Navardauskas in rosa, finisce la favola di Phinney

Pubblicato il 09 maggio 2012 da redazione

VERONA – Per la prima volta, dopo ben 95 edizioni, il padrone del Giro ciclistico d’Italia diventa un lituano. Ha un nome che sembra uno scioglilingua e la potenza di un ciclone: si chiama Ramunas Navardauskas e ieri, a Verona, è stato protagonista di una prestazione da incorniciare, assieme ai compagni della Garmin-Barracuda, che si è aggiudicata la crono a squadre conclusa davanti all’Arena e valida come 4ª tappa della corsa rosa. Cose dell’altro mondo, verrebbe da dire.

Dopo il trionfo nel 2009 del russo Denis Menchov a Roma, con tanto di finale-thrilling, ecco un altro eroe sui pedali venuto dall’est e già entrato nella storia.

In carriera Navardauskas, prima di ieri, aveva vinto quasi nulla, ma al momento giusto ha avuto il merito – il riferimento è alle tre tappe disputate sulle strade della Danimarca – di mantenersi nei quartieri altri della classifica generale del Giro. Alla prima occasione, cioé nella frazione di ieri, poi, ha piazzato l’affondo vincente e messo le mani sul primato.

Una vera sorpresa, che ha il fresco sapore della novità. Senza il contributo di una squadra ben affiatata, ma soprattutto veloce e dotata del sincronismo di un batterista, Navardauskas non avrebbe conquistato un bel niente. Invece ha vissuto il suo giorno di gloria, sfilando con garbo la maglia rosa a Taylor Phinney, partito con tre punti di sutura al piede destro (e un vantaggio di 18” sul lituano), dopo la spaventosa caduta nella tappa di Horsens, l’altro martedì, e molto deluso al termine della sfida contro il tempo di ieri.

Peraltro, a Phinney è andata di lusso anche nei dintorni di Verona, quando ha rischiato un altro clamoroso capitombolo. Dopo una curva in leggera discesa, infatti, il corridore della Bmc ha tirato dritto, finendo per prati e trascinandosi dietro anche fasci d’erba, che si sono incastrati fra la catena, il mozzo della bici e i pedali. Ha rischiato tanto, il gigante a stelle e strisce.

Nella fortuna, però, ha avuto la sfortuna di perdere la maglia rosa, ma di lui restano impresse nel cuore e nella mente la cocciutaggine, la tenacia e la testardaggine, che gli hanno permesso di tenersi ben stretta la sua bella maglia rosa fino al rientro a casa del Giro. Come sperava e come aveva auspicato dopo averla conquistata a Herning.

Alla lunga, tuttavia, Phinney ha dovuto arrendersi all’evidenza. In condizioni normali, forse, avrebbe potuto ottenere qualcosa di più, magari sperare in un esito diverso della crono di ieri, ma non sempre le cose vanno come ci si augura. Phinney è comunque caduto in piedi, va elogiato per il suo coraggio, la forza e la voglia di andare oltre ogni avversario, così come il giovane Navardauskas, 24 anni compiuti il 30 gennaio scorso, nato in una città di poco più di 30 mila anime di nome Silalé, situata nella regione della Samogizia.

A Verona ha vinto uno specialista, che fa parte di una squadra di specialisti, come confermano i successi nella cronosquadre del Tour de France 2011 (all’epoca il team si chiamava Garmin-Cervelo) e in quella di quest’anno nel Giro del Qatar, al termine del quale il lituano volante si è aggiudicato anche la classifica dei giovani.
Tra i big continuano a perdere terreno Scarponi e Cunego, ma il loro ritardo dagli altri favoriti si mantiene entro il minuto. Basso procede senza spasmi e tiene a bada Kreuzinger, mentre Franck Schleck galleggia. Le montagne sono ancora lontane.

