Istat, disoccupazione record: vola al 36% tra i giovani

Pubblicato il 02 maggio 2012 da redazione

ROMA – La disoccupazione continua a segnare nuovi record: a marzo il tasso dei senza lavoro raggiunge il 9,8%, si tratta di una quota che l’Istat non aveva mai registrato da quando sono iniziate le serie storiche mensili, dal gennaio 2004. E se si guarda più indietro, alle serie trimestrali risulta il dato più alto da dodici anni.
A pagare il prezzo più caro sono i giovani: tra gli under 25 la disoccupazione sfiora il 36%, un massimo assoluto, il tasso maggiore almeno dal 1992. Passando dalle percentuali alle persone, il numero di chi è alla ricerca di un posto a marzo schizza a 2,5 milioni, con un aumento di 66 mila su febbraio e di 476 mila su base annua (+23,4%). Le stime dell’Istat indicano così una forte accelerazione della disoccupazione: l’escalation iniziata dopo l’estate non accenna a fermarsi, con balzi in avanti (dal 9,6% di febbraio al 9,8% si marzo) che toccano soprattutto le fasce più giovani (dal 33,9% al 35,9%). Basti pensare che il numero di 15-24enni interessati è di 600 mila unità (quasi un disoccupato su quattro).
La spinta alla disoccupazione non arriva tanto dal calo degli occupati (contenuto grazie alla permanenza sul lavoro dei più anziani), quanto dalla riduzione degli inattivi (-427 mila in un anno), costretti dalla crisi a cercare un impiego. Non bisogna dimenticare che oltre a un mercato del lavoro ”ufficiale” c’è ne è uno sommerso, che rappresenta una vasta area ancora nascosta. Nei primi tre mesi del 2012 gli ispettori del ministero del Lavoro hanno ispezionato 33.297 aziende riscontrando irregolarità in 16.665, ossia nella metà e arrivando a scovare 31.866 lavoratori irregolari, un terzo dei quali totalmente in nero.
Estendendo lo sguardo all’Europa l’allarme disoccupazione non si attenua: a marzo nella zona euro il tasso raggiunge il 10,9%, mentre nell’intera Ue si stabilizza al 10,2%, che comunque risulta il livello più elevato da marzo 2001. In tutta l’Ue a 27 si contano così 24,8 milioni di senza lavoro, di cui 5,5 milioni sono under 25. A riguardo, il portavoce del commissario Ue all’Occupazione, Lazslo Andor, afferma:
– I nuovi dati sulla disoccupazione sottolineano ancora una volta la portata estremamente seria del problema.
Preoccupa anche l’inaspettato rialzo registrato in Germania ad aprile.
Tornando all’Italia per il ministro dello Sviluppo Economico, Corrado Passera ”tutto sta andando come purtroppo si prevedeva”. Quanto agli imprenditori, per il presidente di Confindustria Emma Marcegaglia i dati ”confermano la situazione di preoccupazione del nostro Paese”. L’impennata dei disoccupati, proprio all’indomani del primo maggio, colpisce i sindacati: secondo il leader della Cisl Raffaele Bonanni ”si sta creando una miscela esplosiva”; per la Cgil ”il dato reale della disoccupazione è ben più alto di quello formale e anche solo considerando una parte degli scoraggiati sale attorno al 13%” (Camusso con riferimento ai giovani parla di ”dramma”). Sulla stessa linea anche la Uil, per cui c’è ”allarme”, mentre l’Ugl invita il governo a ”rivedere la nuova formulazione dell’articolo 18”. Timori sono anche espressi da Pdl, Pd, Idv, Lega Nord.

Ultima ora

17:11Calcio:Gattuso,che fatica ma ho sostegno Fassone e Mirabelli

(ANSA) - CARNAGO (VARESE), 16 DIC - "Ringrazio Mirabelli e Fassone, che non mi fanno mancare sostegno. E' un'esperienza molto, molto faticosa, lo sto toccando con mano. Loro sono fondamentali, mi danno grande tranquillità, mi sento tranquillo perché ho un grande appoggio". Così Rino Gattuso non nasconde le difficoltà che vive da allenatore del Milan. "Tante problematiche in questo momento le deve mettere a posto Fassone che è l'ad, Mirabelli ha i suoi problemi, ma io mi sento tranquillo, perché sento grande appoggio da queste due persone", ha spiegato l'allenatore alla vigilia della trasferta con il Verona, raccontando che l'allenamento per lui "è il momento più divertente, in quell'ora e mezza mi diverto come un bambino dell'asilo. Dopo - ha spiegato - c'è il momento più duro: parlare con tutti quelli del club, preparare le partite contro colleghi molto più bravi di me. La fatica più grande è questa, e poi le interviste dopo le partite''.

17:10Migranti: partito corteo a Roma, “è giorno degli esclusi”

(ANSA) - ROMA, 16 DIC - Con in testa lo striscione "diritti senza confini" è partito da piazza della Repubblica il corteo pro migranti a Roma. "Siamo quelli che vengono confinati in centri di accoglienza e nelle periferie. Siamo disoccupati e senza casa -dicono gli organizzatori- Siamo uomini e donne colpiti in questi anni da leggi infami. E' la nostra giornata. E' la giornata degli esclusi, degli invisibili. Sfileremo per le strade di Roma. Ci riprenderemo la nostra dignità. Abbiamo sete di diritti e libertà". Tra gli striscioni alcuni con su scritto "Ius omnibus", "Uniamo le lotte" e "schiavi mai"; e poi pettorine rosse con la frase "Diritti senza confini", bandiere "Stop sfratti e sgomberi" e "No tav". "Siamo in attesa di altri pullman -spiegano dai movimenti- sono stati bloccati ai vari caselli di ingresso nella Capitale per i controlli. Ci sono state perquisizione e sono stati richiesti documenti a chi era a bordo". La manifestazione sfilerà fino a piazza del Popolo.

