Trionfo Maldonado ma Alonso è secondo

Pubblicato il 13 maggio 2012 da redazione

BARCELLONA – Non poteva esserci inizio migliore per questo emozionante mondiale. Cinque vincitori differenti in cinque gare disputate e la prima europea regala un risultato storico, leggendario, ovvero il primo triondo iridato per un pilota venezuelano. Pastor Maldonado vince in Spagna riportando al successo la Williams. Un risultato importantissimo per un team in crescita e che ha attraversato anni difficili. Un premio alla costanza e al sacrificio di Sir Frank Williams, presente ed emozionato.

Ma Montmelò porta fortuna anche agli uomini di Maranello. Dopo il fallimento del 2011 Alonso sfiora il colpaccio portandosi al comando già nella prima curva per poi arrendersi, colpa un pit stop leggermente in ritardo e la manovra punita di Pic che non rispetta la bandiera azzurra per il doppiaggio dello spagnolo. A niente è servito il forcing finale con Alonso capace di recuperare mezzo secondo a giro fino alla lotta finale a suon di DRS. Infine la resa a causa delle Pirelli completamente usurate. Un ottimo weekend per la Ferrari che torna, complice la penalizzazione di Hamilton, in prima fila. Cosa che non succedeva dal Canada nel 2011. Notevoli ed evidenti i passi avanti della Rossa anche se il lavoro da fare è ancora tanto. Le novità studiate a Maranello e portate in pista in Catalogna non possono che essere un interessante punto di partenza per il Cavallino Rampante. Infine la Lotus, in crescita ma vittima di alcune leggerezze imperdonabili come quella che ha compromesso in modo definitivo e irreversibile la gara di Kimi Raikkonen. Il finlandese resta in pista con un ordine assai stravagante dal box, ovvero un’altra ipotetica sosta di Ferrari e Williams. Una intuizione completamente sbagliata e che ha fatto ritardare il pit stop di Raikkonen. Follia vera. E ad appesantire la decisione errata dai box il recupero formidabile proprio dell’ex ferrarista che nell’ultimo giro si porta addirittura in scia ad Alonso, Quarto il compagno di Kimi, Grosjean.

Nel giorno della ripresa Ferrari arriva la grandissima delusione per la Red Bull. Dopo il successo del Bahrain ecco il nuovo scivolone in Catalogna. Questa è la brutta, bruttissima copia della monoposto in grado di dominare in lungo e in largo il mondiale 2011. E’ vero, hanno fatto di tutto per complicare le cose al team campione ma simili prestazioni non possono trovare giustificazione nel regolamento. Horner e colleghi sbagliano tutto, anche a Barcellona con musetti anteriori cambiati e ricambiati, dal venerdì alla domenica di gara. Qualcosa non va e forse qualcuno sta perdendo il controllo della situazione. Il campione del mondo riesce a salvare il salvabile con un sesto posto che vista la situazione profuma quasi di successo. Vettel che è stato anche penalizzato con un drive through per non aver rispettato la bandiera gialla. Storia ben differente per il collega Mark Webber, undicesimo e fuori dalla zona punti. Tutto da rifare anche se Vettel resiste al primo posto iridato, raggiunto dal ferrarista Fernando Alonso.

Ci si aspettava la grande rimonta di Lewis e l’inglese non ha certo tradito le aspettative. Hamilton parte dall’ultimo posto in griglia e chiude in ottava posizione grazie alla scelta delle due sole soste. Uno sforzo incredibile per Hamilton, da sempre selvaggio con le gomme e oggi costretto a gestire nel migliore dei modi le mescole. Lewis chiude davanti al compagno Jenson Button. Un risultato comunque positivo visto i risultati del sabato di qualifica anche se il team di Woking si è reso ancora una volta protagonista di errori ai box. Incredibile quello nel pit stop di Hamilton, con una gomma lasciata in pienazona di manovra che fa sbattere violentemente la monoposto. Non sembra avere fine quindi la crisi degli uomini McLaren e in Inghilterra si comincia a rumoreggiare di vere o presunte cospirazioni.