Ultima ora

10:18Gerusalemme: Netanyahu, per pace riconoscere realtà

(ANSA) - BRUXELLES, 11 DIC - "Quanto il presidente Trump ha fatto è mettere i fatti sul tavolo per quello che sono. La pace è basata sul riconoscimento della realtà. E che Gerusalemme sia la capitale è evidente per tutti". Così il premier israeliano Benjamin Netanyahu arrivando al consiglio affari esteri europeo, invita a dare "una possibilità alla pace" col tentativo dell'amministrazione Usa. "E' tempo che i palestinesi riconoscano che lo stato ebraico e che Gerusalemme è la sua capitale".

09:49Venezuela: Maduro vince comunali, ma senza opposizione

(ANSA) - CARACAS, 11 DIC - Il partito socialista di Nicolas Maduro ha stravinto alle elezioni municipali nella maggior parte delle città del paese, anche se sul voto ha pesato il boicottaggio di quasi tutta l'opposizione. Lo stesso capo dello stato, durante un comizio in cui ha annunciato il suo trionfo, ha avvertito che "i partiti che non hanno partecipato al voto non potranno farlo più e scompariranno dalla mappa politica". Quindi di fatto li ha estromessi dalle presidenziali del prossimo anno.

09:41Birmania:stupri su donne Rohingya metodici, indagine

(ANSA) - UKHIA (BANGLADESH), 11 DIC - Gli stupri di donne Rohingya da parte dell'esercito birmano sono stati radicali e metodici. Lo rivela un'indagine condotta dall'Associated Press intervistando 29 tra donne e ragazze fuggite nel vicino Bangladesh. Le vittime delle violenze sessuali hanno tra i 13 e i 35 anni.

06:47Kashmir: giornalista francese arrestato da polizia India

NEW DELHI - Un giornalista televisivo francese, Paul Edward Comiti, e' stato arrestato dalla polizia indiana a Srinagar, capitale dello Stato di Jammu & Kashmir, per violazione del regolamento sui visti dato che, disponendo di uno di tipo business stava pero' realizzando un documentario sugli abitanti feriti nelle manifestazioni con fucili a pallini delle forze di sicurezza. Lo riferisce il portale Kashmir Watch.

06:42Corea Nord: manovre anti-missile di Seul, Tokyo e Usa

PECHINO - Corea del Sud, Usa e Giappone hanno dato il via alla due giorni di manovre congiunte finalizzate alla rilevazione di missili nemici, nel mezzo delle tensioni legate alla minaccia balistica e nucleare di Pyongyang. Il teatro delle operazioni, ha reso noto il Comando di Stato maggiore di Seul, sono le acque tra la penisola coreana e il Giappone.

06:33Molestie: Haley, ascoltare donne che accusano Trump

NEW YORK - Le donne che hanno accusato Donald Trump di molestie sessuali dovrebbero essere ascoltate: la sorprendente affermazione arriva da uno dei pilastri della stessa amministrazione Trump, Nikki Haley, ambasciatrice americana all'Onu. Haley rompe cosi' con la posizione della Casa Bianca, secondo cui le accuse al tycoon sono false e vanno archiviate.

01:31Calcio: Maradona a Calcutta per match di beneficienza

(ANSA) - NEW DELHI, 11 DIC - Più volte rinviato, è finalmente cominciato oggi un viaggio di Diego Maradona nella metropoli indiana di Kolkata (Calcutta), dove si tratterrà per tre giorni, impegnato in una serie di attività di beneficienza. I continui spostamenti di data della sua visita hanno fatto sì che oggi a riceverlo nella capitale dello Stato di West Bengala vi fossero quasi solo giornalisti e responsabili locali, ma non molti tifosi. Nella sua precedente visita che risale a nove anni fa, l'aeroporto cittadino fu preso d'assalto da migliaia di tifosi che lo acclamarono in strada fino ad oltre la mezzanotte. Gioviale e rilassato, Diego ha salutato con la mano i presenti prima di entrare insieme con la fidanzata Rocio Oliva nell'auto che lo ha portato in un hotel del centro che aveva approntato per lui una suite 'Diego Maradona'. Gli organizzatori si sono impegnati particolarmente nel decoro della suite, le cui pareti mostrano passaggi centrali della vita del calciatore.

Archivio Ultima ora