Kennedy, si suicida l’ex moglie di Robert Jr.

NEW YORK – Una nuova tragedia si abbatte sulla famiglia Kennedy: Mary, seconda moglie separata dell’avvocato Robert Jr, è stata trovata morta in un fienile della loro tenuta di Bedford, New York: “asfissia per impiccagione”, la causa del decesso, secondo il rapporto preliminare del coroner alla polizia. Suicidio, afferma la stampa, che ricorda i suoi problemi con l’alcol e la droga.

Architetto, 52 anni, Mary Richardson Kennedy era separata dal marito dal maggio del 2010, ma il divorzio non era stato ancora formalizzato. A fare il primo passo per sciogliere dopo 16 anni il matrimonio, da cui sono nati 4 figli, era stato proprio Robert, che ha 58 anni ed altri due figli da un precedente matrimonio.

Pochi giorni dopo, Mary era stata arrestata perchè sorpresa a guidare con un tasso alcolico nel sangue dello 0.11%, limite consentito 0.08%. E ci sono stati altri episodi del genere, scrivono alcuni tabloid Usa.

Robert Jr è il terzo degli undici figli del senatore Robert ‘Bob’ Kennedy, nonche’ nipote del presidente JFK, la cui dinastia è stata segnata negli ultimi decenni un lungo elenco di morti violente, al punto che in molti parlano di ‘maledizione dei Kennedy’.

Forse anche loro stessi, tanto che famosa è rimasta una frase di Bob Kennedy, dopo una ennesima tragedia: “Lassù qualcuno non ci ama”.

L’assassinio del presidente John Fitzgerald Kennedy a Dallas nel 1963 è senz’altro l’evento più tragico e più noto, che traumatizzò l’America ed il resto del mondo. Ma non è stato il primo. Nel 1944 Joseph Kennedy Jr, primogenito ed erede designato, era morto in un incidente aereo sulla Manica, durante la Seconda Guerra Mondiale. Aveva 29 anni.

Quattro anni dopo toccò a Kathleen Kennedy Cavendish, 28 anni: morì in un incidente aereo in Francia. Tragedie aeree che non hanno tenuto lontano i Kennedy dalla passione del volo. John Kennedy Jr, figlio di JFK, è morto nel 1999 precipitando in mare con un Piper su cui aveva imbarcato anche la moglie Carolyn e la cognata Lauren Bessette.

Dopo l’assassinio di JFK era toccato a Robert portare avanti il testimone politico della dinastia. Ma nel 1968, mentre stava conquistando la candidatura democratica, fu assassinato da un killer di Los Angeles. E ancora, suo figlio David morì nel 1984 per una overdose in un albergo in Florida, a 28 anni. Michael Kennedy, un altro dei figli di Bob, era morto già nel 1977 in Colorado in un incidente di sci.

Condividi: