La Rossa continua a crescere

Pubblicato il 11 giugno 2012 da redazione

ROMA – Il Gran Premio del Canada va letto e interpretato in due modi distinti. Da una parte l’andamento e il risultato della gara singola, di Montreal, con un quinto posto deludente. Dall’altra il pensiero in chiave iridata, a lungo termine, con uno sviluppo della monoposto che come sottolinea lo stesso Alonso non ha precedenti. Quindi è giusto arrabbiarsi per una gara gettata al vento, con un errore imperdonabile e un azzardo intollerabile, ma questa Ferrari, e il Canada è stata la conferma, è ormai in piena lotta per il mondiale. Parliamoci chiaro, la Rossa è tornata a essere competitiva.

Attenzione, è giusto puntare il dito contro il muretto e per una volta contro il pilota. L’erroraccio di Montreal è un qualcosa che non deve assolutamente ripetersi. Non basta chiamarlo “rischio per vincere la gara” perché il fatto di non rientrare ai box puntando su venti giri con gomme al limite non conosce perdono. Un errore e una svista doppi. Da una parte il pit stop mancato, dall’altra la beffa della Red Bull, abile nel capire al momento giusto, a mescole in caduta libera, di rientrare per poi guadagnare la posizione su Alonso. E’ mancato questo alla Ferrari, la lucidità necessaria per recuperare e risolvere un problema. Un dato preoccupante sia ben chiaro, perché questo mondiale non permette incertezze. Con questo equilibrio in pista, con queste Pirelli sempre più decisive, chi resta in pista a contare fino a dieci viene sverniciato senza pietà (quanto successo ad Alonso). E a poco servono le dichiarazioni post gara, abbastanza sorprendenti, sulla gestine gomme e la sorpresa nel vedere un degrado tanto veloce.

Ormai le Pirelli le conoscono anche i bambini. In un paio di giri le mescole ti mollano completamente (e parliamo di uno, due, tre secondi a giro!), figurarsi in venti tornate. No, la Ferrari ieri ha sbagliato e lo ha fatto nel peggiore dei modi, giustificando a fine gara l’incredibile buco di strategia. Tutti colpevoli, da Domenicali (forse il più duro per una volta) a Fernando Alonso. Ma la Ferrari ha dimostrato, più di una volta, di avere i numeri per recuperare certe situazioni. E questa volta gli uomini in rosso potranno appoggiarsi su qualcosa che invece fino ad oggi è mancato: la monoposto. Il Canada ha dimostrato in modo inequivocabile che la F2012 è ormai pronta a lottare con tutto e tutti. Sabato il miglior piazzamento in qualifica, domenica la gara compromessa solo dall’errore di valutazione al muretto e al volante. Quello che conta è sicuramente il primo aspetto. La Ferrari c’è. Tra due settimane si torna in Europa, a Valencia, e già nel GP d’Europa sarà importante dimostrare di aver capito gli errori commessi e fare quel passo in avanti che ancora manca, ovvero il giro singolo in qualifica. La Ferrari non riesce a proporsi come monoposto da pole per poi lottare, senza problemi, in gara. Non basta. In questo modo diventa troppo importante l’apporto del pilota. Sì, può sembrare strano parlare così ma questa Formula Uno, purtroppo, non concede grossi spazi al pilota. Alonso, fino ad oggi ha letteralmente salvato la Rossa ma se si punta al titolo bisogna mettere in condizioni Alonso di sentirsi un umano al volante, e non di dover lottare contro gli avversari, contro la Pirelli e contro il prorpio team. La Ferrari deve aiutare Alonso. Come? Facendolo partire in testa, con una monoposto in grado, nelle mani dello spagnolo, di prendere vantaggio in partenza e gestire i momenti chiave (pit stop e degrado gomme) con meno ossessione. La pole è importante, il giro a pista libera in gara anche.

La situazione comincia a farsi interessante. Le forze in pista sembrano ormai chiare. In testa una McLaren in vantaggio e soprattutto con un Lewis Hamilton in gradissima forma, appena dietro la Red Bull e la Ferrari, entrambe in crescita. Chi sta scivolando in una preoccupante involuzione sono Mercedes e Lotus. Protagoniste a inizio stagione, i due team sembrano aver perso la bussola. Soprattutto la Mercedes non riesce più a ritrovarsi, soprattutto in gara. In due o tre gare si entrerà finalmente nel vivo della corsa iridata. Red Bull e Ferrari riusciranno a colmare il piccolo gap con la McLaren? Secondo me sì e a questo punto prepariamoci a vederne delle belle. L’ottavo Gran Premio avrà quasi sicuramente un vincitore noto, il bis di qualche top driver, e cominceranno a essere punti pesantissimi. Questo è un gran mondiale davvero e per una volta nessuno, tra team di testa, resta tagliato fuori. E siamo solo all’inizio…

Ultima ora

12:17Calcio: rissa dopo derby Manchester, colpito anche Mourinho

(ANSA) - LONDRA, 11 DIC - Finale di derby burrascoso all'Old Trafford, ieri, dopo la vittoria del City sullo United: a farne le spese Mourinho, innaffiato di latte e colpito alla testa da una bottiglia d'acqua. La maxi-rissa, che ha coinvolto almeno 20 persone tra giocatori e tecnici delle due squadre, è iniziata quando Mourinho è entrato nello spogliatoio del City per chiedere di abbassare la musica dei festeggiamenti. Un modo per dimostrare "maggiore rispetto" verso la 'sua' squadra. Il portoghese è stato subito affrontato dal portiere dei Citizens, Ederson, con il quale è scoppiato un acceso confronto, degenerato nel giro di qualche secondo, quando Mourinho è stato raggiunto da alcuni 'suoi' giocatori. Ne è nata una maxi-rissa. Secondo i media nel parapiglia Mourinho è stato colpito da una battaglia (vuota) d'acqua, e bagnato con schizzi d'acqua e latte. Tra i Citizens, Mikel Arteta, assistente di Guardiola, ha subito le conseguenze peggiori: per lui una ferita alla testa che ha richiesto l'intervento dei sanitari.

12:11Calcio: Borussia Dortmund, via Bosz e al suo posto Stoeger

(ANSA) - ROMA, 11 DIC - La sconfitta subita in casa sabato scorso, nella 15/a giornata della Bundesliga (per 2-1 contro il Werder Brema), sommata all'ottavo posto in classifica (-13 punti dal Bayern Monaco capolista), è stata fatale a Peter Bosz. L'allenatore olandese, infatti, non è più alla guida del Borussia Dortmund, che ha chiamato l'austriaco Peter Stoeger, ex tecnico di Austria Vienna e Colonia. I gialloneri, che sono stati anche eliminati dalla Champions, non vincono dal 30 settembre scorso (2-1 in trasferta all'Augusta) e sono sprofondati in una profonda crisi. Bosz era arrivato in estate per sostituire in panchina Thomas Tuchel. La notizia del cambio di guida tecnica è stata ufficializzata sull'account ufficiale Twitter del club tedesco.

12:06Travolge passanti con auto: Procura, accusa è strage

(ANSA) - MILANO, 11 DIC - Michele Bordoni, il 27enne che sabato scorso in auto ha travolto e ferito alcuni visitatori del mercatino di Natale a Sondrio, è accusato di strage. Con questa ipotesi a cui si aggiungono resistenza e lesioni aggravate nei confronti di un agente, il procuratore di Sondrio Claudio Gittardi e il pm Stefano Latorre, chiederanno al gip la convalida dell'arresto del giovane e il carcere. L'ipotesi di strage è stata riformulata dopo la ricostruzione dell'accaduto da cui è emerso che il giovane avrebbe voluto uccidere "indifferentemente una pluralità di persone". "Ne dovevo ammazzare di più" sono infatti le parole che Michele Bordoni ha pronunciato sabato al momento del suo arresto.

11:51Maltempo:disagi circolazione e treni soppressi in V. d’Aosta

(ANSA) - AOSTA, 11 DIC - La forte nevicata delle ultime 24 ore ha concesso una tregua in Valle d'Aosta, dove tuttavia si registrano alcuni disagi alla circolazione. I treni della mattina sulla linea Aosta-Ivrea sono stati soppressi. Una slavina ha invaso la strada statale 26 a La Saxe (Courmayeur): nessuna auto è stata coinvolta, ma la circolazione è interrotta su quel tratto. La stessa strada statale 26 è chiusa nella parte che porta a La Thuile (località Balme) per la caduta di due piante. Stop alla circolazione per pericolo valanghe anche su alcune arterie regionali: a Rhemes-Saint-Georges, a Valsavarenche (tra Tsan d'Oula a Pont) e a Courmayeur (Val Ferret e Val Veny). Criticità anche ad Aosta sia agli accessi della città che nelle vie centrali ancora innevate.(ANSA).

11:47Maltempo: Veneto, in pianura piove,nevica ancora in montagna

(ANSA) - VENEZIA, 11 DIC - Dopo la nevicata di ieri che ha raggiunto anche le località di pianura, oggi in Veneto l'innalzarsi delle temperature ha portato la pioggia nelle principali città, mentre in montagna nelle ultime ore si è consolidato con nuove imbiancate il manto di neve fresca. Tra sabato e stamane si sono accumulati, secondo le rilevazioni dell'Arpav, 22 centimetri di neve a Malga Losch, a 1.735 metri di quota nelle Dolomiti meridionali, 9 a Cortina, 8 a Sappada, 12 ad Arabba e 16 ad Agordo. Immagine tipicamente invernale anche per l'Altopiano di Asiago, imbiancata da 17 centimetri di neve fresca, ed Enego (20).

11:47Fondi Piemonte: il processo d’appello slitta al 2018

(ANSA) - TORINO, 11 DIC - E' slittato ai primi mesi del 2018 il processo d'appello per la cosiddetta 'Rimborsopoli degli ex consiglieri regionali del Piemonte. Lo ha comunicato oggi la Corte agli avvocati nel corso dell'udienza di apertura. In primo grado c'erano state dieci condanne e quindici assoluzioni, tra cui quella dell'governatore Roberto Cota. La Regione rimane costituita parte civile per il gruppo di imputati che non hanno indennizzato l'ente. A sostenere l'accusa è il pg Giancarlo Avenati Bassi, che in queste settimane svolge incarichi di consulenza alla Commissione di inchiesta sul sistema bancario.(ANSA).

11:43Milan: Fassone, preoccupati da classifica non da Uefa

(ANSA) - ROMA, 11 DIC - "Mi aspetto che dicembre sia un mese complicato. I cambi di allenatore non producono risultati a breve. A fine campionato sapremo se è stata fatta la scelta giusta". Così Marco Fassone, ad del Milan. "Siamo preoccupati dal ritardo in classifica - fa notare -. La situazione con l'Uefa? Stiamo facendo un tentativo per arrivare al patteggiamento volontario, per saldare le violazioni degli anni precedenti. Il nostro sarebbe il primo 'voluntary agreement', ma è difficile rispettare i parametri, perché un paio di richieste sono impossibili. Se il verdetto è basato sull'impossibilità di soddisfare queste richieste sarebbe inquietante". "La squadra - sottolinea Fassone - ha un bel rapporto con Gattuso e non credo che i cinesi abbiano intenzione di lasciare il Milan:ßhanno fatto un investimento mostruoso, di oltre un miliardo. Gli acquisti dell'estate? Li rifarei tutti, ma possiamo aver commesso un paio di errori". "La società ha un debito di 120 milioni, relativamente basso, lo possiamo restituire a ottobre", conclude.

Archivio Ultima ora