Bombe e granate contro i cristiani: 21 morti tra Kenya e Nigeria

Pubblicato il 29 aprile 2012 da redazione

ROMA – Ancora una strage di cristiani in Africa. Due attentati terroristici in Nigeria e in Kenya contro fedeli raccolti in preghiera durante la messa della domenica hanno causato la morte di almeno 21 persone e il ferimento di numerose altre, tra cui due bambini.

Strage a Kano
A Kano, nel nord della Nigeria, teatro negli ultimi mesi di sanguinosi attacchi contro la minoranza cristiana da parte dei ‘talebani nigeriani’ di Boko Haram, un commando armato è giunto a bordo di motociclette all’interno dell’Università Bayero ed ha aperto il fuoco sui fedeli a messa all’interno del campus. I miliziani hanno prima lanciato alcune bombe artigianali all’interno del teatro usato dai cristiani per celebrare le funzioni religiose e poi hanno aperto il fuoco sulla folla che cercava di mettersi al riparo. “Le esplosioni, almeno tre, e gli spari sono andati avanti per oltre 30 minuti” ha raccontato uno studente. Il bilancio è di 20 morti e decine di feriti gravi. Il portavoce dell’Università, Mustapha Zahradeen, ha detto che tra le vittime ci sono anche 2 docenti. Polizia ed esercito hanno circondato l’Università e prestato soccorso ai feriti. La strage non è stata ancora rivendicata ma Kano è stata teatro in passato di sanguinosi attentati compiuti dai fondamentalisti di Boko Haram, che mirano ad instaurare la sharia in tutta la Nigeria e che rivendicarono gli attacchi durante la messa di Natale del 2010 in 2 chiese cristiane a Jos e la strage alla sede dell’Onu di Abuja del 2011.

1 morto a Nairobi
A Nairobi, invece, una granata è stata lanciata all’interno di una chiesa della congregazione ‘Casa dei miracoli di Dio’, nel quartiere popolare di Ngara, a nord-ovest della capitale, poco prima dell’inizio della messa. Il bilancio è di un morto e una decina di feriti, tra cui due bambini. All’interno della chiesa “c’è sangue ovunque’’, ha raccontato un testimone. Anche in questo caso non c’è ancora una rivendicazione ma non ci sarebbero dubbi sulla matrice terroristica, secondo la polizia locale. Qualche giorno fa, l’ambasciata americana a Nairobi ha diffuso un allarme su possibili attentati da parte degli shabaab, i miliziani islamici somali, in ritorsione per l’offensiva dell’esercito keniota oltre il confine somalo.

Condanna italiana
Immediata e unanime la condanna per la domenica di sangue. Il ministro degli Esteri, Giulio Terzi, ha espresso “profondo cordoglio’’ per la strage. “Basta eccidi atroci e barbari. La difesa della libertà di religione è una priorità assoluta per l’Italia’’, ha detto Terzi, che ha sollecitato un “sempre maggiore impegno della comunità internazionale’’. Da Bruxelles, l’Ue ha condannato “senza riserve” gli atti di terrorismo.

Le violenze contro i cristiani nel mondo: la mappa
ROMA – Gli attacchi di ieri in Kenya e Nigeria sono gli ultimi episodi di una crescente intolleranza e discriminazione religiosa contro i cristiani ed i loro luoghi di culto in Africa, Medio Oriente e Asia.
EGITTO: Ancora fresca nella memoria è la strage avvenuta vicino Luxor il 7 gennaio 2010, in occasione della Natività copta, quando i fedeli che uscivano dalla messa di mezzanotte furono aggrediti da un islamico armato, che uccise sei persone. IRAQ: I luoghi di culto a Baghdad, Mossul e Kirkuk sono stati bersaglio di ripetuti attacchi terroristici. Migliaia di cristiani hanno lasciato il paese per timore di violenze. PAKISTAN: La comunità cristiana è ancora scossa dalla condanna a morte di Asia Bibi, la madre di 5 figli accusata di blasfemia. INDIA: Nell’Orissa i cristiani denunciano un clima di terrore e minacce. Nonostante la Costituzione indiana garantisca il diritto alla libertà religiosa, a livello locale resistono leggi che puniscono la conversione al cristianesimo. – NIGERIA: Nella città di Jos le violenze sono costate la vita a centinaia di persone. La nazione ha una popolazione stimata di oltre 150 milioni di abitanti, equamente suddivisi tra cristiani, al sud, e musulmani, al nord. FILIPPINE: Si registrano attacchi contro chiese cattoliche sull’isola di Jolo, una roccaforte del movimento islamico Abu Sayyaf, legato ad Al Qaeda.

 

Ultima ora

17:23Calcio: Milan, annullata cena di Natale

(ANSA) - MILANO, 18 DIC - All'indomani della figuraccia di Verona è stata annullata la cena di Natale del Milan, prevista per questa sera fra la squadra e la dirigenza. Non sono ancora chiari i motivi di questo cambio di programma.

