Dalla sanità 5 miliardi nel periodo 2012-2014

Pubblicato il 04 luglio 2012 da redazione

ROMA – Stretta sul numero di dirigenti e impiegati pubblici, accorpamento di uffici, tagli ai buoni pasto ed auto blu. E soprattutto risparmi sul fronte della sanità che, anche se non automaticamente, certo potrebbero portare alla chiusura dei piccoli ospedali, più costosi. Il decreto per la Spending Review è in rampa di lancio. Arriva sul tavolo del Consiglio dei Ministri, convocato oggi per le 17. Una riunione che, visti i molti aspetti della vita pubblica che vengono toccati, potrebbe durare a lungo, aprendo il dibattito tra i ministri. “Sarà un esercizio impegnativo”, non si nasconde il premier Mario Monti davanti alla ‘collega’ Angela Merkel, spiegando che dovranno essere tagliati sprechi e attivati meccanismi di efficienza. Sul tavolo arriveranno non solo le misure messe a punto dai ministri, così come chiesto dal premier Monti circa un mese fa. Ci sarà anche il piano Bondi dal quale si attendono circa i 2/3 dei 5 miliardi di intervento minimo che il governo punta a realizzare già per quest’anno.

Obiettivo primario è evitare l’aumento dei due punti Iva che scattano il primo ottobre, ma anche finanziare gli interventi per il terremoto, trovare le risorse per gli esodati. E, ultimo ma non per ultimo, rinsaldare i conti pubblici. Il fabbisogno a giugno è andato bene. Il deficit del primo trimestre all’8% invece è stato più alto del previsto. Il governo pensa di chiudere quest’anno al 2%, qualche decimo di punto sopra all’1,7% previsto dal Def. Ma questo significa che l’intervento tendenziale sul 2013 dovrà essere più incisivo, per confermare il pareggio di bilancio. Ecco perché, al momento, si è sicuri di bloccare solo un punto dell’aumento Iva del prossimo anno. Le bozze che circolano tra i diversi ministeri non sarebbero definitive. Solo nel taglia e cuci del Consiglio dei Ministri si capirà l’impatto totale, che potrebbe arrivare quest’anno ad 8 miliardi per poi salire di valore.

Nei testi che circolano manca ancora l’approccio di Mister Forbici. Ma il metodo scelto è chiaro. Con tecniche statistiche il supercommissario taglia-spesa ha incrociato i dati dell’Istat e quelli della Sose, la società che con le sue capacità di elaborazione ha stilato gli “studi di settore” che inchiodano sui guadagni da dichiarare il complesso mondo dei lavoratori autonomi. Così Enrico Bondi ha passato al setaccio i primi 60 miliardi di spese dei 100 miliardi che, in base al dossier del ministro Piero Giarda, sono quelli su cui accentrare l’attenzione. Sulla sanità, per esempio, ha identificato così i settori su cui fare risparmi che – giurano i tecnici – non riguardano beni e prodotti sanitari, ma spese per acquisti di beni diversi. Identificato un livello di efficienza, gli incroci statistici consentono di tirare una linea, sopra la quale le spese vanno tagliate. I tagli identificati dai diversi ministeri sono tantissimi.

Ci saranno accorpamenti di 28-36 tribunali, riduzione degli armamenti, meno spese per le università, abbattimento dell’aggio riconosciuto ad Equitalia e del compenso per i Caf, dimezzamento delle auto blu. Molti gli interventi che peseranno sui “travet”, ma anche sui dirigenti pubblici. Non ci sono solo tagli numerici del 10% del personale e del 20% dei dirigenti. Si “stringono gli uffici anche negli spazi, viene fissato un tetto a 7 euro per i buoni pasto, si incide sulle ferie che se non godute non verranno pagate. Si tagliano i permessi sindacali e anche le comunicazioni ai sindacati. Uno dei nodi riguarda la sanità. Gli interventi varrebbero 5 miliardi in tre anni: 1 nel 2012 e 2 in ciascuno degli anni successivi. Si incide sulla spesa farmaceutica e anche sui posti letto.

“Nessuna chiusura automatica di ospedali verrà imposta da Roma”, dice il ministro della Sanità Renato Balduzzi. Ma certo il cerino passa nelle mani delle Regioni che dovranno garantire i risparmi. Ma il varo da parte del Cdm sarà solo il primo passo. Sindacati, associazioni e partiti sono alla finestra. Tutti favorevoli ai tagli, ma anche contrari ad una ulteriore stretta sul fronte sociale che potrebbe pesare sui cittadini. L’esame parlamentare rischia di diventare rovente. E non solo perché l’iter impegnerà le due Camere anche ad agosto.

Ultima ora

18:43Calcio: Ancelotti in panchina per match solidarietà

(ANSA) - ROMA, 12 DIC - Uefa e Onu hanno annunciato oggi a Ginevra che uniranno le forze per organizzare una partita di solidarietà con il sostegno del Cantone di Ginevra, della città e della Fondazione dello stadio di Ginevra. Il match, che vedrà la partecipazione di due squadre guidate da celebrità del calcio, si giocherà sabato 21 aprile 2018 alle 16. In nome della solidarietà e del riconoscimento dell'importanza dello sport nella società, 'Match for solidarity' è finalizzata a promuovere la pace, i diritti umani e il benessere nel mondo, attraverso gli obiettivi di sviluppo sostenibile stabiliti dalle Nazioni Unite. Il ricavato di questa partita sarà utilizzato per finanziare progetti umanitari e di sviluppo internazionali. Le due squadre, allenate da Carlo Ancelotti e Didier Deschamps, avranno rispettivamente come capitani Luis Figo e Ronaldinho. Gli allenatori e i capitani selezioneranno le proprie squadre nelle prossime settimane. La partita sarà arbitrata da Pierluigi Collina.

18:32Incidenti lavoro, operaio morto a Napoli

(ANSA) - NAPOLI, 12 DIC - Un operaio è deceduto in un incidente sul lavoro, avvenuto in salita Tarsia, nel centro cittadino di Napoli. L'uomo stava lavorando su un terrazzo di uno stabile in Salita Tarsia quando probabilmente ha perso l'equilibrio ed è caduto. La dinamica è in fase di ricostruzione da parte della Polizia di Stato. L'operaio stava ricoprendo il terrazzo con una guaina impermeabile; nella caduta, terminata su un'automobile in sosta, ha trascinato con sé anche la bombola del gas e il cannello bruciatore che stava utilizzando. Forse sul posto c'era anche un collega.

18:25Calcio: Giampaolo, pronti a battaglia in Coppa

(ANSA) - GENOVA, 12 DIC - "Non ci sono partite semplici e gli avversari forti ti stimolano. Ce la giocheremo alla pari". Marco Giampaolo si affida a SampTv per presentare l'ottavo di Coppa Italia contro la Fiorentina di domani. "Alla Coppa ci teniamo anche se - ha spiegato - la formula così concepita è difficile, perché devi vincere fuori casa a Firenze per passare il turno. In ogni caso la rispettiamo come sempre e farò giocare la miglior formazione possibile. Abbiamo recuperato bene rispetto alla partita di sabato alcuni elementi non sono al meglio della condizione. Dovremo farei i conti con alcune assenze. In ogni caso chi scenderà in campo darà battaglia". A Genova sono rimasti Viviano, Quagliarella e Linetty, tutti per motivi fisici "Domattina - aggiunge Giampaolo - farò la valutazione di chi è disponibile. A oggi non ho la minima idea di chi far giocare. La Fiorentina? E' una squadra forte che è cresciuta e arriva a questa sfida dopo i risultati positivi con Lazio e Napoli".

18:23Tetraplegico per tre mesi in autobus a scuola nel milanese

(ANSA) - MILANO, 12 DIC - Tre mesi di tempo perché uno studente tetraplegico di 16 anni, milanese, ottenesse un trasporto adeguato alla scuola che frequenta fuori città, a Corsico. Nel frattempo è stato costretto ad andare sull'autobus accompagnato dalla madre o in auto col padre, perché "il Comune di Milano non ha fornito il mezzo adeguato poiché l'istituto era fuori dal capoluogo lombardo". La denuncia è di Angelo Ciocca, europarlamentare della Lega: "è un episodio davvero spiacevole, sono imbarazzato nel dire che sono dovuto intervenire su un'assenza del Comune chiedendo un intervento della Regione e non mi sembra giusto che un disabile non abbia il trattamento di cui ha diritto". "La Regione nel cuore dell'estate ha trasferito le competenze per i trasporti degli studenti superiori disabili ai Comuni, - ha replicato il Comune -. Purtroppo per la decina di studenti che vanno fuori città il contributo di Regione Lombardia è molto al di sotto del costo del servizio. Quindi il Comune ha avuto bisogno di reperire le risorse".

18:19Serena Grandi a giudizio per fallimento ristorante

(ANSA) - RIMINI, 12 DIC - Serena Grandi è stata rinviata a giudizio per il fallimento, dichiarato nel 2015, della società 'Donna serena srl' che ha gestito il ristorante la 'Locanda di Miranda', nel borgo San Giuliano di Rimini. L'attrice bolognese, 59 anni, all'anagrafe Serena Faggioli, difesa dall'avvocato Christian Guidi, sarà giudicata a partire dal prossimo 12 giugno davanti al Tribunale collegiale. Stando alle accuse, Serena Grandi, in qualità di legale rappresentante della società 'Donna serena' avrebbe distratto parte dei beni strumentali, impiegati presso il ristorante, e sottratto i libri contabili e altra documentazione obbligatoria per legge relativi alla gestione della 'Locanda di Miranda'. La procedura fallimentare della società è ancora in corso davanti al Tribunale fallimentare di Rimini.(ANSA).

18:13Il Rally del Salento ‘corre’ con la Pizzica

(ANSA) - ROMA, 12 DIC - Il Rally del Salento e la Pizzica, perfetto connubio in un territorio davvero unico per le sue eccellenze. Parte da queste basi l'accordo tra Aci Lecce e la Fondazione la Notte Della Taranta presentato durante la serata dal titolo "La danza del volante" svoltasi presso la Sala Angioina del Castello di Copertino. Un'importante sinergia, quella tra il Rally del Salento gara di rilievo internazionale, e la Pizzica, danza popolare salentina famosa in tutto il mondo, che si presenta come un nuovo ed inedito canale di promozione del Salento. "Unire due manifestazioni che pur nella diversità delle loro esperienza sono la massima espressione del territorio nei loro rispettivi campi è stato un risultato particolarmente importante" ha affermato il Presidente dell'Aci Lecce Aurelio Filippi Filippi. Per il n.1 dell'Aci Sticchi Damiani "Il Rally del Salento ha contribuito a far si che il territorio salentino fosse conosciuto non solo per il mare ma per tutta una serie di attrattive''

18:12Calcio: Napoli, De Laurentiis allontana crisi

(ANSA) - ROMA, 12 DIC - Alla presentazione del film 'Super vacanze di Natale' di Paolo Ruffini, in sala dal 14 dicembre, Aurelio De Laurentiis non raccoglie la provocazione di chi gli chiede della presunta crisi del Napoli di cui è presidente. "Una cosa va detta - ha replicato - siamo l'unica società che ha i conti a posto. Certo, essere primi è importante, ma i primi, come si sa, si vedono solo alla fine".

Archivio Ultima ora