ROMA: Luis Enrique getta la spugna: “E’ la mia sconfitta personale”

Pubblicato il 10 maggio 2012 da redazione

ROMA – Era arrivato dalle giovanili del Barcellona per portare in Italia un’idea di calcio diversa, inedita per i campi della Serie A. Si è ritrovato invece a salutare tutti dopo nemmeno un anno di lavoro sulla panchina della Roma, nonostante l’appoggio di società, squadra e parte della tifoseria.

Per Luis Enrique l’esperienza nella Capitale è stata a tutti gli effetti un fallimento, maturato giorno dopo giorno, sconfitta dopo sconfitta. Pochi alti e troppi bassi lo hanno convinto a gettare definitivamente la spugna, lasciando a Trigoria quel contratto biennale firmato appena 337 giorni fa. La decisione di salutare tutti il tecnico asturiano l’aveva ormai maturata da tempo, schiacciato dalla pressione di un ambiente resosi all’improvviso ostile dopo la pazienza mostrata nel corso della stagione.

La dirigenza lo aveva capito, e fino all’ultimo ha provato a fargli cambiare idea. Inutilmente. Ieri infatti Luis Enrique ha diretto come al solito l’allenamento per preparare l’ultima gara di campionato in programma domenica a Cesena ma, al termine della seduta di lavoro, e sotto gli occhi di Baldini e Sabatini posizionati su una delle terrazze che affacciano sui campi, ha radunato attorno a sé i fidi collaboratori dello staff tecnico (col mental coach Llorente intento a riprendere tutto col cellulare), l’intera squadra, oltre a preparatori e medici.

Dieci minuti di colloquio seduto su un pallone, con gli occhi lucidi, per ringraziare e salutare tutti: “Vado via”. “Non me la sento di andare avanti, non riesco più a dare il 100% – le parole di resa dell’ex Barcellona davanti ai giocatori ammutoliti – Per me andare via é una sconfitta, non sono riuscito a trasmettere quello che volevo, non sono riuscito a mettere sul campo le idee del mio calcio”. E ancora: “Mi scuso con quelli di voi che ho impiegato meno, che non sono riuscito a valorizzare, ma ero chiamato a fare delle scelte. Continuate comunque a seguire questa grande società”.

Società che, per dare il via alla rivoluzione americana innescata col passaggio del club a una cordata di imprenditori statunitensi, aveva puntato forte su Luis Enrique. Il primo impatto col calcio italiano, però, si era rivelato tutt’altro che positivo, con la prematura eliminazione dai preliminari di Europa League e la sconfitta all’esordio in campionato davanti al pubblico dell’Olimpico col Cagliari. Da quel momento in poi la piazza giallorossa ha dovuto mandare giù quasi esclusivamente bocconi amari come le due sconfitte nei derby controla Lazioe il netto ko in Coppa Italia a Torino sul campo della Juventus, poi replicato in campionato. Il tutto condito da scelte di formazione spesso sorprendenti – tanto da far scattare tra i tifosi il ‘TotoLuisito’ – e da provvedimenti disciplinari eclatanti come l’esclusione di Osvaldo a Firenze dopo la lite col compagno di squadra Lamela, e quella di De Rossi con l’Atalanta per un ritardo di una manciata di minuti alla riunione tecnica pregara.

A pesare sull’addio di Luis Enrique, però, oltre ai risultati negativi sono stati anche i problemi familiari (moglie e figli non si sono ambientati nella Capitale) e uno stress fisico crescente che l’asturiano ha faticato a gestire. “Io sono asturiano, sono un combattente nato” aveva dichiarato appena dieci giorni fa. Prima di gettare la spugna davanti a tutti seduto su pallone.

Ultima ora

18:11Sicilia: Micciché, mai fatti accordi con Lotti

(ANSA) - PALERMO, 17 DIC - Il neo-eletto presidente dell'Ars, Gianfranco Miccichè in una nota dichiara "che con il ministro dello Sport, Luca Lotti, non c'è stato alcun accordo sulla eventualità di far confluire i voti dei deputati del Pd sulla sua candidatura alla presidenza del Parlamento siciliano". "Il ministro Lotti - sottolinea Miccichè - mi ha telefonato dopo la mia elezione per augurarmi buon lavoro".

