

16:55Corteo Roma:divieto caschi-fumogeni, controlli a borse

(ANSA) - ROMA, 13 DIC - Divieto di indossare caschi e indumenti per travisarsi, e fumogeni, compresi artifici pirotecnici. Controlli su persone, borse e zaini lungo tutto il tragitto della manifestazione. Queste le misure di sicurezza messe in atto per il corteo pro migranti previsto per sabato a Roma. La questura teme infiltrazioni di frange violente. La Questura ribadirà il divieto di portare oggetti contundenti, mazze di ogni tipo, materiale o vestiario idoneo al travisamento, artifizi pirotecnici o esplosivi. Previsti anche controlli alle stazioni ferroviarie, nei caselli autostradali e nelle principali vie consolari. Per tutto il percorso delicato i controlli saranno ripetuti su persone, zaini, borse. L'afflusso dei manifestanti "sarà disciplinato dalle forze dell'ordine". Alla manifestazione è prevista la partecipazione di 15mila persone e la Questura teme "l'arrivo di estremisti". Il corteo, che partirà alle 14, si snoderà da piazza della Repubblica a Piazza del Popolo.

16:48Sci: Vidovic vince slalom Coppa Europa a Obereggen

(ANSA) - BOLZANO, 13 DIC - Il croato Matej Vidovic si é aggiudicato lo slalom di Coppa Europa di Obereggen. Al 24enne, in lizza già dopo la prima manche, é bastato il 20/o tempo per staccare l'austriaco Marc Digruber e l'appena 20enne francese Noel Clement. Dopo i due piazzamenti top 10 nei primi due slalom di Coppa Europa a Fjatervaalen in Svezia ora Vidovic ha all'attivo anche il trionfo a Obereggen e lo si vedrà presto in Coppa del Mondo. Il miglior tempo nella seconda manche lo ha fatto segnare il 22enne azzurro Federico Liberatore. 30/o dopo la prima manche ha sfruttato al meglio la possibilità di poter aprire la seconda manche e ha migliorato notevolmente il suo piazzamento - ha chiuso lo slalom in ottava posizione, risultando il migliore degli azzurri. Il secondo azzurro in 12/a posizione é stato il bolzanino Riccardo Tonetti, praticamente sulla sua pista di casa, considerato che ha imparato a sciare proprio a Obereggen.

16:25Uranio:Osservatorio,morto militare,faceva servizio Quirinale

(ANSA) - ROMA, 13 DIC - Leonardo Bucoliero, militare romano cinquantenne impiegato nel servizio scorte al Quirinale, è la vittima numero 348 dell'esposizione all'uranio impoverito. Lo sostiene Domenico Leggiero, dell'Osservatorio militare. "Tumore alla testa - spiega Leggiero - la sentenza che in due anni l'ha portato via. Bucoliero, morto lo scorso 8 dicembre, era stato in missione per un anno nei Balcani, in Kosovo. Ogni nesso tra malattia ed esposizione ad uranio impoverito gli è stato negato dal ministero della Difesa". "Anche Bucoliero - prosegue - si è affidato all'avvocato Angelo Fiore Tartaglia per ottenere giustizia e riconoscimento dei suoi diritti, non tanto per lui ma per i giovani figli e la moglie. Dalle analisi nanodiagnostiche svolte sui campioni del suo tumore è emersa la presenza di numerosi metalli pesanti la cui dimensione e forma non lasciano scampo: effetto del munizionamento all'uranio impoverito".

Archivio Ultima ora