Pietro Caschetta nuovo Presidente del Centro Italiano Venezolano

CARACAS – Quattro anni di ininterrotto lavoro, di onestà, di principi all’insegna di quel che ha voluto rappresentare nel cuore e nella mente dei suoi fondatori la nascita del Centro Italiano Venezolano, tanti anni fa, sono stati sottolineati alla presenza delle nostre autorità diplomatico-consolari, lo scorso 12 maggio, nel Salone Italia del Centro Italiano Venezolano, quando il Presidente uscente, Mario Chiavaroli accompagnato da tutti i componenti della sua Giunta Direttiva e del Comitato Dame, ha saputo salutare, con la modestia, la sincerità e l’onestà di sentimenti che lo contraddistinguono, la grande famiglia del Centro Italiano Venezolano e quanti gli sono stati accanto, collaborando e lavorando per rendere più grato e accogliente questo nostro pezzetto d’Italia in Venezuela.

Sin dall’epoca dei suoi fondatori, la nostra Istituzione ha saputo riflettere la profonda appartenenza di noi tutti alla cara terra d’origine e l’amore per il Venezuela dove, ciascuno, ha saputo esprimere attraverso anni di intenso lavoro, tutta la propria italianità conservandone i valori. Ancor oggi, quando l’Italia soffre una delle crisi più drammatiche dopo quella del Dopoguerra, noi amiamo ripetere con immenso orgoglio “siamo italiani”. Forse si, italiani particolari che hanno coltivato con amore i sentimenti, i ricordi della terra d’origine inculcandoli ai propri figli e nipoti, orgogliosi d’aver contribuito all’evolversi di un Paese che, purtroppo, oggi, soffre una delle crisi epocali più dolorose: così come sta avvenendo un po’ nel resto del mondo.

Sabato, la serata che ha concluso l’intenso onesto lavoro della Giunta Direttiva presieduta da Mario Chiavaroli, è stata particolare: densa nei sentimenti, le espressioni, la partecipazione di quanti hanno con la loro presenza, affermato ammirazione e affetto a questo Presidente, al Comitato Dame che lo ha accompagnato, a tutti gli esponenti della Giunta Direttiva uscente, che ha lasciato una indelebile impronta nel Centro e nel nostro cuore.

Mario Chiavaroli ha iniziato la sua presidenza affrontando i gravi danni causati dalle persistenti piogge. Frane che apparentemente sembravano inarrestabili. Sono stati costruiti muri di contenzione, angoli di piacevoli soste, percorsi ordinati, puliti, tra alberi ben curati ed un personale attento, educato, dedito al lavoro con allegria. Per chi come noi, e sono tanti, abbiamo saputo riconoscere il grande impegno svolto dalla giunta Direttiva uscente, è d’obbligo sperare che tale impegno continuerà con il nuovo presidente Pietro Caschetta , con la Giunta Direttiva che lo accompagna, con il Comitato Dame che, come sempre, saprà farsi onore organizzando manifestazioni dedicate ad opere benefiche.

La serata, che ha salutato con affetto la Giunta uscente e quella entrante, è stata una delle manifestazioni più emotive avvenute nel Salone Italia. Un palco allestito con fiori ed un altare dove Padre Miguel della Missione Cattolica Italiana ha saputo raggiungere con tenerezza e sincerità il centro del nostro cuore pronunciando frasi vere… ricordando l’onestà, l’italianità, i propositi dei fondatori di questa grande Istituzione.

