Letta: “Senza riforme Parma diventa l’Italia”

Pubblicato il 22 maggio 2012 da redazione

ROMA – Di seguito alcune delle reazioni dei leader politici davanti ai risultati delle elezioni comunali 2012.

Per il vicesegretario del Pd Enrico Letta il risultato ottenuto è “importante” per il centrosinistra ma, evidenzia, “rivendicare il successo non vuol dire non capire che questo voto apre scenari nuovi e chiede alla politica cambiamenti e riforme, soprattutto sulla trasparenza. Altrimenti Parma diventa l’Italia. Noi abbiamo colto questa sollecitazione”.

Anna Finocchiaro (Pd) è dello stesso parere. “Il Pd farebbe un errore se pensasse di continuare a giocare la partita di prima – dice durante Radio Anch’io, in onda su RadioRai -. Lo scenario politico è cambiato. E il Pd deve sforzarsi di pensare e lavorare per uno scenario politico differente”.

E se per il sindaco di Napoli Luigi de Magistris il risultato dei grillini è “straordinario e meritato”, il governatore del Veneto Luca Zaia commenta così la vittoria del Movimento 5 stelle: “Vince sempre il popolo che ha dato un’indicazione chiara. E, se le istituzioni chiamate a fare le riforme non le fanno, alla fine e’ il popolo che da solo fa l’elezione”.

Al di là del “tracollo del centrodestra in tutta Italia”, della “liquefazione di quello che per anni è stato il leghismo e il berlusconismo”, afferma invece il leader di Sel Nichi Vendola, “reputo più significativi i risultati conseguiti a Palermo, a Genova”. E osserva: “Se il centrosinistra consente alleanze di ogni tipo non arriva il profumo del cambiamento ma giunge la puzza del conservatorismo”, conseguenza del fatto che “quando il centrosinistra si confonde, appare ibrido” nelle alleanze che stringe, ad esempio con l’Udc, “ha il piombo nelle ali e non spicca il volo”.

“Insieme si vince e il Pd da solo perde”, dichiara, a sua volta, il leader dell’Italia dei Valori Antonio Di Pietro. “C’è stata una risposta politica dei cittadini che si presenta nel non voto e nella fiducia che hanno accordato ad un centrosinistra più largo possibile”, precisa.

Per il segretario del Pdl Angelino Alfano l’affermazione di Beppe Grillo alle amministrative “è il sintomo di un malessere di chi non ritiene che ci siano proposte politiche idonee a governare il Paese. La sua crescita o decrescita -fa notare a ‘la telefonata’ – dipenderà da come forze politiche tradizionali rispondono al bisogno di trasparenza e di realismo che c’è nei cittadini”. Poi conferma che, “non appena la polvere delle amministrative si sarà depositata, nei prossimi giorni” arriverà la “nuova offerta politica” dal Pdl. “Abbiamo le idee chiare con Berlusconi delle cose da dire e da fare”, spiega Alfano deciso a riconquistare gli astenuti e che, tra l’altro, risponde “con cifre e numeri” a chi dice che il Pdl è scomparso. “Ci daremo una data per dire cosa intendiamo fare per il futuro”.

“E’ stata una sconfitta e non una disfatta”, dichiara Fabrizio Cicchitto (Pdl) sui risultati del voto, convinto che “a vincere davvero è stato il ‘partito delle astensioni’” e che la Lega paga gli scandali e la rottura con il Pdl. “Abbiamo eletto trenta sindaci e i nostri voti non sono andati a sinistra o come si dice ai grillini. Il nostro elettorato ha protestato astenendosi dal farlo e lo fanno per via della politica economica del governo”.

Per la senatrice Adriana Poli Bortone, cofondatrice di Grande Sud, ‘’i risultati dei ballottaggi rappresentano più che un campanello d’allarme per tutta la classe politica. Non si tratta di contare quanti sindaci siano stati eletti a destra o a sinistra ma quanta gente è andata a votare. Il 50% degli italiani ha espresso il suo chiaro rifiuto per questa politica e per questi pseudo partiti ed ha decretato la fine di un periodo di ambiguità, di assenza di valori identitari, di mancate risposte’’.

Francesco Storace, segretario nazionale de La Destra, dal suo blog parla del voto di ieri come di “un’ecatombe”. E non solo “per il centrodestra, uscito annichilito dalla prova elettorale” ma anche “per il centrosinistra”. “E’ vero – aggiunge – che Bersani canta vittoria, ma in realtà festeggia come al solito le vittorie altrui. E anche lui deve guardarsi da Beppe Grillo. Bisogna cambiare. Tutti devono e dobbiamo cambiare’’.

Ultima ora

01:19Calcio: Gattuso “Donnarumma passa per mostro, ma non lo è”

(ANSA) - MILANO, 13 DIC - Gennaro Gattuso prende le difese di Gianluigi Donnarumma, "pur rispettando i tifosi" che hanno contestato il portiere durante Milan-Verona. "Si sta facendo passare un ragazzo così giovane - spiega l'allenatore dei rossoneri - come un mostro. Non se lo merita, ha valori incredibili. Dobbiamo tutelare un ragazzo in grandissima difficoltà. Non ha saltato mai un allenamento o una partita, dopo il pareggio con il Benevento ha pianto. Io vedo un ragazzo che si allena con grande professionalità e voglia: è il portiere più forte del mondo e un grandissimo uomo". Gattuso commenta le voci di mercato sul portiere: "Se la società dice che non vuole vendere, cosa devo dire di più? Gigio non mi ha mai detto che vuole andar via. E non ho detto che Mino sta convincendo il ragazzo. Vediamo come andrà a finire".

