Quale destino per la Grecia nel sistema Euro?

Pubblicato il 23 maggio 2012 da redazione

«Non lanciate alla Grecia segnali sul modo di uscire dall’euro, ma piuttosto messaggi sul modo di uscire dalla crisi». Parla chiaro il segretario generale dell’Organizzazione per la Cooperazione e lo Sviluppo Economico (OCSE), Angel Gurria, che si è fatto portatore di recente un nuovo accorato appello sulla crisi greca, contro il moltiplicarsi delle allusioni attorno alla possibilità di uscita di Atene dal sistema della moneta unica. I responsabili politici ed economici non dovrebbero alludere a questo tipo di scenario, che è una «via alquanto pericolosa», ma al contrario discutere i modi per fare uscire la Grecia dalla crisi. Il Paese va incoraggiato a proseguire sulla strada dei «numerosi e difficili aggiustamenti realizzati finora» ed inoltre una sua uscita dalla zona euro avrebbe l’effetto di far perdere tutto ciò che è stato investito per sostenere l’anello debole dell’Unione Europea nelle sue grandi difficoltà. Gurria ha concluso sottolineando infine che «non siamo in grado di misurare obiettivamente quello che accadrebbe se andassimo nella direzione» dell’uscita. In un certo modo, l’abbandono dell’euro da parte di Atene, «è la soluzione che sembra più facile, ma è anche la più pericolosa e la meno conosciuta».

Anche la Banca Centrale Europea (BCE) è in linea con quanto affermato dai vertici dell’OCSE. Il suo Presidente, Mario Draghi, ammette però che toccherà prendere delle decisioni.

Draghi ha ribadito giorni fa la posizione che ha sempre sostenuto in questi mesi, anche per correggere la sensazione che la BCE fosse in qualche modo pronta ad avallare la rottura dell’eurozona, alimentata dall’interpretazione di alcune dichiarazioni dei giorni scorsi. Riguardo a tale «difficile situazione», l’ex-Governatore della Banca d’Italia non ha lasciato spazio ad ulteriori dubbi. «Dato che il Trattato non prevede nulla riguardo ad un’eventuale uscita, non è una questione che tocchi alla BCE decidere. Mentre la banca continuerà a rispettare il proprio mandato di mantenere la stabilità dei prezzi nel medio termine e conservare l’integrità del nostro bilancio, voglio affermare che la nostra forte preferenza è che la Grecia continui a stare nell’area dell’euro».

La Grecia resta chiaramente al centro delle preoccupazioni della BCE, il cui consiglio si è riunito la scorsa settimana a Francoforte. Presente anche il governatore della Banca d’Italia, Ignazio Visco. Erano altresì circolate delle voci, che non hanno però trovato alcuna conferma, secondo cui la BCE, per limitare il contagio del caso Grecia, aveva ripreso gli acquisti dei titoli di Stato spagnoli. Successivamente ha causato una certa agitazione un’altra informazione di agenzia secondo cui la BCE avrebbe sospeso l’attività di finanziamento ad alcune banche greche. In realtà, gli istituti in questione sono passati a ricevere liquidità dalla Banca centrale greca e dallo sportello di emergenza, in quanto, in seguito alla recente ristrutturazione del debito pubblico, si sono trovate seriamente sottocapitalizzate. I fondi per la ricapitalizzazione, 25 miliardi di euro, fanno parte del programma di aiuti forniti ad Atene dall’Unione Europea e dal Fondo Monetario Internazionale, concessi attraverso il fondo “salva-Stati”. Una volta completata la ricapitalizzazione, che secondo fonti monetarie dovrebbe avvenire in tempi brevi, sarà nuovamente garantito l’accesso alle normali quote di finanziamento dell’eurosistema. La BCE ha inoltre confermato attraverso dei canali ufficiali che continua e continuerà a sostenere le banche greche.

L’incertezza però continua a dominare la scena. Una breve analisi di alcune delle dichiarazioni dei giorni scorsi e, più in generale, dell’atteggiamento di molti protagonisti della realtà europea rende quest’affermazione incontrovertibile.
Angela Merkel ed il neo presidente francese François Hollande hanno aperto alla possibilità di sostenere Atene attraverso una serie di misure che possano favorirne la crescita, tenendo in primo piano però il rispetto del programma concordato in cambio degli aiuti. Il ministro delle Finanze tedesco, Wolfgang Schaeuble, ha dichiarato ieri di «non voler fare previsioni» riguardo al fatto che la Grecia possa essere o meno nell’euro da qui a dieci anni.

