Rinvio dei Comites e Cgie, Carozza: «Vogliamo ancora credere a questo governo»

Pubblicato il 07 giugno 2012 da redazione

ROMA – Il Cgie vuole ancora credere a questo Governo. Dopo gli incontri con il Ministro degli Esteri Terzi e il sottosegretario De Mistura, il Comitato di Presidenza del Consiglio Generale, riunito in questi giorni a Roma, ha visto uno “spiraglio”, una apertura “sincera” al confronto sulle politiche per gli italiani all’estero, a cominciare dal rinvio delle elezioni di Comites e Cgie.

È quanto sostenuto alla Farnesina dal segretario generale del Cgie, Elio Carozza, reduce da due diverse audizioni informali alla Camera e al Senato, in cui ha ribadito la posizione del Consiglio. E cioè che il decreto così com’è non va bene, almeno nella parte in cui nulla dice su dove andranno a finire i fondi già stanziati per le elezioni di quest’anno, che, come noto, non si terranno più.

Diversi gli stati d’animo che hanno caratterizzato i lavori del Cdp.

– Siamo arrivati lunedì – ci ha detto Carozza – sconcertati e indignati per il decreto. Credo sia stato il momento più difficile che abbiamo vissuto, anche alla luce delle dichiarazioni di Monti e Terzi all’insediamento di questo Governo.
Poi lo “spiraglio” nell’incontro che il segretario generale ha avuto con il Ministro Terzi.

– Due ore di colloquio in cui – ha spiegato Carozza – ho ribadito la contrarietà totale del Consiglio generale a questo decreto, sia dal punto di vista formale che sostanziale. In primo luogo perché, al contrario di quanto previsto dalla legge, il Cgie non è stato consultato; e poi per il contenuto abbastanza inquietante di un decreto che tocca l’impostazione dei due organismi, parla di contenimento della spesa e inserisce nuove modalità di voto, ma tace su come verranno riutilizzate le somme in bilancio per le elezioni 2012. Su questo punto, il Cdp ha affermato con forza la necessità che questi soldi siano rinvestiti nelle politiche migratorie e su tre capitoli in particolare, cioè lingua e cultura, assistenza e fondi ai Comites.

Terzi, ha aggiunto Carozza, “ci ha rassicurato, e questa è sicuramente una novità nell’approccio del Governo col Cgie, sul fatto che l’unico motivo alla base del rinvio è che nonostante gli sforzi fatti non sono riusciti a trovare i soldi necessari per le elezioni.”

– Al contrario del precedente Governo, insomma – ha precisato Carozza -, non hanno rinviato le elezioni in attesa della riforma”.

Quindi il Cgie, partito con l’intenzione di fare di tutto per bloccare il decreto all’esame della Commissione Affari Esteri del Senato, ha finito per riconoscere i problemi economici messi sul piatto da Terzi e De Mistura, ma a certe condizioni.
– Siamo consapevoli della crisi economica del Paese e abbiamo apprezzato la sincerità, la trasparenza e la franchezza di Terzi e De Mistura – ha detto Carozza -. Ma abbiamo chiesto, e il Ministro ci ha rassicurati su questo punto, che il decreto venga migliorato e che vengano eliminati alcuni equivoci. Il primo: se si parla di riforma, non sarà quella Tofani; il secondo, sul voto elettronico che non deve essere l’unica possibilità né intaccare il voto all’estero; il terzo, inserire nel decreto la destinazione dei fondi recuperati, per sostenere lingua e cultura, l’assistenza ai connazionali indigenti e la sopravvivenza dei Comites che, se mantenuti in vita fino al 2014, almeno siano messi in condizione di farlo con dignità, già a integrazione dei capitoli di questo 2012.

Terzi, ha riferito Carozza, “ha fatto proprie queste indicazioni e non ci ha nascosto l’imbarazzo politico, passatemi il termine, di dover andare in Parlamento a chiedere modifiche ad un decreto del Governo. E questo – ha ribadito – è un approccio diverso che ci fa ben sperare, al contrario di quanto accadeva col precedente esecutivo e il sottosegretario Mantica”.

Mantica che ora sarà relatore del decreto in Commissione: una decisione che “sconcerta” il segretario generale che ha ricordato i “forti scontri” avuti con l’ex sottosegretario e “le sue affermazioni sulla cancellazione di Comites e Cgie”. A confortare il Consiglio Generale c’è la presenza di un correlatore – il senatore Tonini – e la disponibilità del Governo: “in questo passaggio in Commissione, noi faremo di tutto perché i senatori siano più vicini a Terzi che a Mantica”.
Carozza ha parlato anche di “novità sostanziali”.

– L’apertura totale del Governo – ha detto – si è concretizzata nel dialogo reale che abbiamo avuto in questi giorni. De Mistura ha partecipato a tutta la mattinata dei lavori e il Ministro Terzi è venuto a salutarci nonostante la bilaterale con il collega francese.

Con entrambi il Cdp ha convenuto sulla co-organizzazione – che coinvolgerà anche le regioni – di 4 seminari: lingua e cultura; riforma rappresentanza; servizi e informazione; assistenza.

I primi due si terranno ad autunno inoltrato, probabilmente a fine novembre, al posto della assemblea plenaria.
– Parlare di lingua e cultura vuol dire pensare al futuro. È la questione delle questioni – ha detto Carozza -. Riprenderemo in mano la proposta fatta dal Cgie in marzo e daremo indicazioni concrete al Governo per una politica culturale all’estero che metta l’Italia all’altezza degli altri Paesi Ue.

Sulla riforma di Comites e Cgie, il Governo “si è impegnato a presentare una sua proposta di legge, che non sarà quella Tofani, ma con piccole modifiche soprattutto sul Cgie, che siano condivise e quindi veloci da approvare”, in tempo con la fine della Legislatura.

Nel febbraio 2013 ci sarebbero gli altri due seminari. In ogni caso, contribuiranno alla loro organizzazione anche le regioni, oggi presenti in massa al Cdp: “avevamo con noi ben 12 consulte regionali, tra cui, per la prima volta, quella Siciliana”. Con loro, e con quattro università, verrà organizzato il primo seminario.

– Costituiremo un piccolo gruppo di lavoro che dialogherà online per poi incontrarsi in Emilia Romagna a settembre, un segno di vicinanza e di solidarietà alle popolazioni terremotate, che oggi abbiamo manifestato alla Presidente Bartolini a nome di tutti gli italiani all’estero.

– Insomma – ha detto Carozza -, questa tre giorni alla Farnesina ci ha fatto risalire la china rispetto alla tristezza con cui siamo arrivati lunedì, ma non nascondiamo una piccola preoccupazione. Il Ministro Terzi – ha spiegato – ha tenuto a manifestare la sua sorpresa di fronte al nostro sconcerto per il decreto di rinvio perché, ci ha detto, si è consultato con alcuni parlamentari eletti all’estero, di vari schieramenti, sia alla Camera che al Senato che, in qualche modo, hanno avallato questa idea del rinvio. E questo ci inquieta: perché alcuni eletti all’estero sapevano del decreto, mentre i loro partiti no. E noi meno che mai. Non è una parola che è nel mio vocabolario, ma parlerei di tradimento, o quanto meno di atteggiamento deplorevole, oltre che ingeneroso verso chi opera in spirito di volontariato.

Uno spunto, questo, che Carozza ha riportato sia alla Commissione Esteri della Camera che al Comitato del Senato, insieme ad una considerazione:

– Gli organismi di rappresentanza degli italiani all’estero, soprattutto in questo momento di crisi, dovrebbero essere per il Paese una buona pratica da copiare! 128 Comites lavorano con meno di 2 milioni di euro in quattro continenti, grazie al lavoro di volontariato dei consiglieri. Non sono un costo, ma una best practice da imitare!

Micheloni: «Emenderemo
il decreto
che rinvia le elezioni»
ROMA – Senatore del PD eletto in Europa e Vice presidente del Comitato per le questioni degli italiani all’estero, Claudio Micheloni ha incontrato il Segretario Generale del Consiglio Generale degli italiani all’estero, Elio Carozza, con cui ha condiviso le “forti critiche” avanzate dal Cgie al decreto che rinvia al 2014 le elezioni di rinnovo degli organismi di rappresentanza.

Micheloni, in particolare, ha “stigmatizzato il comportamento del Ministro degli affari esteri Terzi di Sant’Agata e del sottosegretario di Stato per gli affari esteri De Mistura che hanno adottato il provvedimento d’urgenza a prescindere, ed anzi in difformità dal preventivo concerto con i parlamentari” e ha preannunciato “emendamenti volti a consentire il rinnovo dei Comites e dei CGIE entro marzo 2013”.

Il parlamentare ha assicurato che proporrà “una consistente assegnazione delle somme destinate alle elezioni ora rinviate e di quelle rinvenienti da una riforma delle indennità per i dipendenti del MAE all’estero ai capitoli di bilancio per le politiche migratorie”.

Porta: «Mantenere
tre livelli
di rappresentanza»
ROMA – Intervenendo nel corso dell’audizione del segretario generale del Consiglio Generale degli Italiani all’Estero, Elio Carozza, e di una delegazione del Comitato di Presidenza del massimo organo di rappresentanza degli italiani all’estero alla Camera, Fabio Porta, deputato del Pd eletto in Brasile e vicepresidente del Comitato permanente sugli italiani all’Estero, ha voluto ribadire l’importanza di mantenere i tre livelli di partecipazione democratica degli italiani nel mondo.

– Condivido in pieno l’appello del Cgie al governo e oggi al Parlamento per il mantenimento – sia pur in una prospettiva di riforma e di adeguamento al quadro istituzionale in evoluzione – degli attuali tre perni della rappresentanza italiana nel mondo: Comitati degli Italiani all’Estero, Consiglio Generale e delegazione parlamentare – ha detto Fabio Porta -. Senza gli organismi di base e il livello intermedio risulterebbe improduttiva, inefficace, se non inutile anche la nostra funzione di parlamentari eletti all’estero.

Poi ha aggiunto:

– Il decreto con il quale il governo ha deciso di rinviare le elezioni di questi organismi al 2014 è sbagliato nel merito e soprattutto nel metodo e ciò proprio in ragione del mancato coinvolgimento di questi livelli istituzionali di rappresentanza, a partire dallo stesso Parlamento.

Per questi motivi Fabio Porta ha detto di condividere “l’altro appello rivolto alla Commissione Affari Esteri dal segretario generale del Cgie: quello volto a ripristinare in pieno l’attività del Comitato Permanente degli Italiani all’Estero, sospesa a causa delle dimissioni da parlamentare del suo presidente, Marco Zacchera”.

– La mancanza del Comitato priva il Parlamento di un essenziale organismo di confronto e approfondimento relativo alle tematiche degli italiani nel mondo – ha concluso il parlamentare del Partito Democratico – oltre a prestare il fianco all’esistenza di trattative e negoziati estranei alla normale dinamica parlamentare, spesso all’origine di tanti errori ed incomprensioni nel rapporto tra governo e Parlamento.

Ultima ora

01:02Calcio: Mihajlovic “Cercavamo risultato importante”

(ANSA) - ROMA, 11 DIC - ""Non voglio entrare nelle decisioni arbitrali. C'è il Var e l'arbitro è andato a vedere. Voglio solo parlare della partita, cercavamo una grande vittoria e l'abbiamo trovata. Sono orgoglioso dei miei ragazzi": così il tecnico del Torino, Sinisa Mihajlovic a Premium dopo la vittoria all'Olimpico sulla Lazio. "Certamente l'espulsione ci ha aiutato - riconosce - ma anche nel primo tempo abbiamo creato tanto: la vittoria è meritata. Del resto non mi interessa, non ho mai commentato le decisioni arbitrali, ora con il Var è più facile". "La mia panchina era a rischio? Quando uno fa questo lavoro ogni settimana è a rischio. Ma io ho fiducia nella mia squadra, so come ci alleniamo e so che alla fine il lavoro paga sempre. La società comunque non mi ha mai fatto mancare la fiducia, queste sono solo voci per riempire i giornali. Ljajic "è andato in tribuna per comportamenti sbagliati. In settimana ha fatto cose che non andavano bene. Da lui mi aspetti un altro atteggiamento".

00:26Calcio: posticipo serie A, Lazio-Torino 1-3

(ANSA) - ROMA, 11 DIC - Il Toro sbanca l'Olimpico biancoceleste in un posticipo della 16/a giornata di serie A, imponendosi 3-1 su una Lazio che sperava invece di raggiungere la Roma al quarto posto. Una partita ricca di emozioni e anche di polemiche, segnata da una 'follia' di Immobile alla fine di un primo tempo già ricco di occasioni per entrambe le squadre. L'attaccante laziale, furente per un fallo di mano in area di Iago Falque considerato non da rigore dall'arbitro e per aver colpito subito dopo un palo, ha colpito Burdisso. Consultata la Var, Giacomelli lo ha espulso. La Lazio in 10 ha cercato di reagire mentre la Curva Nord si svuotava in segno di protesta contro il direttore di gara, ma in 19' ha subito tre reti da Berenguer, Rincon e del giovanissimo Edera, entrato poco dopo la rete del momentaneo 2-1 siglata da Luis Alberto. Il Torino, che veniva da quattro pareggi di fila, sale a quota 23, a -1 dal settimo posto in classifica occupato dal Milan.

23:49Ladro ucciso: archiviata l’accusa di omicidio

(ANSA) - MILANO, 11 DIC - Il gip di Milano Teresa De Pascale, come chiesto dalla Procura, ha archiviato l'inchiesta che era stata aperta per omicidio volontario a carico di Francesco Sicignano, il pensionato di Vaprio d'Adda, nel Milanese, che nell'ottobre del 2015 sparò ed uccise un ladro albanese che era entrato nella sua abitazione. Ad opporsi alla richiesta di archiviazione, formulata dai pm a fine maggio 2016 evidenziando la "legittima difesa", erano stati i familiari del giovane albanese chiedendo al gip nuovi approfondimenti.

22:50Bimbo di due mesi trovato morto in culla dai genitori

(ANSA) - CAGLIARI, 11 DIC - Era in culla e non respirava più. Così un padre e una madre, lui 39 anni lei 33, di Sant'Antioco, nel Sulcis, hanno trovato il corpo senza vita del figlioletto di soli due mesi. La tragedia, su cui stanno indagando i carabinieri, è avvenuta in una abitazione di via Matteotti, alle 18.30, orario in cui i genitori del piccolo hanno chiamato i soccorsi. Sul posto sono arrivati i medici del 118 che hanno solo potuto constatare il decesso. In via Matteotti sono poi arrivati i militari della Stazione che hanno raccolto le prime testimonianze. Dai primi accertamenti, non sarebbero stati riscontrati segni di violenza sul corpicino: si tende ad escludere l'azione di terzi. Il magistrato di turno ha comunque disposto il trasferimento della salma del piccolo al Policlinico di Monserrato dove sarà eseguita l'autopsia.

21:59Argentina: milioni di pesos falsi contro la corruzione

(ANSA) - ROMA, 11 DIC - In occasione della Giornata nazionale contro la corruzione, i cittadini di San Salvador de Jujuy, città dell'Argentina nordoccidentale, hanno trovato per strada una montagna di denaro falso pari a 716 milioni di pesos argentini (circa 35 milioni di euro). L'iniziativa è stata realizzata dall'ufficio provinciale anticorruzione per informare i cittadini sugli effetti negativi della corruzione. L'ufficio ha voluto realizzare, in occasione del 9 novembre in Argentina, una riproduzione in scala di tutto il denaro che non si è potuto utilizzare per la costruzione di oltre 2.200 alloggi popolari. I fondi sarebbero coinvolti nel caso che vede sotto accusa la dirigente sociale Milagro Sala, attualmente detenuta per presunta frode, associazione a delinquere ed estorsione. L'iniziativa, costituita da quattro strutture cubiche, rappresentavano gli oltre 716 milioni di pesos la cui destinazione finale non è stata ancora chiarita.

21:55Pentagono ‘ignora’ Trump, transgender possono arruolarsi

(ANSA) - WASHINGTON, 11 DIC - Il Pentagono ha annunciato che consentirà ai transgender di partecipare all'arruolamento che comincia il primo gennaio, nonostante l'opposizione del presidente Donald Trump. Una mossa che, secondo gli osservatori, riflette le crescenti pressioni legali sulla questione e le difficoltà da parte del governo federale di attuare la richiesta del tycoon di bandire i transgender dall'esercito. Le sue direttive finora sono state bocciate da due corti federali. Le aspiranti reclute dovranno tuttavia superare una serie di esami fisici, psicologici e medici che potrebbero rendere più difficile ottenere la divisa.

21:53Putin sbarcato ad Ankara, faccia a faccia con Erdogan

(ANSA) - ISTANBUL, 11 DIC - Il presidente russo Vladimir Putin è sbarcato ad Ankara, ultima tappa del suo tour de force mediorientale che oggi lo ha portato nella base russa di Hmeimim in Siria, dove ha incontrato il suo omologo Bashar al Assad, e poi al Cairo per colloqui con il presidente egiziano Abdel Fattah al Sisi. In Turchia, il capo del Cremlino avrà un faccia a faccia con il presidente Recep Tayyip Erdogan sulle crisi regionali - dalla Siria a Gerusalemme - e i rapporti bilaterali, con un focus sulla cooperazione energetica e il progetto russo della prima centrale nucleare turca ad Akkuyu. Negli ultimi mesi, i due leader hanno avuto numerosi contatti. Il faccia a faccia di oggi, seguito da una conferenza stampa congiunta, è il terzo nell'ultimo mese.

Archivio Ultima ora