La maggioranza pressa Monti: “Ora crescita e giù le tasse”

Pubblicato il 26 aprile 2012 da redazione

ROMA – A poco più di una settimana dalle amministrative, la maggioranza chiede al governo una correzione di rotta.
In una risoluzione comune al Def, Pdl, Pd e Terzo Polo pressano perché il premier Mario Monti punti i fari sulla crescita e su sgravi fiscali con le risorse provenienti dalla lotta all’evasione e dai risparmi della spending review.
Il documento, approvato da Camera e Senato, è più che un’indicazione al premier visto che, avverte il capogruppo Pdl Fabrizio Cicchitto, ‘’il decollo di una nuova fase della politica economica del governo è anche una delle condizioni per la sua durata’’.
Se il premier Mario Monti, ieri impegnato a Bruxelles, avrà avuto altro da pensare rispetto al sondaggio Ipr, che dà la fiducia a lui e al governo in caduta, agli umori degli elettori guardano eccome i partiti in vista delle amministrative. E così, dopo un dibattito non scontato dentro la maggioranza e tra le forze politiche ed esecutivo, ‘Abc’ sostengono nella risoluzione, senza tanti giri di parole:
– La priorità dell’azione di governo, non può essere, da questo momento in avanti, che la crescita dell’economia nazionale, da perseguire con assoluta determinazione sia a livello interno che dell’Ue.
Alla fine si è deciso di sorvolare sull’indicazione precisa di 8-9 miliardi da devolvere alla crescita ma l’orientamento è che per lo sviluppo vada valutata ‘’la possibilità di utilizzare le risorse, eccedenti rispetto all’obiettivo del pareggio del bilancio’’. Pareggio che, secondo ‘Abc’ e come ha rassicurato finora il governo, va raggiunto senza manovre aggiuntive ma anche ‘’con un piano straordinario di dismissioni del patrimonio pubblico’’.
Basta sacrifici, invoca la maggioranza, ma anzi un cambio di passo che, dalle risorse dell’evasione e della spending review, porti alla riduzione delle tasse sui ‘’redditi da lavoro e da impresa’’. In sostanza, un ‘’nuovo patto tra fisco e contribuenti’’ che eviti il circolo vizioso rigore-recessione in un’azione mirata alla crescita. E l’impegno, oltre che sul piano interno, incalzano i partiti, va portato avanti anche sul piano europeo, promuovendo l’emissione di project bond e eurobond e chiedendo una maggiore integrazione che sbocchi negli Stati Uniti d’Europa perché, osserva il democratico Francesco Boccia, ‘’a Monti sta l’onere di guidare questo processo, sapendo che in Europa non si prendono ordini da nessuno’’.
Si vedrà se le richieste, poste nella risoluzione di maggioranza, saranno accolte in tutto o in parte dal governo che finora, ad esempio sul ‘tesoretto’ dei proventi alla lotta all’evasione, ha nicchiato.
Ma certo sembra che i partiti, soprattutto il Pdl, non abbiamo intenzione di scherzare. – Serve un’azione più incisiva sullo sviluppo – chiede il capogruppo Pdl al Senato Maurizio Gasparri che sul ddl lavoro arriva a minacciare il no in assenza di cambiamenti.
Pd e Terzo Polo preferiscono dar fiducia all’esecutivo, ricordando, come fa il leader Udc Pier Ferdinando Casini, che ‘’in Europa il vagone della crescita è partito e Monti sta lavorando molto bene’’ tra i partner dell’Unione.
E l’intesa Roma-Berlino per virare sulla crescita fa ben sperare il Pd, che ora punta sulla vittoria di Francois Hollande nella corsa all’Eliseo.
– Alcune delle soluzioni proposte da noi – osserva Pier Luigi Bersani – sono migliori di quelle adottate dal governo ma non si può dimenticare il peso di cui Monti si è caricato dopo 8 anni di governo disastroso.
E anche per questo il leader democrat avverte i componenti della maggioranza targati Pdl:
– Solo noi – avverte – possiamo dire a Monti quel che va e quello che non va. Loro devono stare zitti per almeno un giro perché con loro siamo arrivati a un metro dalla Grecia.
E all’Esecutivo Bersani chiede ‘’un paio di cose urgentissime contro la recessione: far girare i pagamenti e dare un po’ di lavoro attraverso gli Enti locali, mettendo in moto subito un po’ di investimenti’’.

