Azzurre fuori dal torneo di Wimbledon

LONDRA – Lunedì nero a Wimbledon per il tennis italiano con tre sconfitte agli ottavi: escono di scena Francesca Schiavone, Roberta Vinci e Camila Giorgi, le ultime azzurre in tabellone.

Dopo due ore e39’minuti di gioco Francesca Schiavone si arrende alla vincitrice dello scorso anno Petra Kvitova (4-6 7-5 6-1). Vinto il primo set l’azzurra è andata al servizio sul punteggio di 6-5 per la ceca quando avrebbe dovuto chiedere la sospensione del match per pioggia. Subito il break, e perso il set, nel terzo non si è più ritrovata.

“Sono addolorata perché so come sto giocando e ci tenevo tantissimo questo match – le parole della milanese -. Era una partita importante per me al di là del momento del torneo perché sto ritrovando le giuste sensazioni. Ho sbagliato a non impormi con il giudice di sedia quando ha cominciato a piovere, bisognava sospendere il match”.

A fine mese di nuovo a Londra per le Olimpiadi. “Ritornerò a Londra con desideri e sogni. Perché ho piena fiducia nel mio gioco”, la promessa della Schiavone. Un doppio 6-2 inpoco più di un’ora è la severa lezione che subisce Roberta Vinci contro Tamira Paszek. Un match a senso unico nel quale la tarantina non ha avuto la forza di incidere. “Lei ha giocato benissimo ma io sarei dovuta essere più aggressiva – l’analisi della Vinci -. Sono scesa in campo un po’ tesa, fin da subito non ho sentito le giuste sensazioni. Ovviamente la delusione è tanta ma voglio guardare le cose positive di questo torneo perché ho comunque giocato tre buoni match”.

Finisce tra le lacrime la favola di Camila Giorgi: troppo forte la numero tre del mondo Agnieszka Radwanska. La 21/enne di Macerata salva un primo match point ma un doppio fallo decreta la fine della sua corsa sui prati londinesi (6-2 6-3). “Ho giocato una partita orribile – il severo giudizio della Giorgi -. Lei è molto forte ma io potevo giocare meglio invece ho commesso tantissimi errori. Sono molto delusa e negli spogliatoi ho pianto. Riparto però con la consapevolezza di essere entrata nelle top-100 (da lunedì prossimo sarà numero 92, ndr) e sono sicura che salirò ancora di più”.

Tra i favoriti, vince in quattro set Roger Federer, opposto al belga Xavier Malisse (7-6 6-1 4-6 6-3), ma nel primo set deve ricorrere alle cure mediche per un dolore alla schiena. Nei quarti lo svizzero, alla 850ª vittoria in carriera, troverà il russo Mikhail Youzny, impostosi nella maratona contro Denis Istomin (6-3 5-7 6-4 6-7 7-5).

Nel tabellone femminile sorprende l’eliminazione della numero uno al mondo Maria Sharapova, sconfitta in due set dalla tedesca Sabine Lisicki (64 63), mentre fatica, ma vince, Serena Williams contro la kazaka Yaroslava Shvedova (6-1 2-6 7-5).

Condividi: