Bersani esclude il voto: “Non voglio vincere sulle macerie”

Pubblicato il 29 aprile 2012 da redazione

ROMA – La giornata di ieri è servita ad archiviare definitivamente l’idea di elezioni anticipate.
– Non intendo vincere sulle macerie del nostro paese, non possiamo destabilizzare il paese che si trova ancora in piena crisi – proclama il segretario Pd Pier Luigi Bersani. Ed il segretario del Pdl Angelino Alfano torna a dire come ieri:
– Anche io le escludo, noi non le abbiamo mai chieste. Ormai si arriva a destinazione, ma in questi mesi speriamo di far valere le nostre idee. E la principale è, basta tasse.
Umberto Bossi irride la generosa concessione del leader Pd, convinto di avere la vittoria in tasca:
– Bersani applica la logica del tanto peggio tanto meglio – dice il leader della Lega – ma non è così facile vincere.
Ma intanto è il numero due del Pd, Enrico Letta, a svelare gli altarini.
– Che ci sia stata una tentazione diffusa nel sistema per un voto anticipato è indubitabile – ragiona -, altrimenti non ci sarebbe stato l’intervento netto del Capo dello Stato’’. Del resto, anche ieri (e nonostante le parole di Alfano) Fabrizio Cicchitto, capogruppo dei deputati del Pdl, non dà affatto per scontato che la legislatura arrivi al suo termine naturale, nel 2013.
– Il nostro impegno ad arrivare alla fine della legislatura con questo governo è condizionato non da elementi di calcolo politico tutti reversibili – spiega – ma dalla possibilità di portare avanti una politica equilibrata fra il rigore e la crescita.
I nodi della politica economica, dunque, restano. Se Monti non dovesse provvedere rapidamente ad attenuare la pressione fiscale il Pdl potrebbe perciò staccare la spina? Tanto Silvio Berlusconi quanto Angelino Alfano assicurano il contrario, ma la campagna elettorale e l’approssimarsi del voto amministrativo fanno sì che il Pdl continui a tenere tesa la corda. Una politica economica fondata ‘’solo e soltanto’’ sul rigore non può essere appoggiata dai partiti, insiste Cicchitto, ‘’perchè a nessuno si può chiedere di suicidarsi’’.
E Alfano stesso ieri da Palermo ha ribadito che ‘’occorre una ricetta che abbia come ingredienti meno tasse, meno spesa, meno debito, perchè il Paese non può sopportare un’ulteriore tassazione’’. Ad evocare le elezioni in modo esplicito resta Antonio Di Pietro, leader IDV.
– Prima si va al voto e meglio è per i cittadini – afferma -. Questo è in realtà un governo politico di compromesso, che non ha fatto altro che tassare le fasce sociali più deboli, caricando su di loro il peso della crisi.
Intanto sembra pronta una bozza di legge elettorale basata sulla competizione tra partiti e non tra coalizioni (una sorta di mix tra modello spagnolo e tedesco, con un ‘premio’ del 5% al primo arrivato). In attesa che al voto si arrivi, Pier Ferdinando Casini continua a macinare chilometri e a dare corpo al Partito della Nazione, che prenderà il posto del Terzo Polo allargandone i confini.
– Il nostro progetto è superare l’attuale assurda dicotomia tra ‘tecnici’ e ‘politici’ – spiega -. Oggi essa ha senso perchè la politica si è isolata e inaridita. Ma nella nostra storia i grandi partiti sono sempre stati abitati, oltre che dai professionisti politici, anche dalle migliori competenze del Paese. A quella eccellenza dobbiamo tornare.

Ultima ora

10:18Gerusalemme: Netanyahu, per pace riconoscere realtà

(ANSA) - BRUXELLES, 11 DIC - "Quanto il presidente Trump ha fatto è mettere i fatti sul tavolo per quello che sono. La pace è basata sul riconoscimento della realtà. E che Gerusalemme sia la capitale è evidente per tutti". Così il premier israeliano Benjamin Netanyahu arrivando al consiglio affari esteri europeo, invita a dare "una possibilità alla pace" col tentativo dell'amministrazione Usa. "E' tempo che i palestinesi riconoscano che lo stato ebraico e che Gerusalemme è la sua capitale".

