Hollande al lavoro, Sarkò si ritira

Pubblicato il 07 maggio 2012 da redazione

PARIGI – Fair play: al termine di una campagna nervosa, aggressiva e conclusa al fotofinish, nessuno se lo aspettava. Invece, il giorno dopo lo scontro è tutto un “prego, si accomodi”: immediato accordo sul passaggio di poteri – il 15 maggio -, lo staff di Sarkozy che esalta la transizione “repubblicana e pacifica” e addirittura l’Eliseo che invita il presidente eletto Hollande a mettersi oggi sull’attenti accanto a quello uscente nella cerimonia dell’armistizio dell’8 maggio al milite ignoto. Sarkozy e Hollande hanno cancellato in un attimo sarcasmi, offese e insulti, così come con una sola telefonata la cancelliera Angela Merkel ha steso un velo su mesi di ostracismo verso il candidato socialista. Il clima cavalleresco è obiettivamente favorito dallo stato d’animo di Sarkozy: da grintoso, battagliero, aggressivo, il presidente battuto è diventato docile e facile alla commozione. “Per me si chiude un capitolo”, ha detto ai suoi fedelissimi, loro ancora abitati da pensieri bellicosi verso la gauche, verso l’estrema destra e i centristi. A soli 57 anni, Sarkozy volta pagina, lascia “definitivamente” la politica, come ha ripetuto uno dei suoi collaboratori più stretti ad un ministro convocato all’Eliseo per la riunione di commiato. Non credeva alle sue orecchie, l’anonimo esponente del governo: “Ma allora non hai capito? – gli ha sibilato il braccio destro di Sarkozy – lascia definitivamente”. Dal colorito terreo, dalle rughe diventate di colpo profonde, dalla commozione del discorso di ieri sera ai suoi sostenitori – il più bello di sempre per Sarkozy, dicono i maligni – già si poteva immaginare l’addio. Ma, spiegano i collaboratori, non voleva assolutamente replicare la scena del socialista Lionel Jospin, che perse e disse addio in un colpo solo. Ma non vuole neppure “fare il Giscard”, con riferimento all’altro presidente bocciato anche lui giovane dopo un mandato e rimasto in politica come niente fosse.

Merkel a Hollande: “Il fiscal compact
non si rinegozia”
Angela Merkel si prepara ad “accogliere a braccia aperte” Francois Hollande ma lo ammonisce che non c’è possibilità di rinegoziare il fiscal compat. “Semplicemente, ciò non avverrà” ha avvertito la cancelliera in conferenza stampa a Berlino.
“Il patto fiscale è stato definito e deve essere portato avanti” ha aggiunto la Merkel che ha espresso la sua opposizione a programmi di crescita finanziati attraverso una crescita del debito. Ma l’Ue, ha ricordato, ha avviato un dibattito su come sostenere la crescita: “Siamo nel mezzo di una discussione” sulla crescita, ha detto ancora Merkel “e la Francia, con il suo nuovo presidente, può dare un suo contributo”. Durante la conferenza stampa Merkel ha ricordato che la collaborazione franco-tedesca è “essenziale per l’Europa”: il rapporto di lavoro con il neo-presidente francese “deve iniziare al più presto possibile, perché entrambi vogliamo che l’Europa abbia successo”.
La cancelliera, che ha telefonato al candidato socialista per congratularsi con lui per la vittoria elettorale e per invitarlo a Berlino, non ha rivelato la data in cui l’incontro avrà luogo. Ma ha aggiunto di pensare che avverrà “immediatamente” dopo il 15 maggio, data dell’insediamento di Hollande. In realtà il faccia a faccia, secondo fonti del Ministero degli Esteri di Berlino, potrebbe avvenire il giorno stesso dell’insediamento di Hollande.
Per quanto riguarda le elezioni in Grecia, Merkel ha riconosciuto che il risultato crea uno scenario complicato, ma ha ribadito che la cosa più importante ora è continuare il percorso delle riforme intraprese.

Ultima ora

07:57Terremoti, sequenza sismica nel Canale di Sicilia

(ANSA) - ROMA, 14 DIC - Sequenza sismica nel Canale di Sicilia: nella notte si sono registrate almeno 5 scosse di terremoto di magnitudo superiore a 2, le più forti di 3.9 e 3.7 alle 2:13 e alle 2:59. Epicentri circa 60 km a sud della ragusana Modica. Già ieri altre due scosse di magnitudo 3.5 e 3.6 erano state registrate nella zona tra le 12 e le 13. Non si segnalano danni a persone o cose.

