MY WAY: La rivoluzione scolastica

Pubblicato il 09 maggio 2012 da redazione

Un tempo, nell’Antica Grecia, i filosofi, i dottori ed gli uomini del ‘sapere’ erano soliti impartire lezioni all’aria aperta, ad un gruppo piú o meno vasto di allievi o discepoli dir si voglia. Le lezioni duravano giornate intere e s’insegnavano non solo materie puramente tecniche ma s’impartivano anche lezioni che avevano come obiettivo quello di elevare moralmente, intellettualmente e far crescere la persona umana nel suo complesso; quelle che oggi nelle universitá americane si chiamano comunemente ‘soft skills’, ovvero tutte quelle capacitá che non sono collegate con il lavoro che lo studente svolgerá quando sará un professionista ma che definiscono meglio la sua personalitá e che fanno sempre piú spesso la differenza nel processo di selezione di un candidato. Ma il mondo cambia, si evolve. Cosí capita che l’innovazione ed il progresso tocca anche il campo dell’educazione, stravolgendo il modo e i tempi della didattica.
E’ ormai da tanti anni che si parla di universitá on-line, a distanza, soprattutto nei Paesi del Regno Unito. Ma ora le cose sembra stiano cambiando per davvero ed in modo irreversibile. Infatti, due tra le piú rinomate universitá nordamericane, le californiane UCB (University of California Berkeley) e l’universitá di Stanford, collaborano in un progetto comune che punta ad offrire corsi universitari on-line e gratuiti, all’insegna del non profit. Tutto ció puó essere forse concepibile in alcune universitá del Regno Unito, ma non certo negli Stati Uniti, dove un master in economia in una delle suddette universitá costa circa sessantamila dollari all’anno, solo di rette universitarie. I corsi che si offrono in modalitá on-line e gratuita non riguardano solo materie tecniche e orientate fortemente verso il mondo del business, ma anche le discipline umanistiche, quali la Filosofia, la Sociologia, le Scienze Umane. Inoltre, anche le prestigiose universitá della costa orientale, quali Princeton, PennState e perfino Harvard e il tecnologico MIT si sono aperte ai corsi a distanza. Certo, il business dietro tutto questo consiste nel vendere, successivamente, a tutte le universitá sparse per il mondo le piattaforme tecnologiche che permettono di avere un’alta efficienza nella gestione dei corsi on-line; tuttavia l’inversione di tendenza é importante.

Ci troviamo difronte ad un modo di insegnare diverso e dinamico. Un professore comunica con migliaia di studenti in diversi posti del mondo, non importa che si tratti di grandi metropoli o di piccoli paesini sperduti: l’importante é che siano provvisti di una decente connessione ad internet. Rivoluzionario é cosí non solo il modo di insegnare, ma anche quello d’imparare. Una gestione del tempo completamente, o quasi, arbitraria, azzerando i tempi morti che prima erano dovuti alla distanza fisica che separava gli studenti dagli atenei, ai diversi orari delle lezioni, persino alle pause pranzo. Per contro, analogo o forse maggiore é il rigore e la costanza che si richiede agli allievi, il senso di responsabilitá e la tenacia. Piú semplice e diretto, strano a dirsi ma certamente vero, é il contatto con i professori o tutor di turno, tanto in maniera sincrona, tramite chat o video-chat dirette che in modo asincrono, tramite blog, forum o semplici scambi di e-mail. Piú accessibili saranno tutte le universitá in tutto il mondo, annullando i costi per i fuori-sede, quelli per l’acquisto del materiale didattico e promuovendo una maggiore sostenibilitá e rispetto per l’ambiente. Identica o addirittura piú elevata, sará la qualitá di molte universitá, le quali saranno obbligate e facilitate nel garantire alti standard qualitativi per restare competitive e ricevere cosí accreditamenti reali e non solo fittizi e legati al potere economico di ciascun ateneo. Una bella notizia, insomma, che cambierá ed allargherá gli orizzonti del sapere, portando conoscenza e formazione ovunque ci sia un computer nel mondo, favorendo, speriamo, il vero pensiero e confronto critico positivo tra gli individui.

Andrea De Vizio

andreadevizio@hotmail.com
Twitter: @andreadevizio

Ultima ora

17:30Roma:domenica ecologia slitta a 25/2, 17/12 pedonalizzazioni

(ANSA) - ROMA, 11 DIC - La sindaca di Roma Virginia Raggi ha firmato l'ordinanza per posticipare la domenica ecologica del 17 dicembre 2017 alla nuova data del 25 febbraio 2018. In aggiunta allo spostamento della data si è scelto di valutare la possibilità di pedonalizzare, nella giornata del 17 dicembre, una via in ogni Municipio al fine di creare tante isole pedonali libere dalle auto. Alcune associazioni di commercianti avevano chiesto lo slittamento visto che la domenica ecologica cadeva nel fine settimana di shopping pre-natalizio. Inoltre l'assessorato alla Sostenibilità Ambientale ha deciso di riproporre l'iniziativa di piantumazione di essenze nelle tre "domeniche ecologiche" ancora in programma (21 gennaio; 11 febbraio e 25 febbraio).

17:29Calcio: Spalletti, con Juve Inter non perfetta

(ANSA) - MILANO, 11 DIC - "Contro la Juventus abbiamo giocato con un'unica anima ma non abbiamo fatto la partita perfetta". L'allenatore dell'Inter Luciano Spalletti torna così, alla vigilia della Coppa Italia, ad analizzare il pareggio di Torino. Una sfida che a Spalletti non ha dato indicazioni ulteriori: "A me non ha dato niente di nuovo, è stato come riguardare una foto che avevo già sul cellulare. Ha consolidato le certezze e i punti su cui dobbiamo migliorare per crescere ulteriormente. A Torino abbiamo fatto vedere sia le nostre qualità che ciò che è ancora da mettere a posto".

17:27New York: polizia, uomo fermato si chiama Akayed Ullah

(ANSA) - NEW YORK, 11 DIC - Il fermato per l'esplosione di New York ha 27 anni e si chiama Akayed Ullah. Lo afferma il capo della polizia di New York, James O'Neill. L'uomo è attualmente in ospedale.

17:25Gratta e annuncia al bar, “ho vinto due milioni di euro”

(ANSA) - CAGLIARI, 11 DIC - Un gratta e vinci per sfidare la fortuna, come ogni giorno. Ma questa mattina un urlo di gioia ha interrotto il primo caffè di molti avventori del bar "Dal pescatore", a San Giovanni Suergiu, nel Sulcis, una delle zone più povere d'Italia. "Ho vinto due milioni di euro!", ha gridato quell'uomo che da anni frequenta il locale gestito da Angelo Nocco. Erano le 6.30 del mattino. "E' una persona che conosciamo bene - racconta all'ANSA il titolare del bar - è un operaio del polo industriale di Portovesme, avrà una quarantina di anni. Viene ogni giorno da noi, prende un caffè e compra un 'gratta e vinci'. Anche oggi è andata come al solito: ha ordinato e si è seduto al tavolo dopo aver comprato un 'Mega Miliardario' da 10 euro". Pochi istanti per grattare il biglietto e l'urlo improvviso del giocatore che ha colto tutti di sorpresa. "Si è alzato in piedi e ha gridato di aver vinto 2 milioni di euro - racconta ancora Angelo Nocco - si è avvicinato al bancone e mi ha mostrato il biglietto. Io ho cercato di controllare ma a quel punto lui si deve essere spaventato. Mi ha detto: 'se avessi vinto veramente 2 milioni di euro lo direi a te?'. Poi mi ha strappato di mano il tagliando: volevo fare una fotocopia per mostralo a tutti, ma lui deve aver avuto paura. Prima di uscire ha detto che mi avrebbe fatto un regalo". Non c'è quindi la certezza matematica della vincita milionaria, ma il comportamento successivo dell'operaio non lascerebbe spazio ai dubbi. "È salito in tutta fretta in macchina e per ben tre volte ha tentato di allontanarsi, ma l'auto si è bloccata sobbalzando e spegnendosi. Si comportava come se fosse emozionato, euforico. Anche un nostro cliente lo ha notato, pensava fosse ubriaco". Ora bisognerà attendere il momento dell'incasso del biglietto e la segnalazione che l'agenzia farà al bar per capire se effettivamente la dea bendata ha baciato il Sulcis e la Sardegna. Un'isola dove, forse proprio a causa della crisi, in molti tentano la fortuna al gioco. Secondo il report dei Monopoli relativo al 2016, in un solo anno nell'Isola sono stati bruciati 2,1 miliardi di euro nell'azzardo. (ANSA).

17:22Maltempo: tratto passeggiata crolla in mare a Vado Ligure

(ANSA) - SAVONA, 11 DIC - Il maltempo continua a fare danni in provincia di Savona. A Vado Ligure la mareggiata ha fatto crollare un tratto della passeggiata pedonale, fortunatamente non si registrano feriti. Sull'autostrada A10 a causa dell'asfalto viscido un Tir si è parzialmente rovesciato nel tratto tra Albisola e Celle Ligure, bloccando la carreggiata. Il conducente è stato portato in ospedale in codice giallo. La Valbormida continua ad essere isolata dal capoluogo, e i black out interessano ormai gran parte della provincia.

17:20New York: de Blasio, è stato tentato un attacco terroristico

(ANSA) - NEW YORK, 11 DIC - "E' stato un tentato attacco terroristico". Lo afferma il sindaco di New York, Bill de Blasio. "Non c'è nessun'altra minaccia in questo momento nella città di New York", ha aggiunto. "Questa e' New York, la nostra realta', quella con cui dobbiamo fare i conti. Siamo un obiettivo internazionale", ha dichiarato il governatore dello stato di New York, Andrew Cuomo, commentando l'esplosione di stamattina. "Dobbiamo andare avanti tutti insieme".

17:20Atletica: Tortu, concentrato sugli Europei

(ANSA) - ROMA, 11 DIC - "Troppa pressione nell'essere accostato a Mennea? Sicuramente a me fa piacere essere paragonato ad un grande atleta come Mennea. Ma questa pressione forse non l'ho mai sentita perché cerco di non darle tanto peso, sia negli aspetti positivi che negativi di questa attenzione che sto ricevendo, per questo non è stato un grosso cambiamento dopo il Golden Gala". Sono le parole del velocista azzurro Filippo Tortu, tra gli 'ambasciatori' Toyota dell'Italia Team, oggi presente alla presentazione della campagna che il gruppo giapponese ha avviato con Coni e Cip. "Sicuramente so che man mano che vado avanti le aspettative sono molto più alte ma sono tranquillo e voglioso di iniziare la nuova stagione", ha aggiunto Tortu a margine dell'evento. "Siamo una generazione che può fare veramente bene - ha aggiunto Tortu - L'appuntamento più importante prossimo è quello degli Europei di Berlino, prima di provare ad arrivare a Tokyo, anche se il 2020 si sta avvicinando sempre di più".

Archivio Ultima ora