La Shiavone vola al secondo turno, Parigi amara per Serena Williams

ROMA – L’Italia al maschile è rimasta in due, Seppi e Fognini, quella al femminile in tre, Errani, Pennetta e Schiavone.
Un’altra giornata amara al Roland Garros per gli azzurri. Ma era ampiamente previsto, il sorteggio certo non ha aiutato. Lunedì Starace aveva ‘sbattuto’ contro il n.1 del mon do Djokovic, ieri Bolelli contro il n.2 Nadal. E l’epilogo é stato anche peggiore (6-2, 6-2, 6-1 in meno di due ore). Il bolognese ci aveva già perso due volte con il mancino di Manacor (sul cemento a Rotterdam 2009 e a Doha 2010), figurarsi se poteva andare altrimenti sulla terra, dove Nadal è quasi imbattibile. Infatti non c’é stato match. Lo spagnolo quest’anno ha già vinto sul rosso a Monte Carlo, Barcellona e Roma e punta a superare il record di sei titoli parigini che condivide al momento con Bjorn Borg. L’azzurro ci ha messo anche del suo commettendo troppi errori gratuiti nel tentativi di chiudere gli scambi: ben 38 contro 18 di Rafa.

“Stavo giocando bene in questi giorni e ho avuto la chance di sfidare Rafa sul centrale. Onestamente non pensavo di essere tanto falloso e di questo sono un po’ deluso Comunque contro Nadal ci può stare”.

Fuori anche Lorenzi, anche lui atteso da un esordio durissimo contro la testa di serie n.12, lo spagnolo Nicolas Almagro, reduce dal titolo vinto a Nizza e grande specialista della terra. Lorenzi si è arreso in tre set (6-3, 7-5, 6-4 in due ore e mezzo), ma nel secondo ha servito sul 5-3 e nel terzo sotto 5-4 ha avuto due palle break per rientrare. Sempre nella parte bassa del tabellone niente da fare anche per Volandri, che ha ceduto al ‘vecchio’ ma sempre coriaceo tedesco Haas, 34 anni, ex n.2 del mondo (6-3, 0-6, 6-4, 6-4 dopo che il quarto set si era chiuso ieri per oscurità sul 4-2 per il tedesco).

Oggi tornano in campo Seppi (contro il kazako Kukushkin) e Fognini (contro il serbo Troicki).

Nel torneo femminile comincia bene Francesca Schiavone, che liquida con un netto 6-3, 6-1 la giapponese Kimiko Date-Krumm. “Prima della partita ero molto tesa – ha raccontato l’azzurra – tornare su un campo al quale sono molto legata mi emoziona sempre”.

Prossimo turno, domani, contro la bulgara Pironkova. Delle big vittorie senza fatica per Kvitova (6-1, 6-2 all’australiana Barty), ‘passeggia’ la Sharapova (doppio 6-0 alla romena Cadantu).

La sorpresa è arrivata in serata dall’eliminazione di Serena Williams. L’americana inciampa contro la francese Virginie Razzano in tre set (4-6, 7-6, 6-3). è la prima volta Serena finisce fuori al primo turno in un torneo dello Slam. Il torneo perde una stella, ma la Francia esulta. Ma la favola del giorno è quella di Brian Baker. Ha vinto il suo secondo match in uno Slam (il primo nel 2005 agli Us Open). L’americano dal 2005 al 2008 è stato sottoposto a cinque operazione chirurgiche: tre alle anche, una ad un’ernia, l’ultima al gomito. Dopo tre anni di stop aveva dato l’addio al tennis, invece… E’ arrivato a Parigi con una wild card e ieri ha eliminato il belga Malisse. Oggi affronta il francese Simon. Dovesse anche perdere il miracolo l’ha già compiuto.

Condividi: