Borriello decisivo, Cesena retrocesso

Pubblicato il 25 aprile 2012 da redazione

CESENA – Il più classico dei testa-coda, per poco non costa caro alla Juve. Il Cesena – che dà il suo addio alla Serie A – costringela Vecchia Signoraa sudare le proverbiali sette camicie per portare a casa tre punti fondamentali nella volata scudetto, al termine di una gara ostica, combattuta a viso aperto e con l’ombra dell’ormai consueto ‘gol-non-gol’ spazzata via da una rete scacciaguai di Borriello, proprio nell’ultimo spicchio del confronto. Quello in cui i bianconeri – ieri ancora in rosa – riescono a mantenere a tre i punti di vantaggio sul Milan vincitore contro il Genoa.

Sul sintetico del Manuzzi, in uno stadio completamente esaurito -la Romagnaè da sempre un feudo juventino – Conte conferma sostanzialmente l’undici di partenza schierato domenica controla Roma, con le uniche eccezioni di Matri al posto di Quagliarella e Caceres al posto di Lichsteiner .

Nel 3-5-2 di ordinanza, il trio Barzagli-Bonucci-Chiellini fa buona guardia alle spalle del centrocampo guidato da Pirlo, Marchisio e Vidal, trampolino di lancio ideale per Vucinic, a galleggiare tra le linee, e il compare d’attacco Matri.

Dall’altra parte, Beretta – reduce da cinque ‘X’ consecutivi – sceglie un inedito 3-4-2-1, forzato dalla falcidie di infortuni che si è abbattuta sui romagnoli. Il tecnico di casa, sceglie i piedi buoni di Parolo e la corsa di Colucci e Ceccarelli in mezzo al campo, e il doppio trequartista Santana-Del Nero alle spalle di Rennella, unica punta in seguito allo stop degli ex Mutu e Iaquinta, nemmeno convocati a causa rispettivamente di una contrattura ai flessori della coscia destra e di una lombalgia.

Deciso a regalare una recita all’altezza del palcoscenico, il Cesena prova a tenere testa alla Vecchia Signora, sin dalle prime battute, con il consueto ardore . Ad accendere le luci del luna-park juventino è Pirlo che, con la collaborazione di Marchisio, guida da par sua la ‘rumba organizzata’ della Conte-Band.

Il fraseggio dei due apre corridoi invitanti per Matri, che mette in apprensione la retroguardia cesenate dopo appena un paio di minuti. Retroguardia che rischia di capitolare, qualche giro di lancette dopo, su un contestatissimo rigore accordato da Guida per un presunto mani al limite dell’area di Moras.

Per il Manuzzi, inviperito, il tocco del greco sul tiro di Vucinic è fuori area. Pirlo, sul dischetto, mette tutti d’accordo: palo e la sfida resta in parità. Quella che, alla vigilia, sembrava una partita scontata, si rivela meno agevole del previsto perla Juve. Nonostanteil possesso di palla costante e un paio di incornate di Matri e Vucinic su calcio d’angolo, i torinesi devono guardarsi dalle rapide incursioni cesenati. Nulla di troppo grave, ma non quel dominio assoluto che era lecito attendersi dalla capolista. Comunque vicina al gol con un colpo di testa di De Ceglie sventato da un grande Antonioli. Imbrigliata, nel primo tempo, dalla buona ragnatela del Cesena – che si toglie pure lo sfizio di spaventare Buffon con Del Nero da fuori area -la Juventusprova subito a forzare in avvio di ripresa con un tiro di Matri, in sospetta posizione di fuorigioco: Antonioli toglie la palla dalla linea bianca per l’ennesimo ‘gol-non-gol’ della stagione di Serie A. Materiale da moviola a parte, i ragazzi di Conte caricano a testa bassa. Spingono come forsennati, fanno incetta di angoli e sfiorano il vantaggio con Bonucci, di testa, e Pirlo da fuori area.

Per scardinare il bunker cesenate Conte prova a spingere sull’acceleratore mandando in campo Giaccherini, fischiatissimo ex, Borriello e Del Piero. E’ la mossa vincente: Pinturicchio pennella una punizione che Antonioli devia con fatica, sugli sviluppi dell’azione Borriello, dopo un batti e ribatti al limite dell’area cesenate, insacca con un preciso rasoterra. E’ l’apoteosi per i tifosi di Madama scesi in Romagna.La Juvecorre spedita e imbattuta verso il tricolore, il Cesena salutala Acon dignità e coraggio tra gli applausi dei suoi tifosi. Già pronti a sognare un breve ‘arrivederci’.

Ultima ora

22:39Tap: Emiliano, Governo incosciente, presenteremo esposto

(ANSA) - BARI, 12 DIC - "I fatti accaduti in Austria hanno dimostrato che le preoccupazioni della Regione Puglia hanno un fondamento evidente che ci obbligherà nei prossimi giorni a sottoporre alla Procura della Repubblica competente un esposto che mira a salvaguardare l'incolumità pubblica dalla incosciente decisione del Governo di ritenere non assoggettabile alle direttive Seveso l'impianto Tap". In una nota, il presidente della Puglia, Michele Emiliano, replica al ministro dello Sviluppo Carlo Calenda, che aveva criticato le rimostranze della regione sul gasdotto Tap. Per Emiliano, "di incoscienza collettiva evidentemente si tratta se è vero che il Ministro Calenda dalle notizie della vittima e dei 21 feriti in Austria trae lo spunto solo per ribadire che il TAP è necessario proprio per sopperire alla temporanea carenza di gas distribuita nel Nord Europa ove dovessero ripetersi incidenti analoghi a quello accaduto oggi". "Si tratta con ogni evidenza - rimarca Emiliano - di un caso di strabismo politico".