Anche al di fuori dell’Unione Monetaria regna un clima di forte preoccupazione. Il Governatore della Banca d’Inghilterra, Mervyn King, ha sostenuto che le autorità inglesi sono al lavoro su un piano di emergenza in caso di uscita di un Paese dal sistema euro. Lo stesso Direttore del Fondo Monetario, Christine Lagarde, pur avendo sottolineato che «l’area euro è ad un punto critico» e che «l’ideale sarebbe che Atene appoggiasse il programma di salvataggio esistente», ha ribadito che l’istituzione di Washington deve essere pronta per ogni evenienza. Il primo ministro britannico David Cameron ha lasciato trapelare tutta la sua apprensione, sostenendo che «l’Europa deve necessariamente aumentare le risorse del proprio “firewall” – la barriera anti-contagio – se non vuole rischiare una vera e propria rottura dell’intera eurozona».

A seguito della fase di stallo figlia dell’ultima tornata elettorale, un nuovo voto è previsto ad Atene per giugno. Tutti ansiosi di ascoltare la voce del nuovo Governo greco, al fine di misurarne la reale intenzione di continuare lungo il sentiero di un’Europa unita.

Luca Marfé
lucamarfe@yahoo.it

Ultima ora

18:32Incidenti lavoro, operaio morto a Napoli

(ANSA) - NAPOLI, 12 DIC - Un operaio è deceduto in un incidente sul lavoro, avvenuto in salita Tarsia, nel centro cittadino di Napoli. L'uomo stava lavorando su un terrazzo di uno stabile in Salita Tarsia quando probabilmente ha perso l'equilibrio ed è caduto. La dinamica è in fase di ricostruzione da parte della Polizia di Stato. L'operaio stava ricoprendo il terrazzo con una guaina impermeabile; nella caduta, terminata su un'automobile in sosta, ha trascinato con sé anche la bombola del gas e il cannello bruciatore che stava utilizzando. Forse sul posto c'era anche un collega.

18:25Calcio: Giampaolo, pronti a battaglia in Coppa

(ANSA) - GENOVA, 12 DIC - "Non ci sono partite semplici e gli avversari forti ti stimolano. Ce la giocheremo alla pari". Marco Giampaolo si affida a SampTv per presentare l'ottavo di Coppa Italia contro la Fiorentina di domani. "Alla Coppa ci teniamo anche se - ha spiegato - la formula così concepita è difficile, perché devi vincere fuori casa a Firenze per passare il turno. In ogni caso la rispettiamo come sempre e farò giocare la miglior formazione possibile. Abbiamo recuperato bene rispetto alla partita di sabato alcuni elementi non sono al meglio della condizione. Dovremo farei i conti con alcune assenze. In ogni caso chi scenderà in campo darà battaglia". A Genova sono rimasti Viviano, Quagliarella e Linetty, tutti per motivi fisici "Domattina - aggiunge Giampaolo - farò la valutazione di chi è disponibile. A oggi non ho la minima idea di chi far giocare. La Fiorentina? E' una squadra forte che è cresciuta e arriva a questa sfida dopo i risultati positivi con Lazio e Napoli".

18:23Tetraplegico per tre mesi in autobus a scuola nel milanese

(ANSA) - MILANO, 12 DIC - Tre mesi di tempo perché uno studente tetraplegico di 16 anni, milanese, ottenesse un trasporto adeguato alla scuola che frequenta fuori città, a Corsico. Nel frattempo è stato costretto ad andare sull'autobus accompagnato dalla madre o in auto col padre, perché "il Comune di Milano non ha fornito il mezzo adeguato poiché l'istituto era fuori dal capoluogo lombardo". La denuncia è di Angelo Ciocca, europarlamentare della Lega: "è un episodio davvero spiacevole, sono imbarazzato nel dire che sono dovuto intervenire su un'assenza del Comune chiedendo un intervento della Regione e non mi sembra giusto che un disabile non abbia il trattamento di cui ha diritto". "La Regione nel cuore dell'estate ha trasferito le competenze per i trasporti degli studenti superiori disabili ai Comuni, - ha replicato il Comune -. Purtroppo per la decina di studenti che vanno fuori città il contributo di Regione Lombardia è molto al di sotto del costo del servizio. Quindi il Comune ha avuto bisogno di reperire le risorse".

