Casini: “Sì all’asse progressisti-moderati”

Pubblicato il 25 giugno 2012 da redazione

ROMA – La barca di Casini-Ulisse sembra aver superato definitivamente gli scogli delle sirene berlusconiane e, dopo mesi di navigazione incerta, punta dritta ad “un patto tra progressisti e moderati per governare l’Italia” del dopo Monti. “Ognuno vede che questo è un passo importante, politicamente di grande rilievo”, accoglie il segretario del Pd Pierluigi Bersani, come Pier Ferdinando Casini convinto che sia reale il rischio di elezioni ad ottobre, e forse proprio per questo già pronto alle grandi manovre insieme al leader Udc. La sortita dei centristi manda in fibrillazione il Pdl e scatena le critiche dei dipietristi. Dalla sinistra partono le bordate contro il Pd. Gennaro Migliore, esponente di Sel, se la prende con i democratici definendo un possibile accordo con i centristi come una ‘alchimia’ sulle spalle del Paese.

Il ritorno al centro della scena di Silvio Berlusconi, autocandidatosi a guidare ancora i moderati, fa dunque rompere gli indugi a Casini, che finalmente sceglie. “Berlusconi è tornato a dare le carte e a spingere il Pdl verso la solita deriva dl populismo – è la riflessione del leader Udc – Ero sicuro che sarebbe finita così. E’ la risposta a chi mi accusava di non fare una proposta per un grande partito dei moderati”.

Ecco quindi la virata di ieri verso il Pd, “per creare un asse tra progressisti e moderati, necessario a governare l’Italia, come capiscono anche tanti moderati del Pdl”. Casini promette che “ci sarà una nuova offerta politica alle prossime elezioni”. Un progetto che (all’insegna di una ricostruzione responsabile del Paese, stile dopoguerra) nelle intenzioni del leader Udc potrebbe includere Montezemolo, Passera, Fini, lo stesso Monti, pezzi di società civile, mondo del lavoro, associazioni, volontariato. In un quadro politico del tutto nuovo.

Ovvio che la pubblica manifestazione di intenti scateni reazioni di segno opposto. “Credo diventi sempre più evidente, in Italia e non solo, che il problema sia quello di costruire un patto tra le forze riformiste e democratico-costituzionali contro una destra che inevitabilmente viene risucchiata da tentazioni populistiche – osserva Bersani -. E’ la logica delle cose che porta a un patto di questo genere”. Generale anche il plauso di Fli (vicina alla Assemblea Nazionale di sabato, dove Fini, che era al corrente della posizione di Casini che ha sentito anche ieri, darà una precisa direzione di marcia), che da tempo chiedeva a Casini di prendere con coraggio le distanze da un Pdl ancora a guida berlusconiana. La via intrapresa da Casini ieri mette d’accordo le diverse anime di Fli e non è un caso che, da Bocchino a Della Vedova, il consenso sia unanime. Comprensibile invece la fibrillazione nel Pdl, che per Casini “è a un passo dalla confusione ed oscilla tra la proposta di uscire dall’euro e la manifestazione di ogni sentimento possibile a Monti”. Casini parla infatti di un patto tra moderati e progressisti in Italia, sulla falsa riga di quello che in Europa lega le famiglie del Ppe e del Pse, “per affrontare un’emergenza che è destinata a durare ancora a lungo”.

Ma per Fabrizio Cicchitto, presidente dei deputati Pdl “altro conto è teorizzare un patto fra progressisti e moderati che, escludendo pregiudizialmente il Pdl, sarebbe solo la riproposizione del centro-sinistra classico, con Casini al posto di Prodi”. “Non si vede come possa Casini orientarsi nella direzione della sinistra più vecchia. Se lo farà, sarà un errore esiziale”, avverte il portavoce del Pdl Daniele Capezzone, mentre da Maria Stella Gelmini ad Altero Matteoli a Gianfranco Rotondi, il Pdl critica la scelta di Casini. Ed accende, con Osvaldo Napoli, i riflettori sulle ambizioni del leader Udc: “Casini ha iniziato la sua rincorsa lunga per il Quirinale”.

Ultima ora

21:27Calcio: Mondiale club,2-1 all’Al Jazira e R.Madrid in finale

(ANSA) - ROMA, 13 DIC - Il Real Madrid vince 2-1 contro i padroni di casa dell'Al Jazira di Abu Dhabi e stacca il biglietto per la finale del Mondiale per club di sabato, dove affronterà i brasiliani del Gremio Porto Alegre, campioni in carica del Sudamerica.

21:23Gerusalemme: sirene di allarme nel sud di Israele

(ANSAmed) - TEL AVIV, 13 DIC - Le sirene di allarme anti missili sono risuonate poco fa nel sud di Israele, nella zona della cittadina di Sderot non lontano dalla Striscia. Lo conferma l'esercito, citato dai media. Secondo questi ultimi ci sarebbe stato almeno un razzo dalla Striscia intercettato dall'Iron Dome.

21:15‘Boicotta Espresso’, ma blitz Forza Nuova fallisce a Torino

(ANSA) - TORINO, 12 DIC - Avevano in programma un'azione dimostrativa sotto la redazione torinese del quotidiano La Repubblica, simile a quella effettuata a Roma lo scorso 6 dicembre, i militanti di Forza Nuova che ieri sono stati fermati dalla polizia a Torino. Gli investigatori della Digos hanno intercettato il corteo, non autorizzato, prima che arrivasse in via Lugaro, sede del giornale, e i manifestanti si sono allontanati. Secondo quanto appreso, l'intenzione di Forza Nuova era quella di appendere uno striscione con la scritta 'Boicotta il Gruppo Espresso'. (ANSA).

21:12Calcio: 3-2 alla Sampdoria, Fiorentina ai quarti

(ANSA) - FIRENZE, 13 DIC - La Fiorentina ha battuto 3-2 la Sampdoria negli ottavi di Coppa Italia. Nei quarti affronterà la vincitrice di Lazio-Cittadella, in programma domani sera allo stadio Olimpico di Roma. Viola in vantaggio già al 2' grazie a Babacar. Il pareggio ligure lo firma Barreto a cinque minuti dall'intervallo. Nella ripresa l'arbitro Rosario Abisso, di Palermo, diventa protagonista fischiando tre rigori, due con l'ausilio della Var. Il primo lo trasforma Veretout, il secondo - quello del 2-2 - è opera di Ramirez al 32'. Al 90' ancora Veretout sul dischetto. Il francese non sbaglia battendo Puggioni con grande freddezza. Per la Samp anche un clamoroso palo colpito da Caprari su punizione.

21:10Calcio: Baldissoni “Roma patrimonio collettività,è una fede”

(ANSA) - ROMA, 13 DIC - "La storia della Roma ha un inizio, ma è senza fine. Questa squadra è patrimonio di una collettività e racchiude il capitale emotivo di una comunità. Parliamo di una storia che si aggiorna quotidianamente, perché le emozioni non muoiono mai. La Roma è una fede, una famiglia, è parte di tutti noi e lo sarà per sempre". Così il dg della Roma, Mauro Baldissoni, nel corso della presentazione del libro 'Dimmi cos'è', pubblicato per celebrare i 90 anni del club giallorosso. Il volume, a cura di Tonino Cagnucci e Luca Pelosi (casa editrice Skira), ripercorre la storia della Roma con illustrazioni, disegni d'autore, fotografie inedite. "Da quando è arrivata la nuova proprietà è stato creato un dipartimento dedicato all'archivio storico. Abbiamo fatto un lavoro incessante negli anni, recuperato e organizzato centinaia di migliaia di documenti, foto e oggetti - sottolinea Baldissoni -. Questo grande sforzo di raccolta è stato ora messo su carta, è fruibile da tutti e ne siamo estremamente orgogliosi".

21:09Uccise ladro: condannato a nove anni e quattro mesi

(ANSA) - BRESCIA, 13 DIC - La Corte d'Assise di Brescia ha condannato a 9 anni e 4 mesi per omicidio volontario Mirco Franzoni, il 33enne che la sera del 14 dicembre 2013 a Serle, nel Bresciano, uccise in strada con un colpo di fucile ravvicinato il ladro di origine albanese Eduard Ndoj, che era entrato nell'abitazione del fratello. Il pm aveva chiesto 16 anni, sempre per omicidio volontario.

20:59Nuoto: Europei 25 metri, Scozzoli vince l’oro nei 50 rana

(ANSA) - ROMA, 13 DIC - Due medaglie per l'Italia nella prima giornata di gare dei campionati europei di nuoto in vasca da 25 metri, in corso a Copenaghen. L'azzurro Fabio Scozzoli ha chiuso al primo posto la gara dei 50 rana con il tempo di 25"62, nuovo record europeo, che sottrae dieci centesimi al limite che lui stesso aveva stabilito nel 2013 in coppa del mondo a Berlino. Ha preceduto il russo Kirili Progoda, medaglia d'argento, e il britannico Adam Peaty, bronzo. La seconda medaglia è d'argento, conquistata dagli staffettisti della 4x50 stile libero. Luca Dotto, Lorenzo Zazzeri, Alessandro Miressi e Marco Orsi hanno chiuso in 1'23''67, dietro ai russi che si impongono in 1'23''23.

Archivio Ultima ora