Terremoto in Emilia: 6 morti, 50 feriti e 30mila sfollati

Pubblicato il 20 maggio 2012 da redazione

ROMA – Sei morti, una cinquantina di feriti, migliaia di sfollati, edifici distrutti e gioielli dell’architettura crollati. E’ il bilancio del forte sisma di grado 6 della scala Richter, che ha colpito ieri notte alle 4.04, il Nord-Est. Tra le vittime: 4 operai schiacciati sotto il crollo di alcuni capannoni industriali, una donna di 103 anni morta sotto le macerie della sua casa e un’altra deceduta per un malore. I feriti sono una cinquantina.

L’epicentro 36 chilometri a nord di Bologna – dove la gente è scesa in strada per la paura, ma non si registrano danni particolari – tra le province di Modena e Ferrara. Finale Emilia, nel Modenese, e Sant’Agostino nel Ferrarese, i centri più colpiti. Un’ottantina le scosse di assestamento. La più forte, 5.1 Richter, registrata nel primo pomeriggio. Il terremoto è stato avvertito anche a Milano e in altre zone della Lombardia.

Davanti al disastro del terremoto, il premier Mario Monti ha deciso di anticipare il rientro dagli Usa e oggi dovrebbe essere a Roma. Il Consiglio dei ministri, convocato per domani, dichiarerà lo stato di emergenza nelle zone dell’Emilia Romagna colpite dal sisma.

Monti, intanto, ha conferito i poteri a Franco Gabrielli, capo della Protezione civile per coordinare i soccorsi. Appena giunto sui luoghi del terremoto, Gabrielli ha parlato di “danni importanti, seri e diffusi sul territorio”. Al momento non risulterebbero dispersi mentre circa 3000 sono gli sfollati, secondo il bilancio della Protezione civile. Nello specifico sono state sfollate circa 2.200-2.500 persone a Modena, 400 nel ferrarese e circa 20 a Bologna.

Particolarmente colpiti i paesi di Finale-Emilia, Bondeno, Sant’Agostino, San Felice sul Panaro e Camposanto. Due ospedali a Mirandola e Finale-Emilia sono stati parzialmente evacuati a scopo precauzionale. Danni ingenti agli edifici si sono registrati anche nel comune di Buonacompra Cento. Nel paesino è caduta la parte più alta del campanile ed è crollata per metà la chiesa.

“Dolore” per le vittime e “solidarietà” sono stati espressi dal presidente della Repubblica Giorgio Napolitano che appresa la “drammatica notizia’’ ha seguito l’evolversi della situazione attraverso il Dipartimento della Protezione Civile e le Prefetture competenti.

Nello specifico, gli operai deceduti sono Nicola Cavicchi, 35 anni, residente a San Martino, Ferrara, schiacciato sotto il crollo della ditta Ceramiche di Sant’Agostino, nel Comune di Sant’Agostino. Nella stessa ditta è morto anche Leonardo Ansaloni, 51, residente a Reno Centese a Ferrara. Un terzo è morto, sempre a Sant’Agostino, per il crollo di un capannone della ditta Tecopress di Dosso: si tratta di Gerardo Cesaro, 59, di Molinella. Un altro operaio di origini marocchine, Tarik Naouch di soli 29 anni, è morto a Ponte Rodoni di Bondeno nel crollo che ha interessato la ditta Ursa che produce polistirolo. Il giovane era residente a Crevalcore.

La Procura di Ferrara ha avviato indagini, dosponendo il sequestro delle aree delle aziende dove vi sono state le vittime, gli accertamenti in relazione al rispetto delle normative antisismiche.
Nel ferrarese, a Sant’Agostino è morta anche Nerina Balboni, anziana di 103 anni, mortalmente colpita alla testa dalle
macerie della sua casa, completamente crollata. L’anziana è stata trovata nell’abitazione senza vita con un segno evidente della ferita alla testa. Dall’abitazione è stata estratta viva la nuora 64enne che è stata portata in ospedale, ma non è in pericolo di vita.