01:19Calcio: Gattuso “Donnarumma passa per mostro, ma non lo è”

(ANSA) - MILANO, 13 DIC - Gennaro Gattuso prende le difese di Gianluigi Donnarumma, "pur rispettando i tifosi" che hanno contestato il portiere durante Milan-Verona. "Si sta facendo passare un ragazzo così giovane - spiega l'allenatore dei rossoneri - come un mostro. Non se lo merita, ha valori incredibili. Dobbiamo tutelare un ragazzo in grandissima difficoltà. Non ha saltato mai un allenamento o una partita, dopo il pareggio con il Benevento ha pianto. Io vedo un ragazzo che si allena con grande professionalità e voglia: è il portiere più forte del mondo e un grandissimo uomo". Gattuso commenta le voci di mercato sul portiere: "Se la società dice che non vuole vendere, cosa devo dire di più? Gigio non mi ha mai detto che vuole andar via. E non ho detto che Mino sta convincendo il ragazzo. Vediamo come andrà a finire".

01:08Mirabelli: “Donnarumma? Sappiamo da dove viene male”

(ANSA) - MILANO, 13 DIC - "Non tutte le colpe sono di Gigio Donnarumma. Purtroppo sappiamo da dove viene il male, speriamo nei prossimi mesi di risolvere il problema". Nelle parole del ds del Milan, Massimiliano Mirabelli, c'è un chiaro riferimento all'agente Mino Raiola: "Gigio dovrà venire a supplicarci di mandarlo via. Semmai dovesse succedere, qualsiasi squadra arrivi detteremo noi le condizioni. Non ci facciamo prendere per il collo da nessuno. Io credo che un giorno si accorgerà dove sta il bene e dove sta il male".

01:07Calcio: Letta, fossi in curva fischierei Donnarumma

(ANSA) - ROMA, 13 DIC - "Mi spiace dirlo, ma fossi in Curva a #SanSiro, stasera #Donnarumma lo fischierei". E' il tweet con cui Enrico Letta, tifoso del Milan ed ex presidente del Consiglio, interviene sulla vicenda Donnarumma. Il portiere dei rossoneri, dopo che nei giorni scorsi il suo procuratore Mino Raiola ha chiesto di annullare il contratto appena rinnovato con il club, è stato fischiato e insultato dai tifosi stasera a San Siro, prima della partita di Coppa Italia vinta sul Verona.

00:27Calcio: Premier, Manchester City vittoria con il record

(ANSA) - ROMA, 13 DIC - Tutto invariato al vertice della Premier League, dopo le partite del turno infrasettimanale, valide per la 17/a giornata. Vincono i due Manchester, che restano separati di 11 punti in classifica: il City leader s'impone sul campo dei gallesi dello Swansea per 4-0 (15/a vittoria di fila e record), con doppietta di David Silva, reti di De Bruyne e Aguero, in campo da titolare. E' la 15/a vittoria di fila per la squadra di Guardiola, un record per il campionato. Il City non ha faatto bottino pieno l'ultima volta il 21 agosto. Lo United si è imposto per 1-0 in casa contro il Bournemouth, grazie a un gol di Romelu Lulaku, servito da Juan Mata. al 25'. Successo anche per Antonio Conte e il Chelsea sul campo dell'Huddersfield per 3-1. Di Bakayoko, Willian e Pedrito le reti. Senza gol, infine, uno dei tanti derby di Londra, quello fra West Ham United e Arsenal.

00:16Calcio: Germania, Bayern di misura e ora a +9 sullo Schalke

(ANSA) - ROMA, 13 DIC - Basta un gol del polacco Robert Lewandowski, al quarto d'ora della ripresa, per regalare la vittoria al Bayern Monaco, nella 16/a giornata della Bundesliga. Opposti al Colonia, i bavaresi si sono imposti per 1-0 e adesso hanno un vantaggio di 9 punti sullo Schalke 04, che ha dovuto faticare contro l'Augusta, piegata per 3-2. Di Di Santo al 44' l'1-0, Burgstaller firma il raddoppio al 47', poi arriva la riscossa ospite: al 19' della ripresa Caiuby accorcia le distanze, Gregoritsch pareggia. A 7' dal 90' Caligiuri fa esplodere l'AufSchalke Arena, regalando 3 punti ai 'suoi'. Adesso in classifica Bayern 38 punti, Schalke 29, il Lipsia è a quota 28, dopo essere stato fermato sul pareggio in trasferta dal Wolfsburg (di Verhaegh il vantaggio dei padroni di casa, di Halstenberg il pari ospite). (ANSA).

00:05Calcio: ottavi Coppa Italia, Milan batte Verona 3-0

(ANSA) - ROMA, 13 DIC - Il Milan batte il Verona 3-0 e si qualifica per i quarti di finale della Coppa Italia, dove troverà i 'cugini' dell'Inter, che ieri sera hanno superato ai rigori il Pordenone. I gol che hanno deciso il match sono stati realizzati al 22' da Suso, al 30' da Romagnoli e, nella ripresa, al 10' da Cutrone. Fischi e contestazione a Donnarumma prima dell'inizio del confronto.

Archivio Ultima ora