Padre Miguel, erudito, appassionato conoscitore della nostra Collettività, ha toccato il cuore di quanti, a volte, ci siamo lasciati prendere dallo sconforto per i tempi difficili che attraversano sia l’Italia che il Venezuela e, richiamandosi al valore alla forza, alla tenacia di quei pionieri che hanno voluto imprimere la loro presenza in questa “Tierra de Gracia”, ha saputo rinverdire le nostre speranze, ricordandoci quanto siamo stati capaci di realizzare e quanto ancora possiamo costruire. Intenso e spirituale il momento della Comunione. Ed ancora, la presenza del Nunzio Apostolico del Vaticano in Venezuela, S.E. Mons. Pietro Parolin che con profonde chiarissime frasi ha fatto si che la sua vicinanza, la sua presenza, avesse un gran significato per noi tutti. Unione, lavoro, continuità, speranza in tempi migliori, le espressioni più intense raccolte dai presenti sia da parte di Padre Miguel che del Nunzio Apostolico S.E.Mons. Pietro Parolin, che ha ringraziato per aver avuto l’occasione di potersi rivolgere alla Comunità italiana, conosciuta solo da racconti che da chierichetto ascoltava fare da Padre Scanagatta, epico fondatore e primo Direttore della “Voce d’Italia”, affiancato subito dopo dal nostro indimenticabile Direttore Gaetano Bafile il quale, raccontandoci dei primi passi del nostro Giornale, alludeva sempre ai consigli di Padre Scanagatta, sempre vivo nel suo cuore.

Frasi di stimolo, speranza, sincero appoggio, sono state quelle che S.Eccellenza ha pronunciato con sincerità sentendosi parte di noi tutti, accomunando la profonda coscienza d’essere fratelli legati dalle radici di una sola terra e dal lavoro svolto in questa d’accoglienza. Esortando alla trasparenza, la fratellanza, la tolleranza, ci ha fatto sentire uniti ancora… come quando Caracas non era così grande e caotica e il Presidente Rafael Caldera poneva la prima pietra delle fondamenta del Centro Italiano Venezolano.

Ed è vero: siamo gli stessi… con altri volti… forse con caratteri più “complicati” di quelli dei nostri predecessori, ma con la stessa ansia di svolgere con onestà il nostro lavoro, di unirci per la pace, l’onestà, il bene comune.

Presenti alla cerimonia di sabato: l’Ambasciatore d’Italia Paolo Serpi, la Console Generale d’Italia dott. Davoli, il Console Jessica Cupellini e noti esponenti dell’associazionismo italo venezuelano, assieme a rappresentati di vari Clubs.

Il Presidente uscente, Mario Chiavaroli, ha ringraziato commosso quanti lo hanno affiancato durante questi quattro anni trascorsi al timone del C.I.V. ed in particolare, la sua gentile consorte Lucia, Presidentessa del Comitato Dame, il figlio Gian Piero, esempio delle giovani generazioni che crescono nel nostro Centro Italiano Venezolano. A sua volta, il nuovo Presidente eletto, Pietro Caschetta, ha ricevuto ufficialmente l’incarico e, anche lui commosso, ha voluto ringraziare innanzi tutto sua figlia Jessica, che lo ha saputo accompagnare durante la “campagna elettorale”, assieme alla propria compagna, Signora Liliana alla quale porgiamo le nostre congratulazioni e che adesso inizierà il proprio tenace lavoro al timone del Comitato Dame (l’anima rosa) del nostro Centro Italiano Venezolano.

Il Salone Italia gremito come non mai, ha applaudito con entusiasmo la presenza della dott.ssa Daniela Di Loreto che con eleganza e simpatia ha fatto gli onori della serata durante la quale sono state consegnate targhe di riconoscimento ai componenti della Giunta Direttiva ed a quanti con assidua presenza hanno contribuito al buon vivere della nostra Istituzione.

Al Presidente uscente, Mario Chiavaroli ed al nuovo Presidente, Pietro Caschetta, le congratulazioni del nostro giornale.

Noticiv: il nostro Gazzettino
Il Comitato Dame entrante invita tutti i Soci a celebrare il “Dia de la Madre” con la partecipazione dell’umorista Reuben Morales. Musica ballabile e tantissime sorprese.

L’appuntamento è per sabato 19 maggio alle ore 18,30 presso il Salone Italia. L’ingresso è gratuito e le Socie possono accedervi accompagnate. Vi aspettiamo!!!!

Condividi: