I tagli decisi dal governo agitano la politica

Pubblicato il 30 aprile 2012 da redazione

ROMA – Nonostante ancora non si conoscano tutti i dettagli del piano di risparmi sotto i riflettori di una riunione fiume del Consiglio dei ministri, il mondo politico inizia ad alzare le barricare chiedendo al premier Mario Monti di tenere fuori dalla spending review settori specifici: Pier Luigi Bersani, ad esempio, mette in chiaro che la scuola non venga toccata ‘dalla sforbiciata’ a cui lavora l’esecutivo, mentre dal Pdl la richiesta è che non sia toccato il comparto della sicurezza. In più, ad aumentare la tensione, è la decisione del capo del governo di nominare Enrico Bondi commissario straordinario con il ruolo specifico di rendere operativa la spending review.
I veti incrociati posti dai partiti ancor prima che i dettagli siano resi noti sicuramente non vanno nella direzione chiesta dal Professore che non avrebbe fatto mistero di essere ‘stanco’ dalla continua polemica politica che sembra non finire mai. Non usa toni ultimativi Pier Luigi Bersani che però sui tagli alla spesa pubblica ha le idee chiare e lo dimostra piantando i propri paletti mentre il Cdm era ancora in corso.
– Non credo che ci siano margini per toccare la scuola nell’ambito della spending review’ – sottolinea il leader democratico che aggiunge:
– Forse si può parlare di riorganizzazione ma non di tagli, altrimenti ci diamo altre mazzate e pregiudichiamo la crescita.
Bersani punta il dito sul centrodestra colpevole della ”spesa sbarellata degli ultimi 15 anni”.
Sul fronte opposto il Popolo della Libertà chiede al capo del governo di evitare tagli alla sicurezza.
– E’ chiaro che bisogna usare il bisturi e non l’accetta – precisa Fabrizio Cicchitto, capogruppo dei pidiellini alla Camera che prova a fornire dei ‘suggerimenti’:
– Possono essere ridimensionate le spese inerenti il personale amministrativo. E’ necessario prestare molta attenzione a non tagliare le spese per quanto riguarda la sicurezza in quanto tale: quello che sta avvenendo in questi giorni, infatti, sta dimostrando che c’e’ una emergenza sicurezza.
Una sonora bocciatura arriva invece dall’Italia dei Valori.
– Quella che sta facendo il governo è una spending review all’acqua di rose – attacca Massimo Donadi – giusto un ritocco di facciata, un buffetto sulle guance di qua e di là per non dare fastidio a nessuno. Non si fa quello che serve davvero, ovvero, agire sul cuore improduttivo e parassitario della spesa pubblica di questo Paese.
Un coro di critiche bipartisan arriva invece sulla decisione del premier di nominare un commissario esterno. Il vice capogruppo pidiellino Osvaldo Napoli chiama in causa Pietro Giarda, ministro per i Rapporti con il Parlamento ed autore della relazione sulla spending review:
– Ne va della sua dignità istituzionale – dice a proposito dell’arrivo di un tecnico esterno al governo – ma soprattutto impoverisce ancora di più le già flebili basi della sua legittimità costituzionale e democratica’.
Critico anche Felice Belisario.
– I vari ministri, i direttori generali e tutte le strutture tecniche che ci stanno a fare? – domanda il capogruppo Idv – Hanno forse bisogno di un badante?

Ultima ora

10:18Gerusalemme: Netanyahu, per pace riconoscere realtà

(ANSA) - BRUXELLES, 11 DIC - "Quanto il presidente Trump ha fatto è mettere i fatti sul tavolo per quello che sono. La pace è basata sul riconoscimento della realtà. E che Gerusalemme sia la capitale è evidente per tutti". Così il premier israeliano Benjamin Netanyahu arrivando al consiglio affari esteri europeo, invita a dare "una possibilità alla pace" col tentativo dell'amministrazione Usa. "E' tempo che i palestinesi riconoscano che lo stato ebraico e che Gerusalemme è la sua capitale".

09:49Venezuela: Maduro vince comunali, ma senza opposizione

(ANSA) - CARACAS, 11 DIC - Il partito socialista di Nicolas Maduro ha stravinto alle elezioni municipali nella maggior parte delle città del paese, anche se sul voto ha pesato il boicottaggio di quasi tutta l'opposizione. Lo stesso capo dello stato, durante un comizio in cui ha annunciato il suo trionfo, ha avvertito che "i partiti che non hanno partecipato al voto non potranno farlo più e scompariranno dalla mappa politica". Quindi di fatto li ha estromessi dalle presidenziali del prossimo anno.

09:41Birmania:stupri su donne Rohingya metodici, indagine

(ANSA) - UKHIA (BANGLADESH), 11 DIC - Gli stupri di donne Rohingya da parte dell'esercito birmano sono stati radicali e metodici. Lo rivela un'indagine condotta dall'Associated Press intervistando 29 tra donne e ragazze fuggite nel vicino Bangladesh. Le vittime delle violenze sessuali hanno tra i 13 e i 35 anni.

06:47Kashmir: giornalista francese arrestato da polizia India

NEW DELHI - Un giornalista televisivo francese, Paul Edward Comiti, e' stato arrestato dalla polizia indiana a Srinagar, capitale dello Stato di Jammu & Kashmir, per violazione del regolamento sui visti dato che, disponendo di uno di tipo business stava pero' realizzando un documentario sugli abitanti feriti nelle manifestazioni con fucili a pallini delle forze di sicurezza. Lo riferisce il portale Kashmir Watch.

06:42Corea Nord: manovre anti-missile di Seul, Tokyo e Usa

PECHINO - Corea del Sud, Usa e Giappone hanno dato il via alla due giorni di manovre congiunte finalizzate alla rilevazione di missili nemici, nel mezzo delle tensioni legate alla minaccia balistica e nucleare di Pyongyang. Il teatro delle operazioni, ha reso noto il Comando di Stato maggiore di Seul, sono le acque tra la penisola coreana e il Giappone.

06:33Molestie: Haley, ascoltare donne che accusano Trump

NEW YORK - Le donne che hanno accusato Donald Trump di molestie sessuali dovrebbero essere ascoltate: la sorprendente affermazione arriva da uno dei pilastri della stessa amministrazione Trump, Nikki Haley, ambasciatrice americana all'Onu. Haley rompe cosi' con la posizione della Casa Bianca, secondo cui le accuse al tycoon sono false e vanno archiviate.

01:31Calcio: Maradona a Calcutta per match di beneficienza

(ANSA) - NEW DELHI, 11 DIC - Più volte rinviato, è finalmente cominciato oggi un viaggio di Diego Maradona nella metropoli indiana di Kolkata (Calcutta), dove si tratterrà per tre giorni, impegnato in una serie di attività di beneficienza. I continui spostamenti di data della sua visita hanno fatto sì che oggi a riceverlo nella capitale dello Stato di West Bengala vi fossero quasi solo giornalisti e responsabili locali, ma non molti tifosi. Nella sua precedente visita che risale a nove anni fa, l'aeroporto cittadino fu preso d'assalto da migliaia di tifosi che lo acclamarono in strada fino ad oltre la mezzanotte. Gioviale e rilassato, Diego ha salutato con la mano i presenti prima di entrare insieme con la fidanzata Rocio Oliva nell'auto che lo ha portato in un hotel del centro che aveva approntato per lui una suite 'Diego Maradona'. Gli organizzatori si sono impegnati particolarmente nel decoro della suite, le cui pareti mostrano passaggi centrali della vita del calciatore.

Archivio Ultima ora