Appello di Fini e Schifani: oggi pacchetto in Aula

Pubblicato il 11 giugno 2012 da redazione

ROMA – Dopo il monito di Giorgio Napolitano, ieri sono stati i i presidenti dei due rami del Parlamento, Renato Schifani e Gianfranco Fini, a lanciare un appello alle forze politiche affinchè approvino il prima possibile le riforme all’esame di Camera e Senato. Gli occhi sono puntati sull’aula di palazzo Madama che da questa mattina riprenderà l’esame della riforma costituzionale. Un provvedimento che anima il dibattito tra i partiti chiamati a misurarsi sul semipresidenzialismo (e di conseguenza con la modifica delle legge elettorale sul modello francese) novità contenuta nei sei emendamenti presentati dal Pdl a firma del capogruppo del Pdl Maurizio Gasparri e del suo vice Gaetano Quagliariello.

Senza entrare nei particolari (nonostante la settimana scorsa abbia dato indicazione ai senatori di Fli di sottoscrivere gli emendamenti del Pdl) Gianfranco Fini, in visita ufficiale a Madrid, auspica che ‘’l’Italia raggiunga la stabilità attraverso le riforme’’ e si dice convinto che ‘’quando torneremo alle elezioni, ci torneremo con una nuova legge elettorale anche se nessuno sa quale’’.

Al presidente della Camera fa eco quello del Senato, Renato Schifani.

– Credo che la politica sia chiamata a decidere – è la convinzione della seconda carica dello Stato – in particolar modo mi riferisco alle riforme costituzionali, alla legge elettorale e alla riforma del lavoro.

Un invito a non perdere tempo altrimenti, è l’avvertimento, ‘’consegneremo veramente il Paese all’antipolitica’’. Il testo sulle riforme costituzionali che oggi riprenderà il suo iter a palazzo Madama però arriva carico di polemiche. Difficilmente infatti i 6 emendamenti presentati dal Popolo della Libertà che prevedono, tra l’altro, che il ‘nuovo’ presidente della Repubblica non presieda più il Consiglio superiore della magistratura, possano vedere luce.

Ago della bilancia potrebbe essere la Lega Nord, disponibile a discutere solo se la riforma della Costituzione metterà nero su bianco la creazione del Senato federale. Il fronte del no è invece costituito dal Pd e dall’Udc. I democratici respingono al mittente le proposta di modifiche ‘’non c’è tempo’’, chiosa Rosy Bindi convinta che l’intenzione del Pdl sia solo quella di ‘’creare un diversivo per evitare che si modifichi la legge elettorale’’. E’ infatti sulle modifiche al ‘porcellum’ che si testerà il grado di intesa tra Pdl e Pd. Il timing concordato da Bersani e Alfano è tre settimane, periodo entro cui gli sherpa dei due partiti proveranno a trovare un accordo.

Ultima ora

18:11Sicilia: Micciché, mai fatti accordi con Lotti

(ANSA) - PALERMO, 17 DIC - Il neo-eletto presidente dell'Ars, Gianfranco Miccichè in una nota dichiara "che con il ministro dello Sport, Luca Lotti, non c'è stato alcun accordo sulla eventualità di far confluire i voti dei deputati del Pd sulla sua candidatura alla presidenza del Parlamento siciliano". "Il ministro Lotti - sottolinea Miccichè - mi ha telefonato dopo la mia elezione per augurarmi buon lavoro".

18:04Savoia: Vittorio Emanuele, domani a Vicoforte per omaggio

(ANSA) - ROMA, 17 DIC - "Domani, alle ore 15.00, insieme a mia moglie Marina, a mio figlio Emanuele Filiberto, a mia sorella Maria Pia ed a mio nipote Serge di Jugoslavia, mi recherò al Santuario di Vicoforte per rendere omaggio alle sepolture provvisorie dei miei nonni, il Re Vittorio Emanuele III e la Regina Elena". Lo scrive, in una nota, Vittorio Emanuele di Savoia.

18:03Savoia: Comunità ebraiche, profonda inquietudine

(ANSA) - ROMA, 17 DIC - "In un'epoca segnata dal progressivo smarrimento di Memoria e valori fondamentali il rientro della salma del re Vittorio Emanuele III in Italia non può che generare profonda inquietudine, anche perché giunge alla vigilia di un anno segnato da molti anniversari", tra cui "gli 80 anni dalla firma delle Leggi Razziste". Lo sottolinea la Presidente dell'Unione delle Comunità Ebraiche Italiane Noemi Di Segni, ricordando che "Vittorio Emanuele III fu complice di quel regime fascista di cui non ostacolò mai l'ascesa".

18:02Igor: accetta estradizione, ma dopo inchiesta Spagna

(ANSA) - ROMA, 17 DIC - Norbert Feher, noto come 'Igor il russo' ha risposto in italiano alle domande del giudice spagnolo, Carmen Lamela - durante l'interrogatorio tenuto in videoconferenza - e ha accettato, non opponendosi al mandato di arresto europeo, di essere consegnato in Italia per essere processato per gli omicidi commessi ad aprile tra Bolognese e Ferrarese. Secondo quanto filtra da ambienti investigativi italiani l'eventuale consegna - come è emerso dall'interrogatorio durante l'udienza di convalida in Aragona - avverrà dopo i processi per i tre omicidi - di due agenti della Guardia Civil e di un allevatore - avvenuti in Spagna lo scorso 14 dicembre. Nell'interrogatorio il latitante, fuggito dall'Italia otto mesi fa, ha detto di essere in Spagna da settembre. Sull'affermazione verranno fatti accertamenti.(ANSA).

17:54Papa: Gentiloni, grazie per esortarci a fare mondo migliore

(ANSA) - ROMA, 17 DIC - "Desidero ancora una volta ringraziarla profondamente per il suo inarrestabile impegno che scuote le nostre coscienze e ci esorta a rendere migliore questo mondo". Lo dice il presidente del Consiglio Paolo Gentiloni in un messaggio di auguri a Papa Francesco per il suo compleanno.

17:53Austria: Salvini, Strache? Non è un estremista

(ANSA) - ROMA, 17 DIC - In Austria "io non vedo estremisti al governo. Heinz-Christian Strache non è assolutamente estremista, se controllare i confini è estremista allora sono estremista anche io. Io vedo un partito che difende l'interesse nazionale austriaco e io come Lega lo voglio fare non solo in Lombardia e Veneto dove governiamo da anni, ma anche in Puglia o in Campania". Lo afferma il segretario della Lega Matteo Salvini a "1/2 ora in più".

17:42Salvini, serve programma scritto o no alleanze con FI

(ANSA) - ROMA, 17 DIC - "Io chiedo un programma comune del centrodestra, senza un programma scritto" nei suoi "capisaldi non c'è alleanza". Lo afferma il segretario della Lega Matteo Salvini a "1/2 ora in più" su Raitre spiegando che l'abolizione della Fornero, un intervento su immigrazione, scuola e sulle politiche europee, sono i punti "su cui non ci può essere trattativa". "Io ritengo che Berlusconi firmerà", spiega Salvini, ritenendo necessario, in vista dell'ipotesi larghe intese anche "un patto contro gli inciuci".

Archivio Ultima ora