Orgoglio Prandelli: “Ci vediamo in finale”

Pubblicato il 17 giugno 2012 da redazione

POZNAN – Battere il proprio passato per avere un futuro, guardando contemporaneamente alla sfida (si spera) tra Spagna e Croazia.

L’europeo di Cesare Prandelli e della nazionale italiana passa necessariamente per un doppio snodo: tra Poznan, dove il ct e gli azzurri ritrovano alla guida dell’Irlanda un loro vecchio maestro, Giovanni Trapattoni, e Danzica, dove campioni d’europa e gli uomini di Bilic danno vita a una sfida assai chiacchierata ma fino a prova contraria vera. E’ la situazione nella quale si è infilata, con molte colpe, la nazionale italiana che pure non ha giocato sinora un brutto torneo, tutt’altro: ma le occasioni sprecate la portano a uno stato di cose obiettivamente sgradevole, il passaggio ai quarti non è automatico con una vittoria oggi e dipende anche dal risultato di Danzica, che – tanto per cominciare – non deve essere un pari con 2 o più gol per parte.

La necessità aguzza l’ingegno, così Prandelli gioca, in tutti i sensi, la carta della disperazione: stanco lui e stanchi i giocatori delle indolenze di Balotelli, con l’aiuto di un provvidenziale risentimento al ginocchio destro dell’attaccante, é stata presa la decisione di non schierarlo dall’inizio contro i verdi del Trap. Anche se puntualizza nella conferenza stampa ufficiale della vigilia “Il ginocchio di Balo sta molto meglio”, infatti, Prandelli spiega poi di non avere mai detto che “Di Natale può reggere 30 o 40 minuti e basta”. E si lancia in una spiegazione tattica di come l’inserimento in avanti di Di Natale chiama a sostegno, per una questione di movimenti e di equilibrio tra reparti, quello di De Rossi a centrocampo. Con conseguente ritorno alla difesa a quattro e probabili innesti in massa (Barzagli, Abate, Balzaretti al posto di Bonucci, Maggio e Giaccherini): “una squadra come la nostra deve potere cambiare, durante una gara ma anche tra una partita e l’altra”.

Numeri e moduli a parte, Prandelli insiste su un concetto: il ‘biscotto’ tra Spagna e Croazia è “impensabile”. “Dipende tutto da noi, e in realtà siamo concentrati solo per vincere la gara contro l’Irlanda. E’ inconcepibile che una squadra comela Spagna, che ha basato la sua immagine su gioco e spettacolo, possa programmare una gara: impossibile. Quanto a noi, ovviamente abbiamo i mezzi per vincere con l’Irlanda. Ma non sarà facile, perché loro non hanno più responsabilità in quanto eliminati, e nello stesso tempo hanno grande orgoglio nazionale. Oltre a un gioco fatto di lanci lunghi e colpi di testa che qualche problema ce lo può creare”.

A proposito di responsabilità, e se andasse male? “Ci prenderemmo le nostre, e cercheremmo il perché”. E, al di là della qualificazione che non dipende solo dall’Italia, quale è il discrimine tra europeo dignitoso e fallimento? “Pensiamo positivo, è una domanda prematura, andando troppo avanti si rischia di scivolare” risponde facendo le corna. Scongiuri a parte, però, statisticamente il digiuno in grandi manifestazioni è ormai lunghissimo: tra europei e mondiali gli azzurri non vincono una gara della fase finale dal 17 giugno 2008, 2-0 conla Francia. Daallora 6 partite senza successi: inevitabile pensare che se la striscia negativa si allungasse, le considerazioni sarebbero pesanti. Lui sorvola, parla di scaramanzia. Piuttosto dedica un po’ di spazio alla mozione degli affetti (“qui non conta il modulo, ma il cuore e il sapere giocare regalando sorrisi, ci arriveremo prima o poi”) che lo porta inevitabilmente al discorso sul Trap.

“Per me è e resterà sempre il mister, mi ha preso a 20 anni, mi ha portato a giocare, non molto per la verità, con i più grandi campioni e mi ha sempre rispettato. E’ un uomo e un tecnico che si è sempre rimesso in gioco, un esempio ed è emozionante per me trovarmelo di fronte”.

Gli chiedono cosa farà il giorno dopo la fine dell’europeo, replica con ottimismo ostentato “vediamoci alla finale”. Poi si allarga in un sorriso, quello stesso che vorrebbe dai suoi giocatori in campo e da tifosi e critica sulle tribune, e ammette “intanto però quella contro l’Irlanda è la gara più importante della mia carriera”.

ITALIA-IRLANDA; FORMAZIONI

ITALIA (4-3-1-2): 1 Buffon, 7 Abate, 15 Barzagli, 3 Chiellini, 6 Balzaretti, 16 De Rossi, 21 Pirlo, 8 Marchisio, 5 Thiago Motta, 10 Cassano, 11 Di Natale.

(14 De Sanctis, 2 Maggio, 19 Bonucci, 4 Ogbonna, 13 Giaccherini, 22 Diamanti, 18 Montolivo, 23 Nocerino, 17 Borini, 9 Balotelli, 20 Giovinco, 12 Sirigu).

All. Prandelli.

 

IRLANDA (4-4-2): 1 Given, 4 O’Shea,2 St Ledger, 5 Dunne, 3 Ward, 11 Duff, 6 Whelan, 8 Andrews, 7 McGeady, 10 Keane, 9 Doyle.

(16 Westwood, 12 Kelly, 13 McShane, 18 0’Dea, 15 Gibson 17 Hunt, 21 Green, 22 McClean, 14 Walters, 20 Cox, 19 Long 23 Forde).

All.: Trapattoni.

 

Arbitro: Cekir (Tur)

Ultima ora

18:57Champions: Asamoah, per vincerla bisogna battere chiunque

(ANSA) - TORINO, 12 DIC - "Il Tottenham è solido, difende bene e ha battuto squadre forti nel girone". Questo il punto di vista di Asamoah, sul sorteggio di Champions League che ha accoppiato la Juventus contro gli 'Spurs'. "Se vuoi provare a vincere la Champions, devi essere in grado di battere chiunque - sottolinea -. Tutte le squadre sono difficili in Europa".

18:50Spente fiamme in capannone, trovato corpo carbonizzato

(ANSA) - MILANO, 12 DIC - Il cadavere carbonizzato di un uomo è stato trovato, oggi pomeriggio, dai vigili del fuoco, al termine delle operazioni di spegnimento di un incendio divampato in un capannone abbandonato a Baranzate di Bollate, nel Milanese. Al momento non è stato possibile risalire all'identità della vittima, ma i carabinieri, che stanno svolgendo gli accertamenti, ritengono che possa trattarsi di un senzatetto. Il luogo in cui è stato trovato il corpo è un anfratto in cui era stato ricavato un riparo con dei cartoni, una sorta di capanna. Non si esclude nemmeno che le fiamme siano partite proprio da un tentativo maldestro di riscaldarsi accendendo dei materiali infiammabili.

18:43Calcio: Ancelotti in panchina per match solidarietà

(ANSA) - ROMA, 12 DIC - Uefa e Onu hanno annunciato oggi a Ginevra che uniranno le forze per organizzare una partita di solidarietà con il sostegno del Cantone di Ginevra, della città e della Fondazione dello stadio di Ginevra. Il match, che vedrà la partecipazione di due squadre guidate da celebrità del calcio, si giocherà sabato 21 aprile 2018 alle 16. In nome della solidarietà e del riconoscimento dell'importanza dello sport nella società, 'Match for solidarity' è finalizzata a promuovere la pace, i diritti umani e il benessere nel mondo, attraverso gli obiettivi di sviluppo sostenibile stabiliti dalle Nazioni Unite. Il ricavato di questa partita sarà utilizzato per finanziare progetti umanitari e di sviluppo internazionali. Le due squadre, allenate da Carlo Ancelotti e Didier Deschamps, avranno rispettivamente come capitani Luis Figo e Ronaldinho. Gli allenatori e i capitani selezioneranno le proprie squadre nelle prossime settimane. La partita sarà arbitrata da Pierluigi Collina.

18:32Incidenti lavoro, operaio morto a Napoli

(ANSA) - NAPOLI, 12 DIC - Un operaio è deceduto in un incidente sul lavoro, avvenuto in salita Tarsia, nel centro cittadino di Napoli. L'uomo stava lavorando su un terrazzo di uno stabile in Salita Tarsia quando probabilmente ha perso l'equilibrio ed è caduto. La dinamica è in fase di ricostruzione da parte della Polizia di Stato. L'operaio stava ricoprendo il terrazzo con una guaina impermeabile; nella caduta, terminata su un'automobile in sosta, ha trascinato con sé anche la bombola del gas e il cannello bruciatore che stava utilizzando. Forse sul posto c'era anche un collega.

18:25Calcio: Giampaolo, pronti a battaglia in Coppa

(ANSA) - GENOVA, 12 DIC - "Non ci sono partite semplici e gli avversari forti ti stimolano. Ce la giocheremo alla pari". Marco Giampaolo si affida a SampTv per presentare l'ottavo di Coppa Italia contro la Fiorentina di domani. "Alla Coppa ci teniamo anche se - ha spiegato - la formula così concepita è difficile, perché devi vincere fuori casa a Firenze per passare il turno. In ogni caso la rispettiamo come sempre e farò giocare la miglior formazione possibile. Abbiamo recuperato bene rispetto alla partita di sabato alcuni elementi non sono al meglio della condizione. Dovremo farei i conti con alcune assenze. In ogni caso chi scenderà in campo darà battaglia". A Genova sono rimasti Viviano, Quagliarella e Linetty, tutti per motivi fisici "Domattina - aggiunge Giampaolo - farò la valutazione di chi è disponibile. A oggi non ho la minima idea di chi far giocare. La Fiorentina? E' una squadra forte che è cresciuta e arriva a questa sfida dopo i risultati positivi con Lazio e Napoli".

18:23Tetraplegico per tre mesi in autobus a scuola nel milanese

(ANSA) - MILANO, 12 DIC - Tre mesi di tempo perché uno studente tetraplegico di 16 anni, milanese, ottenesse un trasporto adeguato alla scuola che frequenta fuori città, a Corsico. Nel frattempo è stato costretto ad andare sull'autobus accompagnato dalla madre o in auto col padre, perché "il Comune di Milano non ha fornito il mezzo adeguato poiché l'istituto era fuori dal capoluogo lombardo". La denuncia è di Angelo Ciocca, europarlamentare della Lega: "è un episodio davvero spiacevole, sono imbarazzato nel dire che sono dovuto intervenire su un'assenza del Comune chiedendo un intervento della Regione e non mi sembra giusto che un disabile non abbia il trattamento di cui ha diritto". "La Regione nel cuore dell'estate ha trasferito le competenze per i trasporti degli studenti superiori disabili ai Comuni, - ha replicato il Comune -. Purtroppo per la decina di studenti che vanno fuori città il contributo di Regione Lombardia è molto al di sotto del costo del servizio. Quindi il Comune ha avuto bisogno di reperire le risorse".

18:19Serena Grandi a giudizio per fallimento ristorante

(ANSA) - RIMINI, 12 DIC - Serena Grandi è stata rinviata a giudizio per il fallimento, dichiarato nel 2015, della società 'Donna serena srl' che ha gestito il ristorante la 'Locanda di Miranda', nel borgo San Giuliano di Rimini. L'attrice bolognese, 59 anni, all'anagrafe Serena Faggioli, difesa dall'avvocato Christian Guidi, sarà giudicata a partire dal prossimo 12 giugno davanti al Tribunale collegiale. Stando alle accuse, Serena Grandi, in qualità di legale rappresentante della società 'Donna serena' avrebbe distratto parte dei beni strumentali, impiegati presso il ristorante, e sottratto i libri contabili e altra documentazione obbligatoria per legge relativi alla gestione della 'Locanda di Miranda'. La procedura fallimentare della società è ancora in corso davanti al Tribunale fallimentare di Rimini.(ANSA).

Archivio Ultima ora