01:08Mirabelli: “Donnarumma? Sappiamo da dove viene male”

(ANSA) - MILANO, 13 DIC - "Non tutte le colpe sono di Gigio Donnarumma. Purtroppo sappiamo da dove viene il male, speriamo nei prossimi mesi di risolvere il problema". Nelle parole del ds del Milan, Massimiliano Mirabelli, c'è un chiaro riferimento all'agente Mino Raiola: "Gigio dovrà venire a supplicarci di mandarlo via. Semmai dovesse succedere, qualsiasi squadra arrivi detteremo noi le condizioni. Non ci facciamo prendere per il collo da nessuno. Io credo che un giorno si accorgerà dove sta il bene e dove sta il male".

01:07Calcio: Letta, fossi in curva fischierei Donnarumma

(ANSA) - ROMA, 13 DIC - "Mi spiace dirlo, ma fossi in Curva a #SanSiro, stasera #Donnarumma lo fischierei". E' il tweet con cui Enrico Letta, tifoso del Milan ed ex presidente del Consiglio, interviene sulla vicenda Donnarumma. Il portiere dei rossoneri, dopo che nei giorni scorsi il suo procuratore Mino Raiola ha chiesto di annullare il contratto appena rinnovato con il club, è stato fischiato e insultato dai tifosi stasera a San Siro, prima della partita di Coppa Italia vinta sul Verona.

00:27Calcio: Premier, Manchester City vittoria con il record

(ANSA) - ROMA, 13 DIC - Tutto invariato al vertice della Premier League, dopo le partite del turno infrasettimanale, valide per la 17/a giornata. Vincono i due Manchester, che restano separati di 11 punti in classifica: il City leader s'impone sul campo dei gallesi dello Swansea per 4-0 (15/a vittoria di fila e record), con doppietta di David Silva, reti di De Bruyne e Aguero, in campo da titolare. E' la 15/a vittoria di fila per la squadra di Guardiola, un record per il campionato. Il City non ha faatto bottino pieno l'ultima volta il 21 agosto. Lo United si è imposto per 1-0 in casa contro il Bournemouth, grazie a un gol di Romelu Lulaku, servito da Juan Mata. al 25'. Successo anche per Antonio Conte e il Chelsea sul campo dell'Huddersfield per 3-1. Di Bakayoko, Willian e Pedrito le reti. Senza gol, infine, uno dei tanti derby di Londra, quello fra West Ham United e Arsenal.

00:16Calcio: Germania, Bayern di misura e ora a +9 sullo Schalke

(ANSA) - ROMA, 13 DIC - Basta un gol del polacco Robert Lewandowski, al quarto d'ora della ripresa, per regalare la vittoria al Bayern Monaco, nella 16/a giornata della Bundesliga. Opposti al Colonia, i bavaresi si sono imposti per 1-0 e adesso hanno un vantaggio di 9 punti sullo Schalke 04, che ha dovuto faticare contro l'Augusta, piegata per 3-2. Di Di Santo al 44' l'1-0, Burgstaller firma il raddoppio al 47', poi arriva la riscossa ospite: al 19' della ripresa Caiuby accorcia le distanze, Gregoritsch pareggia. A 7' dal 90' Caligiuri fa esplodere l'AufSchalke Arena, regalando 3 punti ai 'suoi'. Adesso in classifica Bayern 38 punti, Schalke 29, il Lipsia è a quota 28, dopo essere stato fermato sul pareggio in trasferta dal Wolfsburg (di Verhaegh il vantaggio dei padroni di casa, di Halstenberg il pari ospite). (ANSA).

00:05Calcio: ottavi Coppa Italia, Milan batte Verona 3-0

(ANSA) - ROMA, 13 DIC - Il Milan batte il Verona 3-0 e si qualifica per i quarti di finale della Coppa Italia, dove troverà i 'cugini' dell'Inter, che ieri sera hanno superato ai rigori il Pordenone. I gol che hanno deciso il match sono stati realizzati al 22' da Suso, al 30' da Romagnoli e, nella ripresa, al 10' da Cutrone. Fischi e contestazione a Donnarumma prima dell'inizio del confronto.

22:51Calcio: incidenti al derby Belgrado, decine di feriti

(ANSA) - BELGRADO, 13 DIC - Gravi incidenti, con almeno una dozzina di feriti di cui uno in pericolo di vita, sono avvenuti a Belgrado durante il derby di campionato serbo tra le tifoserie rivali del Partizan e della Stella Rossa. Gli incidenti sarebbero stati causati da un 'invasione' dei sostenitori della Stella Rossa nella porzione di stadio occupata da quelli della squadra di casa, che non hanno esitato a reagire. La polizia, che nonostante l'ampio dispiegamento non era riuscita ad evitare il contatto, è intervenuta in forze e dopo dieci minuti, senza risparmiare le manganellate, è arrivata a separare i due gruppi e ad arrestare alcuni responsabili dei tafferugli. L'incontro si è comunque svolto regolarmente e si è concluso col punteggio di 1-1, lasciando la Stella Rossa prima in classifica prima della pausa invernale (si riprenderà a metà febbraio) con nove punti di vantaggio sul Partizan.

Archivio Ultima ora