Ultima ora

22:21Savoia: spoglie regina Elena tornano in Italia dopo 65 anni

(ANSA) - MONDOVI' (CUNEO), 15 DIC - Torna in Italia la salma della regina Elena di Savoia. Le spoglie della moglie di Vittorio Emanuele III, penultima Regina d'Italia, sono state trasferite oggi da Montpellier, dove è morta nel 1952 a 79 anni, al Santuario di Vicoforte, vicino a Mondovì, nel Cuneese. A darne notizia è stata la nipote Maria Gabriella di Savoia, che esprime "profonda gratitudine" al presidente Sergio Mattarella, "che fattivamente propiziò la traslazione della salma". Il trasferimento è avvenuto in gran segreto. Il Santuario già nelle intenzioni del duca Carlo Emanuele I di Savoia, a inizio Seicento, doveva diventare il mausoleo della Casa reale. Non è escluso che nelle prossime settimane qui vengano traslate anche le spoglie di Vittorio Emanuele III, morto in esilio il 28 dicembre di settant'anni fa ad Alessandria d'Egitto, dove è tuttora sepolto. "Confido che il ritorno in Patria della Salma di Elena, concorra alla composizione della memoria nazionale", è l'auspicio di Maria Gabriella.(ANSA).

21:57Salvini, Cav non è candidabile e non può fare il premier

(ANSA) - ROMA, 15 DIC - "Se la Lega prende un voto in più rispetto agli altri alleati è chiaro che sono io il premier, Berlusconi non è candidabile quindi non può essere premier. Una cosa che voglio dire è che chi vota Lega non vota governi di inciuci e questo Berlusconi lo deve aver chiaro...". Lo afferma il leader della Lega Matteo Salvini a "Zapping" su Radio1 Rai.

21:53Germania: nuovo aeroporto ‘Ber’ aprirà ad ottobre 2020

(ANSA) - BERLINO, 15 DIC - Il nuovo aeroporto della capitale tedesca 'BER', dopo ripetuti ritardi, dovrebbe entrare in funzione ad ottobre 2020. Lo ha comunicato il numero uno del consiglio di sorveglianza, Rainer Bretschneider, oggi a Berlino. I lavori sono cominciati nel 2006 e l'aeroporto avrebbe dovuto entrare in attività nel 2011. Ma i ritardi si sono accumulati e i costi sono lievitati da 2 a 6,5 mld, fino all'ultimo piano finanziario previsto per la primavera del 2018.

21:41Calcio: Fassone,no a strategie per ridurre valore Donnarumma

(ANSA) - MILANO, 15 DIC - "Nessuno pensi di adottare strategie per far sì che Donnarumma possa essere ceduto a valori di mercato inferiori rispetto al suo reale valore. A gennaio non abbiamo intenzione di fare nuovi acquisti e non abbiamo necessità di cassa". Così l'ad del Milan Marco Fassone, in un video sul sito del club, commenta le voci sul futuro del portiere, dopo il botta e risposta tra il ds Mirabelli e Mino Raiola. "Donnarumma è un patrimonio umano, tecnico ed economico del club. Siamo qui per tutelarlo e non c'è nessuna volontà di cederlo - aggiunge il dirigente - Mi ha fatto piacere la sua dichiarazione distensiva, ha confermato che non c'è stata nessuna forzatura. Oggi l'ho visto più sereno. Se sarà lui a dirci che vorrà andar via, saremo aperti a valutare le offerte".

21:07Terremoti: sisma 6.5 su costa Java, in Indonesia

(ANSA) - ROMA, 15 DIC - Un sisma di magnitudo 6.5 è stato registrato sulla costa di Java, in Indonesia e si sontano un numero imprecisato di vittime. Lo riferisce l'Usgs americano. Le autorità indonesiane hanno emesso un'allerta tsunami. L'epicentro del sisma è stato localizzato a 92 chilometri di profondità, 50 km a sudovest della città di Tasikmalaya. Il portavoce dell'agenzia locale per il contenimento dei disastri, Sutopo Purwo Nugroho, ha riferito di alcuni edifici danneggiati nell'area ovest dell'isola. Nugroho ha aggiunto che il sisma è stato sentito per 20 secondi nella capitale Giacarta ed in altre città e villaggi di Giava.

20:59Milan:Fassone, richieste Uefa impossibili per chiunque

(ANSA) - MILANO, 15 DIC - ''La Uefa ci ha chiesto due cose impossibili, non solo per noi ma per qualunque club che si trova nelle condizioni del Milan''. Così l'ad Marco Fassone spiega, con un video sul sito del club, perché l'Uefa ha negato al Milan la richiesta di Voluntary Agreement. ''L'Uefa - aggiunge Fassone - ci ha chiesto di completare prima il rifinanziamento del debito con Elliott e di fornire garanzie per dimostrare la capacità della proprietà di sostenere le perdite del club con un deposito. La nostra documentazione era sufficiente''.

20:44Nuoto: Europei, bronzo di Dotto nei 50 stile libero

(ANSA) - ROMA, 15 DIC - Bronzo di Luca Dotto nei 50 metri stile libero agli Europei di nuoto in vasca corta di Copenhagen, con il tempo di 20"78. L'oro è andato al russo Vladimir Morozov (20"31), l'argento al britannico Benjamin Proud (20"66). Ottavo ed ultimo tempo della finale per Marco Orsi.

Archivio Ultima ora