Il Milan piega l’Atalanta e spera ancora nel tricolore

Pubblicato il 02 maggio 2012 da redazione

MILANO – Muntari: il gol del ghanese porta il Milan in vantaggio nella partita contro l’Atalanta e spiana la strada al sogno chiamato scudetto grazie all’impresa del Lecce che ferma in rimonta la Juventus e fornisce un assist straordinario ai rossoneri.

Il Milan non brilla anche se parte con una marcia molto alta: dieci minuti di fuoco per poi spegnersi lentamente per un tratto cospicuo di partita e subire un parziale ritorno dei bergamaschi. Non è una partita bellissima ma sicuramente lo è il risultato: due a zero con un gol di Robinho oltre il 90 minuto.

Allegri gioca d’azzardo e, alla fine, l’esito della partita gli da ragione. L’avversario è ostico e lui butta nella mischia il giovanissimo De Sciglio e manda in tribuna El Shaarawy insieme a Seedorf e Aquilani. In attacco confermata la ‘coppia più bella del mondo’ Cassano-Ibrahimovic. Boateng funge da trequartista. A centrocampo c’é Muntari, protagonista questa volta nel bene. Il suo gol – al 9 minuto del primo tempo – scaccia ogni ‘fantasma’ e fa dimenticare quello annullato tra infinite polemiche nel confronto diretto contro la Juventus. Il Milan fa il suo, mentre la Juventus non riesce a portare a casa il risultato contro un Lecce rimasto in dieci uomini.

Il risultato dei bianconeri lampeggia sul tabellone di San Siro e esplode un boato. I giocatori si riaccendono e arriva anche il gol della sicurezza messo a segno da Robinho subentrato a Cassano. I rossoneri partono alla grande: al 3’ ci prova Ibrahimovic con un potentissimo destro. Al 4′ Boateng libera il sinistro, poi di nuovo Ibra. Lo svedese è attivo ma non è la sua serata migliore. Le prime battute si rivelano un assolo rossonero: l’Atalanta è schiacciata nella propria area e sembra non riuscire a venirne fuori in alcun modo. Al 9’ arriva la svolta: cross dalla trequarti di Boateng che trova pronto Muntari il quale di piatto destro infila un volenteroso Consigli. Strano destino il suo, arrivato al Milan, diventato decisivo dopo essere stato scartato dall’Inter. L’Atalanta reagisce e cerca di distendersi. Al 14’ colpo di testa di Denis. Ci pensa Abbiati. Ancora una volta Tiribocchi si porta a ridosso della rete rossonera ma si fa pescare in posizione di fuorigioco.

Il Milan inizia a soffrire, le stelle vanno spegnendosi, Cassano non è quello ammirato nella partita contro il Siena. E’ comprensibile che il fantasista barese avverta una certa stanchezza dopo essere stato fermo molti mesi. Cassano, Boateng e Ibrahimovic non trovano l’intesa giusta. Una mancanza di feeling che fa sperare i bergamaschi che prendono coraggio: al 23′ tandem Raimondi-Cigarini, brivido per il Milan. Alla mezz’ora ancora Denis manda di un soffio a lato. Sul finire del primo tempo destro di Cazzola. Il Milan ha il fiatone, il vantaggio non sembra solidissimo. Ma il calcio non finisce mai di stupire e i conti si fanno solo al fischio finale dell’arbitro.

Il secondo tempo si apre con un’azione a tre Boateng-Cassano-Ibrahimovic. Ma al 15’ limpidissima palla gol di Bonaventura che sbaglia il gol del pareggio e fa arrabbiare moltissimo Colantuono. Un minuto dopo lo sostituisce con Moralez. La musica non cambia e il Milan lascia a desiderare. Malumore anche sugli spalti. Allegri ci pensa un po’ e studia le mosse per far cambiare volto alla sua squadra e alla partita. Robinho al posto di Cassano, Flamini per Boateng e Gattuso rileva Ambrosini.

Il risultato dà ragione all’allenatore che capisce come Cassano, Boateng e Ambrosini non siano al meglio. Cambia l’assetto tattico e cresce Ibrahimovic. Trova il destro al 36′, al 38’ sbaglia un gol praticamente già fatto. Al 43’ Robinho coglie la traversa dopo un suo tiro precedentemente deviato. Un minuto dopo Ibrahimovic batte a rete ma l’azione era già ferma per un fuorigioco. Milan arrembante e deciso a trovare il gol della sicurezza che arriva con Robinho al 48’. Punizione di Ibrahimovic, non trattiene Consigli, si avventa Robinho che manda in visibilio San Siro ‘gasatissimo’ dall’inaspettato pareggio del Lecce contro la Juve. Un solo punto separa le due contendenti, il campionato è aperto, il duello va avanti a 180’ minuti dalla fine di una stagione ricca di colpi di scena.

Ultima ora

18:58Cile: Bachelet visita Pinera, prima colazione di lavoro

(ANSA) - SANTIAGO DEL CILE, 18 DIC - La presidente uscente del Cile, Michelle Bachelet, ha incontrato il suo successore, Sebastian Pinera - eletto nel ballottaggio di ieri - nel suo domicilio privato, per una prima colazione di lavoro di quasi due ore. "Quella di visitare il presidente eletto è una tradizione repubblicana", ha detto Bachelet alla stampa accorsa a coprire l'appuntamento davanti alla casa di Pinera, nell'esclusivo quartiere residenziale di La Deehesa, aggiungendo che "si è trattato di una riunione di lavoro". Resta il fatto che quella che doveva essere una visita protocollare di 15 minuti si è estesa per 1 ora e 45 minuti. Bachelet - che si era già congratulato telefonicamente con Pinera per la sua vittoria - ha potuto discutere punti dell'agenda presidenziale, prima di partire verso Villa Santa Lucia, dove almeno 8 persone sono morte sabato scorso a causa di un'alluvione.

18:55Calcio: De Sciglio, Roma forte ma noi migliorati tanto

(ANSA) - TORINO, 18 DIC - "Sono molto contento per come vanno le cose dal punto di vista personale e di squadra. Ieri abbiamo dimostrato la nostra crescita e la nostra compattezza". Mattia De Sciglio analizza ai microfoni di Sky Sport il 3-0 della Juve al Dall'Ara contro il Bologna. "Stiamo migliorando sotto tutti i punti di vista - spiega il difensore bianconero -. La Roma? Un'altra grande squadra, che sta disputando un grande campionato. Ha caratteristiche diverse dall'Inter, dovremo prepararla nel migliore di modi, cercando di sfruttare al massimo quelle che sono le nostre caratteristiche e le nostre potenzialità". Un'altra pretendente allo scudetto insieme a Napoli e Inter: "Difficile dire chi sia più pericolosa, sono tre concorrenti dirette, siamo tutti vicini con pochissimo margine di punti l'una dall'altra - aggiunge De Sciglio -. Sarà un campionato combattuto fino alla fine, difficile dire oggi chi arriverà prima".

18:54Libano: media, accusato morte diplomatica Gb è autista Uber

(ANSA) - BEIRUT, 18 DIC - Il tassista arrestato a Beirut con l'accusa di avere ucciso la diplomatica britannica Rebecca Dykes è un autista di Uber, regolarmente registrato presso la compagnia nonostante avesse precedenti penali. E' quanto afferma il sito del quotidiano libanese Daily Star citando una fonte di polizia. La stessa fonte ha detto che l'uomo, identificato come Tareq H., ha violentato la diplomatica prima di ucciderla. Contattata dal giornale, Uber ha ammesso che l'uomo, di 35 anni, era impiegato dalla società, convinta che non avesse precedenti penali. La politica della società, infatti, richiede che gli autisti siano in possesso di una licenza di tassista, che Tareq H. aveva, e in base alla legge libanese i tassisti devono avere la fedina penale pulita. Uber si è detta "inorridita per questo atto di violenza senza senso" e pronta a "cooperare con le autorità nelle indagini in ogni modo possibile".

18:51Calcio: Pecoraro, sentenza brutto precedente

(ANSA) - ROMA, 18 DIC - "Questa sentenza è un brutto precedente". E' questo il commento laconico all'Ansa del procuratore federale della Figc, Giuseppe Pecoraro, alla decisione della corte di appello federale sul caso ultrà-Agnelli. "Si è voluta monetizzare la sanzione" aggiunge solo Pecoraro, facendo riferimento alle multe comminate al presidente bianconero (100 mila euro) e alla sua società (600 mila euro).

18:47Tangenti Odebrecht: presidente Perù insiste,’sono innocente’

(ANSA) - LIMA, 18 DIC - Pedro Pablo Kuczynski non molla. Messo alle strette dalle rivelazioni sui suoi rapporti con la multinazionale brasiliana Odebrecht e minacciato da una richiesta di impeachment, il presidente del Perù è tornato a ribadire la sua innocenza, proclamando: "Non ho mentito, non sono un corrotto". In un'intervista a 5 testate, Kuczynski, ha detto che la proposta di impeachment presentata in Parlamento è un "tentativo di attacco all'ordinamento democratico". Poi ha detto di voler chiedere scusa ai peruviani per "non essersi spiegare bene". Kuczynski è stato accusato di aver ricevuto soldi dalla Odebrecht fra 2004 e 2014, attraverso la Westfield, azienda di consulenza di cui era socio. Lui sostiene di aver lasciato la Westfield quando entrò nel gabinetto dell'allora presidente Alejandro Toledo (2004-06). Due precedenti presidenti peruviani - Alejandro Toledo (2001-06) e Ollanta Humala (2011-16)- sono sotto inchieste per i loro rapporti con la Odebrecht.

18:47Terremoto: 1.693 casette consegnate a comuni colpiti

(ANSA) - ROMA, 18 DIC - Ad oggi, sono stati completati i lavori in 91 aree e sono state consegnate ai sindaci dei comuni del Centro Italia colpiti dal sisma 1.693 casette, di cui 687 nel Lazio (488 ad Amatrice, 199 ad Accumoli), 418 in Umbria (Cascia, Norcia e Preci), 562 nelle Marche (ad Amandola, Arquata del Tronto, Castelsantangelo sul Nera, Cessapalombo, Fiastra, Gualdo, Monte Cavallo, Muccia, Pieve Torina, San Ginesio e Visso) e 26 in Abruzzo (a Tossicia e Torricella Sicura). Lo fa sapere la Protezione civile. Secondo i dati forniti dalle quattro Regioni, al 28 novembre, sono complessivamente 3.667 le Sae (Soluzione abitative d'emergenza) ordinate per i 50 comuni che ne hanno fatto richiesta. In particolare, l'Abruzzo ha ordinato 238 Sae da installare tra i tredici Comuni interessati; nel Lazio sono 826 gli ordinativi per sei Comuni; le Marche hanno ordinato 1.844 soluzioni abitative per 28 Comuni e, infine, l'Umbria 759 per tre Comuni. Attualmente sono in corso lavori in 108 aree. (ANSA).

18:37Porto Rico: governatore ordina riconteggio vittime uragano

(ANSA) - NEW YORK - 18 DIC - Il governatore di Portorico, Ricardo Rosselló, ha ordinato il riconteggio delle vittime dell'uragano Maria che ha devastato l'isola lo scorso settembre dopo che un'analisi del New York Times ha messo in discussione le cifre ufficiali. Ufficialmente le vittime sono 64 ma il quotidiano newyorkese ritiene invece che il numero sia superiore ai mille. Il giornale è giunto alla conclusione dopo aver analizzato il tasso di mortalità nell'isola - che è territorio americano - nei 42 giorni successivi all'uragano e confrontandolo con quello dei due anni precedenti. I dati hanno rivelato che sono morte 1.052 persone in più rispetto al 2016 e 2015 e ritiene che i decessi siano da mettere in relazione all'uragano. Ad esempio sull'isola si è registrato un aumento del 50% di morti per sepsi, una malattia sistemica causata da un'infezione che può essere dovuta a condizioni di vita in povertà oppure al ritardo di cure mediche.

Archivio Ultima ora