Berlusconi: “Non mi ricandiderò premier”

Pubblicato il 23 maggio 2012 da redazione

ROMA – A fotografare meglio il momento di smarrimento ed incertezze sul futuro in cui regna il Popolo della Libertà è Silvio Berlusconi. Il Cavaliere, a Bruxelles per il vertice dei leader del Ppe, mette a nudo i suoi dubbi: “Non so se resterò in campo”.

Una frase che lascia spazio a varie interpretazioni ma evidenzia le difficoltà in cui per primo si trova l’ex presidente del Consiglio alle prese con un partito da ‘ridisegnare’ e indeciso su ‘cosa fare da grande’. L’idea di candidarsi di nuovo alla guida del governo, nonostante lo affascini, sembra non rientrare più nei progetti tant’è non esita a smentirlo. Parole chiare anche nei confronti di indiscrezioni apparse su alcuni quotidiani che lo vorrebbero pronto a radere al suolo il gruppo dirigente del Pdl.

– Tutte falsità – è l’accusa rivolta in particolare a Repubblica “un giornale che fa politica, ostile a noi’’.

Una precisazione che arriva dopo un pressing iniziato a palazzo Grazioli e che aveva causato le dimissioni, poi rientrate, di Sandro Bondi da coordinatore. Berlusconi ha rassicurato il diretto interessato così come lo stato maggiore pidiellino.

Il Cavaliere avrebbe corretto il tiro sull’idea di azzerare l’organigramma ma mettendo in chiaro, basandosi proprio
sull’esempio delle amministrative, che il partito tradizionale non ha più attrattiva. Sarà poi lo stesso segretario, su richiesta dei suoi fedelissimi a rincarare la dose stigmatizzando il tentativo di delegittimare il Pdl e puntando il dito contro eventuali scissioni interne con ‘’uno spezzatino’’ che non aiuta i moderati.

Già, ma al di là delle dichiarazioni ufficiali, i dubbi su cosa voglia fare realmente Berlusconi accrescono la tensione. La consapevolezza del gruppo dirigente, a partire dai cosiddetti ‘quarantenni’ è che per un uomo abituato ad essere sulla cresta dell’onda ed in prima linea come il Cavaliere sia complicato pensare di non essere più centrale nella politica.

Difficile chiedere all’ex premier di uscire di scena. La descrizione è sempre quella di un Berlusconi che ragiona su più tavoli: con i ‘falchi’ si dice pronto a rimettersi in gioco attivamente; ragionamento opposto con l’ala più moderata a cui non nasconde la ‘stanchezza’ di dover sempre mediare tra le anime del partito.

È dando retta alle cosiddette colombe che vanno lette le parole dell’ex capo del governo pronto a ‘’fare il necessario per il bene dei moderati’’. Un invito al ‘’senso di responsabilità’’ che rivolge a quanti, Casini in testa, fan parte del partito popolare europeo e che dovrebbero evitare di ‘’consegnare il Paese alla sinistra’’.

Lo sguardo è a Casini, ma devia sempre di più verso Luca Cordero di Montezemolo cui Berlusconi, sì, confida di aver ‘’sconsigliato’’ di scendere in politica, ma che subito dopo colloca tra le fila (o anche alla guida) dei moderati.
Ma, il diretto interessato ribadisce il suo niet a alleanze gattopardesche. Un ‘no’ che il gruppo dirigente pidiellino sa bene essere condizionato dalla presenza o meno sulla scena del Cavaliere. Ecco perchè il pressing nei confronti di Alfano è chiaro: abbia il coraggio di puntare i piedi perchè solo un segretario legittimato può intavolare un dialogo serio non solo con il presidente della Ferrari, ma anche con Roberto Maroni. A quel punto, è la convinzione di chi non vede altre strade ad una federazione di moderati, Casini si troverebbe all’angolo.

Il nodo da sciogliere, oltre a quello sulle ambizioni di Berlusconi, le alleanze, riguarda la legge elettorale. Il documento che presenterà Alfano conterrà la richiesta rivolta al Pd di modificare non solo il Porcellum insieme alla Costituzione. Il modello a cui si guarda è la Francia, esempio che troverebbe consenso nei Democratici, convinti che così si difenda il bipolarismo.

Ultima ora

20:53Calcio: Mertens, nessuno può vincerle tutte

(ANSA) - NAPOLI, 14 DIC - "Non siamo stanchi, le partite sono tante e non le puoi vincere tutte. Non ho mai visto una squadra che non abbia avuto un momento difficile in campionato. Noi siamo sempre lì e vedremo chi sarà avanti alla fine". Lo ha detto Dries Mertens in un'intervista a Canale 21 che andrà in onda stasera alle 20.35. L'attaccante belga ha difeso l'operato di Maurizio Sarri: "Senza di lui non saremmo dove siamo adesso. Ha molte responsabilità, fa le sue scelte, ha cambiato il Napoli e da quando allena questa squadra ha fatto diventare forti giocatori normali".

20:45Nuoto: Europei, Quadarella bronzo negli 800 stile libero

(ANSA) - ROMA, 14 DIC - L'azzurra Simona Quadarella ha vinto la medaglia di bronzo negli 800 metri stile libero agli Europei di nuoto in vasca corta in corso a Copenaghen, con il tempo di 8'16"53, suo primato personale. L'oro è andato alla tedesca Sarah Koehler (8'10"65), il bronzo all'ungherese Boglarka Kapas (8'11"13). "Non pensavo di riuscire a prendere la medaglia quindi sono molto contenta del podio" ha commentato l'atleta romana, che lunedì compirà 19 anni.

20:33Calcio: Donnarumma “Io sono un tifoso del Milan”

(ANSA) - MILANO, 14 DIC - Poche parole ma tante foto e autografi. Se Gattuso dopo la contestazione di ieri sera aveva chiesto ai tifosi di proteggere Gianluigi Donnarumma, i ragazzi del vivaio del Milan, durante la festa di Natale, hanno seguito alla lettera le richieste del mister, coccolando il portiere con tanti applausi e un vero bagno di folla. Donnarumma si è dimostrato molto disponibile, ha salutato tutti i ragazzi sempre con il sorriso e dal palco ha ribadito un concetto: ''Sono un tifoso del Milan''. Ha fatto a tutti gli auguri di ''buon Natale'', ha ammesso di ''sognare un gol come quello fatto da Brignoli'', sottolineando quanto un gol del portiere arrivi solo in situazione di svantaggio, e ha ricordato che il suo idolo sia sempre stato Abbiati.

20:31Nuoto: Europei, Rivolta-Codia, doppietta 100 farfalla

(ANSA) - ROMA, 14 DIC - 14 DIC - Matteo Rivolta ha vinto la medaglia d'oro nei 100 farfalla all'Europeo di nuoto in vasca corta in corso a Copenaghen con il tempo di 49"93. La doppietta azzurra è stata completata dall'argento di Piero Codia (49"96). Terzo posto e medaglia di bronzo per il tedesco Marius Kusch (50"01).

20:29Consip: difetto iter, nulla sospensione di Scafarto e Sessa

(ANSA) - ROMA, 14 DIC - Per un difetto di procedura, il mancato interrogatorio degli indagati prima dell'emissione del provvedimento della loro sospensione dalle funzioni, il gip di Roma Gaspare Sturzo ha annullato l'interdizione disposta nei confronti del maggiore dei carabinieri Gian Paolo Scafarto e del colonnello Alessandro Sessa, entrambi coinvolti nell'inchiesta della procura sul caso Consip. La misura dell'interdizione sarà quindi ripristinata la settimana prossima subito dopo l'interrogatorio dei due ufficiali dell'Arma.

20:26Ex calciatore scomparso: trovato ucciso dopo un mese

(ANSA) - MILANO, 14 DIC - E' stato trovato ucciso Andrea La Rosa, l'ex calciatore di serie C, poi direttore sportivo del Brugherio calcio, scomparso il 14 novembre scorso. I carabinieri avevano aperto un'inchiesta che ipotizzava l'omicidio dopo la denuncia di scomparsa da parte della famiglia.

20:09Tratta: Antimafia,vale 32mld, criminali la gestiscono

(ANSA) - ROMA, 14 DIC - 'Vale' 32 miliardi e sono oltre 30 mila le vittime della tratta nei 28 stati membri dell'Ue: un fenomeno che risulta essere in preoccupante crescita. Del tema si occupa una Relazione di oltre 60 pagine, approvata oggi all'unanimità, messa a punto dal Comitato "mafie, migranti e tratta di esseri umani, nuove forme di schiavitù" della Commissione parlamentare antimafia, guidato da Fabiana Dadone (M5S). Sono quasi sempre organizzazioni criminali transnazionali a gestire tutte le fasi della trasmigrazione delle persone che soprattutto dall'Africa, dalla Cina, dal sud America e dall'Est Europa partono per l'Italia e per il Nord Europa, e che operano "come vere realtà imprenditoriali volte a definire e gestire ogni aspetto della migrazione". Il viaggio dei migranti è "una vera e propria epopea che si sviluppa per tappe e si protrae per alcuni mesi, in cui i trasportati, sempre più frequentemente, vengono a trovarsi a vivere in condizioni disumane, stoccati come merce, sottoposti a vessazioni e violenze".

Archivio Ultima ora