17:18F1: Marchionne, se Circus diventa formula Nascar andiamo via

(ANSA) - MARANELLO (MODENA), 18 DIC - "Se le macchine diventano tutte uguali, modello Nascar, se le piste sono tutte noiose come quella di Abu Dhabi, se prima di discutere argomenti più importanti come la libertà di disegnare una macchina, si pensa di togliere le donne dalla griglia di partenza come ha detto Ross Brawn alla Bbc, il bello è che la Ferrari ci mette un minuto ad andarsene". Lo ha ribadito il presidente e ad di Ferrari, Sergio Marchionne, nel pranzo per lo scambio degli auguri di Natale con la stampa specializzata.

17:15Coniugi uccisi a Viterbo: figlio resta in carcere

(ANSA) - ROMA, 18 DIC - Convalida del fermo e emissione di un ordine di carcerazione per Ermanno Fieno, figlio di Rosa Franceschini, 79 anni, e Gianfranco Fieno, 83, trovati morti a Viterbo la settimana scorsa rinchiusi in sacchi di plastica. Lo ha deciso il gip di Imperia in quanto l'uomo era stato fermato a Ventimiglia, mentre era in procinto di lasciare l'Italia. Oggi Fieno si è avvalso della facoltà di non rispondere anche al gip, dopo aver fatto lo stesso sabato scorso col pm di Viterbo. Il gip si è poi dichiarato incompetente a procedere nei confronti dell'uomo accusato almeno dell'omicidio della madre (il padre potrebbe essere morto per cause naturali, attesa per esiti autopsia), e trasferito gli atti nel capoluogo della Tuscia. Qui la procura, guidata da Paolo Auriemma, dovrà procedere con una nuova richiesta di arresto. Alla base dell'omicidio della madre ci sarebbe stata una lite legata al proposito dell'uomo, difeso dagli avvocati Valentini e De Santis, di continuare a usufruire della pensione del padre.

17:13Gb: base Raf in ‘lockdown’

(ANSA) - LONDRA, 18 DIC - La base della Raf di Mildenhall, nel Suffolk, che ospita anche gli aerei dell'aviazione militare Usa, è in 'lockdown' dopo che un uomo a bordo di un'auto avrebbe cercato di forzarne l'ingresso. Ne dà notizia Sky News, secondo cui sarebbe stato compiuto un arresto.

17:10Gb: ecco la foto Natale di William e Kate coi figli

(ANSA) - LONDRA, 18 DIC - I duchi di Cambridge scelgono il colore azzurro per la foto ufficiale di questo Natale. William e Kate coi figli George e Charlotte sono stati immortalati per le festività dal fotografo reale Chris Jackson e tutti hanno indossato abiti di tonalità simili. L'immagine, che appare sui biglietti di auguri della famiglia, viene diffusa nello stesso giorno in cui Kensington Palace annuncia che la piccola Charlotte, due anni, a partire da gennaio frequenterà l'asilo: si tratta della prestigiosa, e costosa, Willcocks Nursery School, che si trova vicino alla residenza londinese dei duchi.

17:00Da Tribunale Napoli ok status rifugiato a lesbica nigeriana

(ANSA) - NAPOLI, 18 DIC - Il Tribunale di Napoli ha concesso ad una ragazza lesbica di origini nigeriane lo status di rifugiato. La ragazza, rende noto Arcigay Napoli, era scappata dal proprio paese nel 2015 dopo che il padre aveva saputo della sua omosessualità: per evitare il linciaggio e la morte ha attraversato il Niger e la Libia per approdare infine in Italia dove nel 2016 ha inoltrato la domanda di protezione internazionale. La domanda è stata in un primo momento rigettata dalla Commissione territoriale di Crotone che ha considerato, si legge nella nota, "poco credibile il racconto della ragazza, acquisito attraverso una videoregistrazione". A seguito di un ricorso e alla convocazione personale della ragazza, il Tribunale di Napoli ha riconosciuto lo status. "Una decisione molto importante - afferma Mara Biancamano, referente legale dello sportello MigraAntino di Arcigay Napoli - Il giudice ha ritenuto che non esistono parametri oggettivi ai quali si possa ancorare il giudizio sull'orientamento sessuale".

16:49Renzi a Di Maio, uscita da euro è follia per economia

(ANSA) - ROMA, 18 DIC - "Stavolta Di Maio ha fatto chiarezza, bisogna ammetterlo: lui voterebbe per l'uscita dall'Euro. Io dico invece che sarebbe una follia per l'economia italiana". Lo scrive su twitter il segretario del Pd Matteo Renzi, commentando le parole del candidato M5s Luigi Di Maio che voterebbe sì in caso di un referendum come "extrema ratio" per l'uscita dall'euro.

Archivio Ultima ora