Bersani accelera e candida Pd a Palazzo Chigi

Pubblicato il 10 maggio 2012 da redazione

ROMA – Non ci sarà più un Romano Prodi. Né Pier Ferdinando Casini, o chi per lui, pensi di trattare l’alleanza con il Pd mettendo sul piatto la candidatura a palazzo Chigi. Stavolta, “il candidato premier tocca a noi”. Parola di Pier Luigi Bersani. Non dice ‘tocca a me’ perché, si sa, si sceglie insieme, ma è una bella accelerazione in vista del voto. E se sarà prima del previsto, il segretario del Pd pensa bene di disporre per tempo le pedine, mentre gli avversari annaspano nel vuoto di una proposta da ricostruire.

La carta calata da Bersani cade nel silenzio, ufficiale, del partito. Ma c’è da scommettere che alla mossa del segreterio non mancheranno ‘contromosse’ all’indomani dei ballottaggi. C’è già un coordinamento dei big convocato per fare il punto. E il piatto forte sarà la strategia delle alleanze.

Se Bersani, come ieri Massimo D’Alema, insiste sullo schema del centrosinistra allargato ai moderati, ora Walter Veltroni suggerisce una soluzione ispirata alla vocazione maggioritaria.

Sul versante dei potenziali alleati Antonio Di Pietro non dice no alla richiesta di leadership del Pd, mentre è gelo con Sel. E anche con Prodi c’è stato un botta e risposta sulla riforma elettorale.

Dunque, un esponente democratico candidato a palazzo Chigi. Questa la condizione di Bersani. Un’autocandidatura? L’interessato non lo esclude a patto che sia una scelta condivisa.

– Penso che si lavora in collettivo, che le leadership sono pro-tempore, che devono essere scelte: questa è la mia idea: sono disponibile solo in questa logica.

Il segretario non teme che la sua condizione possa pregiudicare un accordo con Casini. Perché alla fine i centristi solo al Pd potranno guardare se vogliono governare con un polo democratico:

– Quando la dialettica sarà tra un polo democratico e uno che dà risposte regressive ognuno si assumerà le sue responsabilità. Il Pd vuole allargare ma sa di dover essere il baricentro di una proposta alternativa – dice Bersani.

Veltroni non ci crede. E non crede utile la rincorsa ai centristi e al vecchio schema centrosinistra più moderati.

– Sono convinto – spiega l’ex segretario – che una proposta innovativa possa innescare grande mobilità elettorale. Casini ha un disegno strategico diverso dal nostro che dobbiamo puntare su noi stessi, aver fiducia nella possibilità che il riformismo risponda alla domanda di radicale rinnovamento che si esprime con il M5S e alla domanda di innovazione di un elettorato che aveva creduto a Berlusconi o al centro.

Bersani mette il cappello su palazzo Chigi e la cosa provoca reazioni nei potenziali alleati per il governo del Paese. Di Pietro potrebbe starci.

– Mi metto nei panni di Bersani e lo comprendo e lo capisco. A noi dell’Idv interessano i contenuti e non mettiamo, preventivamente, bastoni tra le ruote alle candidature – dice il leader dell’Idv.
Quello che sta a cuore a Di Pietro è dare sostanza alla coalizione di centrosinistra. Se poi si potrà allargare ai centristi, si vedrà.

– Per ora partiamo da quello che c’è e che ha riscosso un buon risultato alle amministrative.
Diversa la reazione di Nichi Vendola che forse vede nella mossa di Bersani una sconfessione delle primarie. Del resto quel “tocca a noi” non suona come ‘facciamo le primarie e vediamo chi vince’.

– Piuttosto che concentrarci ora sulla figura del leader – attacca Vendola – è importante capire se il centrosinistra c’è. Il Pd si dia una mossa: c’è il centrosinistra? Allora diciamolo, e diciamo cosa è. Il nostro programma è come quello di Hollande? Se è così sono pronto a sottoscriverlo. Se invece il nostro programma è un ibrido incomprensibile, ambiguo e opaco, diciamolo. Perché se sarà così io non ci starò.

Toni polemici anche con Prodi. Il Professore ha bacchettato Bersani sulla legge elettorale:
– Come fa il mio amico Bersani a dire che vuole fare come Hollande, guardare ad alleanze di centro e di sinistra, con la legge elettorale che lui ha proposto e che sostiene?”, ovvero il tedesco.

Pronta replica dalla segreteria del Pd con Davide Zoggia:
– Prodi sa bene che la proposta di riforma elettorale approvata dalla Assemblea nazionale del Pd prevede il doppio turno di collegio. Naturalmente, sarebbe già operativa se il Pd avesse la maggioranza in Parlamento e una ancora più vasta maggioranza l’avesse condivisa. Purtroppo, come sa il presidente, non è così.

Ultima ora

22:51Donnarumma, mai detto di aver subito violenza morale

(ANSA) - MILANO, 14 DIC - "Non ho mai detto né scritto di aver subito violenza morale quando ho firmato il contratto". E' quanto afferma Gianluigi Donnarumma su Instagram, all'indomani della contestazione subita dai tifosi del Milan a San Siro. "E' stata una brutta serata e non me l'aspettavo! Nonostante tutto guardo avanti e testa alla prossima partita... forza Milan!", ha scritto a corredo di una foto che lo ritrae in mezzo al campo mentre saluta il pubblico, con Rino Gattuso che gli batte una mano sul petto.

22:20Calcio: Bonucci, vincere al Milan è pass per la storia

(ANSA) - MILANO, 14 DIC - "Vincere al Milan ti consegna un pass per la storia. Vi auguro di riuscirci, io sono alle prima armi con questa maglia". Così Leonardo Bonucci si è rivolto ai ragazzi del settore giovanile del Milan durante la festa di Natale: "Perché ho lasciato la Juventus? Sono successe alcune cose che hanno portato sia la società che il sottoscritto a questa decisione. Poi è arrivato il Milan, un'occasione che ho colto al volo. Anche grazie al lavoro di Fassone e Mirabelli. Con la Juventus abbiamo scelto di separarci, nella vita capitano delle discussioni".

22:10Terremoto: procura Macerata apre inchiesta su Sae

(ANSA) - MACERATA, 14 DIC - Il procuratore della Repubblica di Macerata Giovanni Giorgio ha aperto un fascicolo di indagine sui cantieri delle casette del terremoto, e le presunte irregolarità nella gestione della manodopera, denunciate dalla Cgil e dalla Fillea provinciali. Lo reso noto lo stesso Giorgio, sottolineando che "la tutela dei diritti dei lavoratori, rispetto ad ogni forma di sfruttamento e di sopruso costituisce una delle essenziali finalità del mio Ufficio". I cantieri sono appaltati al Consorzio Arcale, che ha vinto una gara bandita dalla Protezione civile nazionale. Il sindacato ha segnalato la presenza di molti lavoratori romeni, in particolare a Ussita, che verrebbero impiegati senza godere delle norme contrattuali italiane, e addirittura rimpatriati in caso di infortunio. Oggi la Cgil maceratese è stata contattata da funzionari del Governo romeno che sta conducendo un monitoraggio in varie regioni italiane proprio sul fenomeno del 'caporalato' e sullo sfruttamento di propri connazionali.

21:55Hayden morto in bici, chiesto rinvio giudizio automobilista

(ANSA) - RIMINI, 14 DIC - Il sostituto procuratore Paolo Gengarelli ha depositato la richiesta di rinvio a giudizio per omicidio stradale a carico dell'automobilista coinvolto nell'incidente a Misano Adriatico che costò la vita, nel maggio scorso, all'ex campione statunitense di motoGp Nicky Hayden, in quel momento in sella a una bici. Il pilota, poi anche di Superbike, morì il 22 maggio a 36 anni all'Ospedale Bufalini di Cesena, cinque giorni dopo essere stato investito da una Peugeot 206. La Procura della Repubblica di Rimini contesta l'omicidio stradale al conducente dell'auto, un trentenne di Morciano di Romagna, perché - come da consulenza del pubblico ministero - "in concorso di cause indipendenti con la condotta colposa del ciclista ne cagionava la morte per colpa consistita in negligenza ed imprudenza". (ANSA).

21:51Francia: scontro treno-scuolabus, ‘almeno 4 bambini morti’

(ANSA) - PARIGI, 14 DIC - "E' di almeno quattro bambini morti" il bilancio delle vittime dello scontro avvenuto nel sud-ovest della Francia tra un treno regionale ed uno scuolabus. Lo riferisce il ministero dell'Interno. Ci sono anche "24 feriti molto gravi, di cui 21 alunni, e altri tre altri che erano a bordo del treno", dice il prefetto.

21:39Calcio: Var anche in Francia, da prossima stagione in Ligue1

(ANSA) - ROMA, 14 DIC - La Var fa proseliti e dall'anno prossimo, dopo Italia, Germania e Portogallo (per citare i campionati più importanti) farà il suo esordio anche nella Ligue1 francese. Lo ha deliberato oggi, la Lega calcio transalpina (Lfp) che ha dato il via libera alla sua introduzione a partire dalla prossima stagione.

20:53Calcio: Mertens, nessuno può vincerle tutte

(ANSA) - NAPOLI, 14 DIC - "Non siamo stanchi, le partite sono tante e non le puoi vincere tutte. Non ho mai visto una squadra che non abbia avuto un momento difficile in campionato. Noi siamo sempre lì e vedremo chi sarà avanti alla fine". Lo ha detto Dries Mertens in un'intervista a Canale 21 che andrà in onda stasera alle 20.35. L'attaccante belga ha difeso l'operato di Maurizio Sarri: "Senza di lui non saremmo dove siamo adesso. Ha molte responsabilità, fa le sue scelte, ha cambiato il Napoli e da quando allena questa squadra ha fatto diventare forti giocatori normali".

Archivio Ultima ora