Il Console Bernardo Borges visita gli italo-venezuelani di Molfetta e Corato

Pubblicato il 13 maggio 2012 da redazione

MOLFETTA – La visita del Console venezuelano Borges alle comunità italo venezuelane di Molfetta e Corato in occasione della “II Jornada con la Comunidad y asociaciones italo-venezolanas” non è solo un’occasione per espletare gli impegni diplomatici e le pratiche consolari, ma soprattutto è un modo per riunire la comunità italo venezuelana, rivivere bellissimi ricordi ed affacciarsi verso il futuro con ottimismo.

Molfetta e Corato sono due cittadine in provincia di Bari che vivono in maniera netta ed evidente il legame tra Italia e Venezuela, non solo la comunità italo venezuelana  è viva e presente sul territorio, ma è la pietra d’angolo su cui le due cittadine hanno costruito l’attuale tessuto sociale ed economico. A testimonianza della folta presenza degli italo venezuelani a Molfetta il console Borges ha fatto visita all’associazione Molfettesi nel Mondo, ed a Corato con l’occasione dell’omaggio floreale alla statua di Simon Bolivar c’è stata la visita al centro italo venezuelano.

La storia di Molfetta è particolare, 60000 abitanti popolano la città, oltre 60000 molfettesi vivono nel mondo, una rara particolarità che porta a catapultarsi all’interno dell’associazione e vivere ed ascoltare, toccare con mano il modo di essere di un emigrato italiano: la sofferenza che si mescola alla soddisfazione di avercela fatta è impressa nei volti delle persone che fanno parte dell’associazione. L’impegno giornaliero, il sudore della conquista si mescola con la devozione e la preghiera, la gratitudine verso il Signore è visibile nella presenza della Virgen de Coromoto in bella mostra all’interno dell’Associazione e una foto di Don Tonino Bello “l’apostolo della Pace” il sacerdote degli immigrati.

Non solo l’associazione Molfettesi nel Mondo, ma anche un consigliere comunale nominato ambasciatore dei molfettesi nel mondo testimonia come anche l’amministrazione comunale esalti e preservi il valore degli emigrati molfettesi. Benito Cimmillo è l’incaricato di tenere vivi i rapporti con i concittadini residenti al’estero. Ciò che colpisce del signor Cimmillo, immigrato per tanti anni in Venezuela, è l’amore per la sua città, un amore smisurato che riesce a trasmettere agli altri in poco tempo. Basta un giro per la città con il Signor Cimmillo che ti innamori di Molfetta e della sua gente. Ciò che fa percepire il calore, il cuore, l’aspetto umano è l’evento Molfetta Day. Un evento che celebra con amore, orgoglio e attaccamento della città verso tutti gli emigrati sparsi nei cinque continenti che con il loro lavoro hanno contribuito a dare  a Molfetta progresso e benessere a fronte di sofferenze difficili da cancellare. Il gesto più bello che racchiude il significato intimo di questo evento è l’arrivo in città di una delegazione di Molfettesi sparsi nel mondo.

Persone, queste, che non hanno la possibilità economica di tornare a Molfetta. L’amministrazione si fa carico di tutte le spese permettendo così a persone che non vedono Molfetta da anni di tornare sul suolo natio e poter vedere con i loro occhi la trasformazione della città. Una città lasciata nel dopoguerra e divenuta ricca negli anni anche grazie ai loro sacrifici. Evento senza dubbio commovente e di forti contorni morali e sociali.

Da Molfetta si passa a Corato, si lascia l’associazione dei Molfettesi nel Mondo e si entra nel centro italo venezuelano di Corato,istituito negli anni 60 con il ritorno in patria di coratini che avevano lasciato il Venezuela. Tra questi coratini conosciamo Vincenzo Agatino, il presidente del centro italo venezuelano di Corato. Nel signor Agatino si rispecchia tutta la comunità italo venezuelana. Lo osservi ed immediatamente noti l’umiltà, la perseveranza del’uomo. Nei suoi occhi e nelle sue rughe si leggono i sacrifici fatti negli anni e l’amore verso il Venezuela. Grazie al lavoro quotidiano del signor Agatino e delle persone che danno vita al centro italo venezuelano si continua ancora oggi a respirare l’aria del Venezuela a Corato. Un mix di passione e amore, ricordi indelebili che si fondono con l’amore verso Corato.

Si va via con tanta gioia nel cuore, ma anche con un senso di vuoto: vivere a contatto con la comunità italo venezuelana ti fa capire che i tempi sono cambiati: i valori, i sacrifici fatti da uomini che hanno creato l’indissolubile rapporto tra Italia e Venezuela è difficile da rivivere vere nelle nuove generazioni. L’attaccamento ai valori, lo spirito di sacrificio, la voglia di combattere che ha caratterizzato il flusso migratorio degli italiani in Venezuela si è perso.

Ma il futuro va affrontato con ottimismo, l’esempio non manca, è un valore che va preso in considerazione per poter vivere questi tempi difficili con fiducia, sacrifico e lavoro.

Ultima ora

01:19Calcio: Gattuso “Donnarumma passa per mostro, ma non lo è”

(ANSA) - MILANO, 13 DIC - Gennaro Gattuso prende le difese di Gianluigi Donnarumma, "pur rispettando i tifosi" che hanno contestato il portiere durante Milan-Verona. "Si sta facendo passare un ragazzo così giovane - spiega l'allenatore dei rossoneri - come un mostro. Non se lo merita, ha valori incredibili. Dobbiamo tutelare un ragazzo in grandissima difficoltà. Non ha saltato mai un allenamento o una partita, dopo il pareggio con il Benevento ha pianto. Io vedo un ragazzo che si allena con grande professionalità e voglia: è il portiere più forte del mondo e un grandissimo uomo". Gattuso commenta le voci di mercato sul portiere: "Se la società dice che non vuole vendere, cosa devo dire di più? Gigio non mi ha mai detto che vuole andar via. E non ho detto che Mino sta convincendo il ragazzo. Vediamo come andrà a finire".

