Il nord in mano tuareg, si punta a soluzione militare

Pubblicato il 13 giugno 2012 da redazione

BAMAKO . Le sorti del Nord del Mali, di fatto separato dal resto della nazione dal mese di aprile, potrebbero dipendere dal neo Comitato militare di attuazione della riforma delle forze di difesa e sicurezza. Dopo settimane di stallo politico a Bamako, il governo di transizione ha varato la creazione di una nuova istanza chiamata a sostenere l’esercito nella sua missione di difesa dell’integrità del territorio nazionale. Compito del comitato, di cui fanno parte diversi esponenti della giunta militare che lo scorso 22 marzo ha destituito l’ex presidente Amadou Toumani Touré, è quello di equipaggiare le forze armate maliane con mezzi più moderni e sostenere moralmente le truppe nella lotta ai gruppi armati tuareg e islamici che hanno preso il controllo delle regioni settentrionali.

In base agli accordi firmati tra militari e Comunità economica dei paesi dell’Africa occidentale (Cedeao/Ecowas), il nuovo organismo dovrebbe assorbire quello creato dalla giunta del capitano Amadou Haya Sanogo, il Consiglio nazionale per il ripristino della democrazia e dello Stato (Cnrdre), rispondendo agli ordini delle autorità di transizione. Tuttavia è poco chiaro il ruolo e i poteri che i militari avranno nel nuovo comitato, mentre in tanti a Bamako non vedono di buon occhio la loro continua ingerenza in istituzioni civili ancora fragili e i privilegi di cui godono. Del resto nelle ultime ore nuove accuse sono piovute sulla giunta per casi di presunte torture e violazioni dei diritti umani ai danni dei militari e civili detenuti nella guarnigione di Kati, quartiere generale di Sanogo e dei suoi. Un collettivo di avvocati ha trasmesso una lettera aperta al ministero della Giustizia per chiedere l’apertura di un’inchiesta sulla sorte dei circa 50 detenuti, per lo più ufficiali e soldati. Da Kati Sanogo si dice convinto che la situazione del Nord potrebbe “rientrare in poche settimane, per non dire giorni. La combattività e il patriottismo dei nostri soldati vi sorprenderanno se dovessero ottenere strumenti adeguati per ripristinare la nostra integrità territoriale”.

Sulla strada della soluzione militare si stanno sempre più orientando la Cedeao, i cui responsabili militari si sono riuniti martedì a Abidjan per un incontro tecnico teso a definire proposte concrete su un possibile intervento nel Nord del Mali. La futura forza dell’Africa occidentale ha già un nome: Micéma, cioè Missione della Cedeao in Mali, di cui due terzi delle unità lavorano in modo permanente per la ‘Force en attente’ (Fac, Stanby force), con base a Abuja (Nigeria). Alla missione potrebbero partecipare caschi blu della missione Onu in Costa d’Avorio, caschi verdi dell’Unione Africana ma anche soldati della Francia e degli Usa. Sabato, sempre ad Abidjan, si riuniranno i capi di stato maggiore dei 15 paesi membri della Cedeao ma la decisione finale di un eventuale intervento toccherà ai capi di Stato e di governo della regione occidentale.

Nel caso l’opzione diplomatica non dovesse andare a buon fine, cioè il dialogo con i gruppi ribelli, allora “servirà un impegno operativo ben delineato, coordinato e di breve durata” ha detto il responsabile delle forze ivoriane, il generale Soumaila Bakayoko. Inizialmente prevista con effettivi di 3.000 uomini, la futura Micéma potrebbe contare fino a 9.000 soldati. Ma prima del dispiegamento serve l’autorizzazione formale del Consiglio di sicurezza dell’Onu: a richiederla nei prossimi giorni sarà il presidente della commissione dell’Unione Africana, Jean Ping, secondo cui “l’uso della forza appare sempre più necessario”.

Ultima ora

18:11Sicilia: Micciché, mai fatti accordi con Lotti

(ANSA) - PALERMO, 17 DIC - Il neo-eletto presidente dell'Ars, Gianfranco Miccichè in una nota dichiara "che con il ministro dello Sport, Luca Lotti, non c'è stato alcun accordo sulla eventualità di far confluire i voti dei deputati del Pd sulla sua candidatura alla presidenza del Parlamento siciliano". "Il ministro Lotti - sottolinea Miccichè - mi ha telefonato dopo la mia elezione per augurarmi buon lavoro".

18:04Savoia: Vittorio Emanuele, domani a Vicoforte per omaggio

(ANSA) - ROMA, 17 DIC - "Domani, alle ore 15.00, insieme a mia moglie Marina, a mio figlio Emanuele Filiberto, a mia sorella Maria Pia ed a mio nipote Serge di Jugoslavia, mi recherò al Santuario di Vicoforte per rendere omaggio alle sepolture provvisorie dei miei nonni, il Re Vittorio Emanuele III e la Regina Elena". Lo scrive, in una nota, Vittorio Emanuele di Savoia.

18:03Savoia: Comunità ebraiche, profonda inquietudine

(ANSA) - ROMA, 17 DIC - "In un'epoca segnata dal progressivo smarrimento di Memoria e valori fondamentali il rientro della salma del re Vittorio Emanuele III in Italia non può che generare profonda inquietudine, anche perché giunge alla vigilia di un anno segnato da molti anniversari", tra cui "gli 80 anni dalla firma delle Leggi Razziste". Lo sottolinea la Presidente dell'Unione delle Comunità Ebraiche Italiane Noemi Di Segni, ricordando che "Vittorio Emanuele III fu complice di quel regime fascista di cui non ostacolò mai l'ascesa".

18:02Igor: accetta estradizione, ma dopo inchiesta Spagna

(ANSA) - ROMA, 17 DIC - Norbert Feher, noto come 'Igor il russo' ha risposto in italiano alle domande del giudice spagnolo, Carmen Lamela - durante l'interrogatorio tenuto in videoconferenza - e ha accettato, non opponendosi al mandato di arresto europeo, di essere consegnato in Italia per essere processato per gli omicidi commessi ad aprile tra Bolognese e Ferrarese. Secondo quanto filtra da ambienti investigativi italiani l'eventuale consegna - come è emerso dall'interrogatorio durante l'udienza di convalida in Aragona - avverrà dopo i processi per i tre omicidi - di due agenti della Guardia Civil e di un allevatore - avvenuti in Spagna lo scorso 14 dicembre. Nell'interrogatorio il latitante, fuggito dall'Italia otto mesi fa, ha detto di essere in Spagna da settembre. Sull'affermazione verranno fatti accertamenti.(ANSA).

17:54Papa: Gentiloni, grazie per esortarci a fare mondo migliore

(ANSA) - ROMA, 17 DIC - "Desidero ancora una volta ringraziarla profondamente per il suo inarrestabile impegno che scuote le nostre coscienze e ci esorta a rendere migliore questo mondo". Lo dice il presidente del Consiglio Paolo Gentiloni in un messaggio di auguri a Papa Francesco per il suo compleanno.

17:53Austria: Salvini, Strache? Non è un estremista

(ANSA) - ROMA, 17 DIC - In Austria "io non vedo estremisti al governo. Heinz-Christian Strache non è assolutamente estremista, se controllare i confini è estremista allora sono estremista anche io. Io vedo un partito che difende l'interesse nazionale austriaco e io come Lega lo voglio fare non solo in Lombardia e Veneto dove governiamo da anni, ma anche in Puglia o in Campania". Lo afferma il segretario della Lega Matteo Salvini a "1/2 ora in più".

17:42Salvini, serve programma scritto o no alleanze con FI

(ANSA) - ROMA, 17 DIC - "Io chiedo un programma comune del centrodestra, senza un programma scritto" nei suoi "capisaldi non c'è alleanza". Lo afferma il segretario della Lega Matteo Salvini a "1/2 ora in più" su Raitre spiegando che l'abolizione della Fornero, un intervento su immigrazione, scuola e sulle politiche europee, sono i punti "su cui non ci può essere trattativa". "Io ritengo che Berlusconi firmerà", spiega Salvini, ritenendo necessario, in vista dell'ipotesi larghe intese anche "un patto contro gli inciuci".

Archivio Ultima ora