Mentana: “Santoro ha firmato per La7”

ROMA – Michele Santoro ha firmato, la prossima stagione porterà il suo Servizio Pubblico su La7. Lo ha annunciato ieri sera a sorpresa, il direttore del tg di La7 Enrico Mentana. Un annuncio che arriva alla vigilia della presentazione dei palinsesti dell’emittente, in programma oggi a Milano, dove potrebbe intervenire anche lo stesso giornalista.

Santoro porterà su La7 la trasmissione ‘Servizio pubblico’, andata in onda nella stagione appena conclusa su una multipiattaforma. A quanto si apprende il programma si alternerà in periodi diversi con ‘Piazzapulita’ di Corrado Formigli. Le modalità saranno annunciate oggi. Dopo l’enorme successo raccolto fra reti regionali, radio e servizi in streaming capitanati da siti di redazioni giornaliste e il fido Youtube, il talk-show di Santoro and friends avrà una rete ufficiale. Dalle prime indiscrezioni sull’accordo sembra che, rispetto allo scorso anno, questa volta il conduttore avrà la massima indipendenza su ogni scelta editoriale sul programma. In particolare il programma fino alla scorsa edizione andava in onda su Cielo, al canale 26 del digitale terrestre, su una fitta rete di tv locali, su SkyTg24 (canali 504 e tasto active dei canali 500 e 100), e su vari siti quali serviziopubblico.it, su repubblica.it, su corriere.it e su ilfattoquotidiano.it); senza dimenticare le stazioni radiofoniche di Radio Capital e Radio Radicale. Una mano santa ha dato anche l’approdo agli streaming del portale video Youtube che ora più che mai sta stringendo partnership con canali e produttori di trasmissioni tv. Verranno riconfermati tutti questi sistemi di trasmissione?
La notizia della firma di Santoro con la 3ª emittente in chiaro del Paese, già era rimbalzata come indiscrezione nelle scorse settimane. Il 22 giugno, ad esempio, Ti Media aveva dato quasi per certo il passaggio di Santoro a La7 parlando di una “offerta da non rifiutare” al giornalista di “Annozero” e “Servizio Pubblico”.

L’azienda condotta da Giovanni Stella, nonostante le difficoltà economiche e l’annuncio della vendita da parte di Telecom, avrebbe messo sul piatto una cifra notevole, strappando un accordo verbale al giornalista, ma la firma non ci sarebbe ancora e i contatti con Sky non sarebbero stati interrotti.

Condividi: