Barcellona, Guardiola si ritira, dopo aver vinto tutto

Pubblicato il 27 aprile 2012 da redazione

ROMA – Quattro anni e 13 titoli vinti: si conclude così l’esperienza al Barcellona di Pep Guardiola. Tre giorni dopo l’eliminazione dalla Champions League il tecnico catalano, ‘enfant prodige’ del calcio internazionale, ha annunciato che la prossima stagione non sarà sulla panchina del Barca. Quarantuno anni, pieni di successi, quelli di Josep Guardiola y Sala, nato a Santpedor, in piena Catalunya, il 18 gennaio 1971. E già ora, a prescindere da quello che otterrà in futuro, ha un posto di rilievo nella storia del calcio mondiale perché quello che ha ottenuto come trofei e gioco hanno trasformato il suo Barcellona in una delle più forti squadre di ogni tempo.
A 13 anni comincia a tirar calci al pallone nelle giovanili del Barcellona, approdando come centrocampista alla prima squadra nel 1990, sotto la direzione di un mito quale Johan Cruijff. La grande tecnica, la visione di gioco e la personalità ne fecero il leader naturale della squadra, quasi un allenatore in campo. Fu lui, nel maggio 1992, a guidare i compagni alla prima Coppa dei campioni nella storia del club, grazie alla vittoria, in finale a Wembley, sulla Sampdoria di Vialli e Mancini. E furono, con il Barca, sei titoli nazionali, due Coppe di Spagna, due Supercoppe Uefa e una Coppa delle Coppe.
Nel 2001, il trasferimento al Brescia, poi una stagione alla Roma, quindi di nuovo nella squadra di Baggio. La permanenza in Italia fu, tra l’altro, turbata da una storia di doping, dalla quale comunque Guardiola uscì pulito. Due anni fuori Europa, infine l’addio al calcio giocato. Ma è come allenatore che Guardiola raggiunge traguardi ancora più prestigiosi. Lo studio meticoloso delle tecniche di gioco, la propensione ad un gioco propositivo che consenta un dominio assoluto del campo, un possesso di palla pressoché totale, una manovra ariosa finalizzata sempre e comunque al bel gioco e al gol: è questa la carta d’identità in panchina di Pep che da allenatore in campo quando giocava si trasforma in un giovane tecnico di successo che colleziona trofei senza bisogno di un lungo apprendistato. E diventano proverbiali i suoi duelli con Jose Mourinho che subisce, fino alla vittoria nel clasico di sabato scorso, una serie di sconfitte con il suo Real, a partire dalla ‘manita’, il 5-0 del 29 novembre 2010.
Guardiola inizia la sua carriera da allenatore alla guida del Barcellona B nel 2007. Nel luglio 2008 viene scelto dall’allora presidente Joan Laporta come allenatore. L’inizio non è dei migliori ma in poco tempo la sua squadra raggiunge livelli di gioco elevati con una media realizzativa di tre gol a partita. Nella sua prima stagione da allenatore, quella 2008/2009, Guardiola centra il ‘triplete’ vincendo nell’ordine la Coppa di Spagna, il campionato e la Champions League, battendo nella finale di Roma il Manchester United.
La stagione successiva si apre con le vittorie della Supercoppa di Spagna, della Supercoppa europea (battendo lo Shakhtar Donetsk) e del Mondiale per Club battendo nella finale di Abu Dhabi l’Estudiantes. Nella stessa stagione Guardiola vince il secondo campionato spagnolo da allenatore. Nella stagione 2010/2011 Guardiola vince il terzo campionato, la sua seconda Champions League da allenatore (con il Barca battendo il Manchester United per 3-1 nella finale di Wembley) e la Supercoppa di Spagna. La stagione 2011/2012 si apre con i successi nella supercoppa di Spagna e di quella Europea. Poi la vittoria (la seconda) del Mondiale per Club ‘Pep’. E quest’anno una serie di vittorie di prestigio con Messi super goleador fino al doppio stop in pochi giorni: ko con Real che allontana la Liga ed eliminazione Champions contro il Chelsea all’italiana di Di Matteo. Ma forse l’addio ci sarebbe stato comunque. Ora rimane la conclusione della stagione, la possibilità di vincere la Coppa del Re e poi l’inizio di una nuova avventura altrove. Ma Guardiola ha già iscritto il suo nome nella storia del Barcellona e del calcio mondiale.

Ultima ora

17:52Legge stabilità: M5S attacca Lotti

(ANSA) - ROMA, 14 DIC - "In questa legge di Stabilità il ministro Lotti ha provato a inserire alcune proposte che è stato incapace di mettere nero su bianco nell'ultimo anno in cui ha fatto il ministro part time. L'ultimo tentativo è stato quello di trasformare la sua legge salva-Malagò in un emendamento fatto firmare a un deputato di Scelta Civica": così il deputato del Movimento 5 Stelle Simone Valente su Facebook. "Per fortuna - nel rispetto dei regolamenti - la Camera ha ritenuto inammissibile quella norma - aggiunge Valente - perché nulla ha a che vedere con una legge come quella di Stabilità. Proveranno a inserirla nuovamente durante l'esame in Aula, noi ci opporremo in maniera durissima a una norma fatta solo per salvare il suo amico Malagò".

17:44Torino: nuovo scontro su conti,revisori bocciano Consolidato

(ANSA) - TORINO, 14 DIC - Nuovo scontro tra Comune di Torino e revisori dei conti. L'organo di revisione, presieduto da Herri Fenoglio, ha espresso parere negativo al Bilancio consolidato 2016 perché - si legge nelle motivazioni - non è stato inserito il bilancio di Gtt, l'azienda del trasporto pubblico locale. Dal canto suo l'amministrazione pentastellata tira dritto e intende approvare entro l'anno il Consolidato, osservando che si tratta di un atto ricognitivo che fotografa i conti del 2016 senza alcun potere autorizzatorio. "Non approvare il consuntivo - spiega l'assessore al Bilancio Sergio Rolando - pregiudicherebbe in maniera irreparabile la corretta erogazione del servizio pubblico. Sarebbe un danno perché verrebbero bloccate le assunzioni, gli uffici e, di conseguenza, la Città, penalizzando i servizi e i cittadini". Di qui la decisione di recepire con un emendamento il parere dei revisori e, con un altro emendamento, le deduzioni degli uffici, così da proseguire con l'approvazione. (ANSA).

17:43Traffico rifiuti: ‘I bambini? Che muoiano’

(ANSA) - FIRENZE, 14 DIC - "Ci mancavano anche i bambini che vanno all'ospedale, che muoiano". Così uno degli indagati nell'inchiesta della Dda di Firenze per traffico illecito di rifiuti, che oggi ha portato all'arresto di sei persone, parlando dei rischi di stoccare abusivamente rifiuti pericolosi in una discarica situata vicino a una scuola. "Non mi importa nulla dei bambini che si sentono male - prosegue l'uomo senza sapere di essere intercettato -, io li scaricherei in mezzo alla strada i rifiuti".

17:30Etruria: Boschi, non ho mentito, mai pressioni

(ANSA) - ROMA, 14 DIC - "Anche oggi ricevo attacchi dalle opposizioni sulla vicenda Banca Etruria. Confermo per filo e per segno tutto ciò che ho detto in Parlamento due anni fa. Tutto. Chi mi chiede le dimissioni perché avrei mentito in Parlamento deve dirmi in quale punto del resoconto stenografico avrei mentito. Ho incontrato più volte il presidente della Consob in varie sedi come ho incontrato altri rappresentanti istituzionali: mai e poi mai ho fatto pressioni. Mai". Così Maria Elena Boschi su facebook.

17:25Calcio: De Magistris, il Napoli va sempre sostenuto

(ANSA) - NAPOLI, 14 DIC - "Non mi inserisco in polemiche che non condivido ed esprimo massimo sostegno e vicinanza alla squadra. Sullo stadio noi facciamo fatti e stiamo realizzando un lavoro che sarà portato a compimento nella sua interezza prima delle Universiadi". Il sindaco di Napoli, Luigi de Magistris, ha così risposto ai cronisti che gli hanno chiesto di commentare le dichiarazioni del presidente del Napoli, Aurelio De Laurentiis, il quale in una intervista a Il Mattino ha detto di non aspettare più de Magistris sulla questione stadio. Rispetto al momento che vive la squadra, il sindaco ha affermato: "Va sostenuta da tutti nei momenti belli e in quelli difficili. Siamo fra i primi in campionato e abbiamo grandi prospettive".

17:19Berlusconi, da Salvini puntiglio che sarà superato

(ANSA) - BRUXELLES, 14 DIC - "Non è una cosa che non fa trovare un accordo con la Lega e con Fratelli d'Italia, è un puntiglio che sarà presto superato". Lo ha detto Silvio Berlusconi, rispondendo alle critiche arrivate da Matteo Salvini sull'iter della legge Molteni, all'uscita dalla riunione del Ppe.

17:18Cadavere donna vegliato in casa da figlio per una settimana

(ANSA) - GENOVA, 14 DIC - Il cadavere di una anziana donna di 78 anni è stata vegliata per almeno una settimana dal figlio, malato psichiatrico, di 47 anni. Il corpo è stato trovato oggi dai medici del 118 e dai carabinieri in un'abitazione di Borgoratti, quartiere popolare di Genova. I militari non escludono alcuna ipotesi: il cadavere presenta segni sul collo compatibili con uno strozzamento anche se il medico legale Marco Salvi, intervenuto per il primo sopralluogo, avrebbe accertato la presenza di altri segni che potrebbero far pensare che la donna si possa essere ferita in seguito a una caduta. Il magistrato titolare delle indagini ha disposto l'autopsia per accertare le cause del decesso. Sul posto gli investigatori del nucleo operativo e gli esperti della sezione rilievi.

Archivio Ultima ora