18:04Savoia: Vittorio Emanuele, domani a Vicoforte per omaggio

(ANSA) - ROMA, 17 DIC - "Domani, alle ore 15.00, insieme a mia moglie Marina, a mio figlio Emanuele Filiberto, a mia sorella Maria Pia ed a mio nipote Serge di Jugoslavia, mi recherò al Santuario di Vicoforte per rendere omaggio alle sepolture provvisorie dei miei nonni, il Re Vittorio Emanuele III e la Regina Elena". Lo scrive, in una nota, Vittorio Emanuele di Savoia.

18:03Savoia: Comunità ebraiche, profonda inquietudine

(ANSA) - ROMA, 17 DIC - "In un'epoca segnata dal progressivo smarrimento di Memoria e valori fondamentali il rientro della salma del re Vittorio Emanuele III in Italia non può che generare profonda inquietudine, anche perché giunge alla vigilia di un anno segnato da molti anniversari", tra cui "gli 80 anni dalla firma delle Leggi Razziste". Lo sottolinea la Presidente dell'Unione delle Comunità Ebraiche Italiane Noemi Di Segni, ricordando che "Vittorio Emanuele III fu complice di quel regime fascista di cui non ostacolò mai l'ascesa".

18:02Igor: accetta estradizione, ma dopo inchiesta Spagna

(ANSA) - ROMA, 17 DIC - Norbert Feher, noto come 'Igor il russo' ha risposto in italiano alle domande del giudice spagnolo, Carmen Lamela - durante l'interrogatorio tenuto in videoconferenza - e ha accettato, non opponendosi al mandato di arresto europeo, di essere consegnato in Italia per essere processato per gli omicidi commessi ad aprile tra Bolognese e Ferrarese. Secondo quanto filtra da ambienti investigativi italiani l'eventuale consegna - come è emerso dall'interrogatorio durante l'udienza di convalida in Aragona - avverrà dopo i processi per i tre omicidi - di due agenti della Guardia Civil e di un allevatore - avvenuti in Spagna lo scorso 14 dicembre. Nell'interrogatorio il latitante, fuggito dall'Italia otto mesi fa, ha detto di essere in Spagna da settembre. Sull'affermazione verranno fatti accertamenti.(ANSA).

17:54Papa: Gentiloni, grazie per esortarci a fare mondo migliore

(ANSA) - ROMA, 17 DIC - "Desidero ancora una volta ringraziarla profondamente per il suo inarrestabile impegno che scuote le nostre coscienze e ci esorta a rendere migliore questo mondo". Lo dice il presidente del Consiglio Paolo Gentiloni in un messaggio di auguri a Papa Francesco per il suo compleanno.

17:53Austria: Salvini, Strache? Non è un estremista

(ANSA) - ROMA, 17 DIC - In Austria "io non vedo estremisti al governo. Heinz-Christian Strache non è assolutamente estremista, se controllare i confini è estremista allora sono estremista anche io. Io vedo un partito che difende l'interesse nazionale austriaco e io come Lega lo voglio fare non solo in Lombardia e Veneto dove governiamo da anni, ma anche in Puglia o in Campania". Lo afferma il segretario della Lega Matteo Salvini a "1/2 ora in più".

17:42Salvini, serve programma scritto o no alleanze con FI

(ANSA) - ROMA, 17 DIC - "Io chiedo un programma comune del centrodestra, senza un programma scritto" nei suoi "capisaldi non c'è alleanza". Lo afferma il segretario della Lega Matteo Salvini a "1/2 ora in più" su Raitre spiegando che l'abolizione della Fornero, un intervento su immigrazione, scuola e sulle politiche europee, sono i punti "su cui non ci può essere trattativa". "Io ritengo che Berlusconi firmerà", spiega Salvini, ritenendo necessario, in vista dell'ipotesi larghe intese anche "un patto contro gli inciuci".

Archivio Ultima ora