Consolato, Regione e associazionismo: un’intesa tutta lucana per la sanità

Pubblicato il 09 maggio 2012 da redazione

CARACAS – Il console generale d’Italia, Giovanni Davoli ha incontrato nel Consolato di Caracas la delegazione lucana in visita in America Latina – arrivata per partecipare al “II Forum mondiale delle donne lucane” svoltosi ad Asunción, in Paraguay – ed insieme hanno visitato l’ambulatorio medico realizzato con i fondi regionali per l’assistenza gratuita dei lucani indigenti.

All’incontro erano presenti il presidente del Consiglio regionale della Basilicata, Vincenzo Folino; il presidente della Commissione regionale lucani all’Estero Antonio Di Sanza ed il funzionario dell’Ufficio Internazionalizzazione della Regione Rocco Romaniello; il presidente dell’Associazione Assolucana Roberto Marinaro; il direttivo della Federazione lucana in Venezuela: il presidente ‘decano’ Biagio Ignacchiti, il vicepresidente Antonio Pucillo, il tesoriere Angelo Tenore e il direttore Antonio Azzato. È la prima volta che un Presidente della Regione Basilicata visita la colettività in Venezuela.

Il presidente Folino ha voluto ricordare come “negli anni scorsi i lucani di Caracas decisero di realizzare una struttura sanitaria anziché acquistare una sede, continuando ad utilizzare per attività sociali e culturali il Centro italo-venezuelano della capitale che, tra l’altro, sarà retto nei prossimi due anni da due lucani: il presidente Pietro Caschetta (originario di Melfi) e dal vicepresidente Antonio Pucillo (di Pescopagano)”.

Una scelta “bellissima e meritoria” secondo il Console Davoli, che ha sottolineato come “pur essendo una piccola comunità” (circa 3000 i lucani in Venezuela, la metà nella capitale), gli immigrati dalla Basilicata “hanno fra loro un livello di aggregazione molto forte e svolgono un grande lavoro di solidarietà”.

Davoli, che da quando ha assunto la funzione di Console ha “sempre cercato di promuovere convenzioni con l’associazionismo sul piano dell’assistenza sanitaria” perché “hanno un rapporto costi/benefici altissimo e permettono di aiutare centinaia di persone”, ha quindi dichiarato la disponibilità del Consolato a contribuire con fondi propri a potenziare la struttura ambulatoriale (dove oggi vengono assicurate prestazioni di medicina generale, endocrinologia, cardiologia e odontoiatria) con l’intento di permettere anche a tanti altri italiani di poter usufruire dei servizi sanitari erogati. Attraverso una intesa tra Consolato, Uffici della Giunta regionale, Commissione dei lucani all’estero e Federazione dei lucani di Caracas, si cercherà soprattutto di potenziare il settore della cardiologia, al momento inadeguato ed insufficiente rispetto alla domanda di prestazioni.

– L’obiettivo è quello di curare il cuore dei lucani per farlo battere più a lungo per la loro terra e per noi – ha detto emozionato Biagio Ignacchiti.

Il presidente Folino ha dichiarato la disponibilità della Regione sia a potenziare l’ambulatorio che a renderlo disponibile per altri italiani in difficoltà, secondo le procedure stabilite dal Governo italiano, e ha ringraziato il Console consegnandogli la medaglia di rappresentanza del Consiglio regionale della Basilicata.

Oggi esistono tre ambulatori per gli italiani in Venezuela: oltre a quello dei lucani (che assiste circa 50 corregionali indigenti indicati dal Consolato e agli altri italiani offre tariffe speciali) c’è quello presso il Civ di Caracas e quello gestito dall’Associazione Campani.

Durante i tre giorni scarsi di missione, la delegazione ha visitato il Civ di Caracas ed ha festeggiato con alcuni corregionali presso la casa del Presidente Ignacchiti. Una festa a base di musica llanera e piatti tipici venezuelani perché, come ha spiegato Folino, “noi lavoriamo per l’integrazione”.

Sconti per il turismo
La delegazione lucana si è proposta di promuovere la Regione Basilicata in Venezuela sul piano del turismo.
In questa direzione, ha informato dello stimolo dato al ‘turismo di ritorno’ attraverso un pacchetto di contributi diretto ai gruppi turistici organizzati e composti da un minimo di 25 lucani. Si tratta di una riduzione del 25% sul prezzo dei biglietti aerei e del 10% sul costo del pernottamento nelle strutture alberghiere, oltre ad un contributo di 1000 euro per un autobus destinato al prelievo e al ritorno in aeroporto e al trasporto interno alla Regione durante la vacanza. Analoghi contributi, ma ridotti, sono previsti per i gruppi di turisti non lucani.

Lucani nel mondo
La delegazione guidata dal Presidente Folino durante questo breve viaggio ha visitato, oltre a quelle del Venezuela, le collettività lucane del Perù e del Paraguay.

A Lima, dove “quella lucana è l’unica associazione regionale italiana” e dove “si è creato un feeling grazie al fondo degli investimenti italoperuviano”, è stato presentato un progetto di cooperazione relativo al latte d’asino che vede il Perù occuparsi della produzione e la Basilicata della trasformazione e commercializzazione dei prodotti latticini. Tutto, ha spiegato Folino, con una “politica inclusiva delle comunità peruviane”.

In Paraguay, invece, oltre ad assistere al “II Forum mondiale delle donne lucane” la delegazione si è focalizzata sulla prossima intesa che verrà firmata tra i due Governi e che consentirà concretamente agli oriundi italiani di avere la doppia cittadinanza e il passaporto italiano.
La comunità lucana all’estero si concentra attorno a 170 associazioni in 21 Paesi del mondo. È la prima volta che un

Presidente del Consiglio regionale della Basilicata visita il Venezuela ma i presidenti delle Associazioni e delle Federazioni si recano periodicamente in Italia per mantenere saldi i rapporti e il Presidente della Commissione regionale lucani all’Estero ogni 3-4 anni fa tappa in Venezuela (l’ultima volta fu tre anni fa, cinque in visita ufficiale).
L’anno scorso una delegazione lucana ha visitato Montevideo, Santiago del Cile, Buenos Aires e Rosario, mentre nel 2013 si recherà a Panama, in Equador e in Colombia.

Monica Vistali

Ultima ora

22:51Donnarumma, mai detto di aver subito violenza morale

(ANSA) - MILANO, 14 DIC - "Non ho mai detto né scritto di aver subito violenza morale quando ho firmato il contratto". E' quanto afferma Gianluigi Donnarumma su Instagram, all'indomani della contestazione subita dai tifosi del Milan a San Siro. "E' stata una brutta serata e non me l'aspettavo! Nonostante tutto guardo avanti e testa alla prossima partita... forza Milan!", ha scritto a corredo di una foto che lo ritrae in mezzo al campo mentre saluta il pubblico, con Rino Gattuso che gli batte una mano sul petto.

22:20Calcio: Bonucci, vincere al Milan è pass per la storia

(ANSA) - MILANO, 14 DIC - "Vincere al Milan ti consegna un pass per la storia. Vi auguro di riuscirci, io sono alle prima armi con questa maglia". Così Leonardo Bonucci si è rivolto ai ragazzi del settore giovanile del Milan durante la festa di Natale: "Perché ho lasciato la Juventus? Sono successe alcune cose che hanno portato sia la società che il sottoscritto a questa decisione. Poi è arrivato il Milan, un'occasione che ho colto al volo. Anche grazie al lavoro di Fassone e Mirabelli. Con la Juventus abbiamo scelto di separarci, nella vita capitano delle discussioni".

22:10Terremoto: procura Macerata apre inchiesta su Sae

(ANSA) - MACERATA, 14 DIC - Il procuratore della Repubblica di Macerata Giovanni Giorgio ha aperto un fascicolo di indagine sui cantieri delle casette del terremoto, e le presunte irregolarità nella gestione della manodopera, denunciate dalla Cgil e dalla Fillea provinciali. Lo reso noto lo stesso Giorgio, sottolineando che "la tutela dei diritti dei lavoratori, rispetto ad ogni forma di sfruttamento e di sopruso costituisce una delle essenziali finalità del mio Ufficio". I cantieri sono appaltati al Consorzio Arcale, che ha vinto una gara bandita dalla Protezione civile nazionale. Il sindacato ha segnalato la presenza di molti lavoratori romeni, in particolare a Ussita, che verrebbero impiegati senza godere delle norme contrattuali italiane, e addirittura rimpatriati in caso di infortunio. Oggi la Cgil maceratese è stata contattata da funzionari del Governo romeno che sta conducendo un monitoraggio in varie regioni italiane proprio sul fenomeno del 'caporalato' e sullo sfruttamento di propri connazionali.

21:55Hayden morto in bici, chiesto rinvio giudizio automobilista

(ANSA) - RIMINI, 14 DIC - Il sostituto procuratore Paolo Gengarelli ha depositato la richiesta di rinvio a giudizio per omicidio stradale a carico dell'automobilista coinvolto nell'incidente a Misano Adriatico che costò la vita, nel maggio scorso, all'ex campione statunitense di motoGp Nicky Hayden, in quel momento in sella a una bici. Il pilota, poi anche di Superbike, morì il 22 maggio a 36 anni all'Ospedale Bufalini di Cesena, cinque giorni dopo essere stato investito da una Peugeot 206. La Procura della Repubblica di Rimini contesta l'omicidio stradale al conducente dell'auto, un trentenne di Morciano di Romagna, perché - come da consulenza del pubblico ministero - "in concorso di cause indipendenti con la condotta colposa del ciclista ne cagionava la morte per colpa consistita in negligenza ed imprudenza". (ANSA).

21:51Francia: scontro treno-scuolabus, ‘almeno 4 bambini morti’

(ANSA) - PARIGI, 14 DIC - "E' di almeno quattro bambini morti" il bilancio delle vittime dello scontro avvenuto nel sud-ovest della Francia tra un treno regionale ed uno scuolabus. Lo riferisce il ministero dell'Interno. Ci sono anche "24 feriti molto gravi, di cui 21 alunni, e altri tre altri che erano a bordo del treno", dice il prefetto.

21:39Calcio: Var anche in Francia, da prossima stagione in Ligue1

(ANSA) - ROMA, 14 DIC - La Var fa proseliti e dall'anno prossimo, dopo Italia, Germania e Portogallo (per citare i campionati più importanti) farà il suo esordio anche nella Ligue1 francese. Lo ha deliberato oggi, la Lega calcio transalpina (Lfp) che ha dato il via libera alla sua introduzione a partire dalla prossima stagione.

20:53Calcio: Mertens, nessuno può vincerle tutte

(ANSA) - NAPOLI, 14 DIC - "Non siamo stanchi, le partite sono tante e non le puoi vincere tutte. Non ho mai visto una squadra che non abbia avuto un momento difficile in campionato. Noi siamo sempre lì e vedremo chi sarà avanti alla fine". Lo ha detto Dries Mertens in un'intervista a Canale 21 che andrà in onda stasera alle 20.35. L'attaccante belga ha difeso l'operato di Maurizio Sarri: "Senza di lui non saremmo dove siamo adesso. Ha molte responsabilità, fa le sue scelte, ha cambiato il Napoli e da quando allena questa squadra ha fatto diventare forti giocatori normali".

Archivio Ultima ora