Fiat condannata: “Ha discriminato gli operai della Fiom”

Pubblicato il 21 giugno 2012 da redazione

ROMA – Il giudice del lavoro di Roma ha accertato il comportamento discriminatorio di Fiat e ha condannato il Lingotto alla ‘riassunzione’, nello stabilimento di Pomigliano, di circa 145 operai della Fiom. A spiegare il dispositivo della sentenza emessa ieri, dopo due udienze la scorsa settimana, è stato l’avvocato che segue le vicende Fiom, Franco Focareta.
Il Tribunale dunque ha accolto in sostanza il ricorso avanzato dalla Fiom, per conto degli operai del sito campano della Fiat, secondo cui l’azienda non avrebbe ‘riassunto’ nella Newco creata a Pomigliano “nessun lavoratore iscritto alla Fiom”. Allo stato attuale, infatti, calcolano le tute blu della Cgil, “su 2.200 lavoratori assunti nessuno è iscritto alla Fiom”.
Il Lingotto non ha commentato nel merito la sentenza ma entro trenta giorni presenterà ricorso.

Fornero “Improprio
commentare”
Secondo il ministro del Lavoro, Elsa Fornero, è “improprio” commentare la notizia senza aver letto il dispositivo della sentenza. “Direi che mi pare di dovermi attenere alla buona pratica secondo cui, prima di commentare, bisogna vedere il dispositivo – ha detto ai giornalisti a Lussemburgo – Ho visto solo un’agenzia, non so neanche quanti lavoratori siano coinvolti. E’ improprio commentare così a caldo questa notizia”.
“Non conosco la sentenza ma è qualcosa di cui tener conto’’ ha osservato il ministro dello Sviluppo Economico e delle Infrastrutture, Corrado Passera.

Fiom: “La Fiat divide
sindacati e lavoratori”
“La sentenza sana una ferita ma non risolve i problemi complessivi aperti perché come vengono garantite le tutele e i diritti dei lavoratori a Pomigliano devono essere garantiti in tutti gli stabilimenti Fiat”, sottolinea il segretario generale della Fiom, Maurizio Landini, che si rivolge quindi a governo e forze politiche perché “garantiscano i diritti sanciti dalla Costituzione a qualsiasi livello”.
Per il segretario nazionale della Fiom, Giorgio Airaudo, “oggi si è ricostruito il diritto dei lavoratori di Pomigliano di scegliere liberamente il sindacato che vogliono e di non essere discriminati o selezionati nell’assunzione in base alla tessera sindacale che hanno. Oggi si è riaffermato il diritto civile e democratico e Fiat ha sbagliato e perso tempo, che avrebbe potuto dedicare a nuovi prodotti e alle vendite, a dividere i sindacati e i lavoratori. Il consenso – conclude – non si costruisce con l’autoritarismo”.
Di “buona notizia’’ in merito alla sentenza parla la leader Cgil, Susanna Camusso. Dimostra come siano “inaccettabili le scelte di Fiat” e il suo “modello autoritario che vuole cancellare il sindacato in ragione della critica al suo modello organizzativo”.

Vendola: “Marchionne
discrimina”
“Ancora una volta un tribunale sanziona lo stile discriminatorio della Fiat di Sergio Marchionne. La violazione di diritti fondamentali dei lavoratori non è compatibile con la democrazia e con la modernità”, scrive su Twitter Nichi Vendola, presidente di Sinistra Ecologia Libertà.
Mentre per Giuseppe Berta, professore alla Bocconi e uno dei massimi esperti di Fiat, la sentenza su Pomigliano “ha una indubbia efficacia simbolica” e “poche chances di applicazione pratica”, ma “può aumentare la spinta al disimpegno” di Fiat in Italia.

Idv: “La Fiat è il far west dell’industria”
ROMA – “La Fiat non può più sottrarsi ai propri doveri, deve assumere 145 lavoratori a Pomigliano ma anche reintegrare subito Barozzino, Lamorte e Pignatelli ancora tenuti fuori dallo stabilimento di Melfi. Il Tribunale di Roma sancisce ancora una volta le condotte antisindacali di Marchionne: gli iscritti Fiom non vengono assunti, oppure, come in Basilicata, subiscono licenziamenti ingiustificati. Il Lingotto si conferma il far west dell’industria, le leggi vengono sistematicamente calpestate e, anche dopo le sentenze di condanna, si continuano a negare i diritti dei lavoratori’’. Lo dichiara il Presidente dei Senatori Idv, Felice Belisario. “Il Ministro Fornero intervenga per tutelare l’occupazione e garantire giustizia ai dipendenti Fiat. Invece di servire su un piatto d’argento lo smantellamento dell’articolo 18, il Governo – conclude – convochi i vertici dell’azienda e imponga il rispetto della Costituzione e degli impegni sul fronte degli investimenti’’.

Ultima ora

22:21Savoia: spoglie regina Elena tornano in Italia dopo 65 anni

(ANSA) - MONDOVI' (CUNEO), 15 DIC - Torna in Italia la salma della regina Elena di Savoia. Le spoglie della moglie di Vittorio Emanuele III, penultima Regina d'Italia, sono state trasferite oggi da Montpellier, dove è morta nel 1952 a 79 anni, al Santuario di Vicoforte, vicino a Mondovì, nel Cuneese. A darne notizia è stata la nipote Maria Gabriella di Savoia, che esprime "profonda gratitudine" al presidente Sergio Mattarella, "che fattivamente propiziò la traslazione della salma". Il trasferimento è avvenuto in gran segreto. Il Santuario già nelle intenzioni del duca Carlo Emanuele I di Savoia, a inizio Seicento, doveva diventare il mausoleo della Casa reale. Non è escluso che nelle prossime settimane qui vengano traslate anche le spoglie di Vittorio Emanuele III, morto in esilio il 28 dicembre di settant'anni fa ad Alessandria d'Egitto, dove è tuttora sepolto. "Confido che il ritorno in Patria della Salma di Elena, concorra alla composizione della memoria nazionale", è l'auspicio di Maria Gabriella.(ANSA).

21:57Salvini, Cav non è candidabile e non può fare il premier

(ANSA) - ROMA, 15 DIC - "Se la Lega prende un voto in più rispetto agli altri alleati è chiaro che sono io il premier, Berlusconi non è candidabile quindi non può essere premier. Una cosa che voglio dire è che chi vota Lega non vota governi di inciuci e questo Berlusconi lo deve aver chiaro...". Lo afferma il leader della Lega Matteo Salvini a "Zapping" su Radio1 Rai.

21:53Germania: nuovo aeroporto ‘Ber’ aprirà ad ottobre 2020

(ANSA) - BERLINO, 15 DIC - Il nuovo aeroporto della capitale tedesca 'BER', dopo ripetuti ritardi, dovrebbe entrare in funzione ad ottobre 2020. Lo ha comunicato il numero uno del consiglio di sorveglianza, Rainer Bretschneider, oggi a Berlino. I lavori sono cominciati nel 2006 e l'aeroporto avrebbe dovuto entrare in attività nel 2011. Ma i ritardi si sono accumulati e i costi sono lievitati da 2 a 6,5 mld, fino all'ultimo piano finanziario previsto per la primavera del 2018.

21:41Calcio: Fassone,no a strategie per ridurre valore Donnarumma

(ANSA) - MILANO, 15 DIC - "Nessuno pensi di adottare strategie per far sì che Donnarumma possa essere ceduto a valori di mercato inferiori rispetto al suo reale valore. A gennaio non abbiamo intenzione di fare nuovi acquisti e non abbiamo necessità di cassa". Così l'ad del Milan Marco Fassone, in un video sul sito del club, commenta le voci sul futuro del portiere, dopo il botta e risposta tra il ds Mirabelli e Mino Raiola. "Donnarumma è un patrimonio umano, tecnico ed economico del club. Siamo qui per tutelarlo e non c'è nessuna volontà di cederlo - aggiunge il dirigente - Mi ha fatto piacere la sua dichiarazione distensiva, ha confermato che non c'è stata nessuna forzatura. Oggi l'ho visto più sereno. Se sarà lui a dirci che vorrà andar via, saremo aperti a valutare le offerte".

21:07Terremoti: sisma 6.5 su costa Java, in Indonesia

(ANSA) - ROMA, 15 DIC - Un sisma di magnitudo 6.5 è stato registrato sulla costa di Java, in Indonesia e si sontano un numero imprecisato di vittime. Lo riferisce l'Usgs americano. Le autorità indonesiane hanno emesso un'allerta tsunami. L'epicentro del sisma è stato localizzato a 92 chilometri di profondità, 50 km a sudovest della città di Tasikmalaya. Il portavoce dell'agenzia locale per il contenimento dei disastri, Sutopo Purwo Nugroho, ha riferito di alcuni edifici danneggiati nell'area ovest dell'isola. Nugroho ha aggiunto che il sisma è stato sentito per 20 secondi nella capitale Giacarta ed in altre città e villaggi di Giava.

20:59Milan:Fassone, richieste Uefa impossibili per chiunque

(ANSA) - MILANO, 15 DIC - ''La Uefa ci ha chiesto due cose impossibili, non solo per noi ma per qualunque club che si trova nelle condizioni del Milan''. Così l'ad Marco Fassone spiega, con un video sul sito del club, perché l'Uefa ha negato al Milan la richiesta di Voluntary Agreement. ''L'Uefa - aggiunge Fassone - ci ha chiesto di completare prima il rifinanziamento del debito con Elliott e di fornire garanzie per dimostrare la capacità della proprietà di sostenere le perdite del club con un deposito. La nostra documentazione era sufficiente''.

20:44Nuoto: Europei, bronzo di Dotto nei 50 stile libero

(ANSA) - ROMA, 15 DIC - Bronzo di Luca Dotto nei 50 metri stile libero agli Europei di nuoto in vasca corta di Copenhagen, con il tempo di 20"78. L'oro è andato al russo Vladimir Morozov (20"31), l'argento al britannico Benjamin Proud (20"66). Ottavo ed ultimo tempo della finale per Marco Orsi.

Archivio Ultima ora