Merkel: “No al debito condiviso” e le borse vanno in picchiata

Pubblicato il 25 giugno 2012 da redazione

BERLINO – Basta con eurobond ed espedienti simili, torniamo a parlare dei controlli e delle riforme. A pochi giorni dal decisivo vertice europeo, Angela Merkel abbatte le aspettative generali, gela i mercati e frena il suo ministro dell’Economia Schauble che paventa l’ipotesi di un referendum per cedere più poteri a Bruxelles. Ma i ‘nein’ della Merkel aggravano il peso di una situazione dell’Eurozona sempre più seria: Madrid ha fatto richiesta ufficiale di aiuti e anche Cipro ha lanciato l’sos al fondo salva-Stati europeo.

E mentre gli spread salgono, Piazza Affari è maglia nera d’Europa (-4,02%) e Wall Street paga l’incertezza del Vecchio Continente, Obama chiama Monti per informarsi sull’andamento della preparazione del vertice, “seguendo con attenzione l’impegno del Governo italiano per facilitare il consenso in Europa sulle politiche per la crescita”.

Lamentele tedesche
Tecnica di gestione della crisi, modello Merkel: tre giorni dopo il quadrilaterale di Roma, tre giorni prima del Consiglio europeo di Bruxelles, Merkel si lamenta apertamente dell’insistenza con cui diversi governi europei chiedono meccanismi di condivisione del debito.

L’effetto è immediato su borse e spread (fra bund e btp schizza a 450 punti). In uno scenario molto mosso, con una improvvisa visita di Mario Draghi all’Eliseo (90 minuti di colloquio con il massimo riserbo sui contenuti), il declassamento di Cipro da parte di Moody’s e la richiesta dell’isola degli aiuti al fondo di salvataggio europeo, proprio nel giorno in cui arriva quella di Madrid all’Eurogruppo, la Bundeskanzlerin ostenta decisione, usando un registro più personale del solito. “Lo dico apertamente – ha detto alla conferenza sullo Sviluppo sostenibile -, quando penso al Consiglio di giovedì mi preoccupa che si parlerà assolutamente troppo di tutti i possibili modi per condividere il debito, e troppo poco di migliorare i controlli e di misure strutturali”.

Berlino: “Eurobond controproducenti”
Non è la prima volta che la Bundeskanzlerin sminuisce le elaborazioni di chi vorrebbe arginare la corsa al rialzo dei tassi dei titoli dei Paesi attaccati dalla speculazione: “Ritengo il discorso su eurobond, eurobill, garanzie di condivisione del debito e molto altro, oltre che non compatibile con la nostra costituzione, sbagliato e controproducente dal punto di vista economico”. Che il destinatario di queste parole sia Monti, col quale la stampa tedesca ormai sottolinea ogni giorno le distanze – oggi SZ intitola ‘la Merkel contro Monti’ – é fin troppo evidente. E’ infatti il presidente del Consiglio ad insistere sulla necessità di uno scivolo antispread.

Ma seppure divergenti su alcuni rimedi anticrisi, Merkel e Monti sono ancora in sintonia, tanto che ieri da Berlino è arrivato un nuovo segnale di fiducia al premier: l’esecutivo “è convinto che il governo di Mario Monti possa far superare bene i problemi all’Italia”, ha detto Martin Kotthaus, portavoce del ministro Wolfgang Schaeuble. Ma la strada indicata è sempre la stessa: “Controllo e responsabilità devono essere bilanciate”. Merkel insiste sull’unione politica, dicendo di guardare lontano. Salvo a frenare poi il suo ministro, Schaeuble, che ha ventilato l’ipotesi di un referendum per cambiare la costituzione tedesca e cedere più potere a Bruxelles nei prossimi anni. Anche questo – chiarisce Berlino – non è certo un progetto a breve termine.

Agenda Monti
In Italia, sui temi dell’agenda europea, oggi, il presidente del Consiglio Mario Monti incontrerà il leader del Pdl Silvio Berlusconi, il segretario del partito Angelino Alfano e Gianni Letta.

Sempre oggi è fissato l’incontro tra Monti e il segretario del Pd Pier Luigi Bersani, il quale poco prima aveva affidato a una battuta calcistica l’impegno del presidente del Consiglio a Bruxelles: “Segni un gol come Pirlo”.
Ieri mattina il capo dello Stato Giorgio Napolitano ha ricevuto Monti accompagnato dal ministro per le Politiche europee Enzo Moavero, il vice ministro dell’Economia Vittorio Grilli, il sottosegretario agli Esteri Marta Dassù. Nel corso dell’incontro sono stati affrontati i principali temi dei quali si parlerà a Bruxelles.

Ultima ora

21:27Calcio: Mondiale club,2-1 all’Al Jazira e R.Madrid in finale

(ANSA) - ROMA, 13 DIC - Il Real Madrid vince 2-1 contro i padroni di casa dell'Al Jazira di Abu Dhabi e stacca il biglietto per la finale del Mondiale per club di sabato, dove affronterà i brasiliani del Gremio Porto Alegre, campioni in carica del Sudamerica.

21:23Gerusalemme: sirene di allarme nel sud di Israele

(ANSAmed) - TEL AVIV, 13 DIC - Le sirene di allarme anti missili sono risuonate poco fa nel sud di Israele, nella zona della cittadina di Sderot non lontano dalla Striscia. Lo conferma l'esercito, citato dai media. Secondo questi ultimi ci sarebbe stato almeno un razzo dalla Striscia intercettato dall'Iron Dome.

21:15‘Boicotta Espresso’, ma blitz Forza Nuova fallisce a Torino

(ANSA) - TORINO, 12 DIC - Avevano in programma un'azione dimostrativa sotto la redazione torinese del quotidiano La Repubblica, simile a quella effettuata a Roma lo scorso 6 dicembre, i militanti di Forza Nuova che ieri sono stati fermati dalla polizia a Torino. Gli investigatori della Digos hanno intercettato il corteo, non autorizzato, prima che arrivasse in via Lugaro, sede del giornale, e i manifestanti si sono allontanati. Secondo quanto appreso, l'intenzione di Forza Nuova era quella di appendere uno striscione con la scritta 'Boicotta il Gruppo Espresso'. (ANSA).

21:12Calcio: 3-2 alla Sampdoria, Fiorentina ai quarti

(ANSA) - FIRENZE, 13 DIC - La Fiorentina ha battuto 3-2 la Sampdoria negli ottavi di Coppa Italia. Nei quarti affronterà la vincitrice di Lazio-Cittadella, in programma domani sera allo stadio Olimpico di Roma. Viola in vantaggio già al 2' grazie a Babacar. Il pareggio ligure lo firma Barreto a cinque minuti dall'intervallo. Nella ripresa l'arbitro Rosario Abisso, di Palermo, diventa protagonista fischiando tre rigori, due con l'ausilio della Var. Il primo lo trasforma Veretout, il secondo - quello del 2-2 - è opera di Ramirez al 32'. Al 90' ancora Veretout sul dischetto. Il francese non sbaglia battendo Puggioni con grande freddezza. Per la Samp anche un clamoroso palo colpito da Caprari su punizione.

21:10Calcio: Baldissoni “Roma patrimonio collettività,è una fede”

(ANSA) - ROMA, 13 DIC - "La storia della Roma ha un inizio, ma è senza fine. Questa squadra è patrimonio di una collettività e racchiude il capitale emotivo di una comunità. Parliamo di una storia che si aggiorna quotidianamente, perché le emozioni non muoiono mai. La Roma è una fede, una famiglia, è parte di tutti noi e lo sarà per sempre". Così il dg della Roma, Mauro Baldissoni, nel corso della presentazione del libro 'Dimmi cos'è', pubblicato per celebrare i 90 anni del club giallorosso. Il volume, a cura di Tonino Cagnucci e Luca Pelosi (casa editrice Skira), ripercorre la storia della Roma con illustrazioni, disegni d'autore, fotografie inedite. "Da quando è arrivata la nuova proprietà è stato creato un dipartimento dedicato all'archivio storico. Abbiamo fatto un lavoro incessante negli anni, recuperato e organizzato centinaia di migliaia di documenti, foto e oggetti - sottolinea Baldissoni -. Questo grande sforzo di raccolta è stato ora messo su carta, è fruibile da tutti e ne siamo estremamente orgogliosi".

21:09Uccise ladro: condannato a nove anni e quattro mesi

(ANSA) - BRESCIA, 13 DIC - La Corte d'Assise di Brescia ha condannato a 9 anni e 4 mesi per omicidio volontario Mirco Franzoni, il 33enne che la sera del 14 dicembre 2013 a Serle, nel Bresciano, uccise in strada con un colpo di fucile ravvicinato il ladro di origine albanese Eduard Ndoj, che era entrato nell'abitazione del fratello. Il pm aveva chiesto 16 anni, sempre per omicidio volontario.

20:59Nuoto: Europei 25 metri, Scozzoli vince l’oro nei 50 rana

(ANSA) - ROMA, 13 DIC - Due medaglie per l'Italia nella prima giornata di gare dei campionati europei di nuoto in vasca da 25 metri, in corso a Copenaghen. L'azzurro Fabio Scozzoli ha chiuso al primo posto la gara dei 50 rana con il tempo di 25"62, nuovo record europeo, che sottrae dieci centesimi al limite che lui stesso aveva stabilito nel 2013 in coppa del mondo a Berlino. Ha preceduto il russo Kirili Progoda, medaglia d'argento, e il britannico Adam Peaty, bronzo. La seconda medaglia è d'argento, conquistata dagli staffettisti della 4x50 stile libero. Luca Dotto, Lorenzo Zazzeri, Alessandro Miressi e Marco Orsi hanno chiuso in 1'23''67, dietro ai russi che si impongono in 1'23''23.

Archivio Ultima ora