La Camera conferma la fiducia a Fornero

Pubblicato il 04 luglio 2012 da redazione

ROMA – Con 88 sì, 435 no e 18 astenuti, l’aula della Camera ha bocciato la mozione di sfiducia al ministro del Welfare Elsa Fornero presentata da Lega e Idv.

Visibilmente provata, il ministro del Lavoro lasciando l’Aula di Montecitorio, ha commentato così con i giornalisti la mozione di sfiducia contro di lei: “Infastidita non è il termine adatto. Chiaramente mi ha creato sofferenza, però l’abbiamo superata”.

Fornero ha risposto poi alle accuse mossegli in Aula dai suoi detrattori, in primis il leader dell’Idv Antonio Di Pietro. “A chi mi accusa voglio dire: ‘non ho mai mentito, non è mia abitudine’”.

Era stato proprio Di Pietro il primo che, prendendo la parola in Aula, aveva dato della “bugiarda e arrogante” al ministro Fornero. Voterò la sfiducia “per ragioni di metodo e di merito”, aveva esordito il leader dell’Idv perché Fornero ha commesso un “imbroglio gravissimo mentendo sapendo di mentire”. Di Pietro ha snocciolato, così, le dichiarazioni del ministro sul caso esodati, “perché carta canta – ha dichiarato – e qui è pieno di tre scimmiette che non sentono, non vedono, non parlano”. Per l’ex magistrato, dunque, Fornero “mente” consapevolmente: “Se si fosse trattato di un errore noi avremmo anche capito perché sappiamo che chi lavora sbaglia. Ma lei in data antecedente alle sue dichiarazioni aveva ricevuto la relazione Inps con numeri differenti, dunque sapeva di avere un dato falso e ha riferito il falso”. Per questo “non merita di fare il ministro”.

Di Pietro ha puntato poi il dito contro la “sua arroganza nel violare l’art. 1 della Costituzione, affermando che il lavoro non è un diritto. Non può fare il ministro – ha incalzato – chi viola la Costituzione. E noi riteniamo ancor più grave l’affermazione data successivamente, ovvero che i giovani devono fare i sacrifici. Ai nostri tempi, ministro, c’erano delle opportunità per i giovani, ma ora non ci sono treni su cui saltar su. Oggi i treni per loro non passano più anche col contributo di questo governo. La sfiducia, dunque, non è per la politica generale, ma per i suoi atti e comportamenti individuali. Lei – ha aggiunto Di Pietro – il 9 maggio ha riconosciuto che la riforma rischiava di favorire il sommerso e ha aggiunto che era un rischio che bisognava pur correre. Mi ricorda un altro ministro che diceva che con la mafia bisogna convivere”.

Duro era stato anche il capogruppo del Carroccio a Montecitorio Gianpaolo Dozzo. Fornero “non gode di fiducia e di stima né dentro il Parlamento, né nel Paese – ha detto in Aula – forse non può fare a meno della sua sedia, ma il Paese può benissimo fare a meno di lei”. Archiviata la sfiducia, Roberto Maroni, neosegretario federale della Lega Nord, ha commentato: “Peccato… la Fornero va licenziata”.

Poche e secche le parole di Bersani ai giornalisti che, prima del voto, gli avevano chiesto se sia stato difficile convincere i deputati democratici a votare contro la sfiducia a Fornero: “Quando senti gli argomenti dei leghisti diventa facile convincere chiunque”.

La posizione Pdl. “Il Pdl voterà contro” la mozione di sfiducia a Fornero, aveva esposto in Aula il deputato pidiellino Giuliano Cazzola, “perché siamo leali a questo governo e perché ci fidiamo dell’impegno solenne del presidente Monti”.
E’ vero, però, che folta è stata la ‘fronda’ del Pdl contro il ministro del Welfare: ben 61 sono i voti del partito di via dell’Umiltà mancanti alla mozione. Tabulati alla mano, sono cinque i deputati del Popolo della libertà che hanno votato sì alla sfiducia: Edmondo Cirielli, Lino Miserotti, Alessandra Mussolini, Mauro Pili e Fabio Rampelli. Nessun commento da parte del segretario Cgil Susanna Camusso piuttosto una speranza. “Sulle sofferenze del ministro Elsa Fornero non commento – ha detto – mentre sul suo proseguimento a capo del ministero del Welfare spero che questo voglia dire che si apre subito un tavolo sugli esodati e che si risolvono i problemi che si sono accumulati”.

Ultima ora

16:57Turchia: ‘offese a Erdogan’, nota cantante rischia 4 anni

(ANSA) - ISTANBUL, 12 DIC - La nota cantante turca Zuhal Olcay è stata rinviata a giudizio da un tribunale di Istanbul con l'accusa di aver "insultato il presidente" Recep Tayyip Erdogan durante un concerto dell'agosto 2016. Secondo la procura, l'artista avrebbe modificato il testo di una nota canzone turca, citando Erdogan in modo offensivo, oltre a fare un gesto di insulto con la mano durante l'esibizione. L'indagine è partita da una denuncia anonima, che ha portato a una verifica attraverso il video del concerto. Nella sua testimonianza ai magistrati, la 60enne Olcay ha sostenuto di aver citato Erdogan solo perché utile alla metrica della canzone e senza intenti offensivi, aggiungendo che il gesto non era rivolto al presidente ma a uno spettatore che l'aveva provocata. Per lei, riporta Anadolu, la procura ha chiesto una condanna fino a 4 anni e 8 mesi di prigione.

16:54Calcio: Mourinho, City diversamente educato

(ANSA) - LONDRA, 12 DIC - "Una diversa educazione", così José Mourinho spiega il comportamento del Manchester City al termine del derby di domenica, da cui è scaturita la rissa negli tunnel dell'Old Trafford. In precedenza il suo collega Pep Guardiola aveva escluso che i suoi giocatori avessero mancato di rispetto agli avversari appena battuti. "Pep dice quello che vuole e io non intendo commentare le sue parole - la replica stizzita del portoghese -. L'unica cosa che posso dire è che per me è tutta una questione di diversa educazione, niente più che questo". Secondo la stampa britannica gli animi si erano surriscaldati in seguito alla richiesta, rivolta dallo stesso Mourinho ai giocatori del City, di contenere i festeggiamenti e mostrare maggior rispetto allo United.

16:53Clima: Macron posa con cartello Make our planet Great Again

(ANSA) - BOULOGNE-BILLANCOURT (FRANCIA), 12 DIC - ''Make Our Planet Great Again": nel giorno del summit informale sul clima all'Ile Séguin di Boulogne-Billancourt, alle porte di Parigi, il presidente francese e padrone di casa, Emmanuel Macron, ha posato davanti ai fotografi con il suo celebre slogan in risposta a Donald Trump. A inizio giugno, in seguito all'annuncio shock del presidente Usa di uscire dall'accordo di Parigi, il leader trentanovenne deformò la frase cult di Trump 'Make America great again' rilanciandola in chiave ecologica - 'Make our planet great again' - e invitò studiosi e ricercatori Usa a lasciare la madre patria per lavorare in Francia. Oggi, il governo di Parigi ha annunciato il nome dei primi 18 progetti di studiosi e ricercatori soprattutto americani, selezionati dalla Francia.

16:50Calcio: Guardiola, giusto festeggiare dopo derby

(ANSA) - LONDRA, 12 DIC - Pep Guardiola respinge l'accusa rivolta ai suoi giocatori da José Mourinho di aver mancato di rispetto al Manchester United al termine del derby di domenica, vinto 2-1 dal City e proseguito con una sorta di rissa tra giocatori e membri dello staff tecnico. "Quando perdi devi accettare la sconfitta, ma quando vinci è giusto festeggiare - le parole del tecnico catalano -. Sono stato io ad incoraggiare i miei giocatori a festeggiare. Ma non abbiamo mancato di rispetto a nessuno. Eravamo felici per aver vinto un derby. Tutte le squadre del mondo quando vincono un derby sono felici. E festeggiano dentro il proprio spogliatoio". Marca scrive oggi che all'origine della rissa, nella quale sarebbero stati coinvolti una ventina tra giocatori e membri degli staff, ci sarebbe una battuta di Guardiola a Ibra: "Parli molto ma ti muovi poco in campo". Il tecnico catalano si è però rifiutato di entrare nei dettagli di quanto successo "Quello che dovevo dire l'ho già detto a chi sta svolgendo un'indagine per conto della Fa".

16:34Grenfell Tower: consiglieri Tory non graditi alla messa

(ANSA) - LONDRA, 12 DIC - Aria di polemica in vista della messa di suffragio in programma giovedì 14 nella cattedrale londinese di St Paul, a sei mesi esatti dalla tragedia, in memoria delle vittime del rogo della Grenfell Tower, edificio popolare in cui persero la vita ben 71 persone. Lo scrive il giornale filo-conservatore Daily Telegraph, sostenendo che il rito - a cui è annunciata fra gli altri la partecipazione dei principi Carlo e William con consorti, nonché del principe Harry - è stato dichiarato off limits, per volere di familiari dei morti e superstiti, per tutti i consiglieri Tory del Municipio di Kensington and Chelsea. La decisione è stata formalizzata dal vescovo anglicano di Kensington - che co-celebrerà la liturgia - il quale invece ha confermato l'invito ai consiglieri laburisti, graditi agli ex inquilini e ai loro familiari. "A tutti i consiglieri conservatori è stato chiesto di stare alla larga", ha confermato un portavoce del Municipio, sul cui territorio si consumò la strage.

16:32Calcio: Coppa Italia, in 4.000 partiti da Pordenone

(ANSA) - PORDENONE, 12 DIC - È iniziato l'esodo dei quattromila tifosi del Pordenone verso San Siro, dov'è questa sera la formazione neroverde affronterà l'Inter negli ottavi di finale di Coppa Italia. Alla volta di Milano è partita, attorno alle 14.00, una quarantina di pullman che hanno dato vita ad un festoso serpentone. A bordo dei bus anche tanti tifosi nerazzurri, che hanno colto l'occasione per ammirare dal vivo la capolista della serie A nel confronto con la squadra della loro città, unica di serie C rimasta in lizza nel torneo. Da Tricesimo (Udine), località di cui è originario, è partito un pullman di supporter personali di Michele De Agostini, figlio di Gigi, gloria della Juventus e della Nazionale, oltre che della stessa Inter anche se solo per una stagione, nel 1992-93.

16:31Brexit: Weber, primo accordo è vincolante, Londra chiarisca

(ANSA) - STRASBURGO, 12 DIC - La premier britannica "Theresa May deve intervenire e chiarire che quanto sarà scritto giovedì al Vertice europeo sarà vincolante dal punto di vista giuridico". Lo ha detto il capogruppo del Ppe al Parlamento europeo, Manfred Weber, chiedendo "chiarezza" a Londra in merito all'accordo preliminare siglato nei giorni scorsi sulla prima fase della Brexit da Regno Unito e Ue. "Se ora David Davis mette in dubbio la prima fase - attacca Weber -, ad esempio proponendo un congelamento dei pagamenti finché il processo non sarà concluso, tutto viene di nuovo messo in dubbio. Quanto sentito da Londra contrasta con l'idea di un rapporto di fiducia".

Archivio Ultima ora