18:19Serena Grandi a giudizio per fallimento ristorante

(ANSA) - RIMINI, 12 DIC - Serena Grandi è stata rinviata a giudizio per il fallimento, dichiarato nel 2015, della società 'Donna serena srl' che ha gestito il ristorante la 'Locanda di Miranda', nel borgo San Giuliano di Rimini. L'attrice bolognese, 59 anni, all'anagrafe Serena Faggioli, difesa dall'avvocato Christian Guidi, sarà giudicata a partire dal prossimo 12 giugno davanti al Tribunale collegiale. Stando alle accuse, Serena Grandi, in qualità di legale rappresentante della società 'Donna serena' avrebbe distratto parte dei beni strumentali, impiegati presso il ristorante, e sottratto i libri contabili e altra documentazione obbligatoria per legge relativi alla gestione della 'Locanda di Miranda'. La procedura fallimentare della società è ancora in corso davanti al Tribunale fallimentare di Rimini.(ANSA).

18:13Il Rally del Salento ‘corre’ con la Pizzica

(ANSA) - ROMA, 12 DIC - Il Rally del Salento e la Pizzica, perfetto connubio in un territorio davvero unico per le sue eccellenze. Parte da queste basi l'accordo tra Aci Lecce e la Fondazione la Notte Della Taranta presentato durante la serata dal titolo "La danza del volante" svoltasi presso la Sala Angioina del Castello di Copertino. Un'importante sinergia, quella tra il Rally del Salento gara di rilievo internazionale, e la Pizzica, danza popolare salentina famosa in tutto il mondo, che si presenta come un nuovo ed inedito canale di promozione del Salento. "Unire due manifestazioni che pur nella diversità delle loro esperienza sono la massima espressione del territorio nei loro rispettivi campi è stato un risultato particolarmente importante" ha affermato il Presidente dell'Aci Lecce Aurelio Filippi Filippi. Per il n.1 dell'Aci Sticchi Damiani "Il Rally del Salento ha contribuito a far si che il territorio salentino fosse conosciuto non solo per il mare ma per tutta una serie di attrattive''

18:12Calcio: Napoli, De Laurentiis allontana crisi

(ANSA) - ROMA, 12 DIC - Alla presentazione del film 'Super vacanze di Natale' di Paolo Ruffini, in sala dal 14 dicembre, Aurelio De Laurentiis non raccoglie la provocazione di chi gli chiede della presunta crisi del Napoli di cui è presidente. "Una cosa va detta - ha replicato - siamo l'unica società che ha i conti a posto. Certo, essere primi è importante, ma i primi, come si sa, si vedono solo alla fine".

18:10Calcio: Coppa Italia, Giampaolo “pronti a dare battaglia”

(ANSA) - GENOVA, 12 DIC - "Non ci sono partite semplici e gli avversari forti ti stimolano. Ce la giocheremo alla pari". Marco Giampaolo si affida a SampTv per presentare l'ottavo di Coppa Italia contro la Fiorentina domani al Franchi e sottolinea. "Alla Coppa ci teniamo anche se - ha spiegato - la formula così concepita è difficile, perché devi vincere fuori casa a Firenze per passare il turno. In ogni caso la rispettiamo come sempre e farò giocare la miglior formazione possibile". Probabilmente scenderà in campo una Sampdoria diversa rispetto a quella che ha giocato a Cagliari ma, più che di turn-over tecnico, si deve parlare di turn-over fisico. "Abbiamo recuperato bene rispetto alla partita di sabato, ma alcuni elementi non sono al meglio della condizione. Dovremo farei i conti con alcune assenze. In ogni caso chi scenderà in campo darà battaglia". A Genova sono rimasti Viviano, Quagliarella e Linetty, tutti per motivi fisici, mentre le ultime scelte Giampaolo le farà domattina.

Archivio Ultima ora