01:08Mirabelli: “Donnarumma? Sappiamo da dove viene male”

(ANSA) - MILANO, 13 DIC - "Non tutte le colpe sono di Gigio Donnarumma. Purtroppo sappiamo da dove viene il male, speriamo nei prossimi mesi di risolvere il problema". Nelle parole del ds del Milan, Massimiliano Mirabelli, c'è un chiaro riferimento all'agente Mino Raiola: "Gigio dovrà venire a supplicarci di mandarlo via. Semmai dovesse succedere, qualsiasi squadra arrivi detteremo noi le condizioni. Non ci facciamo prendere per il collo da nessuno. Io credo che un giorno si accorgerà dove sta il bene e dove sta il male".

01:07Calcio: Letta, fossi in curva fischierei Donnarumma

(ANSA) - ROMA, 13 DIC - "Mi spiace dirlo, ma fossi in Curva a #SanSiro, stasera #Donnarumma lo fischierei". E' il tweet con cui Enrico Letta, tifoso del Milan ed ex presidente del Consiglio, interviene sulla vicenda Donnarumma. Il portiere dei rossoneri, dopo che nei giorni scorsi il suo procuratore Mino Raiola ha chiesto di annullare il contratto appena rinnovato con il club, è stato fischiato e insultato dai tifosi stasera a San Siro, prima della partita di Coppa Italia vinta sul Verona.

00:27Calcio: Premier, Manchester City vittoria con il record

(ANSA) - ROMA, 13 DIC - Tutto invariato al vertice della Premier League, dopo le partite del turno infrasettimanale, valide per la 17/a giornata. Vincono i due Manchester, che restano separati di 11 punti in classifica: il City leader s'impone sul campo dei gallesi dello Swansea per 4-0 (15/a vittoria di fila e record), con doppietta di David Silva, reti di De Bruyne e Aguero, in campo da titolare. E' la 15/a vittoria di fila per la squadra di Guardiola, un record per il campionato. Il City non ha faatto bottino pieno l'ultima volta il 21 agosto. Lo United si è imposto per 1-0 in casa contro il Bournemouth, grazie a un gol di Romelu Lulaku, servito da Juan Mata. al 25'. Successo anche per Antonio Conte e il Chelsea sul campo dell'Huddersfield per 3-1. Di Bakayoko, Willian e Pedrito le reti. Senza gol, infine, uno dei tanti derby di Londra, quello fra West Ham United e Arsenal.

00:16Calcio: Germania, Bayern di misura e ora a +9 sullo Schalke

(ANSA) - ROMA, 13 DIC - Basta un gol del polacco Robert Lewandowski, al quarto d'ora della ripresa, per regalare la vittoria al Bayern Monaco, nella 16/a giornata della Bundesliga. Opposti al Colonia, i bavaresi si sono imposti per 1-0 e adesso hanno un vantaggio di 9 punti sullo Schalke 04, che ha dovuto faticare contro l'Augusta, piegata per 3-2. Di Di Santo al 44' l'1-0, Burgstaller firma il raddoppio al 47', poi arriva la riscossa ospite: al 19' della ripresa Caiuby accorcia le distanze, Gregoritsch pareggia. A 7' dal 90' Caligiuri fa esplodere l'AufSchalke Arena, regalando 3 punti ai 'suoi'. Adesso in classifica Bayern 38 punti, Schalke 29, il Lipsia è a quota 28, dopo essere stato fermato sul pareggio in trasferta dal Wolfsburg (di Verhaegh il vantaggio dei padroni di casa, di Halstenberg il pari ospite). (ANSA).

00:05Calcio: ottavi Coppa Italia, Milan batte Verona 3-0

(ANSA) - ROMA, 13 DIC - Il Milan batte il Verona 3-0 e si qualifica per i quarti di finale della Coppa Italia, dove troverà i 'cugini' dell'Inter, che ieri sera hanno superato ai rigori il Pordenone. I gol che hanno deciso il match sono stati realizzati al 22' da Suso, al 30' da Romagnoli e, nella ripresa, al 10' da Cutrone. Fischi e contestazione a Donnarumma prima dell'inizio del confronto.

22:51Calcio: incidenti al derby Belgrado, decine di feriti

(ANSA) - BELGRADO, 13 DIC - Gravi incidenti, con almeno una dozzina di feriti di cui uno in pericolo di vita, sono avvenuti a Belgrado durante il derby di campionato serbo tra le tifoserie rivali del Partizan e della Stella Rossa. Gli incidenti sarebbero stati causati da un 'invasione' dei sostenitori della Stella Rossa nella porzione di stadio occupata da quelli della squadra di casa, che non hanno esitato a reagire. La polizia, che nonostante l'ampio dispiegamento non era riuscita ad evitare il contatto, è intervenuta in forze e dopo dieci minuti, senza risparmiare le manganellate, è arrivata a separare i due gruppi e ad arrestare alcuni responsabili dei tafferugli. L'incontro si è comunque svolto regolarmente e si è concluso col punteggio di 1-1, lasciando la Stella Rossa prima in classifica prima della pausa invernale (si riprenderà a metà febbraio) con nove punti di vantaggio sul Partizan.

Archivio Ultima ora