Prandelli: “Italia è un paese vecchio servono idee nuove”

Pubblicato il 02 luglio 2012 da redazione

CRACOVIA – L’utile sconfitta finale della nazionale è comunque una vittoria di Cesare Prandelli. L’unico cruccio tecnico dell’incredibile avventura azzurra – ferite per le accuse sulla convocazione del figlio Niccolò a parte – è “non aver avuto più coraggio a cambiare qualcuno nella finale contro la Spagna”. Con la delusione per lo 0-4 ancora viva, il commissario tecnico della rifondazione rivendica però per la sua nazionale un ruolo ben al di là del calcio.

“La vittoria avrebbe fatto bene a tutti, ma avrebbe tolto equilibrio a tanti. Non siamo ancora pronti per vincere: dobbiamo lavorare per esserlo, e allora vinceremo e rivinceremo. Viviamo in un Paese vecchio, e molte cose vanno cambiate. Per farlo servono le idee – dice salutando la Polonia, diretto verso gli applausi dell’arrivo e l’abbraccio di Napolitano – Sono convinto, è possibile. E se questa nazionale può andare più veloce dell’Italia, se può esserle d’esempio, perché no? Spesso il calcio è un veicolo di cambiamento”.

Piena sintonia con Napolitano, e in controtendenza con antiche impronte genetiche. C’é stato un punto in cui Prandelli ha pensato di abbandonare “il progetto”. Poi si è confrontato con “Abete, Albertini e Valentini, per capire se davvero ci credevamo: mi hanno detto sì”, e ha deciso di restare. “In questo mese penso di aver dimostrato che so fare bene il mio lavoro, ma non sono un politico, spetta alla federazione cambiare una situazione in cui della nazionale non interessa niente a nessuno – la spiegazione – La vittoria avrebbe fatto bene, ma avrebbe tolto equilibrio. Ora dobbiamo avere il coraggio di proseguire, non possiamo fare due passi avanti e tre indietro. Io non posso allenare una volta ogni otto mesi, così mi chiedo che senso ha? Così non sono capace. E se tra sei mesi la situazione sarà la stessa, qualche riflessione la farò”.

Mentre Abete tuona contro la Lega calcio (“mi piace il presidente quando ha questa determinazione”) e Albertini rivendica il progetto di seconde squadre per i giovani, a Prandelli e al suo staff verranno dati poteri più ampi, estesi alle giovanili. Per uscire dal lungo tunnel del calcio italiano. Bisogna fare i conti con l’età di Pirlo e il rischo che smetta (“spero arrivi al Mondiale 2014, ha doti e voglia per farlo”), trovare nuovi azzurri per il passo di addio di una generazione. Ma la risposta più importante è quella dei club.

“Non c’erano presidenti alla finale? Vedrete, verranno. Io non detto condizioni, ma non mi piace vedere oggi tutti patrioti, e domani… Il 15 agosto abbiamo un’amichevole con l’Inghilterra: la finale di SuperCoppa dell’11 dove è stata fissata?”. A Pechino. Lontano migliaia di chilometri dall’entusiasmo di questi giorni. “Ho rivisto il percorso di questo Europeo, possiamo essere tutti orgogliosi. Siamo partiti senza prospettive, abbiamo fatto sognare la gente. E’ stato straordinario. Abbiamo creato un calcio propositivo, ridato un’immagine”. “La nostra dote migliore – confida ancora – è la generosità. Siamo venuti qui per la gente. E i giorni più belli sono stati quelli passati con Don Ciotti o ad Auschwitz”. Per questo le critiche che hanno fatto male non sono state quelle tecniche.

“Accetto tutto, tranne la critica usata come violenza. Quando ho fatto le convocazioni – dice togliendosi il sassolino annunciato – è stato messo in risalto solo la convocazione di mio figlio Niccolò: è un professionista, i giocatori gli hanno riconosciuto capacità nei recuperi, oggi sarà in ritiro con il Parma. Non ha fatto un giorno di ferie per esserci: e allora perché attaccare le persone? Ecco quel che davvero mi ha ferito”.

Confessa di aver avuto “pensieri non belli” fino a pochi minuti prima di lasciare Cracovia, poi l’ennesimo applauso della sala stampa – benché sconfitto – “mi ha riconciliato delle amarezze di questo periodo”. Tra le quali non c’é quella di aver perso la finale: “Dobbiamo riconoscere la loro superiorità, la Spagna ha un progetto che viene da lontano – ricorda a tutti – Noi siamo più frenetici, più isterici. Ma c’é gente brava in giro, e tanto lavoro da valorizzare”. “In questo mese sono stato bravo a isolarmi, a pensare con la mia testa – la conclusione di Prandelli – Cosa potevo fare meglio? Eravamo stanchissimi, avrei dovuto cambiare qualcuno nella finale. Ma sarebbe stata una mancanza di rispetto per chi mi aveva portato in finale”. Fino al paradosso della sconfitta più applaudita nella storia del calcio italiano.

Ultima ora

10:58Tornano gli Italian sport awards, Immobile fra i premiati

(ANSA) - ROMA, 14 DIC - Ritornano gli Italian sport awards, i premi ai calciatori italiani protagonisti della stagione 2016/17. Appuntamento lunedì a Cappacio-Paestum (Sa). L'evento, ideato da Donato Alfani è giunto alla 7/a edizione e si è contraddistinto come uno dei riconoscimenti più importanti nel panorama nazionale, tanto da ricevere il patrocinio di Coni e Figc. Tanti gli ospiti presenti alla serata di gala: per la Serie A incetta di premi per la Lazio, con Immobile, Parolo e Inzaghi. Premiati anche Cordaz, Nalini, il tecnico Rastelli, il ds Zamagna dell'Atalanta, l'arbitro Rocchi. Grande spazio anche alla Serie B, con i premi ad Amato Ciciretti, Coda, Dionisi, Soddimo, Favilli, oltre agli allenatori Semplici e Bucchi, protagonisti con Spal e Perugia, all'arbitro Manganiello. Tanti anche i premi destinati ai club di Serie C e D. "Siamo alla 7/a edizione e questo è già motivo d'orgoglio - dice Alfani -. Vorrei ringraziare tutti i membri della giuria che hanno supportato questo format".

10:48Auto: Profeta va all’assalto della Ronde di Sperlonga

(ANSA) - ROMA, 14 DIC - Tradizionale impegno di fine anno per il pilota palermitano Alessio Profeta che, nel prossimo week-end, sarà al via della 9/a Ronde di Sperlonga (Lt). Il ventunenne portacolori della scuderia Island motorsport sarà al volante della Peugeot 208 in configurazione R5, coadiuvato dalla conterranea Jessica Miuccio. L'affiatato equipaggio isolano, già sfortunato protagonista nella Ronde di Gioiosa Marea (Me) di pochi giorni addietro (archiviata anzitempo per l'afflosciamento della gomma anteriore sinistra, dovuto a un brusco 'atterraggio' subito dopo un salto quasi a fine tracciato), punterà a un piazzamento di rilievo, pur consapevole di doversi confrontare con alcuni tra i migliori interpreti nazionali della disciplina. Per Profeta si tratterà della seconda partecipazione consecutiva alla gara laziale, dopo un esordio degno di nota all'edizione 2016, contrassegnato dall'11/a piazza assoluta e, in quell'occasione, per la prima volta alla guida della Ford Fiesta R5. La manifestazione si aprirà sabato 16 dicembre.

10:48Calcio: Copa Sudamericana, vincono argentini Independiente

(ANSA) - SAN PAOLO (BRASILE), 14 DIC - Gli argentini dell'Independiente hanno vinto la Copa Sudamericana, secondo trofeo più prestigioso del Sud America (paragonabile a un'Europa League sudamericana). Un pareggio ieri sera per 1-1 con i brasiliani del Flamengo a Rio de Janeiro ha regalato agli argentini una vittoria per 3-2 nel risultato complessivo e il loro secondo titolo nella competizione. Il titolo riporta un certo orgoglio all'Independiente, dopo che la squadra di Buenos Aires è stata retrocessa nel suo campionato nazionale nel 2013.

10:39Sci: Cortina 2021, siglati protocolli antimafia

(ANSA) - BELLUNO, 14 DIC - Una 'lente d'ingrandimento' sulle vicende societarie delle imprese esecutrici e un controllo coordinato dei cantieri: sono gli strumenti principali previsti nelle due intese sottoscritte in Prefettura a Belluno per prevenire le infiltrazioni mafiose nel settore degli appalti legati all'organizzazione dei Mondiali di sci alpino di Cortina nel 2021. Il progetto è articolato su due accordi che consentiranno di rendere più efficace la prevenzione da indebite ingerenze della criminalità organizzata nell'esecuzione delle opere pubbliche. Il primo consentirà di disporre di un quadro informativo completo sulle ditte appaltatrici, il secondo di prevenire tentativi di infiltrazione della criminalità organizzata nelle opere rientranti nel "Piano straordinario per l'accessibilità a Cortina 2021".

10:24Gerusalemme: fonti, rinviata visita Mike Pence

(ANSAmed) - TEL AVIV, 14 DIC - La visita dal 17 al 19 dicembre del vicepresidente Usa Mike Pence in Israele e nella regione è stata rinviata "di qualche giorno". Lo afferma una fonte a Gerusalemme secondo cui la decisione è legata all'esigenza della presenza di Pence al Congresso Usa. La visita - secondo la stessa fonte - è stata riprogrammata per la metà della prossima settimana.

10:01Tunisia: disordini ieri sera nella capitale

(ANSAmed) - TUNISI, 14 DIC - E' tornata la calma nel quartiere popolare del Kram di Tunisi, dopo gli scontri ieri sera tra forze dell'ordine e un gruppo di giovani sceso in strada per protestare contro il trattamento brutale, secondo alcuni testimoni, riservato dalla polizia a un pescivendolo del quartiere. Dopo l'uso di gas lacrimogeni per disperdere i manifestanti la situazione è tornata alla normalità, riferiscono i media locali.

10:00Giappone: indennizzo governo a operaio Fukushima

(ANSA) - TOKYO, 14 DIC - Il ministero del Lavoro giapponese ha certificato il diritto all'indennizzo delle spese mediche per un ex operaio della centrale nucleare di Fukushima, ammalatosi di leucemia dopo un'eccessiva esposizione alle radiazioni. Secondo il canale pubblico Nhk, l'uomo, poco più che quarantenne, ha lavorato 19 anni per la Tokyo Electric Power (Tepco), il gestore dell'impianto che ha subito le maggiori conseguenze dello tsunami e la successiva dispersione delle radiazioni. L'operaio è stato esposto a 99,3 millisieverts di radiazioni; un valore che secondo il ministero della Salute nipponico può causare la leucemia. Si tratta della quarta persona in Giappone a vedere riconosciuti i propri diritti ad un rimborso, dopo aver certificato lo sviluppo della leucemia e il cancro alla tiroide, come conseguenza delle condizioni di lavoro. Dalla catastrofe di Fukushima circa 56.000 persone sono state impiegate per i lavori di smantellamento dell'impianto fino al maggio di quest'anno.

Archivio Ultima ora