La FNSI e la Fusie solidali con la Voce d’Italia

Pubblicato il 30 maggio 2012 da Mauro Bafile

Il cammino fatto fin qui da La Voce d’Italia è molto lungo e il rispetto di cui gode tanto in Venezuela come in Italia e nel mondo dell’emigrazione, deriva dalle sue campagne, fatte sempre con serietà, onestà e ponderatezza, in difesa degli interessi dei nostri connazionali e in genere degli italiani all’estero.

I momenti di tensione con chi presume di avere il diritto di rappresentanza unica della Collettività, non sono mancati ma, per quanto ci riguarda, abbiamo sempre concentrato le critiche a situazioni particolari e lo abbiamo fatto sempre con animo costruttivo. Gli italiani del Venezuela, sia quelli che hanno ormai i capelli bianchi sia i figli e nipoti sanno che La Voce d’Italia è essenzialmente il loro Giornale, un Giornale che è cresciuto con questa Collettività e che continuerà, anche in futuro, ad esserne parte. Proprio per questo le problematiche che preoccupano gli italiani del Venezuela sono le stesse che preoccupano il Giornale e i loro successi sono i nostri successi. Ben diverso, ovviamente, è il coinvolgimento emotivo di chi sa che in questo paese resterà solo qualche anno.

Oggi viviamo tutti momenti difficili, momenti che richiedono maggiore unità ed armonia. Sarebbe auspicabile maggiore collaborazione e dialogo, nel rispetto delle competenze di ciascuno, con i nostri rappresentanti diplomatici e con i membri di Comites e CGIE. Purtroppo fino ad ora non è stato possibile.

Per la prima volta, nella storia del nostro Giornale, abbiamo dovuto constatare una seria mancanza di rispetto verso la nostra autonomia editoriale e libertà d’impresa arrivando addirittura a volerci indicare le modalità di uscita del giornale.

I contributi che la “Voce” riceve dal Governo italiano non hanno lo scopo di renderci adulatori ma di permetterci proprio quella libertà che non deve essere condizionata da interessi particolari. Consideriamo offensivo e lo respingiamo energicamente, ogni tentativo di chi pretende determinare la nostra linea editoriale, le nostre decisioni e il contenuto informativo del Giornale.

La “Voce” è, e continuerà ad essere, la coscienza – applaudendone i successi e rilevandone gli errori – di tutti e in particolare di coloro che hanno il compito di rappresentare la Collettività, rappresentare l’Italia e difendere gli interessi italo-venezuelani.

Pubblichiamo di seguito le lettere dei Colleghi della Federazione Nazionale della Stampa Italiana (FNSI) e della Federazione Unitaria della Stampa Italiana all’Estero (FUSIE) di solidarietà al nostro Giornale, e ringraziamo le manifestazioni di sostegno e amicizia giunteci in Redazione.

 

Federazione Nazionale della Stampa Italiana

 

Roma, 29 maggio 2012

Prot. n. 104/c

 

Il Segretario Generale della Federazione Nazionale della Stampa Italiana, Franco Siddi, ha dichiarato:

Stampa italiana all’estero: solidarietà alla Voce d’Italia di Caracas

“Vita difficile e pericolosa anche per la stampa italiana in Venezuela. Minacce e pressioni arrivano da ogni parte e  anche un giornale storico, di grande tradizione e impegno civile coma la “Voce d’Italia”, quotidiano che si pubblica a Caracas e viene diffuso in tutte le principali città e paesi del Venezuela è costretto a un momento disagi e difficoltà. Come non bastassero le incertezze, le insufficienze  e i ritardi sui finanziamenti  della stampa italiana all’estero, motivo anche indiretto di instabilità rischiano di diventare persino  le relazioni istituzionali.  La legittima attività di  controllo amministrativo delle rappresentanze istituzionali italiane rischia di assumere, anche indirettamente, caratteri diversi, stando ad una serie di segnalazioni pervenute al Sindacato dei giornalisti, tali da lambire l’autonomia editoriale.  I giornali devono assicurare un corretto circuito delle notizie  e la proposizione trasparente delle opinioni, ma i poteri, le istituzioni non hanno nessun titolo di intervento sulle linee editoriali, fatta salva la rigorosa osservanza delle leggi.

Le scelte  e il controllo dei contenuti sono di esclusiva competenza giornalistica in Italia come altrove. Ai colleghi della “Voce d’Italia” il sostegno e la solidarietà dei giornalisti italiani e la disponibilità a offrire ogni utile canale di raccordo con il sindacato internazionale dei giornalisti e per un migliore e trasparente rapporto con le Istituzioni italiane e venezuelane, nel rispetto delle reciproche competenze.”

Federazione Unitaria Stampa Italiana all’Estero

 

La Presidenza

Nota stampa del  30 maggio 2012

nsprot. n. 148/12

La Presidenza della FUSIE – Federazione Unitaria della Stampa Italiana all’Estero, esprime la sua decisa condanna per ogni azione che possa configurarsi come lesiva della libera e autonoma informazione e manifesta il suo convinto sostegno all’editore e ai giornalisti del quotidiano in lingua italiana “La Voce d’Italia” di Caracas, impegnati in una preziosa, quanto difficile, opera d’informazione in favore della comunità italiana del Venezuela.

Consapevoli dell’attuale arduo compito, sia della stampa italiana all’estero sia delle autorità diplomatiche del nostro Paese, ribadiamo che il pur indiscutibile ruolo di controllo dei requisiti previsti dalla legge da parte delle istituzioni italiane all’estero non può in nessun modo ledere, pertanto neppure immaginare di poter condizionare, il libero e autonomo esercizio d’informazione svolto da giornalisti ed editori, unici titolari delle scelte dei contenuti e delle modalità informative.

In forza di tali convinzioni, la FUSIE ribadisce il suo sostegno e conferma la propria solidarietà ai colleghi del quotidiano “La Voce d’Italia”.

 

Il Presidente

Giangi CRETTI

Ultima ora

01:11Calcio: Foggia-Venezia 2-2

(ANSA) - FOGGIA, 15 DIC - Il Foggia riesce ad acciuffare negli ultimi secondi del recupero il pareggio (2-2) insperato contro un Venezia ben organizzato che aveva mostrato per quasi tutta la partita di poter sovrastare e controllare facilmente gli avversari rossoneri. Una partita che poteva finire tranquillamente con tre o quattro gol di vantaggio per gli uomini di Pippo Inzaghi, ma che e' stata recuperata con la forza della disperazione da un Foggia molto confusionario ma comunque volitivo.

00:34India: Sonia Gandhi lascia presidenza partito Congresso

(ANSA) - NEW DELHI, 15 DIC - Con una cerimonia solenne nella sede del comitato centrale a New Delhi, l'italo-indiana Sonia Gandhi lascerà la presidenza del partito del Congresso trasmettendola al figlio Rahul, designato all'unanimità quale successore. Lo riferisce l'agenzia di stampa Pti. Da tempo la Gandhi aveva avvertito che al compimento del 70/o compleanno avrebbe lasciato le sue responsabilità ai vertici del Congresso ed oggi il portavoce della storica formazione politica, Randeep Surjewala, ha sottolineato che "questo non significa affatto che lei abbandonerà la vita politica attiva". In un tweet Surjewala ha spiegato che "Sonia Gandhi ha abbandonato (dopo 19 anni) la presidenza del partito ma non la politica. La sua benedizione, saggezza e innato impegno nei confronti dell'ideologia del Congresso formeranno sempre la luce che ci orienterà".

00:07L’Spd apre a grande coalizione,sì a colloqui con Merkel

(ANSA) - BERLINO, 15 DIC - I socialdemocratici tedeschi hanno preso la loro decisione: affronteranno i colloqui per una possibile coalizione di governo con Angela Merkel all'inizio di gennaio, e nel giro di due settimane presenteranno i risultati a un congresso straordinario di partito, fissato il 14, per stabilire se sedersi al tavolo dei veri e propri negoziati per una nuova edizione della Grosse Koalition. "Colloqui dall'esito comunque aperto", ha ribadito il leader fresco di conferma, senza rinunciare all'ipotesi di nuove forme di collaborazione. La cancelliera ha apprezzato pubblicamente gli sforzi compiuti da un partito costretto ad una evidente, complicata retromarcia, e ha espresso "grande rispetto" per il percorso decisionale degli alleati-avversari, sottolineando poi però che all'Europa serve una Germania stabile. "Ce lo chiedono tutti", è il monito arrivato dopo il vertice di Bruxelles, a Norimberga, dove era ospite dei cristiano-sociali.