Ai cinque morti del ferrarese si aggiunge la cittadina tedesca di 37 anni, morta per lo spavento in provincia di Bologna.
A Sant’Agostino, nel Ferrarese, il comune più colpito dal terremoto, i danni maggiori si registrano a numerosi capannoni di fabbriche, ma anche a edifici pubblici come il municipio che è gravemente lesionato. Finora sono 15 le famiglie sfollate dalle case, dichiarate inagibili e ospitate nel punto di raccolta della Protezione civile, allestito nel Palareno di Sant’Agostino, una palestra di recente costruzione antisismica.Per i danni provocati dal sisma, è stato evacuato l’ospedale di Finale Emilia e il carcere di Ferrara.

A Ferrara scuole, biblioteche e musei rimarranno chiusi fino alle verifiche strutturali dei singoli edifici da parte di tecnici comunali e della Protezione Civile. Sospese le manifestazioni di pubblico spettacolo (culturali e sportive, cinema e teatro).

“La priorità sono gli sfollati”
ROMA – “Purtroppo piangiamo sei persone che non ci sono più. Adesso dobbiamo dare assistenza alle persone che ci sono, questa al momento è la nostra prima e quasi esclusiva preoccupazione”. Dopo aver ricevuto dal premier Mario Monti i poteri per coordinare i soccorsi, il capo della Protezione civile Franco Gabrielli vola verso le zone colpite dal terremoto. Prima un vertice nella Prefettura di Ferrara, poi i sopralluoghi nei vari paesi.

– Nel complesso la situazione è sotto controllo. Ho fatto un sorvolo sulle tre province interessate e ho percepito una situazione di assoluto controllo. Non ho visto grandi assembramenti, grandi sistemi viari compromessi. E’ ovvio che ora andremo a verificare in maniera capillare, casolare per casolare, per escludere che ci siano persone rimaste coinvolte dal sisma.

La prima stima parla di ‘’alcune migliaia di sfollati’’ mentre “al momento non risultano dispersi”. La macchina della Protezione civile è al lavoro per andare incontro alle esigenze della popolazione.

– I nostri centri operativi comunali – ha detto Gabrielli – stanno raccogliendo le esigenze della popolazione, verificheremo la disponibilità di strutture alberghiere e stiamo predisponendo un piano per l’allestimento delle tende. Il tempo non sarà dalla nostra parte – ha aggiunto – ecco perché abbiamo l’esigenza di dare quanto prima una risposta alle esigenze delle persone, che stasera avranno anche il maltempo contro di loro.

 

Ultima ora

20:53Calcio: Mertens, nessuno può vincerle tutte

(ANSA) - NAPOLI, 14 DIC - "Non siamo stanchi, le partite sono tante e non le puoi vincere tutte. Non ho mai visto una squadra che non abbia avuto un momento difficile in campionato. Noi siamo sempre lì e vedremo chi sarà avanti alla fine". Lo ha detto Dries Mertens in un'intervista a Canale 21 che andrà in onda stasera alle 20.35. L'attaccante belga ha difeso l'operato di Maurizio Sarri: "Senza di lui non saremmo dove siamo adesso. Ha molte responsabilità, fa le sue scelte, ha cambiato il Napoli e da quando allena questa squadra ha fatto diventare forti giocatori normali".

20:45Nuoto: Europei, Quadarella bronzo negli 800 stile libero

(ANSA) - ROMA, 14 DIC - L'azzurra Simona Quadarella ha vinto la medaglia di bronzo negli 800 metri stile libero agli Europei di nuoto in vasca corta in corso a Copenaghen, con il tempo di 8'16"53, suo primato personale. L'oro è andato alla tedesca Sarah Koehler (8'10"65), il bronzo all'ungherese Boglarka Kapas (8'11"13). "Non pensavo di riuscire a prendere la medaglia quindi sono molto contenta del podio" ha commentato l'atleta romana, che lunedì compirà 19 anni.

