Festival Europeo del Piano, Taskayali: “Impressionato dal talento dei ragazzi de ‘El Sistema’”

Pubblicato il 08 maggio 2012 da redazione

CARACAS – “L’Unione Europea è nata come accordo economico ed è fantastico che finalmente oggi esista una Europa unita anche a livello artistico”. Ha le idee chiare il compositore romano Francesco Taskayali, 20 anni, che in questi giorni sta rappresentando l’Italia al “Festival Europeo del Piano 2012 – Giovani talenti celebrando l’Europa”. Una kermesse, questa, organizzata dalla delegazione dell’Unione Europea in Venezuela insieme alle Ambasciate e agli Istituti di Cultura per festeggiare la “Giornata dell’Europa” che si celebra oggi e che raccoglie a Caracas cinque giovanissimi pianisti rinomati a livello internazionale provenienti da Germania, Spagna, Francia, Polonia e naturalmente Italia.

– Non si tratta solo di proporre, mostrare – ha spiegato ieri in conferenza stampa la Direttrice dell’Istituto Italiano di Caracas, Luigina Peddi – ma si tratta di un vero scambio che unisce il meglio dell’Europa all’eccellenza della musica venezuelana: il Sistema di Orchestre del Maestro Abreu.

Alla sua prima apparizione al Festival, ieri sul palcoscenico della Sala Simón Bolívar del Centro de Acción Social por la musica, Taskayali si è esibito con l’Orchestra Sinfónica de Joventudes Francisco de Miranda, diretta dal Maestro Andrés Gonzales, con cui ha proposto due Concerti per piano e orchestra di Ludovico Einaudi – “Divenire” e “Primavera” – ed un fuoriprogramma: i suoi brani “Addio al terminal” e “È sera”, quest’ultimo composto a soli 13 anni.

– Non sapevo come chiamarlo – racconta scherzoso alla Voce – ho guardato fuori dalla finestra ed era sera. E l’ho chiamato così, semplicemente “È sera”.

Il musicista suonerà “Instambul”, da lui composta, oggi all’Associazione Culturale Humboldt per un concerto ad invito e domani si esibirà con gli altri quattro invitati al Festival nella Plaza Bolívar di Chacao (18.30) dove proporrà l’opera “Iris”, che porta la sua firma. Sarà un concerto speciale a cielo aperto – pioggia permettendo – perché, come ha spiegato la pianista spagnola Judith Jáuregui, “la nostra non è un’arte per eletti, bisogna ‘mettere i jeans’ alla musica classica”. Le composizioni di Taskayali, madre italiana e padre turco, si caratterizzano per fondere la melodia italiana con quella di altri Paesi, soprattutto mediterranei, e ritmi diversi quali il jazz. Un essere ‘europeo’ e ‘internazionale’ che il pianista riflette sul piano musicale ma anche nella sua traiettoria di studi, dato che parallelamente agli esercizi al pianoforte frequenta la Facoltà di Scienze politiche.

Francesco Taskayali – che spera in altri scambi culturali e musicali tra l’Italia, l’Europa e l’America latina – è rimasto impressionato dal talento dei giovani musicisti del ‘Sistema Abreu’.

– Sapevo che si trattava di ragazzi molto dotati – ha spiegato in conferenza stampa – ma pensavo che alle prove ci sarebbe stato qualche errore o alcune imperfezioni, anche perché si tratta di adolescenti di 16-17 anni. Invece quando li ho sentiti suonare mi sono stupito della loro eccellenza: le prove erano già un concerto, sembrava di essere ad un vero concerto di Einaudi!

Alla conferenza stampa di ieri erano presenti Antonio Cardoso Mota, Capo della delegazione dell’Ue; la pianista tedesca Alexandra Schmiedel accompagnata da un rappresentante dell’Ambasciata delle Germania, Christoph Sander; la pianista spagnola Judith Jáuregui con l’Ambasciatore della Spagna, Juan Serrat Wenca Romero; il pianista francese Guilaume Vincent con l’Ambasciatore della Francia, Jean Marc Laforet; l’Ambasciatore polacco Jacek Hinz (il pianista Marek Bracha sarebbe arrivato nel pomeriggio).