Chi fa un passo indietro importante e preoccupante a Montmelò è la Mercedes. Michael Schumacher dopo una discreta partenza decide di puntare Bruno Senna e finisce con il tamponarlo. Il Kaiser cerca di dare responsabilità al pilota Williams ma le immagini sono abbastanza chiare: Michael non è certo esente da colpe. Nico Rosberg finisce la sua gara al settimo posto, superato nel finale da Sebastian Vettel. Sbagliata la scelta di puntare alle morbide invece di sostituire subito il primo set con le hard.

E’ stata una gara abbastanza regolare quella di Montmelò. Partenza perfetta di Alonso e il venezuelano Maldonado subito costretto al recupero. Red Bull subito ai box e per vedere qualche cambiamento o colpo di scena bisogna attendere l’errore di Michael Schumacher che tampona Bruno Senna in fase di sorpasso. Il resto sono recuperi, sorpassi e scelte più o meno discutibili ai box. Pirelli ancora una volta decisive e protagoniste con picchi di prestazione e improvvise crisi da gestire.

In casa Ferrari resta il problema, ormai di difficile soluzione, Felipe Massa. Pilota che ormai sembra fuori da ogni piano e lontano, sempre più lontano dal suo compagno di squadra. A Barcellona il brasiliano viene addirittura doppiato da Alonso secondo e chiude in quindicesima posizione.

Ultima ora

06:52Usa: elezioni Alabama, vince democratico Jones

(ANSA) - WASHINGTON, 13 DIC - Doug Jones vince le elezioni in Alabama per un seggio al Senato americano. La vittoria del democratico e' uno schiaffo per il presidente Donald Trump, che aveva appoggiato il candidato Roy Moore nonostante la controversia sollevata dalle accuse di molestie sessuali. Duro colpo anche per il partito repubblicano che perde un prezioso voto al Senato, dove deteneva una maggioranza gia' limitata a 52 seggi su 100. "Il popolo dell'Alabama ha piu' in comune di cio' che lo divide. Abbiamo mostrato non solo all'Alabama ma al Paese che possiamo essere uniti", ha dichiarato Jones dopo la vittoria. Trump reagisce su Twitter all'esito del voto, mostrando fair play e congratulandosi con Jones: "I repubblicani avranno un'altra chance per questo seggio molto presto. Non finisce mai!".

22:58Calcio: Buffon, Juve sta bene nel mucchio selvaggio in testa

(ANSA) - MILANO, 12 DIC - La Juventus "sta bene nel mucchio selvaggio" in testa al campionato, e "non deve sottovalutare" il Tottenham in Champions League. Gianluigi Buffon analizza la doppia corsa, sottolineando che per i bianconeri "è un bel momento". "Pur non vincendo una gara importante contro l'Inter, i risultati delle altre ci hanno dato una grossa mano a vedere il bicchiere mezzo pieno e a far sì che si sia creato questo mucchio selvaggio in testa alla classifica. È chiaro che diventa un campionato più avvincente e noi secondo me ci sentiamo meglio in una posizione così ravvicinata alla testa della classifica", ha notato il capitano juventino a margine dei Gazzetta Sports Awards. "Il Tottenham è una squadra da prendere con le molle, ha tanta fisicità in quasi tutti i singoli e grande tecnica in cinque o sei elementi. Di solito impone alla gara un ritmo forsennato, di conseguenza sulle due gare è un avversario veramente temibile e da non sottovalutare".

22:44Donna dell’Agrigentino festeggia 106 anni con sorella di 112

(ANSA) - CANICATTI' (AGRIGENTO), 12 DIC - Altro compleanno ultracentenario a Canicattì (Ag) in casa Cammalleri. Attorniata dai familiari, tra cui la sorella Diega "Deddè" di 112 anni e la cognata di 94, ha festeggiato le sue 106 primavere Fifì Cammalleri, nata il 12 dicembre 1911. Le due sorelle vivono nella stessa casa. Nell'ottobre dello scorso anno, per i suoi 111 anni, Diega, che è stata a lungo insegnante, ricevette una medaglia d'oro dall'allora ministro dell'Istruzione Stefania Giannini. In quell'occasione l'interessata disse di non aver mai punito i suoi alunni "ma se necessario li ho solo corretti". Ai festeggiamenti di oggi erano presenti i numerosi nipoti delle due sorelle, anche loro avanti in età. (ANSA).