22:06Calcio: Mondiale club, 1-0 al Pachuca dts, Gremio in finale

(ANSA) - ROMA, 12 DIC - I brasiliani del Gremio si sono qualificati alla finalissima del Mondiale per club battendo 1-0 i messicani del Pachuca dopo i tempi supplementari del match giocato ad Al Ain, stadio Hazza bin Zayed, negli Emirati Arabi Uniti. Decisivo il gol di Everton al 5' del primo tempo supplementare dopo che i 90' regolamentari si erano conclusi a reti inviolate. La squadra allenata dall'ex romanista Renato affronterà la vincente dell'altra semifinale tra Real Madrid e l'Al-Jazira in programma domani.

21:53Terremoto: Boldrini a delegazione Camerino,vi resterò vicina

(ANSA) - CAMERINO (MACERATA), 12 DIC - "Quello che ho visto nelle vostre terre non lo dimenticherò mai, anche perché la vostra terra è anche la mia terra. Abbiamo fatto molto e sono consapevole che molto di più c'è ancora da fare. Siamo arrivati a fine legislatura, ma io, qualunque sarà il mio ruolo in futuro, continuerò a esservi vicina. Questa è la mia promessa". Sono le parole, si legge in una nota del Comune di Camerino, che la presidente della Camera Laura Boldrini ha rivolto a una delegazione di cittadini camerti, ricevuta in visita a Montecitorio. Insieme al sindaco Gianluca Pasqui c'erano rappresentanti di scuole, associazioni e dell'Università. Pasqui ha anche preso parte alla riunione del Comitato legislativo, ricordando che ''se davvero si vuole fare il bene dei Comuni terremotati bisogna entrare nello specifico delle singole realtà''. "Ho chiesto di rivedere il cratere sismico - ha detto il sindaco -. Non è possibile che ogni comune venga curato alla stessa maniera, che a più malati venga data la stessa medicina. Dobbiamo intervenire con decisione affinché il cratere venga rivisto, senza escludere nessuno, ma intervenendo con le necessarie indicazioni in base alle necessità. Le differenze ci sono e le istituzioni le devono evidenziare affinché parta quella ricostruzione che oggi sembra ancora un miraggio".

21:52Ap: direzione vota documento separazione consensuale

(ANSA) - ROMA, 12 DIC - Il documento per la separazione consensuale di Ap, che mantiene al momento invariati i gruppi parlamentari, è stato votato all'unanimità dalla Direzione Nazionale.

21:51Migranti: domani vertice a Parigi Macron-Gentiloni-Merkel

(ANSA) - ROMA, 12 DIC - Il presidente del Consiglio Paolo Gentiloni sarà domani, mercoledì 13 dicembre, a Parigi, per il vertice con il presidente francese Emmanuel Macron, la cancelliera tedesca Angela Merkel e i capi di Stato e di governo del G5 Sahel Burkina Faso, Ciad, Mali, Mauritania e Niger. L'incontro, presso il castello di La Celle-Saint-Cloud, avrà inizio alle ore 12. Al termine è prevista una conferenza stampa congiunta. E' quanto si legge in una nota di Palazzo Chigi.

21:48Usa: Roy Moore va a votare a cavallo

(ANSA) - WASHINGTON, 12 DIC - Il candidato senatore per il partito repubblicano Roy Moore si è recato a votare in Alabama a cavallo. Lo riportano i media americani. Roy Moore è favorito nonostente le accuse di molestie sessuali nei confronti di minorenni. A sostenerlo si è schierato con decisione anche il presidente americano Donald Trump.

21:35Liberia: elezioni, il 26 dicembre ballottaggio Weah-Boakai

(ANSA) - IL CAIRO, 12 DIC - Si terrà il 26 dicembre il ballottaggio delle elezioni presidenziali in Liberia fra George Weah, ex-attaccante del Milan, e il vicepresidente uscente Joseph Boakai. La data è stata annunciata oggi pomeriggio dalla Commissione elettorale dopo che venerdì scorso la Corte Suprema aveva stabilito che nel primo turno delle elezioni svoltesi il 10 ottobre c'erano state irregolarità e brogli, ma non così gravi da giustificare una ripetizione del voto. In origine era previsto che per eleggere il successore della presidente Ellen Johnson Sirleaf, nel primo passaggio dei poteri senza traumi da oltre 70 anni, il ballottaggio si tenesse il 7 novembre. Vi era stato però un ricorso del terzo classificato, Charles Brumskine, poi respinto dalla Corte suprema. Sirleaf, premio Nobel per la pace e prima donna capo di stato in Africa, è stata presidente dal 2006, dopo la cacciata (avvenuta nel 2003) del potente 'signore della guerra' Charles Taylor.

Archivio Ultima ora