23:58Austria: chiuse trattative. Kurz, c’è accordo governo

(ANSA) - BERLINO, 15 DIC - In Austria, le trattative fra l'Oevp del conservatore Sebastian Kurz e il Fpoe del populista di destra Heinz Christian Strache sono concluse, e i due partiti sono pronti a governare. "C'è un accordo turchese-blu", ha affermato Kurz. "Alle elezioni del 15 ottobre si è deciso per il cambiamento, e insieme vogliamo mettere al sicuro questo cambiamento", ha affermato Kurz, che ha annunciato di voler stabilire un "nuovo stile". "La nuova coalizione si impegna per una politica che risparmia nel sistema, e non a carico della gente", ha continuato il cancelliere designato che ha promesso l'abbassamento delle tasse agli austriaci. A soli 31 anni, sarà lui il cancelliere più giovane della storia del suo Paese e dell'Europa. E questo è l'esito di uno stile politico spregiudicato, con cui il giovanissimo ex ministro degli Esteri ha conquistato la leadership del partito popolare e lo ha portato progressivamente più a destra, strappando il possibile successo elettorale dei populisti di destra del Fpoe.

23:57Gerusalemme: fonti Casa Bianca, Muro parte di Israele

(ANSA) - WASHINGTON, 15 DIC - La Casa Bianca manda segnali per far sapere che vede il Muro occidentale di Gerusalemme (il Muro del pianto) come parte di Israele, alla vigilia della visita del vicepresidente Usa Mike Pence nella regione. Benche' precisino che i confini definitivi della citta' santa devono essere definiti dai negoziati israelo-palestinesi, i dirigenti della Casa Bianca contattati dall'Ap escludono fondamentalmente qualsiasi scenario che non mantenga il controllo di Israele sui luoghi sacri dell'ebraismo.

23:55Basket: Eurolega, Panathinaikos-Milano 80-72

(ANSA) - MILANO, 15 DIC - L'Olimpia ad Atene fa come Penelope ad Itaca: contro il Panathinakos tesse la tela per 15' e si costruisce un vantaggio di 13 punti (37-24), poi la disfa perdendo fluidità in attacco e consistenza in difesa fino al 80-72 che sancisce la quarta sconfitta consecutiva in Eurolega (3-9). Delusione e rimpianti si mischiano alla rabbia per un arbitraggio discusso e discutibile: con la gara in equilibrio a metà del terzo periodo viene fischiato un fallo tecnico per una simulazione molto dubbia a Theodore che costa al playmaker l'espulsione. In quel momento il Panathinaikos piazza un parziale di 7-0 che spacca in due l'incontro. Le triple di Rivers (20 punti, 6/9 da 3) e Lojeski (14, 2/4 dall'arco) e il predomino a rimbalzo di Gost (11 e 7) fanno il resto, lasciando l'AX Milano con il cerino in mano e con tanto amaro in bocca.

22:21Savoia: spoglie regina Elena tornano in Italia dopo 65 anni

(ANSA) - MONDOVI' (CUNEO), 15 DIC - Torna in Italia la salma della regina Elena di Savoia. Le spoglie della moglie di Vittorio Emanuele III, penultima Regina d'Italia, sono state trasferite oggi da Montpellier, dove è morta nel 1952 a 79 anni, al Santuario di Vicoforte, vicino a Mondovì, nel Cuneese. A darne notizia è stata la nipote Maria Gabriella di Savoia, che esprime "profonda gratitudine" al presidente Sergio Mattarella, "che fattivamente propiziò la traslazione della salma". Il trasferimento è avvenuto in gran segreto. Il Santuario già nelle intenzioni del duca Carlo Emanuele I di Savoia, a inizio Seicento, doveva diventare il mausoleo della Casa reale. Non è escluso che nelle prossime settimane qui vengano traslate anche le spoglie di Vittorio Emanuele III, morto in esilio il 28 dicembre di settant'anni fa ad Alessandria d'Egitto, dove è tuttora sepolto. "Confido che il ritorno in Patria della Salma di Elena, concorra alla composizione della memoria nazionale", è l'auspicio di Maria Gabriella.(ANSA).

Archivio Ultima ora