G20: Obama e Cina in pressing sull’Europa

Pubblicato il 17 giugno 2012 da redazione

LOS CABOS – L’Europa arriva al G20 di Los Cabos tirando un primo sospiro di sollievo: i dati che arrivano da Atene fanno sperare. Il vantaggio dei conservatori pro-euro, salvo possibili intralci nella formazione di un nuovo governo in grado di scongiurare il ritorno alla ‘dracma’, arrivano mentre i leader europei sono in viaggio per la Baja California. Per un G20 con il vecchio continente che sbarca da ‘sorvegliato speciale’, chiamato a dare risposte al mondo, Usa in testa, sulla sua strategia di uscita dalla crisi. E un po’ aiuta un atterraggio in Messico con il fantasma di una Grecia fuori dall’euro che si allontana. Come dimostrano i mercati, con l’euro che corre sul dollaro, portandosi ai massimi da 3 settimane sui mercati australiani.

E aiuterà sicuramente domani i leader a confrontarsi con i Grandi, portando un messaggio, anche dalla Grecia, sulla volontà di andare avanti sulla strada segnata, quella delle riforme e dell’impegno a uscire dal baratro. Come chiede anche l’America che non ha tardato a commentare i dati che rimbalzano da Atene, parlando di “interesse comune” che resti nell’euro “rispettando le riforme”. Perché il voto in Grecia – è il commento del ministro delle finanze di Angela Merkel, Wolfang Scahuble – va letto come la volontà dei greci di riforme profonde. E con i risultati di Atene in tasca i leader incontreranno domani Obama che prima dell’inizio del G20 ha in programma un incontro con loro proprio per fare il punto su eruolandia, alla luce delle urne greche. Potendo vantare un piccolo ‘successo’ dell’Europa. Un’Europa che al G20 sarà sotto i riflettori con i Grandi che chiedono – e insistono – per misure concrete. E se sono pronti a fare da sponda – come ha fatto sapere oggi la Cina parlando di “sforzi comuni” – non mollano il pressing. Soluzioni da Los Cabos comunque non sono attese. Lo ha detto ieri sera il presidente di turno del summit, il messicano Felipe Calderon – “non aspettatevi risultati specifici” – e lo ha ribadito anche oggi la Casa Bianca: “ci saranno dei progressi, ma nessuno si aspetti una soluzione”, ha fatto sapere il consigliere, David Plouffe, lasciando intendere che l’Europa ha ancora due settimane di tempo per definire il suo cammino. L’appuntamento è infatti per fine mese per quel Vertice Ue da cui, invece, gli States si aspettano una soluzione. Per la crescita e l’occupazione, che sarà il leit motive – dopo il G8 – anche del G20 e per una risposta che ridia fiato ai mercati allontanando lo spettro della speculazione.

Con un pacchetto di misure su cui, ancora, i giochi sono aperti. Tra posizioni da avvicinare e strumenti su cui convergere, con nuove ipotesi che si susseguono. E’ di oggi – sulla stampa tedesca – l’ipotesi di ‘euro-bill’, versione light degli eurobond che potrebbero convincere Berlino a ragionare sulla mutualizzazione del debito mentre da Bruxelles i vertici dell’Ue – Herman Van Rompuy e Manuel Jose Barroso – si dicono sempre più determinati nel portare avanti una ulteriore integrazione dell’Unione Europea. E Hollande – che oggi a Parigi ha incassato una nuova vittoria elettorale alle legislative – che avrebbe in cantiere un maxipiano (contenuto in un documento di 11 pagine) per la crescita da 120 miliardi di euro. Ma Los Cabos dovrebbe – è l’auspicio della presidenza – mettere anche un punto con la definizione delle quote, alla ricapitalizzazione per 430 miliardi di dollari del fondo dell’Fmi – creando un nuovo ‘firewall’ per l’Europa .- decisa ad aprile a Washington. Con i Brics pronti a fare la loro parte ma in pressione affinché in cambio ricevano la rappresentatività negli organismi internazionali che da sempre rivendicano. L’Ocse sottolinea intanto – per voce del suo segretario, Angel Gurria – che le “politiche di Italia e Germania sono un elemento di forza” ma, ricorda la Banca Mondiale, “ci vuole tempo”. L’Italia comunque è sulla strada giusta: è tra i paesi più virtuosi nel rispettare gli impegni con il governo Monti che dal summit di Cannes a quello di Los Cabos ha rispettato il 90% degli impegni presi, collocandosi – secondo un rapporto indipendente del G20 Research Gropu – sul podio dei paesi che hanno fatto i compiti promessi. All’ombra dello spettro economico, a Los Cabos rimbalzerà anche l’emergenza-Siria: nella località della Baja California ci saranno Obama ma anche il presidente russo Vladimir Putin ed il presidente cinese Hu Jintao. Un’occasione per cercare di sbloccare le resistenze di Russia e Cina sul dossier.

Ultima ora

07:57Terremoti, sequenza sismica nel Canale di Sicilia

(ANSA) - ROMA, 14 DIC - Sequenza sismica nel Canale di Sicilia: nella notte si sono registrate almeno 5 scosse di terremoto di magnitudo superiore a 2, le più forti di 3.9 e 3.7 alle 2:13 e alle 2:59. Epicentri circa 60 km a sud della ragusana Modica. Già ieri altre due scosse di magnitudo 3.5 e 3.6 erano state registrate nella zona tra le 12 e le 13. Non si segnalano danni a persone o cose.

01:19Calcio: Gattuso “Donnarumma passa per mostro, ma non lo è”

(ANSA) - MILANO, 13 DIC - Gennaro Gattuso prende le difese di Gianluigi Donnarumma, "pur rispettando i tifosi" che hanno contestato il portiere durante Milan-Verona. "Si sta facendo passare un ragazzo così giovane - spiega l'allenatore dei rossoneri - come un mostro. Non se lo merita, ha valori incredibili. Dobbiamo tutelare un ragazzo in grandissima difficoltà. Non ha saltato mai un allenamento o una partita, dopo il pareggio con il Benevento ha pianto. Io vedo un ragazzo che si allena con grande professionalità e voglia: è il portiere più forte del mondo e un grandissimo uomo". Gattuso commenta le voci di mercato sul portiere: "Se la società dice che non vuole vendere, cosa devo dire di più? Gigio non mi ha mai detto che vuole andar via. E non ho detto che Mino sta convincendo il ragazzo. Vediamo come andrà a finire".

01:08Mirabelli: “Donnarumma? Sappiamo da dove viene male”

(ANSA) - MILANO, 13 DIC - "Non tutte le colpe sono di Gigio Donnarumma. Purtroppo sappiamo da dove viene il male, speriamo nei prossimi mesi di risolvere il problema". Nelle parole del ds del Milan, Massimiliano Mirabelli, c'è un chiaro riferimento all'agente Mino Raiola: "Gigio dovrà venire a supplicarci di mandarlo via. Semmai dovesse succedere, qualsiasi squadra arrivi detteremo noi le condizioni. Non ci facciamo prendere per il collo da nessuno. Io credo che un giorno si accorgerà dove sta il bene e dove sta il male".

01:07Calcio: Letta, fossi in curva fischierei Donnarumma

(ANSA) - ROMA, 13 DIC - "Mi spiace dirlo, ma fossi in Curva a #SanSiro, stasera #Donnarumma lo fischierei". E' il tweet con cui Enrico Letta, tifoso del Milan ed ex presidente del Consiglio, interviene sulla vicenda Donnarumma. Il portiere dei rossoneri, dopo che nei giorni scorsi il suo procuratore Mino Raiola ha chiesto di annullare il contratto appena rinnovato con il club, è stato fischiato e insultato dai tifosi stasera a San Siro, prima della partita di Coppa Italia vinta sul Verona.

00:27Calcio: Premier, Manchester City vittoria con il record

(ANSA) - ROMA, 13 DIC - Tutto invariato al vertice della Premier League, dopo le partite del turno infrasettimanale, valide per la 17/a giornata. Vincono i due Manchester, che restano separati di 11 punti in classifica: il City leader s'impone sul campo dei gallesi dello Swansea per 4-0 (15/a vittoria di fila e record), con doppietta di David Silva, reti di De Bruyne e Aguero, in campo da titolare. E' la 15/a vittoria di fila per la squadra di Guardiola, un record per il campionato. Il City non ha faatto bottino pieno l'ultima volta il 21 agosto. Lo United si è imposto per 1-0 in casa contro il Bournemouth, grazie a un gol di Romelu Lulaku, servito da Juan Mata. al 25'. Successo anche per Antonio Conte e il Chelsea sul campo dell'Huddersfield per 3-1. Di Bakayoko, Willian e Pedrito le reti. Senza gol, infine, uno dei tanti derby di Londra, quello fra West Ham United e Arsenal.

00:16Calcio: Germania, Bayern di misura e ora a +9 sullo Schalke

(ANSA) - ROMA, 13 DIC - Basta un gol del polacco Robert Lewandowski, al quarto d'ora della ripresa, per regalare la vittoria al Bayern Monaco, nella 16/a giornata della Bundesliga. Opposti al Colonia, i bavaresi si sono imposti per 1-0 e adesso hanno un vantaggio di 9 punti sullo Schalke 04, che ha dovuto faticare contro l'Augusta, piegata per 3-2. Di Di Santo al 44' l'1-0, Burgstaller firma il raddoppio al 47', poi arriva la riscossa ospite: al 19' della ripresa Caiuby accorcia le distanze, Gregoritsch pareggia. A 7' dal 90' Caligiuri fa esplodere l'AufSchalke Arena, regalando 3 punti ai 'suoi'. Adesso in classifica Bayern 38 punti, Schalke 29, il Lipsia è a quota 28, dopo essere stato fermato sul pareggio in trasferta dal Wolfsburg (di Verhaegh il vantaggio dei padroni di casa, di Halstenberg il pari ospite). (ANSA).

00:05Calcio: ottavi Coppa Italia, Milan batte Verona 3-0

(ANSA) - ROMA, 13 DIC - Il Milan batte il Verona 3-0 e si qualifica per i quarti di finale della Coppa Italia, dove troverà i 'cugini' dell'Inter, che ieri sera hanno superato ai rigori il Pordenone. I gol che hanno deciso il match sono stati realizzati al 22' da Suso, al 30' da Romagnoli e, nella ripresa, al 10' da Cutrone. Fischi e contestazione a Donnarumma prima dell'inizio del confronto.

Archivio Ultima ora