09:49Venezuela: Maduro vince comunali, ma senza opposizione

(ANSA) - CARACAS, 11 DIC - Il partito socialista di Nicolas Maduro ha stravinto alle elezioni municipali nella maggior parte delle città del paese, anche se sul voto ha pesato il boicottaggio di quasi tutta l'opposizione. Lo stesso capo dello stato, durante un comizio in cui ha annunciato il suo trionfo, ha avvertito che "i partiti che non hanno partecipato al voto non potranno farlo più e scompariranno dalla mappa politica". Quindi di fatto li ha estromessi dalle presidenziali del prossimo anno.

09:41Birmania:stupri su donne Rohingya metodici, indagine

(ANSA) - UKHIA (BANGLADESH), 11 DIC - Gli stupri di donne Rohingya da parte dell'esercito birmano sono stati radicali e metodici. Lo rivela un'indagine condotta dall'Associated Press intervistando 29 tra donne e ragazze fuggite nel vicino Bangladesh. Le vittime delle violenze sessuali hanno tra i 13 e i 35 anni.

06:47Kashmir: giornalista francese arrestato da polizia India

NEW DELHI - Un giornalista televisivo francese, Paul Edward Comiti, e' stato arrestato dalla polizia indiana a Srinagar, capitale dello Stato di Jammu & Kashmir, per violazione del regolamento sui visti dato che, disponendo di uno di tipo business stava pero' realizzando un documentario sugli abitanti feriti nelle manifestazioni con fucili a pallini delle forze di sicurezza. Lo riferisce il portale Kashmir Watch.

06:42Corea Nord: manovre anti-missile di Seul, Tokyo e Usa

PECHINO - Corea del Sud, Usa e Giappone hanno dato il via alla due giorni di manovre congiunte finalizzate alla rilevazione di missili nemici, nel mezzo delle tensioni legate alla minaccia balistica e nucleare di Pyongyang. Il teatro delle operazioni, ha reso noto il Comando di Stato maggiore di Seul, sono le acque tra la penisola coreana e il Giappone.

06:33Molestie: Haley, ascoltare donne che accusano Trump

NEW YORK - Le donne che hanno accusato Donald Trump di molestie sessuali dovrebbero essere ascoltate: la sorprendente affermazione arriva da uno dei pilastri della stessa amministrazione Trump, Nikki Haley, ambasciatrice americana all'Onu. Haley rompe cosi' con la posizione della Casa Bianca, secondo cui le accuse al tycoon sono false e vanno archiviate.

01:31Calcio: Maradona a Calcutta per match di beneficienza

(ANSA) - NEW DELHI, 11 DIC - Più volte rinviato, è finalmente cominciato oggi un viaggio di Diego Maradona nella metropoli indiana di Kolkata (Calcutta), dove si tratterrà per tre giorni, impegnato in una serie di attività di beneficienza. I continui spostamenti di data della sua visita hanno fatto sì che oggi a riceverlo nella capitale dello Stato di West Bengala vi fossero quasi solo giornalisti e responsabili locali, ma non molti tifosi. Nella sua precedente visita che risale a nove anni fa, l'aeroporto cittadino fu preso d'assalto da migliaia di tifosi che lo acclamarono in strada fino ad oltre la mezzanotte. Gioviale e rilassato, Diego ha salutato con la mano i presenti prima di entrare insieme con la fidanzata Rocio Oliva nell'auto che lo ha portato in un hotel del centro che aveva approntato per lui una suite 'Diego Maradona'. Gli organizzatori si sono impegnati particolarmente nel decoro della suite, le cui pareti mostrano passaggi centrali della vita del calciatore.

Archivio Ultima ora