Marò, ok al trasferimento in un’altra struttura

Pubblicato il 24 maggio 2012 da redazione

NEW DELHI – La forte insistenza italiana per il trasferimento dei marò dal carcere di Trivandrum dove si trovano dal 5 marzo ha avuto finalmente un riconoscimento: il governo del Kerala ha firmato un decreto con cui Massimiliano Latorre e Salvatore Girone saranno trasferiti in tempi brevissimi nella Borstal School, un ex riformatorio di Kochi. La notizia, pubblicata dalla stampa indiana, è stata confermata da B. Pradeep, sovrintendente della prigione che ospita i marò. “La decisione del nostro governo c’è – ha spiegato – ma domani loro andranno dal giudice di Kollam al termine di altre due settimane di carcerazione giudiziaria. Lui deve decidere sul loro futuro processuale. Solo dopo si potranno definire i tempi del trasferimento a Kochi”.

Il console: “Accolte le nostre richieste
Il console Giampaolo Cutillo, che coordina il team italiano impegnato in Kerala, ha detto che “questo è in linea con le nostre richieste. La Borstal School è quasi pronta. Seguiamo i lavori ogni giorno. Per cui si tratta da parte delle autorità del Kerala solo di una questione di buona volontà”. Si deve ricordare che il 18 maggio il governo del Kerala aveva sostenuto di aver bisogno di 20 giorni per realizzare il trasferimento, un tempo che ora sembrerebbe dimezzato.

Terzi: “Episodio dannoso nella lotta alla pirateria”
Giorni fa il governo italiano ha premuto sull’acceleratore anche a livello diplomatico (richiamo a Roma dell’ambasciatore Giacomo Sanfelice, convocazione del capo missione indiano alla Farnesina) e mercoledì il ministro degli Esteri Giulio Terzi ne ha parlato anche con i vertici dell’Onu a New York.

Si tratta di “un episodio molto negativo – ha sottolineato – che ha prodotto danni, spero non irreversibili, alla lotta internazionale contro la pirateria”. E al Palazzo di Vetro Terzi ha avuto anche un incontro con il segretario generale Ban Ki-moon e con il presidente dell’Assemblea Nassir Abdulaziz Al-Nasser, sostenendo di aver “notato una marcata preoccupazione anche in questi importantissimi interlocutori”: Ban in particolare, ha riferito Terzi, “mi è parso oggettivamente sorpreso che questa vicenda non abbia ancora potuto avere un esito favorevole”.

Oggi giornata cruciale
A prescindere dal trasferimento dei due fucilieri del San Marco – che la stampa indiana sostiene avverrà subito, ma che il sovrintendente Pradeep non vede così immediato – la giornata di oggi è cruciale. I marò compariranno davanti al giudice di Kollam, A.K. Gopakumar, che per la prima volta li vedrà con in mano il ‘chargesheet’ (dossier con i capi di accusa) preparato dal commissario Ajith Kumar in cui si ipotizza il reato di omicidio volontario di due pescatori indiani. Sembra probabile, secondo fonti legali, che predisporrà altre due settimane di carcerazione giudiziaria per studiare a fondo le quasi 200 pagine delle prove raccolte dalla polizia. Nello stesso tempo però si svolgerà presso l’Alta Corte di Kochi una delicata udienza riguardante la richiesta di ‘bail’, libertà dietro cauzione per i marò. Un provvedimento che è stato respinto per ragioni tecniche da due giudici di grado inferiore. Questa volta il magistrato sembra deciso ad entrare nel merito della richiesta. Nell’udienza svoltasi martedì, infatti, il giudice ha esaminato la situazione e chiesto garanzie ai legali di Latorre e Girone circa la loro possibile reperibilità e questi hanno avanzato l’offerta della consegna dei passaporti e della residenza, in attesa degli sviluppi del processo, nell’ambasciata d’Italia a New Delhi. Su questo il giudice ha chiesto anche un’opinione al governo centrale.

Ultima ora

13:54Germania: Seehofer rieletto a guida Csu con 83,7% voti

(ANSA) - BERLINO, 16 DIC - Horst Seehofer è stato rieletto alla presidenza della Csu bavarese con l'83,7% dei voti. Il risultato di questa elezione, al congresso in corso a Norimberga, è una dimostrazione di tenuta per il leader, dopo la forte perdita subita alle urne del 24 settembre. Due anni fa Seehofer aveva ottenuto l'87,2%.

13:46Calcio: legale Palermo, oggi prima volta che parliamo a pm

(ANSA) - PALERMO, 16 DIC - "Oggi, per la prima volta, abbiamo potuto interloquire con la Procura presentando le nostre ragioni. Siamo molto ottimisti, aspettiamo fiduciosi la decisione del Tribunale". Lo ha detto l'avvocato del Palermo, Francesco Pantaleone, al termine dell'udienza sull'istanza di fallimento della società presentata dalla Procura. "Abbiamo ripercorso quanto scritto nelle memorie - ha spiegato - il fatto di avere avuto un confronto con la Procura è molto importante". Il presidente del Palermo, Giovanni Giammarva, si dice fiducioso: "Speriamo di avere belle notizie a breve. Abbiamo illustrato le nostre ragioni al Tribunale, siamo sicuri dei nostri bilanci. Sono sereno e l'evolversi della situazione ci rende ancora più ottimisti. L'analisi dei documenti ci rende davvero tranquilli".

13:43Nuoto: Europei,Rivolta e Codia tentano il bis in 50 farfalla

(ANSA) - ROMA, 16 DIC - Nelle gare della mattinata ai campionati europei di nuoto in vasca corta, in corso a Copenhagen, hanno confermato il loro grande stato di forma Matteo Rivolta e Piero Codia, qualificandosi agevolmente per le semifinali dei 50 farfalla. Con un occhio alla finale per una possibile doppietta bis, dopo quella dei 100 farfalla dei giorni scorsi. Nei 200 misti Ilaria Cusinato ha vinto la sua batteria in 2'09"91 e guadagnato un posto in finale. In finale anche la 4X50 sl mista (in vasca per l'Italia Zazzeri, Vergani, Pellegrini, Ferraioli): il quartetto azzurro ha fatto il quinto tempo in 1'31"50 ed è passato. Altri responsi delle batterie di oggi: in semifinale Silvia Scalia e Elena di Liddo nei 50 dorso. La stessa Di Liddo e Ilaria Bianchi sono in semifinale anche nella gara dei 100 farfalla.

13:41Igor: ora è caccia alla ‘rete’, decina nomi nel mirino

(ANSA) - BOLOGNA, 16 DIC - Sono una decina i nomi nel mirino degli inquirenti italiani che indagano sull'ipotetica rete di appoggi di 'Igor', il criminale serbo Norbert Feher arrestato in Spagna, dopo una sparatoria con tre morti nella provincia Teruel, in Aragona. La Guardia Civil si è imbattuta in lui casualmente mentre indagava su alcune rapine nella zona. La Procura di Bologna ha chiesto il verbale dell'udienza che si terrà domani in Spagna, dove Norbert Feher comparirà in seguito all'arresto per il triplice omicidio commesso nella zona di Teruel, dove il 14 dicembre sono morti due uomini della Guardia Civil e un allevatore. Il procuratore Giuseppe Amato e il pm Marco Forte si sono attivati attraverso Eurojust e stanno valutando le mosse da compiere nei confronti di 'Igor': anche in base a come si comporterà davanti al giudice spagnolo, decideranno quando sentire l'indagato. L'obiettivo è capire come e quando Feher è riuscito a lasciare l'Emilia per raggiungere la sperduta zona dell'Aragona. (ANSA).

13:36Nuoto: Europei, Dotto show, in semifinale con miglior tempo

(ANSA) - ROMA, 16 DIC - Un grandissimo Luca Dotto ha vinto la sua batteria e fatto il miglior tempo (46"81) nei 100 sl ai campionati europei in vasca corta in corso a Copenhagen. Il campione azzurro si è qualificato per la semifinale della gara regina, e con lui è passato anche Lorenzo Zazzeri (47"). Fuori dalle semifinali invece Marco Orsi, campione in carica, che pure ha vinto la sua batteria e ha fatto il sesto tempo in 47"13. Orsi è stato eliminato per le quote nazionali, e così pure Alessandro Miressi, che aveva segnato il decimo tempo in 47"35. Orsi si è rifatto comunque nei 100 misti, vincendo la sua batteria in 52"13 a un solo centesimo dal record italiano. Dietro di lui Simone Geni, in 52"74. Entrambi vanno in semifinale. In questa gara ha dato forfait all'ultimo momento il primatista del mondo Morozov.

12:58Calcio: Palermo, istanza fallimento, giudice si riserva

(ANSA) - PALERMO, 16 DIC - Il giudice del tribunale di Palermo, Giuseppe Sidoti, si è riservato di decidere sull'istanza di fallimento del Palermo calcio presentata dalla Procura, secondo la quale la società sarebbe insolvente. I pm avevano presentato anche una memoria nei giorni scorsi per rispondere ai rilievi della difesa del Palermo.

12:50Mafia: arrestato boss della ‘società’ foggiana

(ANSA) - FOGGI, 16 DIC - La polizia ha arrestato a Foggia il boss della 'società' foggiana, Federico Trisciuoglio di 64 anni e il figlio Giuseppe, di 40, per provvedimenti di carcerazione emessi dalla Procura Generale di Bari. Sconteranno condanne per estorsione aggravata dal metodo mafioso: il padre è a sette anni di reclusione, il figlio a quasi cinque anni. Federico Trisciuoglio ha già subito condanne per associazione mafiosa nell'ambito dei processi storici alla criminalità organizzata foggiana. La condanna per cui è stato ora riportato in carcere si riferisce alla operazione 'piazza pulita' del 2010 su estorsioni a funzionari dell'azienda municipalizzata Amica (raccolta e smaltimento dei rifiuti), che all'epoca era di proprietà del Comune. Gli Trisciuoglio imponevano le assunzioni anche grazie all'intermediazione di politici locali. Gli assunti venivano pagati anche se non lavoravano e quando funzionari dell'Amica tentarono di contestare queste mancanze, furono minacciati di morte da parte di Federico Trisciuoglio.

Archivio Ultima ora