Il Capo della delegazione dell’Unione Europea ha voluto sottolineare come il Festival – attraverso il linguaggio universale della musica – permetta di stringere ancora di più i rapporti tra l’Europa e il Venezuela. L’Ambasciatore spagnolo ha parlato invece del Sistema di Orchestre, “fabbrica di talenti”, sottolineandone la “importanza per la musica del Venezuela e del Mondo, ma anche per la società venezuelana” grazie al suo lavoro artistico e insieme sociale. Il suo pari francese, seguendone la scia, ha espresso la speranza di importare il modello Abreu anche nelle zone  più svantaggiate del suo Paese.

Víctor Rojas, Direttore di produzione, Promozione e Sviluppo della Fundación Musical Simon Bolívar, ha risposto affermando che i Paesi dell’Europa possono contare sul completo appoggio de ‘El Sistema’ ad iniziative come il Festival del Piano e si è detto disposto, a nome della Fondazione, a riproporre l’evento anche nei prossimi anni.

Il Festival Europeo del Piano si concluderà questa domenica con l’esibizione della spagnola Judith Jáuregui, al suo debutto in America latina, che suonerà “Noches en los jardines de España” accompagnata dalla Sinfonica Simon Bolivar de Venezuela. L’Orchestra sarà diretta dal Maestro Diego Matheuz, oggi Direttore del Teatro ‘La Fenice’ di Venezia.

Ma le occasioni per celebrare l’Europa non si esauriscono. Il 19 maggio – anticipa Antonio Cardoso Mota – nel quartiere di Chacao a Caracas si inaugurerà un Festival gastronomico (ore 16) che comprenderà manifestazioni artistiche dei vari paesi europei (delegazioni dal Belgio, dall’Ungheria, il flamenco spagnolo) e un “Paseo gastronomico” in 27 locali, bar e ristoranti della Capitale che resteranno aperti per permettere al pubblico di gustare la “ricchezza della diversità” dei sapori della cucina europea.

I commenti sono chiusi.

Ultima ora

00:07L’Spd apre a grande coalizione,sì a colloqui con Merkel

(ANSA) - BERLINO, 15 DIC - I socialdemocratici tedeschi hanno preso la loro decisione: affronteranno i colloqui per una possibile coalizione di governo con Angela Merkel all'inizio di gennaio, e nel giro di due settimane presenteranno i risultati a un congresso straordinario di partito, fissato il 14, per stabilire se sedersi al tavolo dei veri e propri negoziati per una nuova edizione della Grosse Koalition. "Colloqui dall'esito comunque aperto", ha ribadito il leader fresco di conferma, senza rinunciare all'ipotesi di nuove forme di collaborazione. La cancelliera ha apprezzato pubblicamente gli sforzi compiuti da un partito costretto ad una evidente, complicata retromarcia, e ha espresso "grande rispetto" per il percorso decisionale degli alleati-avversari, sottolineando poi però che all'Europa serve una Germania stabile. "Ce lo chiedono tutti", è il monito arrivato dopo il vertice di Bruxelles, a Norimberga, dove era ospite dei cristiano-sociali.

23:58Austria: chiuse trattative. Kurz, c’è accordo governo

(ANSA) - BERLINO, 15 DIC - In Austria, le trattative fra l'Oevp del conservatore Sebastian Kurz e il Fpoe del populista di destra Heinz Christian Strache sono concluse, e i due partiti sono pronti a governare. "C'è un accordo turchese-blu", ha affermato Kurz. "Alle elezioni del 15 ottobre si è deciso per il cambiamento, e insieme vogliamo mettere al sicuro questo cambiamento", ha affermato Kurz, che ha annunciato di voler stabilire un "nuovo stile". "La nuova coalizione si impegna per una politica che risparmia nel sistema, e non a carico della gente", ha continuato il cancelliere designato che ha promesso l'abbassamento delle tasse agli austriaci. A soli 31 anni, sarà lui il cancelliere più giovane della storia del suo Paese e dell'Europa. E questo è l'esito di uno stile politico spregiudicato, con cui il giovanissimo ex ministro degli Esteri ha conquistato la leadership del partito popolare e lo ha portato progressivamente più a destra, strappando il possibile successo elettorale dei populisti di destra del Fpoe.

23:57Gerusalemme: fonti Casa Bianca, Muro parte di Israele

(ANSA) - WASHINGTON, 15 DIC - La Casa Bianca manda segnali per far sapere che vede il Muro occidentale di Gerusalemme (il Muro del pianto) come parte di Israele, alla vigilia della visita del vicepresidente Usa Mike Pence nella regione. Benche' precisino che i confini definitivi della citta' santa devono essere definiti dai negoziati israelo-palestinesi, i dirigenti della Casa Bianca contattati dall'Ap escludono fondamentalmente qualsiasi scenario che non mantenga il controllo di Israele sui luoghi sacri dell'ebraismo.

23:55Basket: Eurolega, Panathinaikos-Milano 80-72

(ANSA) - MILANO, 15 DIC - L'Olimpia ad Atene fa come Penelope ad Itaca: contro il Panathinakos tesse la tela per 15' e si costruisce un vantaggio di 13 punti (37-24), poi la disfa perdendo fluidità in attacco e consistenza in difesa fino al 80-72 che sancisce la quarta sconfitta consecutiva in Eurolega (3-9). Delusione e rimpianti si mischiano alla rabbia per un arbitraggio discusso e discutibile: con la gara in equilibrio a metà del terzo periodo viene fischiato un fallo tecnico per una simulazione molto dubbia a Theodore che costa al playmaker l'espulsione. In quel momento il Panathinaikos piazza un parziale di 7-0 che spacca in due l'incontro. Le triple di Rivers (20 punti, 6/9 da 3) e Lojeski (14, 2/4 dall'arco) e il predomino a rimbalzo di Gost (11 e 7) fanno il resto, lasciando l'AX Milano con il cerino in mano e con tanto amaro in bocca.

22:21Savoia: spoglie regina Elena tornano in Italia dopo 65 anni

(ANSA) - MONDOVI' (CUNEO), 15 DIC - Torna in Italia la salma della regina Elena di Savoia. Le spoglie della moglie di Vittorio Emanuele III, penultima Regina d'Italia, sono state trasferite oggi da Montpellier, dove è morta nel 1952 a 79 anni, al Santuario di Vicoforte, vicino a Mondovì, nel Cuneese. A darne notizia è stata la nipote Maria Gabriella di Savoia, che esprime "profonda gratitudine" al presidente Sergio Mattarella, "che fattivamente propiziò la traslazione della salma". Il trasferimento è avvenuto in gran segreto. Il Santuario già nelle intenzioni del duca Carlo Emanuele I di Savoia, a inizio Seicento, doveva diventare il mausoleo della Casa reale. Non è escluso che nelle prossime settimane qui vengano traslate anche le spoglie di Vittorio Emanuele III, morto in esilio il 28 dicembre di settant'anni fa ad Alessandria d'Egitto, dove è tuttora sepolto. "Confido che il ritorno in Patria della Salma di Elena, concorra alla composizione della memoria nazionale", è l'auspicio di Maria Gabriella.(ANSA).

21:57Salvini, Cav non è candidabile e non può fare il premier

(ANSA) - ROMA, 15 DIC - "Se la Lega prende un voto in più rispetto agli altri alleati è chiaro che sono io il premier, Berlusconi non è candidabile quindi non può essere premier. Una cosa che voglio dire è che chi vota Lega non vota governi di inciuci e questo Berlusconi lo deve aver chiaro...". Lo afferma il leader della Lega Matteo Salvini a "Zapping" su Radio1 Rai.

21:53Germania: nuovo aeroporto ‘Ber’ aprirà ad ottobre 2020

(ANSA) - BERLINO, 15 DIC - Il nuovo aeroporto della capitale tedesca 'BER', dopo ripetuti ritardi, dovrebbe entrare in funzione ad ottobre 2020. Lo ha comunicato il numero uno del consiglio di sorveglianza, Rainer Bretschneider, oggi a Berlino. I lavori sono cominciati nel 2006 e l'aeroporto avrebbe dovuto entrare in attività nel 2011. Ma i ritardi si sono accumulati e i costi sono lievitati da 2 a 6,5 mld, fino all'ultimo piano finanziario previsto per la primavera del 2018.

Archivio Ultima ora