22:39Tap: Emiliano, Governo incosciente, presenteremo esposto

(ANSA) - BARI, 12 DIC - "I fatti accaduti in Austria hanno dimostrato che le preoccupazioni della Regione Puglia hanno un fondamento evidente che ci obbligherà nei prossimi giorni a sottoporre alla Procura della Repubblica competente un esposto che mira a salvaguardare l'incolumità pubblica dalla incosciente decisione del Governo di ritenere non assoggettabile alle direttive Seveso l'impianto Tap". In una nota, il presidente della Puglia, Michele Emiliano, replica al ministro dello Sviluppo Carlo Calenda, che aveva criticato le rimostranze della regione sul gasdotto Tap. Per Emiliano, "di incoscienza collettiva evidentemente si tratta se è vero che il Ministro Calenda dalle notizie della vittima e dei 21 feriti in Austria trae lo spunto solo per ribadire che il TAP è necessario proprio per sopperire alla temporanea carenza di gas distribuita nel Nord Europa ove dovessero ripetersi incidenti analoghi a quello accaduto oggi". "Si tratta con ogni evidenza - rimarca Emiliano - di un caso di strabismo politico".

22:06Calcio: Mondiale club, 1-0 al Pachuca dts, Gremio in finale

(ANSA) - ROMA, 12 DIC - I brasiliani del Gremio si sono qualificati alla finalissima del Mondiale per club battendo 1-0 i messicani del Pachuca dopo i tempi supplementari del match giocato ad Al Ain, stadio Hazza bin Zayed, negli Emirati Arabi Uniti. Decisivo il gol di Everton al 5' del primo tempo supplementare dopo che i 90' regolamentari si erano conclusi a reti inviolate. La squadra allenata dall'ex romanista Renato affronterà la vincente dell'altra semifinale tra Real Madrid e l'Al-Jazira in programma domani.

21:53Terremoto: Boldrini a delegazione Camerino,vi resterò vicina

(ANSA) - CAMERINO (MACERATA), 12 DIC - "Quello che ho visto nelle vostre terre non lo dimenticherò mai, anche perché la vostra terra è anche la mia terra. Abbiamo fatto molto e sono consapevole che molto di più c'è ancora da fare. Siamo arrivati a fine legislatura, ma io, qualunque sarà il mio ruolo in futuro, continuerò a esservi vicina. Questa è la mia promessa". Sono le parole, si legge in una nota del Comune di Camerino, che la presidente della Camera Laura Boldrini ha rivolto a una delegazione di cittadini camerti, ricevuta in visita a Montecitorio. Insieme al sindaco Gianluca Pasqui c'erano rappresentanti di scuole, associazioni e dell'Università. Pasqui ha anche preso parte alla riunione del Comitato legislativo, ricordando che ''se davvero si vuole fare il bene dei Comuni terremotati bisogna entrare nello specifico delle singole realtà''. "Ho chiesto di rivedere il cratere sismico - ha detto il sindaco -. Non è possibile che ogni comune venga curato alla stessa maniera, che a più malati venga data la stessa medicina. Dobbiamo intervenire con decisione affinché il cratere venga rivisto, senza escludere nessuno, ma intervenendo con le necessarie indicazioni in base alle necessità. Le differenze ci sono e le istituzioni le devono evidenziare affinché parta quella ricostruzione che oggi sembra ancora un miraggio".

21:52Ap: direzione vota documento separazione consensuale

(ANSA) - ROMA, 12 DIC - Il documento per la separazione consensuale di Ap, che mantiene al momento invariati i gruppi parlamentari, è stato votato all'unanimità dalla Direzione Nazionale.

Archivio Ultima ora