20:33Calcio: Donnarumma “Io sono un tifoso del Milan”

(ANSA) - MILANO, 14 DIC - Poche parole ma tante foto e autografi. Se Gattuso dopo la contestazione di ieri sera aveva chiesto ai tifosi di proteggere Gianluigi Donnarumma, i ragazzi del vivaio del Milan, durante la festa di Natale, hanno seguito alla lettera le richieste del mister, coccolando il portiere con tanti applausi e un vero bagno di folla. Donnarumma si è dimostrato molto disponibile, ha salutato tutti i ragazzi sempre con il sorriso e dal palco ha ribadito un concetto: ''Sono un tifoso del Milan''. Ha fatto a tutti gli auguri di ''buon Natale'', ha ammesso di ''sognare un gol come quello fatto da Brignoli'', sottolineando quanto un gol del portiere arrivi solo in situazione di svantaggio, e ha ricordato che il suo idolo sia sempre stato Abbiati.

20:31Nuoto: Europei, Rivolta-Codia, doppietta 100 farfalla

(ANSA) - ROMA, 14 DIC - 14 DIC - Matteo Rivolta ha vinto la medaglia d'oro nei 100 farfalla all'Europeo di nuoto in vasca corta in corso a Copenaghen con il tempo di 49"93. La doppietta azzurra è stata completata dall'argento di Piero Codia (49"96). Terzo posto e medaglia di bronzo per il tedesco Marius Kusch (50"01).

20:29Consip: difetto iter, nulla sospensione di Scafarto e Sessa

(ANSA) - ROMA, 14 DIC - Per un difetto di procedura, il mancato interrogatorio degli indagati prima dell'emissione del provvedimento della loro sospensione dalle funzioni, il gip di Roma Gaspare Sturzo ha annullato l'interdizione disposta nei confronti del maggiore dei carabinieri Gian Paolo Scafarto e del colonnello Alessandro Sessa, entrambi coinvolti nell'inchiesta della procura sul caso Consip. La misura dell'interdizione sarà quindi ripristinata la settimana prossima subito dopo l'interrogatorio dei due ufficiali dell'Arma.

20:26Ex calciatore scomparso: trovato ucciso dopo un mese

(ANSA) - MILANO, 14 DIC - E' stato trovato ucciso Andrea La Rosa, l'ex calciatore di serie C, poi direttore sportivo del Brugherio calcio, scomparso il 14 novembre scorso. I carabinieri avevano aperto un'inchiesta che ipotizzava l'omicidio dopo la denuncia di scomparsa da parte della famiglia.

20:09Tratta: Antimafia,vale 32mld, criminali la gestiscono

(ANSA) - ROMA, 14 DIC - 'Vale' 32 miliardi e sono oltre 30 mila le vittime della tratta nei 28 stati membri dell'Ue: un fenomeno che risulta essere in preoccupante crescita. Del tema si occupa una Relazione di oltre 60 pagine, approvata oggi all'unanimità, messa a punto dal Comitato "mafie, migranti e tratta di esseri umani, nuove forme di schiavitù" della Commissione parlamentare antimafia, guidato da Fabiana Dadone (M5S). Sono quasi sempre organizzazioni criminali transnazionali a gestire tutte le fasi della trasmigrazione delle persone che soprattutto dall'Africa, dalla Cina, dal sud America e dall'Est Europa partono per l'Italia e per il Nord Europa, e che operano "come vere realtà imprenditoriali volte a definire e gestire ogni aspetto della migrazione". Il viaggio dei migranti è "una vera e propria epopea che si sviluppa per tappe e si protrae per alcuni mesi, in cui i trasportati, sempre più frequentemente, vengono a trovarsi a vivere in condizioni disumane, stoccati come merce, sottoposti a vessazioni e violenze".

Archivio Ultima ora