17:05Calcio:Allegri, a Bologna sempre faticato ma serve vittoria

(ANSA) - TORINO, 16 DIC - "A Bologna servirà una partita solida tecnicamente, tatticamente e agonisticamente. Altrimenti usciamo con le ossa rotte". Massimiliano Allegri mette in guardia la Juventus dai pericoli della trasferta di domani. "Sarà importante perché dobbiamo prendere i tre punti contro una squadra ben organizzata, che corre, ha buona tecnica e non ha pressione. Inoltre a Bologna la Juve ha sempre fatto fatica, tranne l'anno scorso". Il tecnico bianconero recupera Pjanic, che "potrebbe partire titolare", e annuncia l'intenzione di far giocare Alex Sandro titolare. "Sono convinto farà una grande partita. Arriva da due stagioni importanti, ha avuto alti e bassi si sta ritrovando". Un pensiero, infine, a Inter e Napoli, impegnate oggi: "Speriamo non facciano risultato, noi dobbiamo fare tre punti comunque domani. Poi non è che il campionato si decide domani...".

17:03Calcio: Gattuso e 118 anni Milan, auguro tranquillità a club

(ANSA) - CARNAGO (VARESE), 16 DIC - "Auguro al Milan di riuscire a lavorare con grandissima tranquillità, auguro che quando si parla del Milan non si parli dei problemi di Gigio Donnarumam e della Uefa ma di una squadra che lotta per qualcosa di importante". Questo il messaggio di Rino Gattuso in occasione del compleanno numero 118 del club in cui ha giocato e vinto per anni, e dove ora allena da poche settimane la prima squadra. "Vorrei fare gli auguri a questa gloriosa società - ha detto Gattuso iniziando la conferenza stampa alla vigilia della trasferta con il Verona - Sono orgoglioso di farne parte. Auguroni, 118 non sono pochi, ci metterei la firma a campare la metà...". E' anche il decennale del Mondiale per Club vinto nel 2007, con Gattuso in campo. "C'è grandissimo orgoglio, penso ai campioni che hanno vestito questa maglia e mi considero più che fortunato ad aver vinto tanto qua'' - ha notato l'allenatore - A Milanello ci vuole solo grande amore e professionalità".

16:57Calcio: Allegri, ‘Var utile, speriamo vanga usato meglio’

(ANSA) - TORINO, 16 DIC - "A inizio anno dissi che il Var aiuta, ma bisogna decidere dove la si usa. E' uno strumento in fase di sperimentazione, speriamo che a marzo, quando i punti saranno più pesanti, venga usato in modo migliore. Altrimenti anziché eliminare le critiche le aumenta". Il tecnico della Juventus, Massimiliano Allegri, commenta così le polemiche sul Var sollevate dalle decisioni prese in Lazio-Torino. "Bisogna stare sereni e lasciare decidere gli arbitri, accettando le sue decisioni anche quanto guarda la televisione - aggiunge il tecnico bianconero - Abbiamo preso questa strada e dobbiamo cercare di migliorarla".

16:42Coniugi uccisi: effettuata autopsia,camera ardente a Viterbo

(ANSA) - ROMA, 16 DIC - E' stata effettuata ieri sera l'autopsia sugli anziani coniugi trovati morti nella loro abitazione a Viterbo, avvolti in sacchi di cellophane. Il medico legale si è preso 60 giorni per i risultati. Intanto in queste ore verrà allestita la camera ardente al cimitero di Viterbo. Oggi è in programma l'interrogatorio nel carcere di Imperia di Ermanno Fieno, figlio della coppia fermato ieri alla stazione di Ventimiglia dopo due giorni di ricerche. Aveva un biglietto per Mentone. Il sospetto degli inquirenti è che la donna possa essere stata uccisa con un colpo contundente alla testa mentre l'uomo non presenta apparenti segni di violenza. Circostanza, quest'ultima, che potrebbe far pensare a una morte naturale anche se non si può escludere un decesso, ad esempio, per avvelenamento. Se confermato, a Fieno potrebbe essere contestato di aver ucciso la madre dopo il decesso del padre. Il movente del delitto potrebbe essere riconducibile alla pensione del padre di cui il figlio avrebbe voluto usufruire.

16:41‘Ndrangheta: cittadini in piazza, basta ‘vacche sacre’

(ANSA) - CITTANOVA (REGGIO CALABRIA), 16 DIC - Manifestazione stamani a Cittanova di un comitato civico che ha deciso di contrapporsi, anche sul piano civile, alle "vacche sacre", mandrie di bovini riconducibili alla 'ndrangheta che girano allo stato brado per le strade nel triangolo Cittanova, Molochio, Taurianova arrivando a "pascolare" per le vie cittadine. "Risolvete questo problema" hanno chiesto allo Stato cittadini, scuole, associazioni e sindaci. Gli incidenti si verificano giornalmente e solo per caso ancora non ci sono state vittime come invece accadde anni fa. Non c'è sera, soprattutto lungo la provinciale Cittanova-Taurianova, che un toro o una vacca non siano investiti da un'auto. I rischi sono enormi per i cittadini che continuano ad invocare una soluzione e un intervento dello Stato. Gli animali, liberi di pascolare dove vogliono, distruggono ciò che incontrano senza resistenza e si nutrono senza controlli sanitari, spesso in discariche abusive, venendo poi inseriti nel circuito della macelleria clandestina.

Archivio Ultima ora